Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Cristina vergine

Date rapide

Oggi: 24 luglio

Ieri: 23 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Il Festival della Musica di Ravello - Il Programma del Ravello Festival 2021 EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniDai ComuniVilla Romana di Positano: ricomposizione di frammenti di affreschi recuperati in corso di scavo [FOTOGALLERY]

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiRavello Festival 2021 - il Festival della Musica di RavelloFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Dai Comuni

Villa Romana di Positano: ricomposizione di frammenti di affreschi recuperati in corso di scavo [FOTOGALLERY]

Scritto da (Redazione), lunedì 20 luglio 2020 21:40:50

Ultimo aggiornamento lunedì 20 luglio 2020 21:41:27

Nella meravigliosa Villa Romana di Positano, in corrispondenza dell’ambiente principale della cripta superiore nella Chiesa di Santa Maria Assunta, a 11 metri sotto il piano di calpestio del cimitero abbaziale, sono state portate alla luce strutture pertinenti ad un ambiente (forse il triclinium) di una villa romana marittima del I secolo a.C., distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C..

Sebbene se ne conoscesse l’esistenza già in epoca borbonica, i primi ritrovamenti risalgono al 2003.

Quando la Coo.Be.C. (Coopertiva Beni Culturali) è intervenuta per conto della Soprintendenza nel 2015, l’area era in pieno scavo. Si presentava solo parzialmente libera dalla piroclastite, occupata dai crolli delle murature in opus reticulatum e puntellata in corrispondenza delle pareti lunghe. Da questo tratto di banco piroclastico rimosso, oltre ai vuoti lasciati da travi lignee di un evidente soffitto perduto di cui sono stati eseguiti calchi come da metodiche in uso anche nell’area archeologica di Pompei, sono emersi un pavimento musivo bicromo e due pareti affrescate con bassorilievi in stucco, stilisticamente riconducibili al tardo III - inizio IV stile pompeiano, dalle vivide cromie conservate sotto cenere e lapilli. L’intervento di restauro, sia durante lo scavo che nella messa in luce degli affreschi, ha dovuto costantemente confrontarsi con fattori di degrado e problematiche legate alla natura ormai ipogea della villa ed al particolare microclima interno, adottando sistemi di pulitura, di consolidamento e di fissaggio mirati, messi a punto in corso d’opera.

RESTAURO DELLE PARETI AFFRESCATE E RICOLLOCAZIONI IN SITU

Gli intonaci dipinti e gli stucchi presentavano situazioni conservative differenziate, a seconda del tipo di materiale eruttivo che era a contatto e al differente grado di umidità contenuta nel terreno che avevano comportato la cementificazione del materiale vulcanico idraulico. Nei punti di contatto col materiale eruttivo (piroclastite) si erano creati diffusi strappi e decoesione di pellicola pittorica, di finiture a secco, come il prezioso blu Egiziano, e di rilievi in stucco. Nei casi in cui la superficie era coperta da pomice il livello conservativo era notevolmente migliore. I danni di maggiore entità erano dati dai distacchi degli intonaci dalla muratura e dalla caduta degli intonaci dipinti in corrispondenza delle lesioni. Alcune superfici presentavano danni superficiali come abrasioni e danni da urto conseguenti il crollo.

Al termine dello scavo, si è proceduto al restauro completo di pareti e pavimento musivo. L’intervento è stato sistematico, con metodologie già testate che hanno previsto l’alternanza di azione meccanica e chimica, supportate da fissaggi e consolidamenti eseguiti con prodotti di ultima generazione, consolidanti nanomolecolari e sublimanti, che hanno limitato al massimo l’impiego di acqua. Tutti i frammenti di affresco recuperati sono stati raccolti in cassette di plastica divise per unità stratigrafiche di scavo, così da poterne ricostruire la pertinenza alle pareti in rapporto all’area di rinvenimento. In molti casi è stato possibile ricollocarli in situ già in corso di restauro.

RICOMPOSIZIONE ED APPLICAZIONE SU PANNELLI DELLA PARETE OVEST

Per altri frammenti non ricollocabili, considerata la grande quantità (circa 7.000), si è valutata la ricomposizione stabile su pannelli rigidi. Dopo un attento lavoro di confronto delle decorazioni e di accostamento dei margini, è stato possibile ricostruire la parete ovest crollata, consistente in buona parte del registro superiore e di quello mediano, per una lunghezza di cm. 330×400. Le quattro sezioni ricomposte, data l’impossibilità di una ricollocazione in situ per mancanza della muratura di supporto, sono state applicate su pannelli destinati alla musealizzazione. Nella ricongiunzione delle sezioni si è scelto di seguire i margini di frattura esistenti, senza operare nuovi tagli regolari, sebbene l’operazione fosse più complessa. Sono state rimontate anche le cornici in stucco aggettanti che completavano l’alzato delle pareti, anch’ esse recuperate in corso di scavo e consolidate come il resto dei frammenti. La parete Ovest ricomposta è attualmente esposta nelle sale del palazzo comunale ed è parte integrante del percorso di visita al sito ipogeo.

Fonte: Coo.Be.C. (Coopertiva Beni Culturali)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Dai Comuni

Cetara, 29 luglio inaugurazione della condotta sottomarina: ci sarà anche De Luca

E' prevista per giovedì 29 luglio la cerimonia di inaugurazione della condotta sottomarina di Cetara. L'appuntamento è alle 10.30 in piazza Manfredi Nicoletti. Annunciata la presenza del governatore della Campania, Vincenzo De Luca. «Sono giunti al termine i lavori della condotta sottomarina che permetterà...

Polo Sportivo Territoriale “Costiera Amalfitana Ovest”, 27 luglio riunione al Comune di Scala

Convocata per martedì 27 luglio al Comune di Scala la riunione per la costituzione del Polo Sportivo Territoriale "P.S.T. Costiera Amalfitana Ovest". L'iniziativa, che segue l'incontro con i comuni della parte Est, è promosso dall'ingegner Sergio Landi, presidente del "Consorzio PromoSport". A fare gli...

Cetara, iniziati sondaggi per realizzazione del parcheggio in roccia

A Cetara sono iniziati i sondaggi per la realizzazione del parcheggio in roccia sulla Strada Statale 163. A confermarlo è il sindaco Fortunato Della Monica. «Questo intervento - continua il sindaco - consentirà al Comune di Cetara di beneficiare di un parcheggio costruito nella roccia di ben 370 posti...

Tramonti, oggi Consiglio Comunale straordinario

Si svolgerà oggi, venerdì 23 luglio, il Consiglio Comunale di Tramonti in sessione straordinaria. Alle 20:00, presso l'aula delle pubbliche adunanze, sarà trattato il seguente ordine del giorno: 1. Lettura ed approvazione verbali sedute precedenti. 2. Nomina Commissione Locale per il paesaggio (CLP)...

Sindaco di Aosta Gianni Nuti in visita a Tramonti e a Ravello: «Qui grande ospitalità»

Un incontro per tracciare le direttrici collaborative tra le diverse realtà territoriali d'Italia. È la prima volta che Bimed (Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo) attiva un confronto organico tra stakeholder di diversi sistemi territoriali nazionali e che vede impegnati sindaci e dirigenti...