Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieSanta Trofimena del 27 novembre, tra fede, leggenda e tradizione

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Santa Trofimena del 27 novembre, tra fede, leggenda e tradizione

Scritto da (redazione), giovedì 26 novembre 2020 07:33:30

Ultimo aggiornamento venerdì 27 novembre 2020 18:11:39

di Gabriele Cavaliere

 

Sin dalle origini Santa Trofimena è stata una santa estremamente "girovaga". Nata a Patti, in Sicilia, nel III secolo, all'età di dodici anni fu promessa in sposa ad un uomo pagano, contro il proposito della fanciulla di vocarsi a Dio.

Fuggita di casa ed inseguita dal padre, si tramanda che la fanciulla scappò via mare, stendendo sulle onde la sua mantella. Secondo un'altra versione, invece, il padre riuscì a raggiungerla e, accecato dall'ira, la uccise. Di fatto Trofimena morì, ed il manto, avvolto al corpo, sprofondò negli abissi.

​Intorno al XVII secolo una lavandaia di Minori scoprìlungo il fiume una grossa pietra piana, che valutò adatta a svolgere la sua attività. Appena la donna levò il braccio per "battere" uno straccio, però, dalla pietra s'alzò un lamento che le paralizzò l'arto. Il suo pianto disperato attirò gente che, riconosciuto in quel masso un sarcofago, decise di trasportarlo in paese. Innumerevoli furono i tentativi di spostarlo, finché non fu la stessa santa a svelare in sogno ad un pio uomo che, per trasportare il sarcofago, avrebbero dovuto impiegare due giovenche bianche: le stesse che si vedono rappresentate ai piedi della Santa.

​Fin qui la tradizione. Storicamente, invece, la sacra reliquia potrebbe essere giunta a Minori su di un mercantile proveniente dall'Oriente, allo stesso modo in cui furono portati in Costiera molti altri tesori sacri.In ogni caso questo è il "ritrovamento" della santa, anche detto "prima traslazione". Primo viaggio.

​Nel IX secolola minaccia di un'imminenteinvasione del re longobardo Sicardo, duca di Benevento, convinse Pietro II, arcivescovo di Amalfi, a trasferire il feretronella cattedrale (metropolitana) di Amalfi,reputandolo un posto più sicuro. Nel corso della traslazione (seconda traslazione), si tramanda che il prelato, curioso, osò scoperchiare il sarcofago per visionare le sacre reliquie. La stessa notte la Santa gli apparve in sogno adirata, predicendogli che anche il suo sepolcro sarebbe stato aperto e che le sue spoglie sarebbero finite in pasto ai cani. In capo a tre giorni Pietro morì e, dopo poco tempo, calarono le orde di Sicardo cheaprironoil sarcofago, e trasferirono le reliquieda Amalfi a Benevento, capitale del Ducato Longobardo. Terzatraslazione.

Durante il saccheggio i soldatiprofanaronomolti sepolcri e, tra questi, quello di Pietro, che conteneva il corpo fresco di sepoltura. Abbandonato aperto il sarcofago venne attaccato dai cani randagi, che risparmiarono al banchetto solo la mitra!

​Dopo alterne vicende, e molte preghiere, le sacre spoglie furono restituite ai Minoresi: quest'evento è ricordato come "quarta traslazione". Per scongiurare nuovi saccheggi si decise allora di ricollocare in chiesa le sacre reliquie ma di non rivelare a nessuno il punto esatto cosicché, con il passare degli anni, morti coloro che avevano materialmente eseguito il lavoro, andò perduta la memoria circa la sua esatta collocazione.

​Fu così che nel XVIII secolo, in occasione dei lavori di rifacimento della basilica, si pensò di erigere alla santa patrona un nuovo altare ma, scavato sotto l'altare vecchio, i Minoresi caddero nello sconforto più totale nel costatare il sarcofago non c'era. L'urna era stata così ben nascosta che neppure la si trovava più.

Il 24 novembre 1793, alcuni Minoresi intrapresero nuovi scavi mentre il popolo li sosteneva in preghiera. Si scavò e si pregò tre giorni e tre notti, finché la Santa, ancora una volta in sogno, la notte tra il 26 e il 27 Novembre, svelò la sua posizione.

Da quell'anno, la "seconda invenzione (ritrovamento) della Santa" viene ricordata con una messa celebrata dal vescovo all'alba del 27 Novembre e con l'accensione di un grande falò sulla spiaggia, a rappresentare quello servito a riscaldare i devoti che lavorarono per ritrovare le sacre spoglie.

A onor del vero c'è chi racconta che gli scavi furono condotti da devoti minoresi in semi-clandestinità, si favoleggia, infatti, che i "cercatori" si fossero introdotti in chiesa di nascosto e che scavassero di notte!

Un'ultima notizia, di natura gastronomica: la celebrazione del 27 Novembre era anticamente detta "Santa Trufemena 'a sasicciara", perché coincideva con l'inizio della mattanza dei maiali!

Foto: Agostino Criscuolo

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...

Ravello, trent’anni fa l’inaugurazione della galleria nuova. Opera che ha cambiato la storia della città [VIDEO]

Ravello, 10 agosto 1991. Trent'anni fa si inaugurava l'opera pubblica che ha cambiato la storia e la vita della Città della Musica. Il tunnel nuovo sotto Piazza Fontana che collega Via Della Marra a Via Boccaccio, liberato piazza Vescovado dal traffico veicolare, trasformandola in un vero e proprio salotto....

La festa patronale a Scala nel 1897

di Salvatore Amato «La protezione patronale, le ragioni che ne determinano la scelta, la fisionomia che essa assume nella sensibilità e nel pensiero della comunità, la festa patronale, la rappresentanza patronale della comunità sia dal punto di vista religioso sia da quello civile e tutto ciò che, nell'insieme,...

Totò e Ravello: settant’anni fa il dono di una pergamena del 1512 [FOTO]

Il 2 agosto del 1951, settant'anni fa, il Principe Imperiale Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis di Bisanzio, universalmente conosciuto come Totò, raggiunse la sede dell'Archivio di Stato di Salerno in Piazza Abate Conforti. Ad attendere il Principe della risata, il direttore dell'Istituto, Leopoldo...