Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 52 minuti fa S. Albino vescovo

Date rapide

Oggi: 1 marzo

Ieri: 28 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAntica Pasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830, la tradizione a casa vostra con i dolci pasquali di Pansa, oggi anche on line

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoRischio idrogeologico in Costiera Amalfitana: affrettiamoci a trovare le giuste soluzioni

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Sal De Riso augura a tutti i lettori de Il Vescovado una Buona Pasqua e invita a visitare il suo nuovo portale dedicato ai suoi capolavori di dolcezza: La Colomba pasquale

Lettere al Vescovado

Rischio idrogeologico in Costiera Amalfitana: affrettiamoci a trovare le giuste soluzioni

Scritto da (redazione), martedì 2 febbraio 2021 17:16:28

Ultimo aggiornamento martedì 2 febbraio 2021 17:34:59

Riceviamo lettera a firma di Roberto Palumbo, docente ravellese in servizio all'istituto d'istruzione superiore "Fantoni" di Clusone, nella bergamasca. E pubblichiamo.

Gentile Direttore,

ho da poco visto, di ritorno da scuola, le immagini della frana che questa mattina ha interessato Amalfi e con essa tutta la Divina Costiera. Mi sto ancora chiedendo se la Madonna o san Biagio hanno evitato il peggio, ma forse bisogna pensare che ancora una volta sia intervenuto l'intero Paradiso ad impedire che, sotto lo stupendo sole di questo 2 febbraio, giorno della Candelora, si contassero i morti. Già! Vedendo le foto mi sono domandato che cosa sarebbe successo se un bus, carico al 50% di studenti, si fosse trovato in quel momento a passare nella zona interessata dallo smottamento. Un pensiero che ho subito rimosso, ma che non ha impedito un legittimo sdegno di fronte all'ennesimo pericolo che si abbatte sul territorio della Costiera Amalfitana. Un pericolo che ancora una volta, è bene ribadirlo, deriva dal principale problema della Divina, ossia la fragilità e l'instabilità del territorio.

Già nel dicembre 2019, pochi giorni prima di Natale, ci trovammo ad assistere impotenti ad una serie di smottamenti lungo tutta la fascia costiera che confermava che la Costa d'Amalfi, celebrata ed esaltata da sempre, è un biscotto che si spappola nell'acqua, un pane biscottato, nu vscuoott, che mettiamo nell'acqua per poi preparare la caponata. Purtroppo, però, il territorio che frana non ci procura la gioia gustativa della caponata, ma ci lascia sgomenti e ci fa alzare ancora una volta lo sguardo e le mani al cielo in segno di ringraziamento.

Mi verrebbe da citare una celebre frase latina riecheggiata in questi giorni a proposito della crisi politica. Dovrei chiedermi con Cicerone "Quo usque tandem abutere, patientia nostra, Catilina?" ("Fino a quando abuserai della nostra pazienza, Catilina?").Ovviament, dovrei usare il verbo alla seconda persona plurale e Catilina sarebbe un personaggio collettivo, non un singolo responsabile. Ma oggi, di fronte a questa ennesima tragedia evitata, non è tempo di polemica, non serve puntare il dito contro Tizio, Caio o Sempronio. Tizio Caio e Sempronio continueranno a prenderci per i fondelli, per non dire altro, e a lasciare che il problema resti irrisolto o venga apparentemente risolto con qualche intervento di facciata.

Ora è tempo di agire come cittadini! A dicembre 2019 ci fu l'appello di qualche personalità del mondo della cultura sensibile alla questione, ma tutto si è concluso con un nulla di fatto se, ancora oggi, dobbiamo percorrere le strade della Costiera "con le Ave Maria in bocca", come dicevano le nostre nonne. La cultura e gli appelli degli uomini di cultura hanno più successo per altro. E lo abbiamo visto in qualche territorio della Costiera.

Ma oggi non è tempo di polemica! Dobbiamo adoperarci e insistere "al momento opportuno e non opportuno", come direbbe san Paolo, perché la tutela e la messa in sicurezza del territorio della Divina Costiera siano in cima alla lista degli impegni di tutti gli Enti preposti, dal più piccolo al più grande.

Costituiamo in ogni Paese della Costiera un comitato che, ogni giorno, pungoli le autorità, affinché si diano da fare e non accampino pretesti o continuino nell'annosa pratica dello scaricabarile. Una volta al mese questi comitati valutino lo stato delle cose, verifichino il da farsi e le modalità per agire, sempre ovviamente in maniera civile. Contattino chi di dovere, non si lascino infinocchiare da promesse che restano tali, come da anni stiamo verificando, e forse qualcuno si muoverà, anche in periodi non elettorali.

Oggi, non è tempo di polemica, ma di presa di coscienza del problema e di azioni concrete e possibilmente efficaci. Lo chiedo anche ai singoli Amministratori, dei quali rispetto l'operato e non mi permetto di giudicarlo, perché so quanto complesso sia oggi la gestione della "cosa pubblica". Se è stato fatto qualcosa, li ringrazio, ma dobbiamo prendere atto che bisogna fare molto di più, prima che sia troppo tardi. Sarebbe veramente paradossale se i cittadini della Costiera scampassero al Covid per morire schiacciati sotto le frane.

Diamoci da fare. Non ci fermi l'emergenza pandemica. Non confidiamo nella bella estate che, grazie all'indotto economico, ci fa dimenticare di stare seduti su una polveriera o meglio su rocce che franano e ci restituisce l'illusione di vivere in una terra baciata dal Cielo. Affrettiamoci a trovare le giuste soluzioni, prima che nella caponata di rocce e fango ci siano come ingredienti anche i nostri corpi.

Quella caponata sarebbe veramente difficile da digerire.

Cordialità.

Roberto Palumbo

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Ravello, soppressione Monastero Santa Chiara: "affronto" alla tradizione religiosa e culturale di Ravello

Riceviamo lettera a firma dell'imprenditore ravellese Gino Schiavo in merito alla paventata soppressione del Monastero di Santa Chiara di Ravello. E pubblichiamo. La notizia della possibile soppressione del Monastero di Santa Chiara ha colto amaramente di sorpresa tanti ravellesi. Se è vero che in qualche...

Professò, cosa hai combinato?

di Gabriele Cavaliere Premio Furore Giornalismo. Hostaria di Bacco. Entrambi non mancavamo mai. - Professò (era stato docente di letteratura italiana) tenit'a venì. Stò organizzando na' bella cosa per il mese di giugno. Ho immaginato un programma fantastico, attingendo gli argomenti dai tuoi libri. Quei...

Lettera a Teresa

Pubblichiamo lettera a firma dell'ingegner Antonio Taiani indirizzata all'anima buona della nipote Teresa Criscuolo. Segue testo Ancora una brutta notizia ha colpito Maiori nelle già precaria situazione pandemica, che ci sta distruggendo. Noi familiari siamo ancora increduli di quanto accaduto. Carissima...

Ravello, cons. Cantarella: «Da Ministro Brunetta ci aspettiamo 'rivoluzione buona'» [LA NOTA]

Dopo una settimana, la nomina di Renato Brunetta, cittadino onorario di Ravello, a Ministro della Repubblica nel governo Draghi non sembra aver prodotto alcuna reazione nel mondo politico istituzionale ravellese e della Costiera Amalfitana. Già dalla serata di venerdì, all'ufficializzazione dell'esecutivo...

Ravello d’inverno, qui lo spirito si eleva in una sensazione di dolcezza infinita

Appena una anno fa, nel febbraio 2020, pochi giorni prima che il mondo piombasse nella pandemia con conseguente lockdown, una nostra affezionata lettrice che risiede da decenni a Vipiteno (suggestiva cittadina in provincia di Bolzano, ora ricoperta dalla neve con temperatura -18) ma originaria di Napoli,...