Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieTestimonianze sul culto di Sant'Anna a Ravello

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Testimonianze sul culto di Sant'Anna a Ravello

Scritto da Salvatore Amato (redazione), lunedì 26 luglio 2021 17:45:35

Ultimo aggiornamento lunedì 26 luglio 2021 17:47:44

di Salvatore Amato

Nel 1783, il monastero di Santa Chiara di Ravello otteneva da papa Pio VI, con l'intercessione del vescovo di Gaeta Carlo Pergamo, la concessione di un altare privilegiato quotidiano perpetuo per i defunti, da designare tra quelli esistenti nella chiesa monastica ad arbitrio dell'Ordinario diocesano. Essendo vacante la sede ravellese per il trasferimento a Bovino del vescovo Nicola Molinari da Lagonegro, solo dopo due anni il vicario capitolare Giuseppe Fusco dava seguito alla richiesta della comunità religiosa, indicando l'altare di Sant'Anna, a motivo della grande partecipazione popolare in occasione della festa del 26 luglio e per la "magnifica" solennità con cui si celebrava.

Era passato poco più di un secolo da quando D. Ignazio D'Amato, dottore in diritto civile e canonico, per lunghi anni procuratore del monastero, aveva deciso di edificare una cappella dedicata alla santa nella chiesa di Santa Chiara.

Fondata prima del 1679, il D'Amato dispose che vi si celebrasse una messa cantata nel giorno dedicato a Sant'Anna, cui avrebbe preso parte a partire dai primi vespri anche il Capitolo della cattedrale, riscuotendo per tale accesso venti carlini sulle entrate derivanti da un orto situato nel largo che costeggiava la chiesa di San Michele Arcangelo di Torello.

Il fondatore, morto il 24 ottobre 1690, istituiva il monastero erede di molte somme e destinatario anche di due sottocoppe, due candelieri e una forbice di argento con le sue insegne.

La festa cominciò ad essere celebrata con una certa solennità e il pranzo conventuale che allietava il giorno solenne era a base di "inghiocchetti", un particolare tipo di pasta acquistato a Minori, carne vaccina e fegato. Nel 1730, per l'occasione vennero acquistate 30 ricottelle e due pollastri.

La celebrazione liturgica era accompagnata da musici, che eseguivano un repertorio suonando viole e violone, mentre lo sparo di polvere con i "maschi" da parte di Lorenzo Carrano animava la giornata festiva nel 1723.

Nel corso del XVIII secolo, per incrementarne il culto, D.Francesco Bonito, principe di Casapesella, vi fondò nel 1718 un beneficio ecclesiastico con una rendita annua di 36 ducati, da conseguire sulle entrate dei mulini posseduti dalla famiglia a Furore.

 

Riguardo alla devozione popolare, l'arcidiacono scalese Emanuele D'Afflitto aveva istituito presso la cappella della chiesa monasteriale il pio esercizio dei nove venerdì dedicati alla santa, stabilendo che si celebrasse una messa votiva, nelle modalità permesse dal Messale Romano, la recita del Padre Nostro, dell'Ave Maria e di alcune orazioni contenute nel libro del sacerdote napoletano Domenico De Bonis. Il legato di messe, che prevedeva diverse celebrazioni nel corso dell'anno liturgico, era sostenuto da quattro ducati annui da conseguire su alcune proprietà situate nelle località di Pontone, nei pressi della chiesa di S. Matteo e all'Acquabona.

 

La cappella venne decorata con un'immagine rappresentante la santa, esistente ancora a metà del XIX secolo, e nel giorno della festa avveniva, non di rado, l'ingresso in monastero delle fanciulle oppure la professione solenne delle novizie.

 

Nel corso del Novecento, la festa di Sant'Anna assunse una connotazione esclusivamente liturgica e non venne inserita nell'elenco di quelle trasmesse nel 1925 alla Questura dal Sindaco di Ravello.

 

Il ricordo dell'antica commemorazione rivive tuttora nelle celebrazioni officiate la mattina del 26 luglio nella chiesa del monastero e il passaggio del concerto musicale, che annuncia la festa patronale del giorno successivo, sembra idealmente collegarsi ad una vecchia usanza.

Il monastero sosteneva le spese per il trasporto di strumenti musicali e artifici pirotecnici dal Piano di Ponticeto alla cattedrale, perché dai primi vespri di quella giornata sarebbero serviti per l'animazione dei momenti religiosi e civili in onore di San Pantaleone.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...

Ravello, trent’anni fa l’inaugurazione della galleria nuova. Opera che ha cambiato la storia della città [VIDEO]

Ravello, 10 agosto 1991. Trent'anni fa si inaugurava l'opera pubblica che ha cambiato la storia e la vita della Città della Musica. Il tunnel nuovo sotto Piazza Fontana che collega Via Della Marra a Via Boccaccio, liberato piazza Vescovado dal traffico veicolare, trasformandola in un vero e proprio salotto....

La festa patronale a Scala nel 1897

di Salvatore Amato «La protezione patronale, le ragioni che ne determinano la scelta, la fisionomia che essa assume nella sensibilità e nel pensiero della comunità, la festa patronale, la rappresentanza patronale della comunità sia dal punto di vista religioso sia da quello civile e tutto ciò che, nell'insieme,...

Totò e Ravello: settant’anni fa il dono di una pergamena del 1512 [FOTO]

Il 2 agosto del 1951, settant'anni fa, il Principe Imperiale Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis di Bisanzio, universalmente conosciuto come Totò, raggiunse la sede dell'Archivio di Stato di Salerno in Piazza Abate Conforti. Ad attendere il Principe della risata, il direttore dell'Istituto, Leopoldo...