Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 20 minuti fa S. Apollonio martire

Date rapide

Oggi: 10 aprile

Ieri: 9 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureMielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazioneVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieAddio a Francesco Ruotolo, si battè (e vinse) contro le trivelle nel mare della Costiera Amalfitana

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Storia e Storie

Addio a Francesco Ruotolo, si battè (e vinse) contro le trivelle nel mare della Costiera Amalfitana

Scritto da (redazione), martedì 17 novembre 2020 17:49:44

Ultimo aggiornamento martedì 17 novembre 2020 17:50:38

di Donato Bella

Il 15 novembre il Covid-19 si è portato via Francesco Ruotolo. Ammalatosi a fine ottobre, dopo varie tribolazioni la malattia lo ha piegato; a nulla è servito il ricovero d'urgenza al Cardarelli di Napoli, dove si è spento.

Francesco Ruotolo, giornalista, ha trascorso la sua vita da militante politico, prima in Democrazia Proletaria, poi in Rifondazione Comunista. Alle ultime elezioni regionali era stato candidato con la lista Terra!. Soprattutto è stato un esempio di intellettuale impegnato concretamente, mai salottiero ma sempre tra la gente, in prima linea in importanti battaglie a fianco dei più deboli, un antifascista tenace, un punto di riferimento per tante iniziative e per la memoria della sua città, Napoli, dove era anche consigliere della Terza Municipalità con delega speciale proprio alla Memoria.

Ma era anche molto legato alla Costiera amalfitana, dove era arrivato, come professore di Diritto all'Istituto Professionale per il Commercio di Amalfi, negli anni Ottanta.

Proprio qui tanti ragazzi suoi alunni e tanti cittadini e amministratori locali lo hanno conosciuto durante il decennio della lunga e vittoriosa lotta contro le ricerche di idrocarburi che la Elf italiana stava per avviare, anche davanti alla Costa d'Amalfi, grazie ad un'autorizzazione governativa. Per portare avanti quella lotta si costituì un comitato che assunse la denominazione di Comitato Ecologista Costiera Amalfitana (C.E.C.A.), del quale Francesco Ruotolo fu uno dei principali protagonisti.

Non si risparmiò, la sua propensione per le tematiche dell'ambiente, la sua capacità di stare nei movimenti ne fecero un punto di riferimento in quello scontro tra il territorio e la potente multinazionale del petrolio. Sempre pronto e disponibile se si trattava di andare ad affiggere manifesti, fare volantinaggio anche d'estate, sulle spiagge, raccogliere firme, organizzare iniziative pubbliche, confrontarsi con le istituzioni. Sapeva coinvolgere la gente al di là del proprio credo politico, riusciva a mettere al centro del suo agire di militante politico l'interesse della comunità. All'epoca, essendo il sottoscritto responsabile della sezione locale di Democrazia Proletaria, impegnata insieme ad altre forze, associazioni e singoli cittadini nel C.E.C.A., si era stabilito un forte rapporto di collaborazione e amicizia tra noi. Ricordo che ogni tanto mi arriva a casa stanco, dopo una giornata passata avanti e indietro, tra la scuola e le varie iniziative svolte nell'ambito di quella lotta; si fermava rapidamente per un pasto frugale, un veloce riposo e ripartiva. Raccontava che a volte utilizzava il viaggio in pullman per fare qualche ora di sonno. Sì, perché non guidava, per cui ogni spostamento aggiungeva una fatica in più, per lui che si muoveva tra Napoli e la Costiera, territorio nel quale non è stato mai semplice viaggiare coi mezzi pubblici.

Ruotolo, nonostante i modi pacati e la calma caratteriale, era un combattente inarrestabile, un militante determinato, non si fermava davanti a niente, se c'era da agire agiva, con la pioggia o con il vento, acciaccato o meno, solo o con altri, per le cose in cui credeva non lesinava impegno e non si concedeva sosta. Purtroppo, questa malattia infame lo ha stroncato prima del tempo. Ma noi lo ricorderemo sempre per tutto ciò che ha fatto per il nostro territorio in quegli anni di grande lotta e passione, dei quali ha lasciato traccia anche in un dossier che aveva realizzato, stampato e diffuso a beneficio del Comitato e della storia delle lotte ambientaliste in Italia.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Ravello, la storia del bambino rapito e ucciso a Villa Rufolo nel 1841

Nell'aprile 1841 un tremendo crimine venne commesso a Ravello. Un bambino di tre anni venne rapito e sacrificato a Palazzo Rufolo. Una storia raccontata negli atti processuali ma anche in un manoscritto di sir Francis Nevile Reid che dopo nove anni acquistò la villa. La leggenda narrava di un "tesoro...

Un piatto da Dio

di Antonio Schiavo Cosa muove il meraviglioso meccanismo neurologico dei ricordi? Un'immagine, un suono, una sensazione, un profumo? In questo caso...un sapore. Sì, un sapore: quello di uno stupefacente piatto di spaghetti a vongole; una sapiente miscela di pasta al dente, aglio e prezzemolo, olio quanto...

Il ricordo di Angela Della Pietra

di Rita Di Lieto Piccola, graziosa, ti accoglieva con un dolce sorriso, gli occhi vivaci e la gentilezza signorile d'altri tempi, un mondo tutto casa e chiesa. La scuola, asilo dalle Suore Domenicane ed elementari pubbliche, ha avuto su di lei un'influenza durata l'intera sua vita ultracentenaria. Amava...

La troccola del Venerdì Santo: ricordi di Ravello

Nel giorno del Venerdì Santo, in cui si fa memoria della passione e morte di Cristo sulla croce, anche le campane interrompono la loro attività. Il silenzio che un tempo avvolgeva le nostre comunità, nella fede e nella pietà popolare, veniva rotto soltanto dal suono di un particolare strumento. In sostituzione...

Il Venerdì Santo dei nostri nonni: la pia pratica delle tre ore di agonia

di Donato Sarno Un tempo la Quaresima era un periodo di penitenza e mortificazione particolarmente sentito, in cui venivano generalmente e scrupolosamente osservate le norme della Chiesa che imponevano il digiuno e l'astinenza dalle carni in preparazione alla Pasqua. Il Venerdì Santo, giorno di commemorazione...