Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Irene vergine

Date rapide

Oggi: 18 settembre

Ieri: 17 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa strada della Marinella

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

La strada della Marinella

Scritto da (redazione), martedì 2 febbraio 2021 19:27:37

Ultimo aggiornamento martedì 2 febbraio 2021 19:29:44

di Antonio Schiavo

E' la strada che portava al Liceo Matteo Camera dalle cui finestre si toccava il mare. E' la strada, quella della Marinella, dove un gruppo di baldi giovani e di ragazze carinissime guardava in su per verificare se la finestra della terribile Professoressa Scoppetta era aperta: ciò voleva dire che quel giorno non sarebbe venuta a scuola e ci saremmo risparmiati qualche due all'interrogazione di greco.

Patibolo che poteva toccarti anche cinque, sei volte in un mese, se dal sacchetto della tombola la beneamata avesse estratto il tuo numero.

Il parcheggio era il posto a volte utilizzato per qualche bacio furtivo dietro le macchine o per l'unico "filone" della storia scoperto dal genitore quando non era ancora iniziato.

Oggi tutto sembra smembrato, distrutto da una frana improvvisa (ma nemmeno tanto) che ha squarciato il costone di roccia, precipitando giù massi enormi e volumi impressionanti di terra e fango.

Si parla già del "miracolo di San Biagio" per via della chiesa vicina al luogo del disastro e perché pochi istanti prima e sarebbe stata una tragedia con vittime sacrificate al dissesto che ormai da decenni affligge la nostra Costiera.

Un territorio lasciato a sé stesso o, peggio, violentato da insediamenti irresponsabili, dal traffico veicolare e dei giganteschi torpedoni che pigiano e si accalcano senza regole, in nome del dio denaro.

Sì c'è stato il maltempo, sì è stato forte con precipitazioni violente ma... da noi tutto è ampiamente annunciato. Pensate solo a quanti smottamenti piccoli e grandi sulle provinciali, quanti costoni che si sfarinano alle prime gocce di pioggia, quanti terrazzamenti non più curati o che diventano basamenti per insediamenti abusivi celati alla bell'e meglio dietro canneti, frasche o lamiere.

Agli atti vandalici come gli incendi che punteggiano le montagne nei mesi estivi suscitando indignazione estemporanea che evapora in un battibaleno fino alla prossima stagione calda.

Chi paga per tutto questo?

Quanti progetti conclamati ed enfatizzati si sono rivelati un debole maquillage, buono per una campagna elettorale o per un proclama a favore di telecamera?

La nostra terra si sbriciola e noi lì a guardare, a pensare che ci sarà (ancora e sempre) un Santo Patrono o una Madonna a proteggerci.

A salvaguardare la ricchezza ricevuta per buona sorte e che stiamo brutalizzando e disperdendo nell'indifferenza dei più.

In quella strada dei nostri ricordi di tanti anni fa, delle nostre trepidazioni e ansie per un compito, dei panini pomodoro e mozzarella acquistati in comitiva prima di entrare in classe, della felicità dopo i quadri di fine anno scolastico, oggi ci sono ruspe che spalano fango e detriti in uno scenario che definire apocalittico non è esagerato, presidiato da plotoni di vigili del fuoco, volontari, forze dell'ordine.

Come Dio ha voluto oggi ad Amalfi c'era il sole.

Un sole che ricordava quello che si specchiava nelle finestre della Terza B, la mitica classe nella quale si arrabattavano studenti liceali, qualcuno lontano che, davanti alle immagini dei TG nazionali e delle dirette social, oggi sono stati costretti a fare i conti con tanta, amara tristezza ma anche con un sentimento di incolpevole vergogna.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...

Ravello, trent’anni fa l’inaugurazione della galleria nuova. Opera che ha cambiato la storia della città [VIDEO]

Ravello, 10 agosto 1991. Trent'anni fa si inaugurava l'opera pubblica che ha cambiato la storia e la vita della Città della Musica. Il tunnel nuovo sotto Piazza Fontana che collega Via Della Marra a Via Boccaccio, liberato piazza Vescovado dal traffico veicolare, trasformandola in un vero e proprio salotto....

La festa patronale a Scala nel 1897

di Salvatore Amato «La protezione patronale, le ragioni che ne determinano la scelta, la fisionomia che essa assume nella sensibilità e nel pensiero della comunità, la festa patronale, la rappresentanza patronale della comunità sia dal punto di vista religioso sia da quello civile e tutto ciò che, nell'insieme,...

Totò e Ravello: settant’anni fa il dono di una pergamena del 1512 [FOTO]

Il 2 agosto del 1951, settant'anni fa, il Principe Imperiale Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis di Bisanzio, universalmente conosciuto come Totò, raggiunse la sede dell'Archivio di Stato di Salerno in Piazza Abate Conforti. Ad attendere il Principe della risata, il direttore dell'Istituto, Leopoldo...