Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 19 minuti fa S. Tecla vergine martire

Date rapide

Oggi: 23 settembre

Ieri: 22 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeViolenza di genere: quanto ancora c’è da fare anche in Costiera Amalfitana

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

L'Editoriale

Violenza di genere: quanto ancora c’è da fare anche in Costiera Amalfitana

Scritto da (redazione), mercoledì 25 novembre 2020 08:04:09

Ultimo aggiornamento mercoledì 25 novembre 2020 08:05:20

di Maria Citro

 

Non si può ancora aspettare una giornata internazionale contro la violenza sulle donne per parlare di come affrontare il problema, la situazione è più grave di quello che si constata quotidianamente con l'ascolto del numero di femminicidi, perché il problema ha radici molto più profonde nel tessuto culturale e personale di chi li perpetra. Mi occupo di donne, di politiche di genere ormai da un po' di anni, ho iniziato il mio percorso socio politico come aderente del Centro Italiano Femminile provinciale di Salerno, per poi fondare una sezione nel mio Comune. In questi primi anni del XXI secolo ho dedicato parte del mio tempo all'ascolto del disagio nelle sue varie forme, non fosse altro anche per il mio lavoro di pedagogista, e nello stesso tempo ho avuto la possibilità di mettere la mia esperienza al servizio del bene comune ricoprendo il ruolo di amministratore comunale.

Ritengo di estrema necessità, per combattere la violenza sulle donne, l'investimento sulla prevenzione in tutti gli ambiti a partire dalla famiglia, per finire al mondo del lavoro, nonché a quello del linguaggio comunicativo-relazionale. La mia deformazione professionale mi ha portato a riconoscere nei bisogni della gente la vera soluzione dei problemi. E' proprio da questa premessa, che ho cercato di mettere in atto, sul territorio costiero, delle azioni che potessero andare incontro alle donne, alle mamme, alle persone: non è stato semplice ma quando a smuovere gli animi c'è una passione, tutto si può fare. Nasce così, nel lontano 2014, lo sportello ascolto per le donne , il primo CAV in Costiera Amalfitana con sede a Minori, dove grazie alla disponibilità e al volontariato delle aderenti del Cif comunale si aprirono le porte dell'accoglienza e dell'ascolto per le donne del territorio. Negli anni, grazie all'investimento regionale e al coordinamento dei Piani Sociali di Zona è diventato un vero e proprio servizio riuscendo a garantire un Cav per ogni distretto sanitario. Ad oggi questa è la storia: un lavoro di rete, di progettazioni, di invii e prese in carico ma soprattutto un lavoro di sensibilizzazione nelle scuole condotte dalle operatrici del nostro centro antiviolenza, la partecipazione a tavole rotonde e seminari, ad eventi e manifestazioni pubbliche per far sapere che il territorio c'è, le istituzioni ci sono.

Tutto questo sembra tanto, ma non basta!

Sicuramente non partiamo da zero ma forse siamo nella fase più difficile, quella della consapevolezza del problema: il nostro CAV ci riporta dati significativi sulla violenza in costiera amalfitana, violenza psicologica, sessuale, economica e soprattutto domestica , ed è proprio quest'ultima che richiede interventi sistemici che possano portare ad una riduzione della violenza sulle altre aree.

Si parte sempre dal nucleo fondamentale, dalla famiglia, dalla coppia genitoriale e dai modelli parentali di riferimento. Ecco perché c'è ancora tanto da investire, l'obiettivo politico dovrà essere quello di aumentare la consapevolezza nella pubblica opinione sulle radici strutturali, sulle cause, sulle conseguenze della violenza maschile sulle donne, c'è bisogno di rafforzare il sistema scolastico migliorando la capacità operativa degli insegnanti e del personale in merito a come intercettare, prevenire e far emergere e gestire situazioni di violenza, compresa la violenza assistita. Sempre nella scuola sarebbe opportuno promuovere nell'offerta formativa l'educazione alla parità tra i sessi, per il superamento dei ruoli e degli stereotipi di genere, anche attraverso la revisione della didattica e dei libri di testo e la formazione del corpo docente di ogni ordine e grado.

Anche i servizi di aiuto alle donne devono iniziare a contemplare l'impegno preventivo contro la recidiva attraverso percorsi di rieducazione degli uomini autori di violenza e di reati relativi alla violenza maschile contro le donne, così come gli stessi centri anti violenza debbano prendere in carico anche i figli che sono vittime indirette della violenza perpetrata sulla propria mamma.

Ecco, queste osservazioni sono frutto della mia esperienza sul campo da amministratore, cosi come, invece, dal punto di vista pedagogico, rilevo che c'è da investire sugli stili educativi messi in atto nel rapporto genitoriale dell'uomo carnefice e della donna vittima per capire ed interpretare i comportamenti devianti. L'altro aspetto da considerare è il danno derivante sui figli in caso di violenza, in quanto le competenze genitoriali verranno inevitabilmente alterate. Le carenze genitoriali, infatti, possono manifestarsi lungo un continuum di gravità crescente, fino alla violazione dei diritti e della dignità del figlio. La violenza comporta un nascere di schemi cognitivi disfunzionali, utili per la sopravvivenza di chi subisce la violenza, ma che si ripercuotono sui figli. Uno stile familiare violento ha un'influenza sulla quotidianità dei figli, qualificandosi come una modalità relazionale pervasiva e prevaricante che influenza il pensiero e il modo di relazionarsi del bambino, provocando un apprendimento distorto circa lo stare insieme e le relazioni affettive e interpersonali, poiché influenzano fortemente le modalità di rapporto con i pari e riproducono modalità aggressive e di sopraffazione o manifestando un'evidente incapacità nel gestire le relazioni. In queste condizioni aumenta la probabilità di sviluppare una sintomatologia di tipo post traumatico che non sempre viene riconosciuta in maniera precoce. È importante sottolineare come spesso i figli sono coinvolti nelle forme di maltrattamento inflitte alla madre e diventano a loro volta vittime vicarie di varie forme di maltrattamento, con le conseguenze note nei soggetti in età evolutiva, ovvero l'acquisizione di schemi disfunzionali.

Ho cercato, seppur in maniera sommaria, di inquadrare il problema sia a livello territoriale che strutturale e culturale; auspico quindi che tutte queste azioni possano davvero creare collaborazione, sinergia e concertazione tra le varie agenzie che interagiscono sulla persona, a partire dall'infanzia affinché si possano eliminare e rimodulare le modalità perverse e patologiche che portano all'utilizzo della violenza.

*Pedagogista, assessore Politiche Sociali del Comune di Minori

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

VERGOGNA SENZA FINE

di Antonio Schiavo "What happens?" Vaglielo a spiegare alle due turiste americane dai tratti orientali dirette ad Amalfi che quel serpentone di auto davanti a noi appena dopo Minori arrivava proprio fino alla loro mèta agognata. "Traffic", tentava di giustificarsi, in un inglese maccheronico l'autista...

Mons. Giuseppe Imperato: novant'anni sulla breccia

di Francesco Criscuolo Oggi, 22 luglio 2021, Mons. Giuseppe Imperato, esponente di punta del clero della diocesi di Amalfi - Cava de' Tirreni, compie 90 anni. È un giorno che va annoverato, secondo il costume degli antichi romani, tra i "dies fasti" e che assume una connotazione di grossa rilevanza non...

Il dissolvimento dei beni comuni tra l’indifferenza generale

di Francesco Criscuolo* Ci sono snodi di valenza istituzionale e di prassi quotidiana, la cui importanza decisiva per la vita del comprensorio della Costiera amalfitana non trova adeguato riscontro nel dibattito politico - mediatico e, di conseguenza, nell'opinione pubblica. Colpisce la scarsa attenzione,...

Abbiamo bisogno di una nuova stagione culturale a casa nostra

di Antonio Schiavo Confesso, per quanto possa valere la mia opinione, che non amo particolarmente Saviano. Non per le cose che dice o scrive, si intende, ma per il baraccone mediatico che si è creato, o gli hanno creato intorno. Sotto la furbesca regia del plurimilionario (coi soldi del canone e quindi...

Benvenuto Presidente

di Antonio Schiavo Certo, è strano dare il benvenuto ad Antonio Scurati nel momento in cui assume un importante incarico praticamente a casa sua, però ci sembra giusto farlo perché, negli anni lo abbiamo conosciuto come amico, come compaesano, come autore di chiara fama e pluripremiato, come concittadino....