Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Anselmo vescovo

Date rapide

Oggi: 21 aprile

Ieri: 20 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaGambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneConnectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeParlare chiaro

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazione

L'Editoriale

Parlare chiaro

Scritto da (Redazione), lunedì 27 aprile 2020 11:50:25

Ultimo aggiornamento lunedì 27 aprile 2020 11:50:25

di Antonio Schiavo

 

Il parlar chiaro è fatto per gli amici, dice un vecchio proverbio. Appunto.

Alzi la mano chi ha capito qualcosa del discorso di ieri sera del nostro sempre azzimato Presidente del Consiglio (a proposito ma chi gli sistema la capigliatura se i barbieri sono chiusi?). Nel mio caso, forse complice l'età e la quarantena che sta avendo effetti devastanti sui pochi neuroni ancora attivi, ho fatto una enorme fatica a distinguere, salvo pochi e marginali passaggi, in cosa si differenzi la fase 2 dalla fase 1.

 

Dopo un interminabile peana di ringraziamenti a destra e a manca il nostro Premier ha o almeno avrebbe dovuto dirci cosa possiamo fare dal 4 maggio e cosa no.

 

Pare che le innumerevoli task force tra cui quella del solito Colao, buono per tutte le stagioni e che pare abbia trascorso più tempo a trovare manleve per evitare problemi giudiziari conseguenti alle loro proposte (ma quali?), hanno partorito il tradizionale topolino.

 

Vista l'estrema cautela e circospezione delle indicazioni date, sarebbero stati buoni a pensarle anche gli alunni di una quinta elementare. Pure di quelle scuole che non hanno fruito (ahiloro!) della panacea delle lezioni on line.

 

Qualche esempio: si può andare a trovare i parenti, però, ipse dixit, senza organizzare party. Ma che c...o vuol dire? Figli che vanno dai genitori, nipoti che vogliono stare un po' coi nonni e mangiare con loro, possono farlo senza correre il pericolo di essere multati alla stregua di chi commissiona un catering e ingaggia una band per balli di gruppo domestici?

Ci si può muovere all'interno della stessa regione ma solo per comprovati motivi. E cosa cambia rispetto ad ora? L'autodichiarazione si usa o non si usa? Pare (pare) che sia meglio viaggiare con la propria auto anche con un'altra persona per evitare affollamenti sui mezzi pubblici. E come si fa, a meno che tu non abbia una limousine, ad osservare il distanziamento sociale?

Puoi giocare a tennis ma non devi usare lo spogliatoio: quindi dopo una intensa oretta di gioco, non puoi fare la doccia e sei non solo puzzolente ma soprattutto bello sudato. Non prenderai il coronavirus mentre torni a casa tua (che notoriamente non possiede un campo da tennis) e ti becchi una bronchite che ha gli stessi sintomi del maledetto Covid 19 e quindi dovresti farti il tampone ma non te lo fanno e quindi ti autoisoli aspettando che l'app "Immuni" funzioni o ti facciano i test sierologici che, secondo gli scienziati, lasciano il tempo che trovano.

Già: gli scienziati! Fermo restando che ce ne sono di seri e impegnati h 24, quegli altri che, durante le tante comparsate televisive, hanno passato più tempo a litigare fra loro, l'uno mortificando il lavoro dell'altro, sono arrivati a qualche conclusione univoca? O continueranno a contraddire la sera quanto hanno affermato apoditticamente la mattina?

Si dirà: il virus è del tutto nuovo e sconosciuto, i cinesi ci hanno messo del loro a darne informativa (almeno due mesi di ritardo), ma: le mascherine servono o non servono? E, se sì, quali? A patto di trovarne qualcuna utile a te e al prossimo perché ci sarà il ragioniere di turno che ritarda le consegne alle farmacie perché ci mette una vita a fare l'analisi dei costi.

 

Se un povero cristo si è ammalato, quando guarisce è immune o no? Se hai 37,5 di temperatura devi chiamare il medico o ti prendi la comune tachipirina?

 

Non mi addentro, perché incompetente, su tutte le questioni fortemente ingarbugliate in merito alle lentezze nell'erogazione dei bonus per non parlare della cassa integrazione, per tacere di quando sarà attivo il recovery bond che di concreto per ora ha solo il nome altisonante ma nessuno sa se ci costerà interessi o sarà a fondo perduto né quanti soldi arriveranno nelle casse delle imprese ridotte sul lastrico e, tanto meno, nelle tasche dei cittadini che sono rimasti senza lavoro.

L'Italia non ha bisogno di serenate sui balconi con la mano sul cuore, di slogan mielosi e retorici, di tante task force magari guidate da uno che ha evidentemente schifato il nostro Paese andandosene ad abitare a Londra. L'Italia ha bisogno di verità. Anche dure da ingoiare, anche amare.

Dire la verità è compito dei sapienti autentici, i soli che possano indirizzare e guidare le decisioni di chi deve prenderle. Questi ultimi siano in pochi, non pletore. Meglio uno solo.

Perché, come diceva il grande Galieo Galilei "La verità scientifica non si decide a maggioranza". O, diciamo noi, peggio ancora con un voto di fiducia in Parlamento.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

A che gioco stanno giocando?

di Antonio Schiavo Ieri mattina, dico ieri mattina (non un mese fa) l'AIFA, dico l'AIFA, il massimo organo di validazione della bontà ed efficacia terapeutica dei farmaci affermava, con assoluta sicumera, che il vaccino Astrazeneca era assolutamente sicuro e che gli effetti collaterali dichiarati potevano...

Le (ir)responsabilità

di Emiliano Amato Incuria, mancata manutenzione o lavoro non eseguito in modo corretto. Cosa in realtà ha provocato, questa mattina a Ravello, il cedimento del muro di contenimento della strada comunale di Casa Rossa? A questo quesito è chiamato a rispondere il Comune di Ravello (Amministrazione o tecnici,...

La bellezza può regnare solo laddove siano garantiti cura e rispetto delle leggi

di Emiliano Amato La Costa d'Amalfi, terra mitica, è una rupe erta sul mare, scoscesa, "sopra l'onde pendente" come la definisce Omero nell'Odissea. La particolare conformazione geo-morfologica di questa montagna ne fa una terra di straordinario fascino, tanto da meritare l'appellativo di "Divina". In...

Il peccato di omissione

di Antonio Schiavo Ho sempre pensato, forse sbagliando, che il peccato peggiore fosse quello di omissione. In tale ottica, leggendo oggi il messaggio del Sindaco di Ravello la mia prima impressione è stata un misto di gioia e perplessità. Chiaramente il sollievo era legato alla sua guarigione da questo...

Violenza di genere: quanto ancora c’è da fare anche in Costiera Amalfitana

di Maria Citro Non si può ancora aspettare una giornata internazionale contro la violenza sulle donne per parlare di come affrontare il problema, la situazione è più grave di quello che si constata quotidianamente con l'ascolto del numero di femminicidi, perché il problema ha radici molto più profonde...