Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Irene vergine

Date rapide

Oggi: 18 settembre

Ieri: 17 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzateGambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel ForniturePansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoIn campagna elettorale tornano le polemiche sulla Fondazione Ravello. La lettera di Della Pietra ad Amalfitano

LIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaMielePiù Eco Buonus 65%Terra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi

MielePiù Ecobonus 65% con sconto in fattura

Lettere al Vescovado

In campagna elettorale tornano le polemiche sulla Fondazione Ravello. La lettera di Della Pietra ad Amalfitano

Scritto da (Redazione), giovedì 27 agosto 2020 13:12:36

Ultimo aggiornamento venerdì 28 agosto 2020 08:57:57

In questi giorni di campagna elettorale ritorna d'attualità l'atavica questione legata alle vicende politico-amministrative che hanno animato la Fondazione Ravello negli ultimi cinque anni.

Da qualche giorno, attraverso i canali social, si sta assistendo a un racconto in pillole, attraverso dirette facebook, animate dall'ex direttore di Villa Rufolo, Secondo Amalfitano che, dal proprio punto di vista, espone dati, fatti e misfatti relativi alla gestione dell'ente (che noi abbiamo ampiamente rappresentato, negli anni, da queste pagine) proprio in concomitanza con la presidenza di Vincenzo De Luca alla Regione Campania.

Un racconto quotidiano senza filtri - e che finora non ha visto contraddittorio - su cui evitiamo, per il momento, valutazioni e commenti che potrebbero apparire prematuri, attendendo il completarsi della serie degli interventi.

Dopo le ultime esternazioni è pervenuta, alla nostra redazione, nota - peraltro indirizzata direttamente all'ex direttore di Villa Rufolo - da parte dell'ex consigliere d'Indirizzo della Fondazione, avvocato Lelio Della Pietra, che già alla fine del suo mandato (31 dicembre 2018) aveva prodotto un corposo dossier, "Il libro nero di Ravello" proprio sulle anomalie gestionali dell'ente (leggi articolo in basso).

Il Vescovado, nell'ottica della totale libertà di espressione, rende disponibile questa rubrica a tutti coloro i quali vorranno contribuire in maniera fattiva ad alimentare il dibattito democratico.

Si riporta di seguito nota integrale a firma di Della Pietra.

 

Egregio Direttore di Villa Rufolo (ex Lei si definisce, con una punta di malcelato dispetto),

dal curriculum che Ella ha più volte cercato affannosamente di imbastire non credo sia mai emerso cenno alle Sue competenze in materia di musica e di storia wagneriana.

Neppure Lei, dunque, avrebbe avuto i requisiti per sedere tra i prestigiosi componenti dei Consigli di Indirizzo della Fondazione Ravello che hanno preceduto quello che, nelle pillole che dispensa quotidianamente senza contradditorio, ha attaccato per presunta incompetenza.

Le ricordo, tuttavia, che quel Consiglio era composto anche da Mariano Rigillo, Giovanni Minoli e Renzo Arbore, che però mai - neppure una volta - hanno trovato il tempo di accostarsi al tavolo di viale Wagner, per non parlare del prof. Cacciatore (lui invece sempre presente) la cui personalità, da Lei rimarcata per le partecipazioni precedenti, evidentemente illuminava i Consigli quando era seduta accanto alla Wertmuller, e non diffondeva la medesima luce se a sedergli vicino era il prof. Liuccio o il maestro Schiavo.

Fatta questa premessa, devo dire che seguo con attenzione la Sua striscia giornaliera, simpatico antidoto per sorridere in queste giornate a ritmo lento scandite dalle preoccupanti notizie sul Covid.

Ma per evitare che i minuti trascorsi nell'ascoltarLa possano dirsi completamente sciupati, oltre che per il consueto amore del vero, mi corre obbligo di svolgere qualche precisazione per offrire una ricostruzione non certo del mio operato, ma di quello degli altri Amici, le cui analisi quali Consiglieri di Indirizzo, in forma di critica o di denuncia, sono state sempre effettuate a titolo personale con l'autonomia dettata dalle indiscutibili competenze professionali e dai propri (non comuni) principi etici.

Anzitutto, allora, giova ribadire che nessuno di loro si è mai speso in Fondazione per un tornaconto di alcun genere, mai si è schierato o ancor più si è fatto coinvolgere in diatribe o conflittualità politiche, né a livello regionale (intransigenti contro ogni possibile tentativo di ingerenza egemonica o strumentalizzazione elettorale), né tanto meno locale; la storia, poi, ha dimostrato che l'obiettivo perseguito non era la ricerca di posti o ruoli di qualsiasi tipo.

Senza tema di smentita, insomma, credo di poter affermare che il prof. Liuccio e il maestro Schiavo hanno sempre lavorato, in armonia con il proprio sentire (che è poi ciò che ci ha accomunato), quali soggetti liberi da secondi fini.

Per questo è certamente frutto di frustrazione e di rabbia, se non di inspiegabile rancore, il grottesco tentativo di investire l'onorabilità di costoro con accuse tanto gravi quanto gratuite, in una ricostruzione della Sua verità che evidentemente poco convince anche Lei stesso, se è stato costretto a rafforzarla, in un goffo tentativo di delegittimazione, utilizzando nei loro e nei miei confronti il termine di delinquenti (del quale, con la Sua più volte rivendicata competenza giuridica, spero si sia prospettato le conseguenze allorquando decideva di pronunciarlo con un mezzo assai diffusivo come quello utilizzato).

In secondo luogo, non comprendo cosa possa animare il Suo ergersi a unico soggetto competente (e generalista) contro l'incompetenza di tutti gli altri, proclamando senza confronto opere e risultati.

A mo' di esempio - ma è parere del tutto personale - per quanto meraviglioso sia il contenente della Torre-Museo, tanto disarmonico e inutilmente modernista è il contenuto del Museo-Torre.

Ciò che, invece, è erroneo sul piano del diritto, è l'idea dell'autonomia della Villa rispetto alla Fondazione, visione che, come più volte ho avuto modo di sottolineare anche a verbale dei diversi Consigli di Indirizzo, è solo il frutto di un Suo personale approccio alla gestione di quel bene, approccio che ovviamente prescinde dagli indiscutibili risultati.

Devo rammentarLe, quindi, che Lei - con le modalità che sarebbe stato corretto esplicitare per esteso - venne designato Direttore non dal Ministero o dalla Provincia di Salerno (i proprietari delle due porzioni della Villa), ma in forza dell'art. 14 dello Statuto della Fondazione che recita: "per la gestione di uno o più beni facenti parte del patrimonio della Fondazione ­ o che alla stessa siano affidati - che è cosa diversa dalla Direzione della Villa, come Lei ha cercato di sostenere nella pillola n. 10 - possono essere nominati uno o più direttori scelti tra persone di qualificata competenza manageriale o di comprovata competenza tecnico-scientifica, in relazione alla natura del bene da gestire".

E la non autonomia del Direttore si ricava dallo stesso art. 14 che, più avanti, ricorda come egli debba gestire il bene "secondo le indicazioni generali che riceve dal Consiglio di amministrazione, nel quadro delle linee programmatiche del Consiglio di indirizzo e vigilanza".

A rigore, quindi, il Suo operato sarebbe dovuto essere avallato dal Consiglio di Indirizzo e doveva rientrare nella programmazione di quello di Amministrazione, ed è inutile gridare a gran voce che dall'uno e dell'altro non ha mai ricevuto concrete prescrizioni, atteso che di tanto - come della mancata trasmissione di verbali o delibere - non mi risulta ebbe a dolersi per il tempo in cui è stata garantita l'autonomia di spesa.

A maggior ragione, poi, avrebbe avuto l'obbligo di presentare un bilancio di previsione (da sottoporre alla famosa riunione del 30.6.2018) redatto conformemente a quello delle altre sezioni (Festival e Istituzionale) del bilancio della Fondazione, e che sul piano del merito venne contestato per il semplice motivo che rispetto al consuntivo dell'anno precedente segnalava una maggiore spesa di ben 500.000 euro (a prescindere dalla documentazione giustificativa di essa, mi sembra legittima scelta non consentire uno tale sforamento!).

Come pure il singolare convincimento della necessità di investimento nella Villa dell'intero incasso della Villa, più volte da Lei ribadito, appare frutto di una lettura non conforme neppure alla convenzione di affidamento, per la quale l'incasso si appartiene al soggetto cui il bene era stato affidato nel 2007, che non è una persona fisica, bensì la Fondazione Ravello nel suo insieme.

E anche a riconoscere che la Fondazione (recte: l'organo deputato alla sua amministrazione) abbia voluto destinare altrove quelle risorse, Lei avrebbe potuto rincrescersi della scelta, ma non di certo invocare l'illegittimità di una decisione assolutamente discrezionale.

Per concludere, vista la reiterata professione di conformità a legge di ogni condotta e atto, resto in curiosa attesa della pillola che immagino sarà dedicata a Ravello Capitale della Cultura2020, alla delibera sempre attesa del Consiglio di Amministrazione della Fondazione fatta propria dal Comune di Ravello, all'escamotage dell'autonomia gestionale di Villa Rufolo, alla modalità di designazione del Responsabile del procedimento per conto dell'Amministrazione comunale.

Cordiali saluti

Lelio della Pietra

>Leggi anche:

Af-Fondazione Ravello: ecco tutti i retroscena nel "libro nero"di Lelio Della Pietra. Buona fortuna Dottor Felicori

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Amalfi, ipotesi contagio e bar chiuso responsabilmente: titolari bersagliati da critiche gratuite e ingiustificate

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma di Giuseppe Dipino, amministratore delegato della Sirena Srl/Dogi Srl società che gestisce il noto bar "Blu Sirena" di Amalfi attraverso la quale mira a fare chiarezza al fine di smorzare il chiacchiericcio di questi giorni innescatosi sull'attività che rappresenta,...

Il calore e l'accoglienza di Ravello nella stagione del Covid

Pubblichiamo lettera di due turisti romani, Luana e Stefano Pisanò, habitué di Ravello, che non hanno rinunciato alle proprie vacanze qui in questa anomala estate segnata dall'emergenza sanitaria. Ed è proprio nelle difficoltà che il comparto turistico e dell'accoglienza ravellese si esalta. Segue testo....

A Ravello l’estate in maschera non ci ha tolto il sorriso

Come sempre Il Vescovado riserva spazio ai prpri affezionati lettori. Riceviamo e volentieri pubblichiamo lettera a firma della signora Marisa Acri, nostra fedelissima lettrice napoletana, legata a Ravello e alla Costiera Amalfitana dove da anni trascorre le sue lunghe vacanze estive. Come ogni estate,...

A Ravello boom di presenze turistiche ad agosto, record a Villa Rufolo. Previsione ENIT era giusta

Riceviamo e pubblichiamo lettera inviata al nostro giornale dal ristoratore e imprenditore turistico ravellese Gianfranco Cioffi il quale, quasi al termine di questo agosto in emergenza sanitaria, fornisce alcuni dati delle presenze registrate a Ravello, avvalorando le stime di Enit poi contestate dal...

Portafogli ritrovato a Maiori, il proprietario ringrazia Italo Tramontano

Riceviamo - e volentieri pubblichiamo - lettera a firma del signor Michele, che mercoledì scorso aveva smarrito il portafogli sul lungomare di Maiori, restituitogli in poco tempo dai Vigili Urbani. Lettore del nostro giornale attraverso cui si tiene informato da Milano, dove vive e lavora, il signor...