Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Giovanni della Croce

Date rapide

Oggi: 23 novembre

Ieri: 22 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaGambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniPoliticaLa Disfida di Ravello. Sindaco: «Felicori deve andare via» e Amalfitano suona la carica [VIDEO]

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Politica

La Disfida di Ravello. Sindaco: «Felicori deve andare via» e Amalfitano suona la carica [VIDEO]

L’ex direttore di Villa Rufolo “ferito” detta la linea di Palazzo Tolla e si rivolge ai cittadini: «Ho la certezza che si sta colpendo, attraverso di me il mio paese, Ravello, e tutti voi»

Scritto da (Redazione), domenica 17 novembre 2019 20:28:21

Ultimo aggiornamento martedì 19 novembre 2019 09:33:56

di Emiliano Amato

«Felicori deve andare via perchè ha dimostrato di non voler bene al nostro paese». «Noi siamo fuori dalla Fondazione ormai». Ci è andato giù duro questo pomeriggio il sindaco di Ravello Salvatore Di Martino che nel dibattito pubblico svoltosi all'auditorium "Oscar Niemeyer" (trasmesso in diretta stremaming e registrato dalla piattaforma comunale di facebook e visibile in basso) ha ribadito la necessità di riportare Ravello e i Ravellesi al centro delle attività della Fondazione. Secondo Di Martino il commissario straordinario Mauro Felicori non avrebbe rispettato le priorità del suo mandato: modifica dello statuto della Fondazione con il conseguente conferimento dei tre beni (Villa Rufolo, Palazzo Episcopio e Auditorium) all'ente di cui Regione Campania e Comune sono soci fondatori.

«Gestione scellerata, individualista che non ha tenuto conto non solo del Comune di Ravello in sé ma di tutto il territorio»: così il primo cittadino ha giudicato i dieci mesi di gestione commissariale e rivela: «Abbiamo chiesto al commissario di spendere i soldi per la sistemazione dell'Auditorium (ha parlato di 300mila euro ndr) e lui ha risposto che non poteva, visto che è un bene comunale».

 

Testimonial della battaglia di "dignità cittadina" il chirurgo napoletano Gennaro Rispoli, ravellese d'adozione.

Ma l'appuntamento, a cui hanno preso parte poco più di 150 cittadini (assenti i rappresentanti delle minoranze di Insieme per Ravello e Ravello nel Cuore), si è rivelato tutto sommato incentrato sulla vicenda relativa al licenziamento di Secondo Amalfitano da Villa Rufolo. L'ex direttore non ha lesinato attacchi diretti al manager felsineo che non avrebbe tenuto conto dei numeri del suo operato in circa dodici anni di attività alla guida del monumento pubblico più prestigioso della Città della musica. Amalfitano ha parlato di una sua previsione di bilancio, avanzata lo scorso gennaio, per 3,9 milioni di euro in entrata e altrettanti in uscita. Stando a quanto rivelato in sala, le previsioni di Felicori, approvate ad aprile, si sono mantenute su un milione e mezzo di euro. L'ex sindaco ha poi parlato di somme di danaro relative ai bilanci di Villa Rufolo distratte dalla precedente gestione per altre finalità.

Apparso visibilmente colpito ma non per questo remissivo, ha difeso con forza la sua gestione annunciando fiducia nella magistratura circa il suo ricorso al provvedimento di licenziamento. «Ci sono state persone che si sono scagliate con una violenza inaudita contro di me, la mia storia, la mia persona, i miei trascorsi» ha detto, aggiungendo che «dovranno rispondere, perché mi hanno venduto al paese come un incompetente». Il riferimento, esplicito, è al governatore della Campania Vincenzo De Luca che ebbe a definire la situazione politica di Ravello come un pollaio o piccoli feudi.

Sul punto specifico Di Martino ha cercato di minimizzare e buttare acqua sul fuoco, per una questione di rispetto istituzionale.

A difendere, d'ufficio, la posizione di Amalfitano, è anche il suo legale Paolo Imperato, convinto di poter affermare, in giudizio, le ragioni del suo assistito, di cui ha evidenziato le capacità professionali e umane. «Ho la certezza che si sta colpendo, attraverso di me il mio paese, Ravello, e tutti voi» ha detto Amalfitano.

Diversi gli interventi dal pubblico, tra cui l'albergatore Gino Schiavo con una considerazione di carattere politico e l'ex direttore di produzione del Ravello Festival Antonio Fraulo. Quest'ultimo, in maniera diretta, ha imputato al sindaco responsabilità su quello che è lo scenario attuale (paragonato all'attuale condizione di Venezia), ricordando che al suo allontanamento dall'ente che organizza il Ravello Festival il Comune non ha agito come in questo caso.

A chiudere è stato Secondo Amalfitano che sembra dettare la linea indicando al Comune la strada per liberarsi del commissario Felicori. «Il Consiglio Comunale deve nominare dal 3 gennaio i tre rappresentanti del Comune. Però c'è un particolare: i tre rappresentanti non faranno rinnovare il commissariamento a Felicori ma dovranno poi fare la modifica allo statuto senza il quale i tre beni non possono andare alla Fondazione. Questa cosa nessuno la vuole capire, loro».

«La Fondazione è un soggetto di diritto privato i beni sono pubblici non possono essere dati direttamente a un privato. Allora bisogna modificare lo statuto come hanno fatto in altri posti d'Italia» ha chiosato Amalfitano, pronto alla nuova battaglia.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Politica

Ospedale Costa d’Amalfi, Piero De Luca (Pd): «Auspicabile riflessione ulteriore su riorganizzazione aziendale»

«Condivido le preoccupazioni dei sindaci della Costiera amalfitana sulla riorganizzazione aziendale del presidio ospedaliero Castiglione di Ravello». Così in una nota il deputato del Partito Democratico, Piero De Luca. «Ho raccolto le sollecitazioni che mi sono arrivate in queste ore dai tanti amministratori...

Ospedale Costa d’Amalfi fuori dall’Azienda Ospedaliera Ruggi. Mansi (PD Ravello): «La Regione faccia un passo indietro»

Il presidio ospedaliero della Costa d'Amalfi sarà presto fuori dalla rete dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona" di Salerno. Una scelta inaccettabile che vedrà il nosocomio costiero tra le strutture afferenti all'Azienda Sanitaria Locale di Salerno. Stravolgimenti...

Vietri, disagi per lavori stradali a Raito: L'Alternativa scrive al sindaco De Simone

«Abbiamo ritenuto di portare all'attenzione del Sindaco e degli Uffici preposti la situazione paradossale venutasi a creare a Raito di Vietri sul Mare, in via Gianturco, a seguito dello "pseudo"-inizio dei lavori relativi all'allargamento della sede stradale. Sono le parole presenti in un comunicato...

Sindaci Costa d'Amalfi a difesa dell'Ospedale di Castiglione: firmati atti ufficiali, chiesto incontro con governatore De Luca

Ognuno dei 14 comuni rappresentati nella Conferenza dei Sindaci della Costa d'Amalfi ha approvato delibera di giunta municipale con la quale si chiede al governatore della Campania, Vincenzo De Luca, di revocare la delibera di giunta regionale, la 474 del 3 novembre, che di fatto "separa" il presidio...

Ospedale Costa d'Amalfi staccato dal Ruggi, l'interrogazione del senatore Antonio Iannone di Fratelli d'Italia

Nella giornata di ieri è stata depositata un'interrogazione parlamentare rivolta al ministro della Salute Roberto Speranza, firmata dal senatore salernitano di Fratelli D'Italia Antonio Iannone centrata sull'incresciosa delibera di Giunta regionale, la 471 del 3 novembre, che "separa" il presidio ospedaliero...