Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 56 minuti fa S. Albino vescovo

Date rapide

Oggi: 1 marzo

Ieri: 28 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAntica Pasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830, la tradizione a casa vostra con i dolci pasquali di Pansa, oggi anche on line

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoLe Scuole non sono mai state chiuse

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Sal De Riso augura a tutti i lettori de Il Vescovado una Buona Pasqua e invita a visitare il suo nuovo portale dedicato ai suoi capolavori di dolcezza: La Colomba pasquale

Lettere al Vescovado

Le Scuole non sono mai state chiuse

Per Amore e non senza Ragione. O dell’Indignazione non dissimulata

Scritto da (redazione), venerdì 5 febbraio 2021 19:17:34

Ultimo aggiornamento venerdì 5 febbraio 2021 21:20:18

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firmata di 62 docenti della provincia di Salerno, con maggioranza della Costa d'Amalfi, componenti il comitato "30 Gennaio" che rivendicano piena dignità per la scuola che innanzitutto non deve essere riduttivamente considerata terreno di scontro politico. Una scuola che non è mai stata chiusa, per cui è scorretto affermare di riaprirle. Già, perché si è continuato a garantire le lezioni attraverso una modalità nuova, imposta dall'emergenza sanitaria. I docenti approvano la didattica a distanza, sulla base del presupposto che non è importante il luogo fisico ma il modo di fare scuola, con dedizione e professionalità.

Segue testo integrale della lettera firmata.

Per Amore e non senza Ragione. O dell'Indignazione non dissimulata

Quella che segue è la sintesi ragionata di un confronto tra insegnanti: un testo nato con l'intenzione di tradurre il sentimento, l'urgenza, le visioni e le ansie, di chi, non presente al Centro pulsante delle decisioni rapide, ha bisogno di riflettere sul proprio statuto e sulle responsabilità connesse al suo ruolo.
Per Amore, solo per Amore: del nostro lavoro, del compito da cui ci siamo sentiti sempre investiti e che in questi giorni vediamo sminuito, trasformato quasi in merce di scambio elettorale. Ridotti in acefali soldatini, siamo chiamati a obbedire, senza dibattere, a O.M. che, a ritmo pulsante, si rincorrono e si contraddicono, lasciandoci smarriti con interrogativi aperti e risposte mai evase.

Per Amore, solo per Amore: di una dignità professionale attentata da un pregiudizio, quello del parassitismo, alimentato oggi da quanti, contrapponendo due tesi, la scuola aperta vs la scuola chiusa ovvero lezioni in presenza vs a distanza, riducono tutta la complessità sottesa a queste differenti scelte educative ad una semplicistica logica manichea ignara dell'impegno, versatilità e studio con cui abbiamo ricolmato nei nostri alunni il senso di una serena normalità, ferita dalla pandemia.

Per Amore, solo per Amore: della Scuola e delle giovani generazioni di cui finalmente tutti sembrano preoccuparsi (speriamo non per ipocrita facciata), oggi che l'Assenza ne ha imposto l'urgente Presenza.
Indignazione. Questo il sentimento che abbiamo provato tutti quando, al termine di un tira e molla, si è dettato il nuovo calendario di riapertura; subito contraddetto e poi ripreso, smentito e confermato dalla certezza torbida dei nostri rappresentanti politici.

Riaprire le scuole, ritornare a scuola: solo chi non ha mai vissuto o meglio Amato la scuola poteva riaprire la scuola! Chi per AMORE, solo per Amore, ha lavorato nella scuola sa che questa non è mai stata chiusa, perché non è il dove ma il Come ad essere la cifra distintiva di questa istituzione; d'altronde cosa aspettarsi da chi pensava a banchi con le rotelle per risolvere i problemi incancreniti nel tempo quali la dispersione scolastica, le classi pollaio, il divario digitale, l'analfabetismo di ritorno e basta così!

Ieri, tra mille impressioni ne percepivamo una: il pudore ferito. Aggrediti da una vulgata che ci vuole sfigati, e abulici, sfaccendati, poco inclini all'impegno, ruba-stipendi, non siamo nuovi a queste categorizzazioni che ci hanno nel tempo "bullizzato" sulle quali forse abbiamo riso per un intimo complesso di colpa non commessa (ma verso chi? Poi non si sa), noi docenti abbiamo balbettato il nostro dissenso verso un "rientro" che non sarà un ritorno: non potrà esserlo e solo chi ha Ragione lo percepisce. Classi dimezzate- protocolli anticovid che si inseguono ci siamo chiesti: ad quid? Ma siamo sicuri che questo bailamme sia la sola via alla salvezza della scuola e della formazione in questo paese?
E nello stesso tempo ci mordeva il senso di colpa verso chi, sprezzante ci aggrediva con un semplicistico: non avete voglia di tornare! Ma dove?

In un'aula a fare didattica a distanza con la connessione della scuola? Di fronte a banchi vuoti che restituiranno il senso tragico dell'Assenza?

Diretta a chi? A gruppi che si modificano, visto che il 50% potrebbe non essere garantito dal momento che nuovi atti di richiamo e chiarimenti, dopo aver demonizzato la DAD, idolatrato la didattica tradizionale, chiede ai genitori di scegliere tra le due, come i gusti di un gelato al fast food, ignari che queste non sono strategie educative speculari, sovrapponibili, ma rispondenti a logiche e pianificazioni differenti e studiate al fine di essere efficaci.

Indignazione, parola che ha in sé il germe di una forza mobilitante, forte, impegnata a chiedere finalmente di ripensare la Scuola nel suo DNA: il Covid ci ha insegnato il potere della Fragilità e ci ha ammoniti sui limiti del nostro arrogante delirio della Capacità.
Chiediamo che chi pensa alla scuola abbia coraggio; infatti, ri/aprire significa avere la memoria che:

1. Il Covid non sarà l'ultima delle pandemie - e allora organizziamoci con un piano che limiti questi singhiozzanti annaspamenti.
2. Le logiche di una scuola che mette in concorrenza gli individui, alimenta la competitività, mina le relazioni sociali tra pari e va superata. (La logica del merito divide e alimenta rabbia). (Nessuno si salva da solo è solo uno slogan pubblicitario o la constatazione dell'importanza di fare squadra?).
3. Puntiamo su un apprendimento significativo (imparare a imparare) che non è dato solo da un corpo seduto in banchi a rotelle.
4. Valorizziamo una presenza tecnologicamente assistita (diventare cittadini digitali significa passare dall'idea di passivi "consumatori di tecnologie a quella di consapevoli produttori).
5. La piaga della dispersione va affrontata in una logica di sistema: gli ostacoli sono nel Clima Sociale in cui sono inseriti i drop-out e non sarà un computer a risolverlo, ma scelte politiche lucide e decise.
In un documento che conta, di quelli che hanno l'aspetto muscolare di chi si sa sempre ciò che vuole ci si aspetta delle richieste, ebbene:

Noi non chiediamo di procrastinare l'apertura degli edifici scolastici (e non della scuola che non si è mai chiusa nella sostanza): siamo consapevoli di quanto blasfemo suoni ritenere che la DAD poteva essere una soluzione per garantire il rispetto di due diritti: alla salute e all'istruzione.

Noi non chiediamo di potenziare i trasporti: sappiamo bene che le rotelle dei banchi ci faranno raggiungere mete insolite e raffinate.

Noi non chiediamo di dotare le scuole di un serio sistema di tracciamento e screening: non vogliamo essere ridicoli - siamo insegnanti e per umiltà non vogliamo confonderci con gli show-women e men della politica.

Non chiediamo sicurezza ed efficacia dell'azione e nell'azione educativa: sappiamo bene che ci confonderebbero con Profeti nel deserto delle grandi Utopie.
A noi basta il Rispetto della Ragione. Perché un insegnante è un dono: è l'ultima arma che ci resta contro l'anestetizzante potere dell'indifferenza dilagante.

Aula Digitale "Eleonora", 30 Gennaio 2021

Il Comitato "30 gennaio"

Berenice Carbone, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Agostino Giordano, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Giuseppe Buonocore, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa) e "T. Confalonieri" di Campagna (Sa)
Francesco Cuomo Caso, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Annalisa Petrozzi, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Aurora Serra, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Alfonso Costantino, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Giuseppe Mancuso, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Annalisa Di Landro, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Mariangela Pennetti, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Silvana Del Pozzo, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Nicola Panariello, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Loredana Giugliano, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Rosa Tierno, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Raffaele Bisogno, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Giovanna Marino, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Elisabetta Gallo, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Ida Buongiorno, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Adriana Manzo, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Daniela Gargano, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Veronica Raimondi, docente presso l'Ipsseoa "Domenico Rea" di Nocera Inferiore (Sa)
Angelo Iannelli, docente presso l'Ipsseoa "Domenico Rea" di Nocera Inferiore (Sa)
Salvatore Manzo, docente presso l'Ipsseoa "Domenico Rea" di Nocera Inferiore (Sa)
Vincenza Di Mauro, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Mara De Prisco, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Paola D'Onofrio, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Filomena Lamberti, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Anna Maria Nardo, docente presso l'Ipsseoa "Domenico Rea" di Nocera Inferiore (Sa)
Angela Camorani, docente presso il Liceo Statale "Tito Lucrezio Caro" di Sarno (Sa)
Alberto Cefalo, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Maria Di Pino, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Maria Caruso, docente presso l'ISIS "E. Pantaleo" di Torre Del Greco (Na)
Danila Flauti, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Emilia Guadagno, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Giulia Alfieri, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Emilia Desiderio, docente presso l'ISIS "A. Pacinotti" di Scafati (Sa)
Antonella Sedan, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Filomena Sellitto, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Maria Teresa De Laurentis, docente presso il Liceo Scientifico "F. Saveri" di Salerno
Rossella Vigorito, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Maria Grazia Nardella, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Elisabetta Ferrigno, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Antonella Senatore, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Marilina Sarno, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Simona Iannuzzi, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Maria Olivieri, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Antonietta Autieri, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)
Maddalena Ricciardi, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Gelsomina Apicella, docente presso l'ISIS "Cuomo Milone" di Nocera Inferiore (Sa)
Francesca Del Regno, docente presso l'ISIS "A. Pacinotti" di Scafati (Sa)
Roberta Lamberti, Liceo "G. B. Vico" di Nocera Inferiore (Sa)
Massimo Ferrajoli, docente presso l'ISIS "Marini-Gioia" di Amalfi (Sa)
Anna Albero, docente presso l'ISIS "A. Pacinotti" di Scafati (Sa)
Annarita Anastasio, docente presso il Liceo Statale "Alfano I" di Salerno
Francesca Calobrisi, docente presso l'ISIS "Cuomo Milone" di Nocera Inferiore (Sa)
Maria Rosalba Carleo, docente presso l'Ipsseoa "Domenico Rea" di Nocera Inferiore (Sa)
Tiziana Scermino, docente presso l'ISIS "Cuomo Milone" di Nocera Inferiore (Sa)
Giovanna Barra, docente presso l'ISIS "Cuomo Milone" di Nocera Inferiore (Sa)
Antonietta Albano, docente presso l'Ipsseoa "Domenico Rea" di Nocera Inferiore (Sa)
Stefania Zolferino, docente presso l'ISIS "Della Corte-Vanvitelli" di Cava de' Tirreni (Sa)
Vincenzo Tota, docente presso l'ISIS "Alberto Galizia" di Nocera Inferiore (Sa)
Patrizia Trapani, docente presso l'ISIS "T. Confalonieri" di Campagna (Sa)
Maurizio Galdieri, docente presso l'IC "De Caro" di Lancusi (Sa)
Fabio Franco, docente presso l'ISIS "P. Comite" di Maiori (Sa)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Ravello, soppressione Monastero Santa Chiara: "affronto" alla tradizione religiosa e culturale di Ravello

Riceviamo lettera a firma dell'imprenditore ravellese Gino Schiavo in merito alla paventata soppressione del Monastero di Santa Chiara di Ravello. E pubblichiamo. La notizia della possibile soppressione del Monastero di Santa Chiara ha colto amaramente di sorpresa tanti ravellesi. Se è vero che in qualche...

Professò, cosa hai combinato?

di Gabriele Cavaliere Premio Furore Giornalismo. Hostaria di Bacco. Entrambi non mancavamo mai. - Professò (era stato docente di letteratura italiana) tenit'a venì. Stò organizzando na' bella cosa per il mese di giugno. Ho immaginato un programma fantastico, attingendo gli argomenti dai tuoi libri. Quei...

Lettera a Teresa

Pubblichiamo lettera a firma dell'ingegner Antonio Taiani indirizzata all'anima buona della nipote Teresa Criscuolo. Segue testo Ancora una brutta notizia ha colpito Maiori nelle già precaria situazione pandemica, che ci sta distruggendo. Noi familiari siamo ancora increduli di quanto accaduto. Carissima...

Ravello, cons. Cantarella: «Da Ministro Brunetta ci aspettiamo 'rivoluzione buona'» [LA NOTA]

Dopo una settimana, la nomina di Renato Brunetta, cittadino onorario di Ravello, a Ministro della Repubblica nel governo Draghi non sembra aver prodotto alcuna reazione nel mondo politico istituzionale ravellese e della Costiera Amalfitana. Già dalla serata di venerdì, all'ufficializzazione dell'esecutivo...

Ravello d’inverno, qui lo spirito si eleva in una sensazione di dolcezza infinita

Appena una anno fa, nel febbraio 2020, pochi giorni prima che il mondo piombasse nella pandemia con conseguente lockdown, una nostra affezionata lettrice che risiede da decenni a Vipiteno (suggestiva cittadina in provincia di Bolzano, ora ricoperta dalla neve con temperatura -18) ma originaria di Napoli,...