Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Gabriele dell'Addolorata

Date rapide

Oggi: 27 febbraio

Ieri: 26 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniPoliticaFondazione Ravello, Comune socio "minoritario": per Lelio Della Pietra le responsabilità sono del Sindaco Di Martino

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Politica

Fondazione Ravello, Comune socio "minoritario": per Lelio Della Pietra le responsabilità sono del Sindaco Di Martino

L'ex componente il CGdI: «Il Sindaco avrebbe dovuto sapere il dono che la Regione riservava a lui e a Ravello!»

Scritto da (Redazione), martedì 7 gennaio 2020 09:44:31

Ultimo aggiornamento martedì 7 gennaio 2020 18:44:34

I suoi sono interventi rari ma che raccolgono sempre unanimi apprezzamenti tra i nostri lettori per il contributo che offrono all'analisi di fatti e circostanze legate alla Fondazione Ravello. Con una lettera indirizzata al Direttore responsabile, l'avvocato Lelio Della Pietra, componente l'ultimo Consiglio Generale d'Indirizzo della Fondazione fino al 31 dicembre del 2018, ricostruisce e commenta gli ultimi tredici paradossali mesi di vita dell'ente che organizza il festival, dalla convinta richiesta di commissariamento da parte del sindaco di Ravello, al depotenziamento del Comune secondo il nuovo statuto.

Il legale del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che aveva redatto il celeberrimo "libro nero" di Ravello, una dettagliata relazione da 25 pagine in cui vengono rivelati fatti e misfatti dei precedenti 4 anni di gestione dell'Ente del Ravello Festival, dal primo commissariamento alla breve presidenza De Masi e a quella di Maffettone, attribuisce al sindaco Salvatore Di Martino tutte le responsabilità del fallimento.

Segue testo integrale a firma di Della Pietra.

 

Egregio Direttore,

la parabola - intesa come fenomeno che, raggiunto il culmine della sua fase ascendente, inizia a decadere - della Fondazione Ravello, meriterebbe da tutti una riflessione non di parte.

C'era una volta - e c'è ancora - un Sindaco, il quale in Fondazione avrebbe potuto far valere le esigenze della comunità da lui amministrata attraverso tre componenti del Consiglio di Indirizzo, persone perbene (mi ci metto poco modestamente anch'io), lontane dalla politica non solo locale, professionisti riconosciuti nei propri campi, legati alla città di Ravello, esperti (a diversi gradi di competenza, è ovvio) di musica, dotati di una propria idea di Festival, cioè dell'evento primo della mission della Fondazione.

Quei componenti, però, avevano il difetto non tanto di essere stati designati dall'Amministrazione precedente, quanto di pensare e conseguentemente operare in Fondazione con la propria testa, sempre e solo comunque nell'interesse di Ravello: cocciuti tutti tre, e rispettosi dell'osservanza delle regole (a cominciare da quelle statutarie).

Ma non così cocciuti che, ove mai il Sindaco avesse anche solo una volta indicato loro i desiderata del Comune - recte: della città di Ravello -, non li avrebbero portati avanti, sempre - vista la particolarità dei tre soggetti - filtrandoli attraverso la libertà del proprio pensiero.

Sennonché il profilo dell'autonomia contrasta con gli indirizzi della politica attuale - ma forse della politica in generale -, che interpreta il rapporto tra designante e designato (in un qualunque organo la cui composizione è riservata, appunto, a scelte politiche) come supina accondiscenza del secondo al primo, il quale solo perché messo in un certo posto dovrebbe smettere di fare i conti con le proprie esperienze umane e professionali - che in tesi avrebbero dovuto rappresentare proprio i requisiti della nomina - per appiattirsi sugli ordini via via trasmessi.

Anche il Sindaco di Ravello è caduto nell'antico vizio e, specie dopo essere entrato a far parte anch'egli del Consiglio di Indirizzo della Fondazione, non ha compreso che operare insieme ai tre componenti pur scelti dal suo predecessore, piuttosto che avversarli anche dall'interno, doveva servire a frenare l'operatività della Regione, che in Fondazione già imponeva le sue scelte, neppure sempre chiare, che quei tre erano rimasti a contrastare praticamente da soli.

E per intendere tutto questo al Sindaco di Ravello sarebbe bastato anche solo leggere i giornali, visto che più e più volte il Presidente della Regione aveva reso manifesta la personalissima equazione per cui ai soldi (sotto forma di contributi regionali) deve corrispondere (al San Carlo, come a Ravello, e come in altre realtà culturali) il comando del soggetto (la Regione) che i soldi mette.

Che cosa si proponesse, allora, il Sindaco quando a gran voce reclamava l'intervento della Regione attraverso un commissariamento del quale mancavano tutti i presupposti, è difficile immaginarlo.

A meno di non voler ritenere che, non avendo la capacità, e non essendo dotato della professionalità (il Comune di Ravello, ovviamente, non lui) per risolvere il problema Auditorium, che pesa sulle casse del Comune senza neppure riuscire a manutenerlo (non parliamo di sfruttarlo adeguatamente), avesse considerato la Regione il soggetto adatto a togliere ...le castagne dal proverbiale fuoco, consentendo al Comune, per il tramite della Fondazione nella quale sarebbero dovuti conferire anche Villa Rufolo e Villa Episcopio, la gestione non antieconomica di quei beni.

Se così non avesse pensato, il Sindaco di Ravello, davvero non si comprende per quale ragione - anche solo con gli elementi a quel tempo noti - abbia rinunciato alla designazione dei tre componenti del Consiglio di Indirizzo di propria competenza, e si sia agitato per il commissariamento che, a prescindere dalla figura del Commissario poi incaricato, in nessun'altra direzione sarebbe potuto sfociare se non in quella dell'acquisizione da parte della Regione della Fondazione che porta il nome di Ravello.

Né si dica che al Commissario volevasi delegare la revisione dello Statuto, sia perché per Statuto quella revisione si apparteneva al Consiglio di Indirizzo, nel quale i tre componenti che fossero stati designati dal Sindaco avrebbero potuto far valere le indicazioni del Comune di Ravello; sia perché è davvero da ingenui - e di certo il Sindaco di Ravello tale non può dirsi - non capire anticipatamente che la revisione sarebbe avvenuta secondo gli interessi della Regione.

Oggi a scelte fatte, ovviamente tutte a favore della Regione, il Sindaco insorge, l'opposizione protesta (ma invece di protestare all'epoca avrebbe potuto impugnare il commissariamento), la stampa locale diffonde la generale indignazione per l'espropriazione della Fondazione da parte della Regione Campania.

Ma come si è cercato di dimostrare si tratta di una non sorpresa, un po' come la brutta abitudine oramai invalsa di chiedere al destinatario di un regalo ciò che desidera, e poi farglielo recapitare.

Il Sindaco avrebbe dovuto sapere il dono che la Regione riservava a lui e a Ravello!

Con i consueti molti cordiali saluti.

Lelio della Pietra

>Leggi anche:

Fondazione Ravello, interviene Lelio Della Pietra: «Mio memoriale non c'entra con conflitti attuali»

Af-Fondazione Ravello: ecco tutti i retroscena nel "libro nero" di Lelio Della Pietra. Buona fortuna Dottor Felicori

Fondazione Ravello «in attesa di un commissariamento ancora una volta illegittimo»

Fondazione Ravello, Vuilleumier attacca Di Martino: «Commissariamento prova d'incapacità amministrativa»

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Ri-Fondazione Ravello, ecco le proposte del Comune

Il Comune di Ravello rende noto il documento contenente le proposte strategiche e di modifica dello statuto avanzate ieri, nel corso della seduta di Consiglio Generale d'Indirizzo celebratasi a Palazzo Sant'Agostino, sede della Provincia di Salerno. Il sindaco Salvatore Di Martino, con l'avvocato Paolo...

Fondazione Ravello, Comune presenta proprie ipotesi di modifica allo statuto

Si è svolta questo pomeriggio, a Palazzo Sant'Agostino, sede della Provincia di Salerno, la seconda seduta del Consiglio Generale d'Indirizzo della Fondazione Ravello per la condivisione del percorso per le modifiche al nuovo statuto dell'ente, redatto da Mauro Felicori. Oltre al neo commissario straordinario...

Almerina Bove commissario della Fondazione Ravello: arriva il decreto di nomina

Con decreto presidenziale numero 31 del 19 febbraio 2020, il governatore della Regione Campania ha nominato ufficialmente l'avvocato Almerina Bove, commissario della Fondazione Ravello. Il vice capo di Gabinetto della Giunta regionale era stata designata prima dell'inizio del Consiglio generale d'indirizzo...

Ravello, polemiche sulla gita ad Assisi: minoranza chiede criteri di scelta dei partecipanti

Conoscere le modalità di pubblicizzazione della gita organizzata dal Comune di Ravello per Assisi dal 10 al 12 febbraio scorsi, riservata esclusivamente agli anziani, nonché l'elenco delle domande pervenute al protocollo del comune con relativo elenco ufficiale dei partecipanti. È quanto chiedono i consiglieri...

Fondazione Ravello, staffetta Felicori-Bove scaturisce soltanto da un evento postelettorale

di Umberto Belpedio Ravello. Era fin troppo scontato che Mauro Felicori, dopo lo straripante successo elettorale nel voto regionale dell'Emilia Romagna e della nomina ad assessore alla Cultura della Giunta presieduta da Stefano Bonaccini, lasciasse l'incarico di Commissario della Fondazione Ravello....