Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Teresa d'Avila

Date rapide

Oggi: 15 ottobre

Ieri: 14 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Festa della Castagna a Scala in Costiera Amalfitana nei week end del 12 e 13 ottobre e del 19 e 20 ottobre

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniPoliticaMinori: un appuntamento importante per un risveglio delle coscienze

Pellet a euro 4,50 fino al 31 ottobre 2019Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Politica

Minori: un appuntamento importante per un risveglio delle coscienze

Scritto da (Redazione), lunedì 22 aprile 2019 07:30:13

Ultimo aggiornamento lunedì 22 aprile 2019 07:30:13

di Francesco Criscuolo*

Lascia attoniti la cortina di silenzio assordante che avvolge il popolo minorese ad appena un mese dall'appuntamento per il rinnovo degli organi elettivi comunali.

E' un silenzio tanto più stupefacente, quanto più inedito per un'opinione pubblica tradizionalmente attenta e avvezza a un meccanismo di penetrante controllo sociale, talvolta ipercritico, dei fatti amministrativi, tanto da farne oggetto di discussione, anche accesa, in qualsiasi tempo e luogo.

Il disinteresse regna sovrano e si nota un clima di resa incondizionata, che porta a stare alla finestra, come se in campo non ci fossero indirizzi e prospettive capaci di infiammare le menti e riscaldare i cuori.

Non è minimamente pensabile che questo sentimento di estraneità o di freddezza sia da attribuire a un atteggiamento di ignavia, da cui i minoresi sono sempre rifuggiti, data la loro radicata tendenza a uscire allo scoperto, a prendere posizione e a non assimilarsi a quelli che Dante (Inf. III, 64) definisce "sciaurati che mai non fur vivi".

Né è credibile che quella odierna sia una convenienza miope a trincerarsi dietro la ricerca di interessi ristretti e meramente egoistici, che stride con la consueta consapevolezza di ritrovarsi nell'ambito di una sorte comune.

Nulla di più estraneo all'immaginario generale di un senso di inutilità o di umana insignificanza, come quello descritto da Shakespeare nel dramma "Sogno di una notte di mezza estate" (III, II): "Vana è la corsa quando a correre all'inseguimento è la viltà e a darsela a gambe è il coraggio".

In realtà, anche il microcosmo minorese rispecchia la diffusa percezione di disaffezione e quasi di "alienazione" rispetto alla res publica che si registra in vaste aree del mondo occidentale, con la prevalenza del rifugio nel privato per non affrontare i rischi connessi alla lotta politica.

C'è, però, una serie di ragioni specifiche, che rendono conto di questa condizione anomala di avvitamento.

In primo luogo, non è difficile riscontrare il crollo rovinoso del castello di illusioni, correlato a modelli organizzativi ed operativi del potere pubblico che si sono radicati in capo a ben poche figure di riferimento.

Basti pensare che dal dopoguerra ad oggi si sono succeduti appena quattro sindaci, con notevole pregiudizio degli stessi capisaldi della democrazia, mentre in tutti i comuni viciniori la regola generale è stata l'alternanza costante, che è il sale della vitalità democratica. Le classi dirigenti locali si sono autoriprodotte come per gemmazione spontanea, mosse, per usare un'espressione del poeta francese Paul Eluard, da un "duro desiderio di durare", a detrimento delle speranze nutrite ai fini dell'attuazione di progetti di ampio respiro economico e civile.

In secondo luogo, è venuta in essere una sorta di eclisse della politica come bene della polis nel suo complesso, che ha indotto i più alla rinuncia a idee forti e alla conseguente assenza di una visione organica del destino del paese negli anni a venire per ripiegare sul piccolo cabotaggio quotidiano.

In terzo luogo, il perseguimento, piuttosto a larghe maglie, di interessi talora inconfessabili ha generato un ossequio acritico e una specie di obligatio naturalis al sostegno politico in cambio dell'elargizione copiosa di favori, la cui reale natura di diritti soggettivi finisce per essere oscurata, dal momento che un segmento vitale della Pubblica Amministrazione viene concepito come una cornucopia di consensi più che come fonte istituzionale di erogazione di servizi relativi a quello che l'art. 32 Cost. It. definisce "diritto fondamentale dell'individuo e interesse della collettività".

D'altro canto, coloro che sono stati sui banchi dell'opposizione nell'ultimo trentennio (quorum scribens) si sono prodotte in un'azione di contrapposizione frontale, spesso inquinata da personalismi più o meno accentuati, e, per ciò stesso, sterile e foriera di non poche lacerazioni del contesto collettivo.

Ben a ragione Machiavelli ha scritto nei "Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio": "Non si dolgano i principi d'alcuno peccato che facciano i popoli, ch'egli ha in governo, perché tali peccati conviene che nascano o per sua negligenza, o per esser lui macchiato di simili errori".

Quel che più preoccupa è il rarefarsi progressivo del senso di appartenenza, vale a dire dell'esigenza di sentirsi e riconoscersi come una comunità di vita.

Un paese non è un puro luogo geografico o un agglomerato amorfo di abitazioni e i cittadini non sono dei semplici abitanti o, peggio, degli inquilini avulsi dagli elementi costitutivi e dalle ragioni dello "stare insieme". Nessuno è un'isola. Siamo, invece, tutti un arcipelago, le cui isole sono bagnate dallo stesso mare.

La necessaria distinzione dei ruoli e la correttezza delle relazioni interistituzionali, ma anche la solidarietà, l'inclusione, la coesione sociale, la condivisione di valori, di diritti e di doveri rappresentano l'impalcatura dell'organizzazione della convivenza. Lo svolgimento delle attività di ognuno non è un fatto a sé stante, ma trova la ragion d'essere entro una sfera di interessi che superano quelli puramente individuali e non possono ignorare la gestione amministrativa come motore di un vissuto non solipsistico.

Il Presidente della Repubblica Mattarella ha ben chiarito questi concetti, quando, nel messaggio di fine anno 2018, ha fatto osservare che non basta limitarsi alla semplice delega e che non è giusto non sentirsi coinvolti nella responsabilità per l'esito gratificante o catastrofico dell'agire politico anche di coloro che sono ritenuti "i migliori", perché ciascuno di noi è, in misura più o meno grande, protagonista del futuro proprio e di quello degli altri consociati.

Lo stesso capo dello Stato ha aggiunto testualmente che comunità "vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri, vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono, battersi, come è giusto, per le proprie idee, rifiutare l'astio, l'insulto, l'intolleranza, che creano ostilità e timore".

Sarebbe un vero controsenso che un popolo, in quanto tale, fosse ostaggio dell'indifferenza, del quieto vivere, della paura.

Si ha bisogno di rompere con un movimento circolare che fa ruotare ognuno attorno a se stesso. Il virus individualista fa spazio a processi di disgregazione dei legami civici e dei rapporti interpersonali e porta all'assolutizzazione dell'io, con la conseguenza della crescita del fenomeno inquietante della solitudine anche nei nostri piccoli centri. La solitudine materiale e morale investe i giovani disillusi e demotivati, come chi invoca implicitamente aiuto nelle tribolazioni personali o familiari e non trova ascolto o gli anziani, segnati dalla sofferenza per non avere nessuno vicino a sé, o chiunque sia bisognoso di assistenza o di conforto e rimane abbandonato a se stesso, senza alcun supporto né pubblico né privato.

La realtà innegabile della solitudine è una ferita inferta nel corpo vivo di qualsiasi aggregazione sociale, è una grave malattia che colpisce tanti nostri fratelli più di quanto si possa pensare, facendoli rientrare nel novero degli "invisibili". Essa interpella tutti e suona come uno sprone a non rinchiudersi nel cerchio protetto delle associazioni ecclesiali e non, ma a "sporcarsi le mani" anche con l'impegno politico e sociale notoriamente definito da S. Paolo VI "la più alta forma di carità".

Tocca soprattutto ai giovani, non incattiviti da ambizioni distorte né induriti dalla sete di potere né compromessi con un passato di divisioni rancorose, dedicare attenzione a un tessuto sfilacciato, riprendere con coraggio l'iniziativa e mettere in atto misure per invertire la rotta, aprirsi a una revisione anche autocritica per sottrarsi al rischio dell'irrilevanza, contribuendo a far emergere una coscienza comunitaria più vigile.

E' una sfida che i cittadini di Minori, di fronte ai momenti cruciali delle scelte per il bene comune e pur nella legittima diversità delle idee, possono affrontare per dar luogo a un risveglio operoso e a una vera primavera di rinascita, indirizzando le nuove generazioni verso orizzonti che non siano quelli della sfiducia, della rassegnazione, della passività, della sudditanza psicologica e culturale.

Il tempo è poco, ma ci sono le condizioni per farcela.

*già dirigente scolastico del Liceo "Ercolano Marini" di Amalfi

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Elezioni Amalfi, Pisacane: «Alternativa ci sarà, con proposte chiare e concrete»

Riceviamo e volentieri pubblichiamo intervento dell'avvocato Gennaro Pisacane che precisa circa il suo possibile impegno politico alle prossime elezioni amministrative che nella primavera del 2020 interesseranno il comune di Amalfi. Pisacane - già capogruppo di maggioranza dell'amministrazione Del Pizzo...

Elezioni 2020, in Costiera Amalfitana tre paesi alle urne: Amalfi, Maiori e Positano

Sono tre i comuni della Costiera Amalfitana chiamati, nella primavera 2020, al rinnovo di Sindaco e Consiglio comunale. Si tratta di alcuni dei centri più importanti del comprensorio: Amalfi, Maiori e Positano, per un totale di circa 16mila elettori aventi diritto (previsti 10mila alle urne). Mentre...

Ravello, Felicori sospende gara da 100mila euro per contenuti multimediali di Villa Rufolo

La Fondazione Ravello ha sospeso in autotutela la gara da 100mila euro per il restyling dei contenuti multimediali della torre-museo di Villa Rufolo e dell'organizzazione delle modalità di visita. Il bando, pubblicato il 23 agosto scorso dalla direzione di Villa Rufolo, era in scadenza il 24 settembre....

Maiori, sciolto comitato genitori contro box auto sotto edificio scolastico di Via De Jusola

Raggiunto il suo scopo primario, quello di evitare la realizzazione del progetto che prevedeva la realizzazione di box auto interrato per il nuovo plesso scolastico, a Maiori si scioglie il comitato "No box auto sotto l'edificio scolastico di Via De Jusola", presieduto da Nicola Mammato. Il movimento...

«Sindaco molto distratto e superficiale»: Insieme per Ravello attacca Di Martino su incedio Torello

In merito agli incendi sparsi verificatisi domenica scorsa nella frazione di Torello, al termine dello spettacolo pirotecnico dell'Addolorata, è intervenuto il movimento Insieme di Ravello, rappresentato tra i banchi della minoranza in Consiglio comunale da Paolo Vuilleumier e Gianluca Mansi. Attraverso...