Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Antonio di Padova

Date rapide

Oggi: 13 giugno

Ieri: 12 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieQuando Ravello conferì la cittadinanza onoraria a «Sua Eccellenza Benito Mussolini»

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaCon il Cuore. Dona alle mense francescane e aiuta i poveri in questo periodo di grande difficoltà

Storia e Storie

Quando Ravello conferì la cittadinanza onoraria a «Sua Eccellenza Benito Mussolini»

Scritto da (Redazione), sabato 24 agosto 2019 10:15:53

Ultimo aggiornamento sabato 24 agosto 2019 17:12:22

Questa mattina il Consiglio Comunale di Ravello si riunisce per conferire la cittadinanza onoraria allo scrittore Antonio Scurati vincitore, lo scorso 4 luglio, della 73esima edizione del Premio Strega col suo "M. Il figlio del secolo" (Bompiani), primo volume di una trilogia in cui viene ricostruita la vita di Mussolini.

E anche al Duce venne assegnato il medesimo titolo dal Comune di Ravello.

Dai toni enfatici la delibera di Consiglio comunale dell'epoca, approvata all'unanimità a «Sua Eccellenza Benito Mussolini», «con il caldo augurio, ché in tempi non lontani di avere la fortuna di acclamare personalmente de visu il ricordato concittadino».

Ravello fu uno dei primi comuni d'Italia, pochi giorni dopo la vittoria del Partito nazionale fascista alla elezioni del 6 aprile 1924, a prendere l'iniziativa che di lì a poco si sarebbe moltiplicata in modo esponenziale in tutt ala Penisola, dal piccolo centro alla grande città. Normale, si dirà: erano gli anni del regime e le amministrazioni locali, chi per servilismo, chi per convinta adesione, chi per paura e quieto vivere (tutte in ogni caso perché sollecitate in tal senso dai Prefetti), si ingraziavano il Duce. Negli ultimi anni la tendenza è di revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini con conseguente attenzione mediatica al paesello semisconosciuto.

Di seguito il testo integrale della delibera con cui, il 24 maggio del 1924, il Comune di Ravello conferiva la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.

 

ASCRav, Deliberazioni degli Organi di Governo, Registri delle Deliberazioni del Consiglio Comunale, Registro Deliberazioni Consiglio dal 27.3.1919 a tutto il 14.6.1927, p. 162.

Deliberazione del 24 maggio 1924

Verbale di adunanza straordinaria del Consiglio Comunale di Ravello nella sessione ordinaria primaverile. L'anno millenovecentoventiquattro, il giorno ventiquattro maggio, alle ore 18 nella Sala Comunale di Ravello, revio regolare invito si è riunito il Consiglio Comunale nelle persone dei signori Ruocco Bonaventrura, Assssore anziano, funzionante perl Sindaco Assente, Presidente 2 Amato Assuero 3 Sorrentino Luigi 4 Romano Antonio 5 Mansi Sac. Pasquale, 6 De Iuliis Carlo Filippo 7 Mansi Cav. Alessio 8 Caruso Pantaleone 9 Mansi Cav. Pantaleone e furono assenti 1 Pisacane Bonaventura 2 Fraulo Pasquale 3 Cioffi Luigi 4 Comm. Mansi Nicola 5 Conte Rodolfo 6 Di Palma Antonio perché morto. Assiste il segretario Comunale Sig. Mansi Gerardo.

La maggior parte dei Consiglieri mancanti nel giustificare le loro assenze per legittimi impedimenti, concordemente hanno affermato di aderire pienamente all'ordine del giorno in discussione, che è il seguente. Il Presidente nel cominciare la seduta la dichiara aperta. Il Presidente dopo aver tessito con elevate parole le tante benemerenze private e pubbliche che S. Ecc.za Benito Mussolini possiede in rapporto alla cara Patria Nostre di fronte a tutte le altre Nazioni del Mondo, ciascun paese dell'Italia, che è stata elevata mercè l'opera ininterrotta e feconda del prelodato Duce, dovrebbe additare alle future generazioni l'opera compiuta in tempi così difficili dall'eccelso luminoso della politica e di qualsiasi branca di scienza. Per la qualcosa, dovendosi tramandare alla storia di dare il vero giudizio di sì meraviglioso cittadino, vero discendente della nobile stirpe romana occorre che ogni città d'Italia tenga e conservi gelosamente le tradizioni di lui. L'unico omaggio che questo paese possa rendere all'insigne patriota è quello di nominarlo cittadino onorario di Ravello, che rappresenta un'antica città ricca di preziosi monumenti, fondati dai romani.

Il Consiglio, plaudendo alla relazione proposta dal Presidente che rappresenta la pura e sincera espressione del paese intero;

Considerando che le spiccate qualità di mente e di cuore del prelodato Duce non possono dimenticarsi da questo popolo che ne è eminentemente entusiasta;

Considerando l'unico ricordo che si possa tramandare alle future generazioni è quello di aver nominato cittadino onorario il Salvatore della patria, in tempi così turbinosi.

Considerando che l'occhio vigile del magnanimo uomo non potrà trascurare i precisi e veri bisogni di questo paese.

A totalità di voti espressi per acclamazione:

Delibera di conferire a S. E. Benito Mussolini la cittadinanza onoraria di questo Comune, con il caldo augurio, ché in tempi non lontani di avere la fortuna di acclamare personalmente de visu il ricordato concittadino.

Dopo di che il Presidente, nel dichiarare sciolta la seduta, invita gli astanti a gridare: "Viva il Re. Via Benito Mussolini. Alalà"!

 

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Monacelli e Verginelle: così la Costiera Amalfitana celebra Sant'Antonio

di Gabriele Cavaliere Sant'Antonio è un santo molto caro agli abitanti della Costiera, viene festeggiato a: Amalfi, nella chiesa omonima; Tramonti, nella chiesa di San Bartolomeo Apostolo a Novella; a Ravello, nella chiesa del Convento di San Francesco; Montepertuso (Positano): Marina del Cantone e a...

2 giugno 1946, il "voto" delle monache di Ravello

di Salvatore Amato «2 giugno 1946. Giorno in cui milioni di italiani si sono recati, nel nuovo clima di democrazia e libertà, alle urne ad assegnare il proprio voto. E le suore di clausura anche questa volta hanno adempiuto questo sacro santo dovere». Sono le parole con cui la cronaca monastica inizia...

2 giugno 1946: Ravello tra Monarchia e Repubblica

di Salvatore Amato Agli inizi del 1946, il Decreto-legge Luogotenenziale, n. 1, del 7 gennaio, prevedeva, dopo oltre vent'anni, la ricostituzione delle Amministrazioni comunali su base elettiva. L'art. 19 di quel decreto stabiliva che il Prefetto, d'intesa col primo presidente della Corte d'appello,...

Dario Scannapieco figlio della Costiera Amalfitana. Nonno Mimì, il giornalismo e l'amicizia con Gaetano Afeltra

di Sigismondo Nastri In Corriere primo amore, Gaetano Afeltra ci offre questo ricordo di Domenico (Mimì) Scannapieco, maiorese, un personaggio importante nel suo percorso nel mondo del giornalismo: «Uno sfogo alla mia passione giornalistica lo trovavo frequentando il corrispondente da Amalfi del Roma...

26 maggio 1880, Wagner a Ravello: «Il magico giardino di Klingsor è trovato!»

di Salvatore Amato L'8 agosto 1930, il Prefetto di Salerno trasmetteva al Capo Ufficio Stampa di Mussolini un telegramma che informava il Capo del Governo sulla visita a Ravello di Richard Wagner, avvenuta il 26 maggio 1880, durante la quale, in Villa Rufolo, fu ispirato per l'ambientazione del secondo...