Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 19 minuti fa S. Angelo martire

Date rapide

Oggi: 5 maggio

Ieri: 4 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureGambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieL'estate amalfitana all'inizio del Novecento

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazione

Storia e Storie

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

Scritto da (Redazione), domenica 30 giugno 2019 07:25:00

Ultimo aggiornamento domenica 30 giugno 2019 07:25:00

di Sigismondo Nastri

La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti". La spiaggia era "gaia, lieta, serenamente allegra, dove ogni qualità di fastidio è minima e l'utile ed il comodo proprio sono in prima linea. Più che di vivere, difatti, una vita balneare, qui la si subisce, la si gode senza volontà, ma voluttuosamente, senza desiderio, ma raffinatamente". Un anno dopo, il 29 agosto 1922, lo stesso cronista osservava che la villeggiatura amalfitana"si caratterizza dalle altre del Tirreno stesso e dell'Adriatico lontano per una nota di calma e di mollezza marina"dato che Amalfi è"un paese dove tutto è calmo, vago, sereno. Non la riva ultra elegante turbata dal sapore delle città in diciottesimo con la mondanità spesso fastidiosa, profuga dai centri, che v'inchioda fra le sue norme, i suoi precetti ed i suoi confini: nulla. Solo una grande sconfinata libertà, un grande spettacolo di onde e di sole, di cielo e di mare. Una beatitudine materiata di sogno e di silenzio, qualche volta interrotta spezzata e fustigata dalla salsedine aspra che vi colpisce, dalla trama di argento che si riflette luminosissima e trasparente".

La vita si svolgeva, fino al tramonto, al "piccolo stabilimento Flavio Gioia". Poi in barca:"Ognuno- notava Cesare Afeltra - non vorrebbe perdere questi istanti di godimento intensissimo, nello sfondo lontano che si perde in una linea senza colore sotto gli ultimi raggi del sole cocente, con una visione nostalgica nell'anima per questo scenario che sembra lo sfondo del passato ricordo di una fiaba infantile. Confusi giungono trilli di mandole con suoni di chitarre su sfondo opaco, cupo, caratteristico che somiglia quasi ad un tamburo per tutte le cose morte; poi una voce appassionata, lenta come un singhiozzo... È un rito. Si canta pel sole che muore nel mare, che affonda dietro l'isola rossa delle sirene. E il canto è lieve, si perde, svanisce...".

Sul Mezzogiorno del 13 agosto del 1923 Ugo Fruscione, un giornalista che per oltre mezzo secolo ha raccontato fatti e personaggi, oltre che le vicende politiche, sociali, economiche della nostra provincia, descriveva così il viaggio da Salerno ad Amalfi:"Con questa afa irrespirabile correre in un auto veloce attraverso paesi pittoreschi e ridenti costituisce uno svago e un refrigerio delizioso. Con l' "Alfa" elegante e rapida, che la cortesia squisita di Ciccilluzzo Gargano ha messo a nostra disposizione, partiamo da Salerno per l'incantevole e decantata costiera di Amalfi. Superati gli ostacoli, quasi insormontabili, della strada Salerno-Vietri, che meriterebbe più vigile attenzione da parte delle Autorità provinciali, attraversiamo di volo Cetara, civettuola e rinomata per le sue ‘alici in salamoia'; passiamo accanto ad Erchie, angolo paradisiaco di questa terra di sogni, ove i rudi lavoratori del mare affaticano le braccia robuste nella pesca del tonno, e arriviamo nella quieta e industre Maiori che ha fama per le sue cartiere e per i maccheroni gustosissimi. Uno ‘chop' di birra offertoci dai buoni amici di Maiori, in quel "parterre" fresco e verdeggiante del Circolo sociale(che non esiste più, n.d.r.),ci fa sostare qualche minuto. Riprendiamo a rallentare per ammirare lo spettacolo fantastico del ‘Miramar'(il castello Mezzacapo, a quel tempo albergo, poi ristorante e night club, ora in via di trasformazione in residenze di lusso per vip, n.d.r.)dalle guglie elevantisi nel fitto del parco foltissimo. Si passa fra Minori e Atrani, bianchissima, anche nella notte, ci appare col suo campanile moresco... Siamo ad Amalfi...".

La città era"piena di forestieri e di villeggianti". Allo storico‘Cappuccini'alloggiavano per lo più comitive di americani. Al ‘Riviera', famiglie napoletane. Alla pensione ‘St. Catherine', i clienti erano tutti italiani, e di primissimo ordine. Fruscione vi incontrò il drammaturgo Roberto Bracco. Una casa del centro ospitava il giornalista Matteo Incagliati"dal sorriso buono, fraterno", amico del segretario comunale Luigi Afeltra, uomo di grande spessore culturale, che intratteneva stretti rapporti con artisti e letterati. Al ‘Luna'si godeva un meritato riposo l'avvocato salernitano Guido Vestuti.

"La spiaggia- continuava Fruscione -è affollata da dame e signorine elegantissime". Alcune, in mancanza del fotografo (di quell'epoca esistono delle istantanee di Tommaso Piumelli, che documentano vita e costumi), le fece ritrarre da un giovane pittore, Ignazio Lucibello, allievo di Pietro Scoppetta, che è stato l'ultimo grande paesaggista tra i cosiddetti ‘costaioli'.

Sul Mattino del 23 agosto 1923 si legge che"gli alberghi rigurgitano di forestieri. Molti privati hanno offerto le loro stanze disponibili agli ospiti gentili. Ogni giorno è un andare e venire di automobili, vetture pubbliche, cutters e motoscafi, trasportanti carovane di gitanti, turisti, ma soprattutto bagnanti. Una folla di graziose bambine, di candide fanciulle, di vaporose signore che inondano le nostre strade, inebriandosi al fascino e all'ebbrezza che emanano il nostro lido profumato di alghe. Le nostre strade, sempre fresche, perché innaffiate tutti i giorni da abbondanti e potenti getti d'acqua, accolgono tutto uno sciame di allegre e spensierate fanciulle le quali, non più costrette dal rigido convenzionalismo e dalla moda dei grandi centri, si danno alla pazza gioia ed a braccetto camminano con le chiome sciolte, in tenui leggiere e svolazzanti vestine, cantarellando canzoni d'amore. La spiaggia è tutta cosparsa di candide tende, ove le veneri gentili completano le loro ‘toilettes', coprendosi di quelle graziose cuffiette di tela gommata a vividi colori, prima di tuffarsi nelle terse acque del nostro glauco mare. Ogni sera allo stabilimento balneare, al ‘Cinema Unitas', al ‘bar Florian', per tutte le strade litoranee, splendidamente illuminate a luce elettrica, è un via vai di gente, un avvicendarsi di amici, strette di mano, parole galanti e occhiate languide. Al ‘bar Savoia', il Comm. Incagliati, lo ing. Cav. Santolo Camera e il commendator avv. Spera, circondati da numerosi amici, tengono circolo raccontando facezie. L'avv. Arturo Petrosini che da molti anni, con la sua gentile famiglia, è un assiduo frequentatore del nostro paesaggio, è esuberante di ‘verve', ed i suoi racconti salaci, accompagnati da una mimica insuperabile, riscuotono l'ilarità e il compiacimento di tutti".

In quell'agosto del 1921 meritò gli onori della cronaca"il battesimo di un suo grazioso primogenito" nell'abitazione del sindaco avvocato Girolamo Gambardella. "Ci fu un gran ricevimento. I numerosi e splendidi saloni, sfarzosamente illuminati e messi a fiori, accolsero quanto di più scelto e aristocratico offre la colonia dei bagnanti e la nostra fine società". Agli invitati furono serviti "gelati finissimi, svariati liquori e paste squisite. Indi si fece dell'ottima musica". Il giorno prima il sindaco aveva ricevuto la visita del nuovo prefetto, accolto, al suo arrivo ad Amalfi, da una sfilata dei fascisti locali, "fieri e pettoruti, preceduti dal gagliardetto e dalla fanfara".

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Amalfi, il ricordo di Gaspare Di Lieto (e un po' di amarcord)

di Sigismondo Nastri Quando vivevo ad Amalfi, passando per la piazza del Duomo, non riuscivo a immaginare lo spazio retrostante la fontana del Popolo, dominata dalla statua di marmo dell'apostolo Andrea, senza che si intravedesse, all'ingresso del suo stracolmo negozio di ceramica, la figura pacioccona,...

Settant'anni fa l'arrivo delle spoglie di Andrea Mansi a Ravello

di Achielle Benigno Sono esattamente 70 anni che i resti del marinaio ravellese Andrea Mansi riposano nella sua amata città. Le spoglie del martire, trucidato sulle scale dell'Università di Napoli il 12 settembre 1943, ora sono collocate nel Sacrario dei Caduti della Città della Musica. Il corpo del...

Maradona si curava le caviglie ad Agerola. Quando il dottor Acampora lo portava in campagna da Zia Angelina

Maradona si recava ad Agerola, in gran segreto, per curarsi le caviglie. Il dottore Emilio Acampora, storico medico sociale del Napoli, scomparso quest'oggi all'età di 91 anni, portava il Pibe de oro, nella seconda metà degli anni Ottanta, nel suo paese natale, a casa di sua zia Angelina, in campagna,...

Quando il maggiore inglese accusò il Sindaco di Positano di avergli "strappato" la bellissima moglie

Un maggiore inglese accusò il Sindaco di un paese della Costiera Amalfitana di avergli "stregato" la bellissima moglie. Accadde a Positano nell'estate del 1959. Le cronache dell'epoca, dalle pagine della rivista di gossip "Gente", raccontano lo scandalo e che la cittadina turistica, che di lì a poco...

Scala, gemellini nati prematuri: l'arrivo a casa dopo 4 mesi

SCALA - Aniello e Lorenzo, i due gemellini nati prematuri il 15 dicembre 2020 all'ospedale di Salerno sono nuovamente insieme a casa. Una storia a lieto fine per i genitori Giuseppe Bonaventura e Olimpia Bottone che dopo ben quattro mesi di attesa, complici le restrizioni Covid, mettono alle spalle ogni...