Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Antonio abate

Date rapide

Oggi: 17 gennaio

Ieri: 16 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoFondazione Ravello, dimissioni consigliere Mansi: l'intervento di Lelio Della Pietra

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Lettere al Vescovado

Fondazione Ravello, dimissioni consigliere Mansi: l'intervento di Lelio Della Pietra

Scritto da (Redazione), mercoledì 20 maggio 2020 22:44:16

Ultimo aggiornamento giovedì 21 maggio 2020 08:20:47

I suoi sono interventi rari ma che raccolgono sempre unanimi apprezzamenti tra i nostri lettori per il contributo che offrono, a distanza, all'analisi di fatti e circostanze legate alla Fondazione Ravello. Con una lettera indirizzata al Direttore responsabile, l'avvocato Lelio Della Pietra, componente l'ultimo Consiglio Generale d'Indirizzo della Fondazione fino al 31 dicembre del 2018, analizza le motivazioni delle dimissioni del ragioniere Michelangiolo Mansi dal ruolo di consigliere d'Indirizzo della Fondazione.

Il legale del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che aveva redatto il celeberrimo "libro nero" di Ravello, una dettagliata relazione da 25 pagine in cui vengono rivelati fatti e misfatti dei precedenti quattro anni di gestione dell'Ente del Ravello Festival, dal primo commissariamento alla breve presidenza De Masi e a quella di Maffettone, rileva ancora una volta lo scollamento tra i comportamenti dell’organismo e il mancato rispetto delle regole base.

Della Pietra evidenzia inoltre, la difesa di Mansi alla causa dell'ex direttore di Villa Rufolo Secondo Amalfitano, licenziato lo scorso novembre e le competenze del Consiglio d’Indirizzo sul caso.

Segue testo integrale a firma di Della Pietra.

_________________

 

Egregio Direttore,

mi sia perdonato un nuovo intervento sulla Fondazione Ravello, le cui vicende, benché da lontano e distaccatamente, continuo a seguire attraverso il Suo organo di stampa.

Non Le nascondo che parte di questo interesse discende da un po' di orgoglio personale, che viene fuori quando gli accadimenti dimostrano che a paralizzare l'attività della Fondazione non erano affatto i tre facinorosi designati dall'Amministrazione precedente.

E l'orgoglio si rafforza - insieme alla certezza di aver operato solo per il bene di Ravello - quando a distanza di tempo, e con una governance completamente rinnovata adesivamente alle linee dell'attuale maggioranza al Comune, mi avvedo che le esigenze di trasparenza, moralizzazione del sodalizio, contenimento delle spese (peraltro in un momento di grave crisi economica come quello attuale), che erano state più e più volte poste in rilievo da me e dagli altri rissosi Consiglieri di Indirizzo, restano una meta da raggiungere.

Non ho il piacere di conoscere personalmente il Rag. Mansi, le cui credenziali (che Egli stesso declina in conclusione della sua lettera) non consentono di dubitarne quanto a competenza e professionalità; le dimissioni, tuttavia, lasciano perplessi, e non per le ragioni con le quali sono lungamente motivate, bensì per quelle, nella missiva comunque chiaramente esplicitate, che hanno condotto il Rag. Mansi ad accettare or pochi mesi fa la designazione da parte del Sindaco di Ravello.

Premette il dimissionario (e chi potrebbe dargli torto!) le molte criticità della gestione del Commissario Felicori, sottolineandone però una in particolare: "l'unico risultato conseguito dal signor Commissario è stato il licenziamento assurdo del ‘padre' della Fondazione Ravello, di chi l'aveva inventata dal nulla, con lungimirante intelligenza politica, con la sola colpa di aver difeso Ravello e la legalità, di chi dedicandosi anima e corpo al nostro monumento principale, Villa Rufolo, ha determinato la sua rinascita fisica e storica...".

E infatti, come si legge più avanti, a muovere Mansi a rioccuparsi della Fondazione era stata non solo l'intenzione di "reintrodurre i principi di trasparenza, etica, deontologia, legittimità e legalità", ma soprattutto "l'unanime e dichiarata volontà di ridare dignità e diritti all'unico Dirigente Ravellese della Fondazione, illegittimamente esautorato e denigrato; sul punto c'era anche l'avallo pieno e totale dei due altri componenti, i quali, per l'essere avvocati coinvolti direttamente ed indirettamente nelle vicende giudiziarie del dr. Amalfitano, ben conoscevano i fatti, gli atti, le ragioni e i diritti mortificati, spinti fino al diniego di atti per la difesa che, mani oscure ma non troppo, tenevano segretate illegittimamente".

In chiare lettere, il Rag. Mansi, insieme al legale che fino a pochi minuti prima curava la difesa in giudizio del dr. Amalfitano, e al Sindaco di Ravello, per la cui elezione l'appoggio dello stesso Amalfitano non era stato celato a nessuno, ricevevano e accettavano la designazione a Consigliere di Indirizzo allo scopo di recuperare alla Fondazione, ma aggiungerei anche alla Città di Ravello, la preziosa risorsa umana e professionale rappresentata appunto dal dr. Amalfitano.

Progetto anche condivisibile sul piano teorico, ma che su quello pratico si poneva in assoluta antitesi con le regole della Fondazione.

Allo stato dello Statuto - mi sia consentito il calembour - l'unica competenza del Consiglio Generale di Indirizzo che potrebbe in qualche modo legittimarne un intervento sull'affaire Amalfitano sarebbe quella di "determinare le priorità, le linee programmatiche e gli obiettivi della Fondazione verificandone i risultati", ma è evidente che nelle intenzioni di chi a suo tempo predispose l'art. 9 dello Statuto, di certo non c'era quella di attribuire all'Indirizzo (anche) il compito decifrare la posizione di un dipendente della Fondazione.

Ad avere la rappresentanza legale dell'Ente è, invece, il Presidente, che dovrebbe provvedere alla gestione insieme al Consiglio di Amministrazione, ma entrambi gli organi - per un vero e proprio assurdo giuridico che fa contemporaneamente convivere un organo straordinario e temporaneo quale il Commissario, e un altro ordinario come il Consiglio Generale di Indirizzo - si assommano per il momento nell'unica persona dell'avv. Bove.

Ed è all'avv. Bove, cioè al Commissario, che si sarebbe dovuta lasciare la conduzione della vicenda giudiziaria del dr. Amalfitano, in un rapporto - per così dire naturale - per il quale è chi amministra che, con l'avallo del proprio legale, e non di quello della controparte, propone una soluzione (quale possa essere, e tutti si augurano nel senso il più favorevole possibile al dr. Amalfitano) a chi su di essa dovrebbe pronunciarsi (e il Consiglio di Indirizzo a rigore neppure potrebbe farlo).

Capovolgere ruoli e doveri, e addirittura dichiarare apertamente il fine (o almeno uno dei fini) per il quale si è accolta la nomina del Comune di Ravello, significa mettere completamente da parte ogni regola statutaria.

Ed è ciò che purtroppo, deve amaramente constatarsi, continua a caratterizzare la Fondazione Ravello e il suo impervio percorso!

Le sono sempre molto grato per l'ospitalità.

Lelio della Pietra

>Leggi anche:

Fondazione Ravello, si dimette il consigliere Michelangiolo Mansi

Fondazione Ravello, interviene Lelio Della Pietra: «Mio memoriale non c'entra con conflitti attuali»

Af-Fondazione Ravello: ecco tutti i retroscena nel "libro nero" di Lelio Della Pietra. Buona fortuna Dottor Felicori

Fondazione Ravello «in attesa di un commissariamento ancora una volta illegittimo»

 

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Minori, Ulderico Leone continua la sua battaglia per Villamena

Riceviamo e pubblichiamo nuovo intervento dell'ex assessore ai Lavori Pubblici al Coune di Minori, Ulderico Leone, sulla questione "Villamena" che seguono i dettagliati chiarimenti già resi dal sindaco Andrea Reale (link in calce) Caro Direttore, la ringrazio per l'ospitalità che mi dà sul Vescovado...

Ravello, concerto nuovo anno: la critica di Lelio Della Pietra

Riceviamo e pubblichiamo lettera a firma dell'avvocato Lelio Della Pietra, già componente il Consiglio Generale d'Indirizzo della Fondazione Ravello, che ieri sera ha assistito al concerto in streaming dell'Orchestra Filarmonica Giuseppe Verdi di Salerno diretta dalla bacchetta di Jordi Bernàcer esibitasi...

Minori, “Villa Amena indietro tutta”

Riceviamo lettera a firma di Ulderico Leone, cittadino di Minori, della località Villa Amena, già assessore comunale, che evidenzia alcune lacune del territorio. E pubblichiamo. Il 2020, anno tragico, è appena andato via e a Minori il borgo di Villa Amena tra Minori e Ravello è ancora completamente isolato...

Angelo Tajani, grande figlio di Amalfi, amico fraterno

Riceviamo lettera a firma di Michele Ferrigno di Scala nel ricordo del compianto Angelo Tajani, scomparso nella giornata di ieri in Svezia. E pubblichiamo. Angelo Tajani... Bastava pronunciare il suo nome in tutto il nord Europa per associarlo ad Amalfi ed alla Costa Amalfitana intera. Angelo è stato...

Il richiamo di Ravello (e del cuore) per Antonio Amato

Alla memoria di Antonio Amato. Caro Antonio, Mi sei stato sempre riconoscente per quel consiglio che si dimostrò utile e prezioso perchè ti fece tornare a vivere con noi a Ravello. Era il 27 luglio di circa 60 anni fa. Io, Vincenzo Palumbo e Roberto Casanova, di ritorno da un viaggio in Danimarca e Olanda,...