Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Massimo confessore

Date rapide

Oggi: 25 giugno

Ieri: 24 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e Storie2 Luglio 1940, il naufragio dell’Arandora Star. A bordo perirono quattro persone della Costiera Amalfitana

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaCon il Cuore. Dona alle mense francescane e aiuta i poveri in questo periodo di grande difficoltà

Storia e Storie

2 Luglio 1940, il naufragio dell’Arandora Star. A bordo perirono quattro persone della Costiera Amalfitana

Scritto da (Redazione), mercoledì 1 luglio 2020 19:07:27

Ultimo aggiornamento mercoledì 1 luglio 2020 19:12:38

di Rita Di Lieto

In memoria delle vittime.

L'Arandora Star era un transatlantico della Star Line di Londra, una nave da crociera di lusso con cabine solo di prima classe che, a partire dal suo varo nel 1929, aveva portato in giro attraverso tutti gli oceani l'alta società del tempo, fino a quando la vita nel lusso non s'interruppe bruscamente. L'Europa, in una rapida successione di date, sprofondò nella guerra e la bella nave bianca fu requisita per scopi bellici, ridipinta in grigio, armata con un cannone a prua e adibita al trasporto di truppe.

Il 3 settembre 1939 Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania per contrastare l'aggressiva politica espansionistica di Hitler.

Quando, poi, il 10 giugno 1940 l'Italia, legata alla Germania dal "Patto di amicizia ed alleanza", noto come "Patto d'acciaio", entrò nel conflitto contro Francia e Gran Bretagna, gli Italiani che, nei decenni a cavallo tra Otto e Novecento, a migliaia erano emigrati in Gran Bretagna, si ritrovarono all'improvviso ad essere degli alien enemies, stranieri nemici, considerati pericolosi in quanto potenziali spie.

"Collar the lot!" - fu l'ordine di Churchill, "Metteteli tutti al guinzaglio!" Tutti i maschi italiani furono convocati ai posti di polizia e trattenuti. Vani i tentativi delle donne di avere loro notizie.

I civili italiani furono portati a Bury, nei pressi di Manchester, rinchiusi in una vecchia fabbrica di cotone dismessa, e poi trasferiti a Liverpool per essere internati nelle lontane colonie britanniche.

Il 1° luglio 1940, 734 civili italiani furono imbarcati sull'Arandora Star insieme a 479 civili tedeschi e austriaci, 86 prigionieri tedeschi, 174 membri dell'equipaggio e 200 soldati di guardia, in tutto 1.673 persone; destinazione St. John's, Newfoundland (San Giovanni di Terranova), Canada. La nave viaggiava senza scorta e non vi era dipinta la Croce Rossa ad indicare che c'erano civili a bordo, perché non era una nave ospedale. Il filo spinato impediva l'accesso alle lance di salvataggio, peraltro in numero molto inferiore al necessario, e non erano state date direttive per un'eventuale emergenza.

Il 2 luglio 1940, mentre viaggiava così sovraccarica nell'Atlantico, al nord dell'Irlanda, l'Arandora Star fu colpita in pieno da un siluro lanciato dal sommergibile tedesco U-47 e in poco più di mezzora colò a picco.

L'incrociatore canadese St. Laurent, intercettò l'SOS, rilanciato da Malin Head, l'estrema punta dell'Irlanda del Nord, dove la stazione segnaletica della Torre dell'Ammiragliato fungeva da "vedetta". Il Comando Costiero della RAF (Royal Air Force) inviò in ricognizione un idrovolante che, individuati i naufraghi, fornì le esatte coordinate al St. Laurent che, malgrado avesse navigato con i motori al massimo, giunse a sette ore dall'affondamento e raccolse i sopravvissuti, molti dei quali feriti. Le operazioni di salvataggio richiesero cinque ore. Furono gettate in mare delle cime con cui i nuotatori si legarono e furono issati a bordo. Il mare e i superstiti erano coperti da uno spesso strato di petrolio, il che rendeva difficile pure aggrapparsi a una corda. Pochi riuscivano ad aiutarsi da sé.

All'alba, 868 persone sopravvissute furono sbarcate nel porto di Greenok, nella vicina Scozia e i feriti furono ricoverati al Mearnskirk Hospital di Glasgow.

In agosto e settembre, spinti dalle correnti, a centinaia i corpi degli annegati furono portati a riva nelle selvagge coste dell'Irlanda del Nord e della Scozia. Raccolti con grande rischio dalla povera gente del Donegal e delle Isole Ebridi, furono amorevolmente sepolti.

Il maggior numero di vittime proveniva dall'Appennino tosco-emiliano. Ben 48 ne contò la sola cittadina di Bardi (PR), i cui cittadini nel 1968 hanno creato un comitato per costruire nel cimitero locale una Cappella dedicata alle Vittime dell'Arandora Star. Il responsabile del comitato, Beppe Conti, è il nipote di Guido Conti, che perse la vita all'età di 32 anni in quel fatidico 2 luglio 1940. Ogni anno, il 2 luglio, i parenti delle vittime affluiscono nel cimitero di Bardi dai paesi vicini, da tutte le regioni italiane, dall'Inghilterra e qualcuno perfino dall'Australia per celebrarne l'anniversario.

Cinque le vittime della provincia di Salerno:

Palumbo Gioacchino, nato il 21/3/1897 a Minori, ultima residenza Londra; (43 anni).

Salsano Luigi, nato il 14/6/1921 a Tramonti; ultima residenza Londra; (anni 19).

Tedesco Raffaele, nato il 3/9/1880 a Nocera Inferiore, ultima residenza Edinburgo; (anni 60).

Trombetta Pietro, nato il 1°/8/1892 a Minori, ultima residenza Londra;

Virno Giovanni Battista, nato il 7/10/1888 a Cava de' Tirreni; ultima residenza Londra; (anni 53).

I superstiti del naufragio in grado di viaggiare furono trasferiti a Liverpool e imbarcati sulla Dunera, una nave passeggeri di linea requisita dal governo britannico e dal 1940 adibita al trasporto di truppe dalla Nuova Zelanda in Egitto. Destinazione Australia via Città del Capo.

I feriti rimasero in Inghilterra, mentre altri 200 sopravvissuti furono inviati nell'Isola di Man.

È, questa, una pagina della nostra storia, la storia dell'emigrazione di tanti cittadini della Costiera e dintorni in terre lontane alla ricerca di un futuro migliore.

A 80 anni dal naufragio è nostro dovere ricordarla alle giovani generazioni e rendere onore alle vittime, colpevoli solo di essere Italiani.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Notte di San Giovanni... la più magica dell’anno!

di Gabriele Cavaliere Sembrerebbe che la notte tra il 23 e 24 giugno le "Janare", le streghe nostrane, seguaci della dea Diana (da cui in nome originario dianare), nude, a cavallo di rami di noce, convergessero da ogni dove - anche dalle marine di Conca dei Marini e di Praia - al "Noce di Benevento",...

“Il sole nel piatto”: così Quasimodo definì il soufflé al limone della Caravella di Amalfi [VIDEO]

"Il sole nel piatto". Così Salvatore Quasimodo definì il soufflé al limone del ristorante La Caravella a cui non rinunciava durante le sue sortite amalfitane. Il dolce, una nuvola spumosa bianco panna, come tutte le ricette di successo è nato da un errore. Oggi è un pezzo di storia della gastronomia...

Fu morte Quasimodo a determinare esigenza di un presidio ospedaliero per la Costa d’Amalfi

di Sigismondo Nastri "Ognuno sta solo sul cuor della terra / trafitto da un raggio di sole: / ed è subito sera". E' la poesia che dà titolo alla raccolta omonima di Salvatore Quasimodo, edita nel 1942. In pochi versi il poeta riassume i momenti che caratterizzano il percorso umano: la solitudine, in...

14 giugno 1968: ad Amalfi l’ultimo respiro di Salvatore Quasimodo. La morte in paradiso

Amalfi, 14 giugno 1968. L'ultimo giorno di Salvatore Quasimodo. Il premio Nobel per la letteratura era stato invitato nell'antica Repubblica Marinara per presiedere la giuria del premio nazionale di poesia, organizzato da Giuseppe Liuccio, presidente dalla locale Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo,...

Monacelli e Verginelle: così la Costiera Amalfitana celebra Sant'Antonio

di Gabriele Cavaliere Sant'Antonio è un santo molto caro agli abitanti della Costiera, viene festeggiato a: Amalfi, nella chiesa omonima; Tramonti, nella chiesa di San Bartolomeo Apostolo a Novella; a Ravello, nella chiesa del Convento di San Francesco; Montepertuso (Positano): Marina del Cantone e a...