Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 25 minuti fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di click

Tu sei qui: Cronaca, Notizie, LifestyleRavello, omicidio Attruia: Cassazione conferma condanna a Enza Dipino

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Cronaca, Notizie, Lifestyle

Ravello, omicidio Attruia: Cassazione conferma condanna a Enza Dipino

Scritto da (redazionelda), venerdì 27 novembre 2020 17:53:57

Ultimo aggiornamento venerdì 27 novembre 2020 17:53:57

Respinto dalla Corte di Cassazione il ricorso presentato dai legali di Enza Dipino avverso la sentenza della II Corte d'Assise d'Apello di Salerno, che in un'udienza lampo lo scorso 16 dicembre 2019 l'aveva condannata a 14 anni e 2 mesi di reclusione per l'omicidio - in concorso con Giuseppe Lima, condannato a 13 anni e 4 mesi - della compagna, Patrizia Attruia.

La vicenda di Enza Dipino è di quelle che presumibilmente finiranno nei libri di Storia del Diritto Penale Italiano Contempraneo. La donna-bambina, come talvolta è stata definita a causa sia della corportura minuta che, specialmente, della propria semplicità ed ingenuità, che si trovò coinvolta in una situazione smisuratamente più grande di lei allorquando fu travolta dagli eventi che si verificarono nella tranquilla contrada di San Cosma, a Ravello, tra il 25 ed il 27 marzo del 2015: le note 40 ore che intecorsero tra il decesso della vittima e l'arrivo delle forze dell'ordine allertate dal funzionario comunale Nicola Amato che pochi minuti prima aveva ricevuto una telefonata da Giuseppe Lima che lo metteva al corrente che Patrizia Attruia era morta.

Fu in quel momento, sul pianerottolo di casa, che Enza determinò inconsapevolmente il proprio destino in questa vicenda, allorquando alle richieste degli inquirenti riguardo all'accaduto Enza rispose di essere stata lei -da sola- ad uccidere l'Attruia per futili motivi, come poi precisò in serata.

Questa confessione, assieme ad alcuni segni di colluttazione presenti sul proprio corpo, convinsero gli investigatori ad aver risolto prontamente "il caso", sebbene la rivendicata totale estraneità al delitto protestata dal Lima fosse tutt'altro che convincente.

Seguirono comunque ulteriori accertamenti che portarono con certezza al coinvolgimento dell'uomo, allorquando fu evidente che era impossibile che la minuta Enza avesse da sola potuto riporre il corpo della vittima in un'angusta cassapanca. Anche i traffici telefonici intercorsi in quelle 40 ore militarono a favore della tesi che l'uomo avesse fatto di tutto per cercare di precostituirsi un alibi, ma senza apparente successo, dato che fu comunque inquisito, sebbene solamente per favoreggiamento dell'occultamento di cadavere.

Ricostruzione che però non convinse il Giudice dell'Udienza Preliminare, che visti gli esiti delle indagini prodotte dalla difesa di Enza Dipino - che dal carcere proclamava la propria innocenza, spiegando di essere stata costretta dall'uomo ad autoaccusarsi del delitto dietro minaccia di morte- ritenne poco convincente la ricostruzione degli inquirenti che pretendevano di aver risolto il problema della disparità di forze tra Enza e Patrizia grazie ad una occulta somministrazione di un calmante che aveva condotto la vittima ad un stato cosiddetto onirico (vigile a sufficienza per reagire, ma senza la forza necessaria per sottrarsi all'aggresione di una persona minuta). Ed infatti, come fu poi confermato dai periti nominati dalla Corte d'Assise: la quantità di benziazepina (questo il tipo di farmaco rinvenuta nel corpo della vittima) era assolutamente ricompresa nel range terapeutico; il farmaco non era quello che gli inquirenti affermavano di aver visto acquistato da Enza Dipino nella sfortunata -perchè subito autodistruttasi- filmato delle telecamere di una farmacia di Amalfi; Patrizia non era affatto morta per strangolamento, bensì per una patologia neurologica -sconosciuta alla stessa vittima- che aveva provocato un arresto cardiaco durante la colluttazione mortale; i colpi portati alla vittima non potevano essere opera - o solamente opera- della sola Dipino; l'uomo aveva precedenti specifici riguardo a maltrattamenti nei confronti della moglie; durante la presenza dell'uomo nella casa della Dipino, Ella stessa era stata vittima di violenze da parte del Lima.

Fu sulla scorta di tali elementi scaturenti dal processo contro Enza Dipino che gli inquirenti dovetterofermare anche il Lima con l'accusa di omicidio volontario in concorso con la stessa Dipino. Un delitto a quasto punto dalla motivazione debole - delitto d'impeto, fu definito - che vedeva coinvolta la Dipino solo come attore eventuale, dato che il Lima non aveva certo bisogno dell'ausilio della minuta Dipino per percuotere l'Attruia causandone la morte per via della patologia sino ad allora ignota a tutti. Ed è qui che la vicenda di Enza Dipino oltre che tragica, inizia addirittura ad essere grottesca, dato che nessun elemento certo collega Enza all'azione mortale, residuando solo elementi corcostanziali: la Sua presenza in casa al momento dell'aggressione; il fatto che non abbia chiesto aiuto; i segni di una colluttazione, quantunque subita, più che provocata; la confessione orginaria.

Elementi che in primo grado furono ritenuti sufficienti a condannarla in modo pieno; che in secondo grado -dopo che la stessa accusa (ma in questo caso nella figura della Procura Generale) sua sponte richiese il riconoscimento delle attenuanti generiche - furono ritenuti idonei a derubricare la partecipazione a minima, cosa poi ancora cassata per insufficiente motivazione da una prima sentenza di Cassazione; fu ancora, successivamentedel dicembre scorso la seconda sentenza della Corte d'Assise d'Appello di Salerno a stabilire che la responsabilità fosse piena ma con attenuanti (sentenza basata sempre sugli stessi elementi con cui le due sentenze di merito aveva in opposizione l'un con l'altra stabilito dapprima uan dura colpevolezaz piena e poi che la responsabilità fosse minima ed attenuata).

Tale ultima sentenza di merito è stata poi confermata dalla recente seconda revisione della Cassazione che non ha ravvisato in essa errori di legittimità (la cassazioen non piò entrare nel merito della quastione)... ma senza che abbia però potuto valutare l'importante elemento che nel frattempo era intervenuto: la Confessione che Giuseppe Lima aveva reso nel proprio procedimento di secondo grado e che quei giudici hanno ritenuto essere veritiera - tant'è che gli ha fruttato un sostanzioso sconto di pena - e nella quale l'uomo ha reso una sintetica ma precisa versione degli eventi, per i quali Enza non ha alcun ruolo se non di iniziale vittima di un'aggressione che nulla aveva a che fare con la successiva colluttazione mortale avutasi solamente tra il Lima e l'Attruia.

E' a questo punto che si è consumato un dramma nel dramma: una persona che nessun elemento certo ha dimostrato di essere veramente colpevole -tant'è che i giudizi di merito sono stati quanto mai ondivaghi- langue in galera in base ad una condanna definitiva, mentre un nuovo e già valutato come veritiero ed attendibe elemento dimostra che è invece innocente.

E' al cospetto di tale situazione, che ripugna alla coscienza di chiunque abbia ancora convinzione che vi possa essere giustizia, che si preannuncia la richiesta di revisione del processo di questa sfortunata donna-bambina.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 103734103

Cronaca, Notizie, Lifestyle

Cava de' Tirreni. Perde il controllo dell'auto e si schianta contro il muro della Caritas

Poco dopo le 6,30 di questa mattina, un'automobilista ha perso il controllo della sua piccola utilitaria, finendo la sua corsa contro un muro in Via Avallone a Cava de' Tirreni. Esplosi entrambi gli airbag con gravi danni alla parte frontale dell'auto. Alla guida un trentenne residente nella città metelliana....

Al poeta maiorese Luigi Reale conferito il Premio Letterario Internazionale Spoleto 2022

Luigi Reale, brillante 21enne originario di Maiori, attualmente studente di Lettere Classiche all'Università di Padova, ha ricevuto il Premio Letterario Interazionale Spoleto 2022, nel corso della cerimonia di premiazione tenutasi ieri, sabato 24 settembre, presso il Chiostro di San Niccolò a Spoleto....

Italia pronta a votare. I seggi sono aperti dalle 7 fino alle 23: introdotto il codice antifrode

Urne aperte in questa domenica caratterizzata da un cielo scuro e plumbeo in Costiera Amalfitana. L'Italia al voto, dalle 7 alle 23 di oggi, domenica 25 settembre, saremo più di 46 milioni (escludendo quelli all'estero che sono circa 4 milioni) gli italiani chiamati ad esprimersi sul futuro del nostro...

Turista australiano si ferisce sul sentiero degli dei. Intervento del Soccorso Alpino e Speleologico

Ancora un intervento ad opera del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico della Campania (CNSAS) sul sentiero degli dèi. Questa volta i tecnici sono intervenuti nel pomeriggio di oggi in aiuto di un escursionista di origini australiane infortunatosi lungo il sentiero, riportando una contusione...

Esplosione a San Valentino Torio, la colonna di fumo si vede dal Valico di Chiunzi

Una grossa colonna di fumo denso e nero si vede chiaramente dal Valico di Chiunzi e lungo la SP2 che collega all'Agro. Stando a quanto rivela Telenuova, la causa sarebbe un'esplosione in un distributore di benzina con annesso parcheggio di San Valentino Torio. Le fiamme si stanno propagando investendo...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.