Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa SS. Ponziano e Ippolito martiri

Date rapide

Oggi: 13 agosto

Ieri: 12 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneA Scala "Luci della Costiera": Storytelling, illuminazione artistica, videomappingCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàRavello Festival 2022, è tutto pronto per la settantesima edizioneLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Tu sei qui: Territorio e AmbienteConservare i terrazzamenti per prevenire il rischio idrogeologico

Luci della Costiera 2022 a Scala il comune più antico della Costiera AmalfitanaRavello Festival VXX edizione, è tutto pronto per l'edizione 2022 del Festival della città della musicaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Territorio e Ambiente

Conservare i terrazzamenti per prevenire il rischio idrogeologico

Scritto da (redazionelda), giovedì 30 settembre 2021 14:21:11

Ultimo aggiornamento giovedì 30 settembre 2021 15:40:12

a cura dell'ing. Andrea Della Pietra

 

È noto che i paesaggi della Costiera Amalfitana rappresentano una delle testimonianze più significative di adattamento dell'uomo alla conformazione "ostile" del territorio. Adattamento "premiato" con il riconoscimento di Patrimonio dell'Umanità da parte dell'Unesco.

Versanti acclivi, falesie a strapiombo sul mare, ripidi corsi d'acqua, sono stati "addomesticati" dagli abitanti per soddisfare le esigenze in evoluzione delle comunità, ma sempre nel rispetto di precise regole tramandate di generazione in generazione.

Tra queste regole, la più nota è quella che è stata utilizzata per consentire lo svolgimento dell'attività agricola a dispetto della morfologia del territorio: la realizzazione dei celeberrimi terrazzamenti, destinati per lo più alla coltivazione di limoni ed agrumi, vitigni e orti.

Incastonati tra falesie e boschi di lecci e faggi, ottenuti con enormi sacrifici dovuti alle difficoltà realizzative, utilizzabili ai fini produttivi solo a patto di grande fatica, bisognosi di una costante ed impegnativa manutenzione, i terrazzamenti sono stati realizzati nel corso dei secoli certamente per incrementare le produzioni vendibili, ma anche tenendo conto della funzione di protezione dal dissesto che gli alberi preesistenti svolgevano.

Disboscata la parte da destinare alla coltivazione, veniva realizzato un sistema di muretti a secco (macere) dotato di opportune caratteristiche di drenaggio ed incanalamento delle acque.

Attraverso la sapiente diposizione della pietra calcarea disponibile in loco, tagliata in modo da far lavorare al meglio le facce adiacenti per attrito, si procedeva per strati: i vuoti tra le pietre più grandi venivano riempiti con elementi più piccoli, pietrame e terra, prima di essere battuti.

La denominazione "a secco" non deve ingannare: le macere non ignorano l'acqua. Anzi. n ruolo non secondario è infatti svolto dai sistemi di raccolta dell'acqua e da quelli di drenaggio, canalizzazione ed irrigazione, che consentono di trattenerne a monte maggiori quantità per un lasso di tempo più lungo, limitando la velocità di scolo verso valle ed incanalandole lungo percorsi sicuri.

Il tutto ha generato un risultato in perfetta armonia ed equilibrio con la natura circostante: nonostante lo straordinario impatto dal punto di vista paesaggistico, sotto il profilo funzionale si è riprodotto il naturale declivio del terreno e si è rallentato il deflusso dell'acqua verso valle.

Negli ultimi decenni, purtroppo, molti terrazzamenti, a partire da quelli ubicati nelle zone più difficilmente accessibili o in forte pendenza, sono stati abbandonati perché sotto il profilo economico non è più conveniente la loro coltivazione.

La stabilità dei versanti ne risulta compromessa ed il rischio idrogeologico si incrementa. Viene a mancare sia la funzione propria delle coltivazioni (la ricrescita della vegetazione naturale impiega alcuni decenni) sia l'opera costante di manutenzione dei muri secco e del sistema idraulico svolta dai contadini. La funzione statica dei muretti viene compromessa dalla mancata sostituzione delle pietre cadute; i sistemi di raccolta, drenaggio e di scolo si occludono determinando il deflusso rapido ed incontrollato delle acque e dei detriti verso le aree più a valle. L'erosione dei versanti accelera.

Il dibattito sulle possibili soluzioni è acceso. Lasciare che la natura si riprenda ciò che l'uomo nei secoli le ha strappato? Dare incentivi agli agricoltori per ridurre il gap con i costi di produzione dei concorrenti? Formare i giovani sulle tecniche di costruzione e riparazione dei muretti a secco? Destinare i terrazzamenti ad altri usi più remunerativi? Proporre nei piani di governo del territorio normative di auto-regolazione che agevolino le trasformazioni secondo le regole del passato?

Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali promuove da anni la discussione sul tema, ed alcune indicazioni e proposte sono state incluse nel Piano di Gestione del Sito Unesco Costiera Amalfitana.

Nelle more del raggiungimento di una soluzione condivisa ai vari livelli culturali ed istituzionali, come già accennato per gli altri tipi di rischio, il cittadino può offrire un contributo alla prevenzione segnalando alcune situazioni di criticità, attraverso il sito web Tutela il Tuo Territorio (https://www.tutelailtuoterritorio.it/ - sezione "segnalazioni").

Ad esempio, possono essere segnalate macere crollate, o in procinto di crollare. Oppure possono essere documentati corretti interventi di manutenzione. Tutte informazioni che, portate a conoscenza delle istituzioni che hanno la responsabilità della sicurezza del territorio, possono ridurre sensibilmente il rischio di dissesti di origine idrogeologica.

Nell'effettuare la segnalazione è anche possibile indicare le coordinate dell'area interessata, nonché inviare fotografie del luogo al fine di consentire una più rapida individuazione dello stesso e della problematica rilevata.

Iniziativa svolta nel quadro di LoKSAND (Local Knowledge and Schools Against Natural Disasters) 2020-2021, Consiglio d'Europa.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 103742104

Territorio e Ambiente

Effetti nubifragio a Sorrento: emanata ordinanza di divieto balneazione a Marina Grande

Divieto temporaneo di balneazione lungo l'intero specchio d'acqua antistante Marina Grande, a Sorrento. E' quanto prevede l'ordinanza sindacale firmata oggi, resa necessaria a seguito dei rilievi effettuati dall'Arpac il 10 agosto scorso, che hanno rilevato percentuali di inquinamento oltre la norma....

Sorrento, attivato servizio di vigilanza antincendio

Il Comune di Sorrento ha attivato un servizio di vigilanza per la prevenzione di incendi boschivi presso la pineta "Le Tore". Ad occuparsene saranno i volontari dell'associazione Radioemergency Terra delle Sirene, sulla base di una convenzione sottoscritta questa mattina al Palazzo Comunale, alla presenza...

Agerola è “Città del Formaggio 2022”, al paese del Provolone del Monaco DOP il riconoscimento dell’ONAF

Si è svolta lunedì la cerimonia ufficiale che ha consacrato Agerola "Città del formaggio 2022": il paese dei Monti Lattari è ufficialmente entrato a far parte dell'albo che racchiude i Comuni culturalmente ed economicamente sede di produzioni casearie identitarie nel proprio contesto sociale. Nel corso...

Alluvione di Monteforte Irpino, geologa Porfido: «Necessaria attenta analisi critica su sviluppo urbanistico»

La Società Italiana di Geologia Ambientale si è espressa in merito alla colata di fango verificatasi due giorni fa a Monteforte Irpino. La geologa Sabina Porfido punta in primis l'attenzione sul fatto che nel comune campano «nel 1981 c'erano poco più di 4700 abitanti, oggi il paese ne conta circa 11.000!»....

Sorrento, dopo il nubifragio lavori per tutta la notte per assicurare la normale circolazione veicolare

È tornata regolare sull'intero territorio comunale di Sorrento, la circolazione veicolare, interrotta nella serata di ieri, 9 agosto, in vari punti, a causa degli effetti del nubifragio che ha investito l'intera penisola sorrentina. Ieri, dopo l'apertura di una voragine sul piano stradale, un tombino...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.