Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Saturnino martire

Date rapide

Oggi: 29 novembre

Ieri: 28 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaSalDeRisoShop è il portale della Sal De Riso Costa d'Amalfi dove è possibile acquistare i dolci delle feste e tutta la produzione del Maestro Pasticciere più amato d'Italia https://pasticceriapansa.it/catalogo.asp?cat=22Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiI dolci delle feste firmati dalla storica pasticceria Gambardella, oggi anche on line all'indirizzo www.gambardella.itGranato Caffè, l'assistenza migliore che c'è su macchine da caffè a cialda o a braccioCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di click

Tu sei qui: AttualitàConversazioni sotto l'ombrellone con don Vincenzo Taiani

Sal De Riso Costa d'Amalfi augura a tutti i nostri lettori buone feste e ricorda che i dolci di Natale possono essere acquistati sul portale e-commerce www.salderisoshop.comGranato Caffè, leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule, lancia un'offerta fino al 31 dicembre 2022Cardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoMaurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaLa storica pasticceria Pansa vi augura Buone Feste ricordando che è possibile acquistare tutta la produzione artigianale dallo shop on line www.pasticceriapansa.itHotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaAmalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Attualità

Conversazioni sotto l'ombrellone con don Vincenzo Taiani

Inserito da (admin), giovedì 23 luglio 2015 16:58:43

di Alberto Quintiliani* -

Anche quest'anno riprendo a tradurre in un articolo le parti più importanti delle piacevoli conversazioni che ho il privilegio di intrattenere - sotto un ombrellone della spiaggia di Maiori - con il Sacerdote Don Vincenzo Taiani, che mi onora - e gli sono grato - della sua amicizia. Come ho citato più volte spaziare con Don Vincenzo sui più svariati argomenti, a volte anche scabrosi e difficili - su cui peraltro non si tira mai indietro - mette a suo agio l'interlocutore (cioè io) ed annulla completamente la distanza, unita al rispetto, che si deve ad un religioso, del calibro di Don Vincenzo, uomo "permeato" di cultura, ma assolutamente umano e vicino spiritualmente alle sue "pecorelle", come deve essere appunto un moderno rappresentante della Chiesa. A questo proposito confesso che un mio "recondito" obiettivo è quello di incrementare le sue ancora precarie conoscenze sul versante economico-finanziario, settore invece strategicamente importante che detta - direttamente o indirettamente - le "regole del gioco", anche alle nazioni, come ampiamente ci insegnano le note vicende negative di questi ultimi periodi che hanno coinvolto la vicina Grecia.
Tra i tanti argomenti di cui dibattiamo e ci confrontiamo continuamente, quest'anno abbiamo deciso di dare spazio alla figura del Santo Padre Francesco, "Ciccio", come affettuosamente lo chiama lui, mentre a mia volta, riprendendo una sua battuta circa l'appellativo gradito per se stesso, mi rivolgo a lui con "Vostra Beatitudine".

Ma adesso entriamo per così dire nel vivo della "trasmissione":

d) Vostra "Beatitudine" credo che in questo periodo molto difficile che caratterizza il pianeta in generale, e soprattutto la nostra "vecchia" Europa, su più fronti: economico, sociale, politico la figura del Santo Padre stia assumendo un ruolo sempre più importante, pressoché - mi perdoni l'irriverente accostamento - a livello dei maggiori esponenti politici del mondo, ma con una caratteristica completamente diversa: interventi decisi, senza fronzoli, privi di "politichese" , diretti all'obiettivo ed acuminati come la punta di una freccia, che lascia il segno. Qualche osservatore politico lo ha perfino "etichettato" di essere un vero e proprio esponente della sinistra. Quale è la Sua opinione al riguardo?

r) Effettivamente il Santo Padre "Ciccio" rappresenta un vento nuovo che sta soffiando preliminarmente all'interno della Chiesa, spazzando via le "ragnatele" di cui era impregnata: del resto il suo stile di vita - parallelo a quello di San Francesco, di cui ha non a caso assunto il nome -va nella direzione di rendere la Chiesa sempre più vicina alla gente, con cui condividere tutte le difficoltà, le ansie, le paure e le speranze nel nome del Cristo Redentore, unico ed insostituibile punto di riferimento e rifugio per tutto il genere umano, contro le insidie del demonio. Ma questa impetuosa ventata di rinnovamento non si esaurisce soltanto all'interno della Chiesa, ma opera a 360° in maniera diretta anche e soprattutto all'esterno. Da qui le decise prese di posizione del Pontefice sui più svariati e concreti argomenti della vita sociale, anche di carattere, comunemente definiti "socio-politici", tuttavia finalizzati ad indirizzare le coscienze dei "potenti della terra" a prestare attenzione alle colpevoli disuguaglianze in essere ed all'emarginazione di una parte considerevole degli abitanti del pianeta.
Il diritto al "pane", al lavoro, alla dignità della persona, alla salute, alla libertà - anche di culto - e valori similari universali possono essere etichettati di sinistra? Se si risponde affermativamente allora il Santo Padre può essere definito di sinistra, ma intendendo "sinistra" come concetto filosofico di equità sociale, che prescinde, ovviamente, da qualsiasi ipotesi di schieramento politico. Con questi concetti allora Papa Francesco è un vero seguace di Cristo, come quando afferma che l'operaio ha diritto al suo salario e che Dio non fa preferenze di persone, perché tutti (uomini e donne) sono uguali davanti a Lui, perché da Lui creati e redenti, figli suoi di pari dignità umana e sociale.

d) Secondo Lei la Chiesa- riferendomi ovviamente ai suoi più autorevoli rappresentanti-segue il Santo Padre in questa sua "politica" di riforma della Chiesa e di stretta vicinanza alla gente ed ai suoi problemi, oppure tenta di ostacolare questo impetuoso moto di rinnovamento?

r) La forza di Papa Francesco risiede nella sua ferma determinazione nel mettere al centro dei problemi la persona e la sua dignità e proprio per questo suo genuino e sincero "attaccamento" alla persona, è ricambiato "dall'affetto della gente che è con Lui, non con i suoi pochi avversari" - per dirla con le recenti parole di monsignor Victor Manuel Fernandez, rettore della prestigiosa "Universidad Catolica Argentina" di Buenos Aires, e stretto collaboratore del Papa nella sua terra d'origine - "il Popolo sente in Lui il profumo del Vangelo, la gioia dello Spirito, la vicinanza di Cristo e così percepisce la Chiesa come la sua casa...." . E' poi da evidenziare come l'opera pastorale di Papa Francesco su importanti temi sociali sia seguita attentamente, con rispetto ed interesse, dai leader politici di tutto il mondo, attenti al profondo significato "concreto e non ideologico" dei suoi messaggi. Altra caratteristica che contraddistingue il "modus operandi" del Santo Padre è la sua capacità e disponibilità ad ascoltare i più variegati "input" che provengono dai comuni cittadini di qualsiasi nazionalità ed etnia, consentendo al Papa di avere sempre sotto controllo sia problematiche strutturali e sia quelle contingenti. Naturalmente, per ritornare allo spirito della tua domanda, questo siffatto modo di operare non sempre è compreso ed accettato da quella parte della Chiesa (cioè da alcuni suoi rappresentanti) ancora permeati dai fasti e dalla "autoreferenzialità" della Chiesa tradizionale. Anche i comportamenti genuini ed improntati alla modestia ed alla semplicità, come quella di portare personalmente l'immancabile borsa al seguito, o alloggiare fuori dalle mura vaticane contribuisce notevolmente ad avvicinarlo alla gente comune che lo considera ormai "parte di loro".

d) Don Vincenzo - proprio riprendendo l'ultima parte della sua risposta - vorrei andare ancora più in profondità su questo tema: dal momento che la congrega dei cardinali ha sempre rappresentato una sorta di "casta" all'interno della Chiesa, il ridimensionamento del loro ruolo - alcuni sono molto spesso sotto i "riflettori " alla stregua di star della comunicazione o conducono un tenore di vita che possiamo definire "opulento" rispetto alla "frugalità" del Papa - come possono condividere la preziosa opera di rinnovamento della "Chiesa pellegrina sulla terra" voluta dal Santo Padre, molto più attenta - è bene ribadirlo - alle persone, alle diseguaglianze, alla natura, alla giustizia sociale, alla sostanza e non alla forma? Non possono identificarsi in una sorta di "opposizione" di sapore politico?

r) I Cardinali, non rappresentano una struttura particolarmente importante e determinante nell' "organico" della Chiesa in quanto la Chiesa è il Popolo di Dio. guidato dai suoi pastori. Per dirla sempre con le parole di Monsignor Victor Manuel Fernandez, che conosce benissimo il pensiero di Papa Bergoglio, i cattolici, leggendo il Vangelo, "....sanno che Cristo ha assicurato una guida ed una illuminazione speciale al Papa ed all'insieme dei vescovi..." e non certo alla curia o strutture similari; il Papa non è una sorta di esponente della curia vaticana, che"....non è essenziale....". Lo "status" di Cardinale non rappresenta nient'altro che una sorta di "onorificenza" attribuita ad un vescovo, per cui, se posso essere diretto come sempre, la Chiesa non "ruota certamente attorno a loro". Con questo non voglio tuttavia sostenere che non contino nulla: dipende dagli incarichi loro attribuiti, ma soprattutto dai risultati che vengono ottenuti. La Chiesa non cerca le "luci della ribalta" come hai sottolineato tu; diversa è invece la posizione del Papa, dei Vescovi e dei Sacerdoti: sono loro gli unici Pastori della Chiesa. Il Santo Padre - e solo lui - dovendo raggiungere ed interloquire con il mondo intero, si avvale, ovviamente, anche della moderna tecnologia della comunicazione (mass media e nuovi media) per divulgare i suoi pensieri.

d) Carissimo Don Vincenzo, è sempre un grande piacere colloquiare con Lei, dal momento che parla sempre con la consueta apprezzata "lingua diritta", come dicevano i grandi capi indiani "Apaches". Ma adesso - purtroppo e per ragioni di spazio - ci avviamo al termine delle parti salienti delle nostre interessanti conversazioni - che per me rappresentano sempre un arricchimento ed una sorta di "tonico" per l'anima, con il punto centrale - da Lei sempre sostenuto e ribadito - rappresentato dalla "speranza", valore assoluto in questo mondo sempre più disumano e degradato, in linea con il pensiero del Santo Padre Francesco, che individua appunto nella "speranza" il sentimento da coltivare durante la nostra parentesi terrena. Ma dopo aver tratteggiato, come fin qui rappresentato, un "ritratto" ristretto - tuttavia sufficiente a connotare la particolare caratura del "Personaggio" del Santo Padre Bergoglio - dobbiamo necessariamente concludere con alcuni suoi pensieri (che rappresentano altrettanti diretti messaggi rivolti sia al "Suo" Popolo e sia ai "manovratori dei destini del Pianeta"), concetti che hanno trovato puntuale ed esauriente implementazione nelle Sue encicliche. Il pensiero del Santo Padre è sempre rivolto alla povertà, alla disuguaglianza, allo scarto degli emarginati, considerati una sorta di rifiuti, con i suoi messaggi incisivi, come quello indirizzato ai partecipanti a "le idee di Expo 2015" fra cui riprende - in tema di cibo - temi già trattati in occasione del suo intervento alla FAO (organizzazione per il cibo e l'agricoltura delle nazioni unite) - sottolineando un importante pensiero di santo Papa Giovanni Paolo II sul "paradosso dell'abbondanza", oppure all'economia che uccide, sulla linea dei concetti esposti nella sua enciclica "Evangelii gaudium": "non è tollerabile "- afferma il Santo Padre - "che non faccia notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere di stenti in strada, mentre lo sia il ribasso di due punti in borsa". Anche i temi dell'ecologia e della difesa della natura sono nei pensieri del Santo Padre, che li ha fatti oggetto della sua ultima enciclica "Laudato sii". Considerando che noi siamo solo custodi e non padroni della terra, che dobbiamo rispettare, Papa Francesco cita sempre - come alla FAO - una frase sentita da un anziano contadino molti anni prima: "Dio perdona sempre, gli uomini a volte, la natura mai!" L'analisi di questi importanti temi sociali rappresenta per lui un'occasione propizia per sferrare nuovamente un durissimo "J'accuse" contro l'autonomia assoluta ed incontrastata della finanza speculativa che ormai domina il pianeta. Questo importante messaggio (purtroppo finora inascoltato) è stato più volte giustamente lanciato ai "potenti del mondo". Dal momento che questi argomenti che impattano direttamente sulla vita delle persone non possono essere ignorati dalla Chiesa, e del resto non possono essere lasciati soltanto alle iniziative del Pontefice, ma - a mio avviso - devono coinvolgere anche le parti periferiche (Sacerdoti) della filiera religiosa direttamente a contatto con i fedeli, vorrei conoscere il suo pensiero in proposito.

r) Per fortuna che le conversazioni che faccio con te, trattano i più svariati argomenti, compresa l'economia e la finanza, temi che, grazie a te, mi sono sempre più familiari, posso affermare che il Santo Padre è uno che non le "manda certo a dire" e proprio per questo il popolo si identifica in lui e nelle sue idee "rivoluzionarie", pur nella loro semplicità. Importante è la ripresa del pensiero del santo Giovanni Paolo II sul "paradosso dell'abbondanza" e cioè sul fatto che oggi c'è nominalmente cibo per tutti, ma non tutti possono mangiare, mentre lo spreco, gli scarti, il consumo eccessivo sono davanti agli occhi di tutti. Riguardo al pensiero del Papa sul ruolo "nefasto" della finanza speculativa, che regola indisturbata i destini del mondo, con te ne abbiamo parlato più volte con convergenti giudizi. Una finanza "impalpabile" che non produce ricchezza- se non per gli speculatori - che rappresenta una sorta di "roulette", un gioco d'azzardo che tuttavia governa pesantemente i destini delle nazioni e del popolo, molto spesso con la colpevole complicità della politica, è assolutamente da ridimensionare, altrimenti corriamo il concreto rischio che il pianeta sarà sempre più governato dal dio denaro, novello "vitello d'oro" di antica cultura evangelica. E' proprio per queste evidenti discrasie e questi fondati timori che il Santo Padre auspica un rinnovato ruolo della tanto denigrata politica, come vocazione altissima, perché è (dovrebbe essere, aggiungo io) una delle forme più preziose della carità e perché cerca il bene comune. Purtroppo le vicende cui assistiamo continuamente su questo versante sembra proprio che vadano in una direzione opposta!

d) Carissima "Vostra Beatitudine", siamo arrivati in fondo alla nostra conversazione. Ma mi consenta (per usare una nota terminologia) a conclusione, un'ultima brevissima domanda che riguarda la sicurezza del Pontefice: per un personaggio come lui che cerca il contatto con la gente e propugna molto spesso verità scomode, vede rischi per la sua persona?

r) In teoria direi senz'altro di si. Tuttavia la vita di "Ciccio" è in mezzo alla sua gente che lo ama profondamente, per cui non sarà facile, ne possibile fargli mutare queste sue Sicuramente il Santo Padre si affida alla volontà divina ed al superiore disegno di Cristo Redentore. Poi, anche se viviamo purtroppo in un mondo che tende sempre più a "sgretolarsi, Papa Francesco non ce lo vedo proprio girare con il "giubbotto antiproiettile"!

 

* ex dirigente centrale MPS

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 109545107

Attualità

Il 2 dicembre è sciopero generale nazionale: disagi nel pubblico e nel privato, dalla sanità alla scuola ai trasporti

Per l'intera giornata del 2 dicembre 2022, è previsto uno sciopero generale proclamato da numerose sigle sindacali (Adl Varese - Al Cobas - Cib Unicobas - Cobas Comitati Di Base Della Scuola - Cobas Sardegna - Cub - Lmo Lavoratori Metalmeccanici Organizzati - Sgb - Sgc Sindacato Generale Di Classe -...

"Coloriamo la Strada", a Praiano conclusa la giornata dedicata alla sicurezza stradale con la CRI

Si è conclusa la giornata dedicata interamente alla promozione della cultura della sicurezza stradale. Croce Rossa Italiana - Comitato di Costa Amalfitana, in collaborazione con FMI (Federazione Motociclistica Italiana),CORE Campania, Moto Club di Praia a Mare e Moto Club di Praiano e AFVS - Associazione...

A Salerno una piazza intitolata ad Antonella Russo, vittima di femminicidio

Nella Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, il Comune di Salerno ha ufficializzato la decisione d'intitolare una nuova piazza ad Antonella Russo. La giovane donna, studentessa dell'Università di Salerno, è stata uccisa dal compagno della madre del quale aveva denunciato...

Diversità e inclusione, a Maiori il progetto "L'altro sono io": come fare domanda

Il Comune di Maiori intende realizzare il progetto dal titolo "L'altro sono io" promosso dalla Società Cooperativa La Fonte - Maiori. 1. OGGETTO Il progetto interamente finanziato con i fondi assegnati al Comune di Maiori con Decreto del Ministro per le Pari Opportunità e la famiglia di concerto con...

Università di Salerno, a Roma l’inaugurazione del Master in “Leadership and Digital Transformation”

Sarà inaugurata lunedì 28 novembre 2022 la terza edizione del Master di II livello in "Leadership and Digital Transformation", nato dalla collaborazione tra l'Università degli Studi di Salerno e il Centro Alti Studi per la Difesa (CASD), in sinergia con il Dipartimento di Scienze Aziendali Management...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.