Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 47 minuti fa S. Antonio abate

Date rapide

Oggi: 17 gennaio

Ieri: 16 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaLa pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOSMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniCultura, Eventi & SpettacoliRavello Lab: lo sviluppo culturale passa da nuove forme di partenariato pubblico-privato

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NatalePalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cultura, Eventi & Spettacoli

Ravello Lab: lo sviluppo culturale passa da nuove forme di partenariato pubblico-privato

Vincenzo Boccia lancia un monito per il Paese esplicato nelle sue “5 C”: cultura, coesione, collaborazione, contaminazione e corresponsabilità, punti indispensabili per la crescita e lo sviluppo

Scritto da (Redazione), sabato 26 ottobre 2019 15:41:16

Ultimo aggiornamento lunedì 28 ottobre 2019 16:48:37

di Emiliano Amato

«La cultura come risorsa dello sviluppo locale attraverso una nuova alleanza pubblico-privato» al centro delle riflessioni Ravello Lab 2019, l'appuntamento culturale promosso da Federculture e dal Centro Universitario Europeo dei Beni Culturali di Ravello che da tredici anni continua a rappresentare un riferimento non soltanto nazionale per l'elaborazione delle politiche di sviluppo territoriale a base culturale. Per tre giorni a Villa Rufolo si è tenuto conto dei principali documenti di policy delle Istituzioni internazionali impegnate a tutelare e valorizzare le risorse culturali, partendo dal diritto dei cittadini alla partecipazione culturale.

Il diffuso consenso sull'utilità di Ravello Lab deriva da una chiara visione strategica delle sue finalità e dalla partecipazione di amministratori, studiosi e operatori italiani ed europei, chiamati a fornire un contributo di analisi e di proposte basate su esperienze concrete.

I lavori sono predisposti attraverso la produzione di un'appropriata documentazione relativa ai temi in discussione durante le giornate di Ravello (background paper) e che, recapitati con anticipo ai partecipanti ai Colloqui Internazionali, costituiscono la base concettuale per l'analisi delle questioni aperte e delle proposte operative. Le Raccomandazioni di Ravello Lab costituiscono il prodotto conclusivo di ciascuna edizione e, opportunamente diffuse, hanno l'ambizione di contribuire a definire una nuova agenda politica dei diversi livelli istituzionali chiamati a sviluppare innovative politiche pubbliche di sviluppo centrate sulla cultura e sulle industrie creative.

 

Nel panel 1 diretto da Pierpaolo Forte dell'Università del Sannio sono stati analizzati gli strumenti e i metodi di partenariatopubblico-privato. Una soluzione che si inserisce nell'auspicabile imminente ratifica della Convenzione di Faro che enfatizza il diritto dei cittadini alla partecipazione culturale. In questa visione l'alleanza tra pubblico e privato appare necessaria oltre che opportuna. Consente, infatti, di intercettare molte risorse non utilizzate, così da invocare meno risorse pubbliche.

La formula partenariale, infatti, è destinata a diventare la piattaforma ideale per utilizzare correttamente i fondi del nuovo ciclo di programmazione 2012-2027, la quale presuppone una qualità progettuale innovativa e una larga partecipazione tra pubblico e privato.

Bisognerà però allineare la normativa e rivedere alcuni punti del Codice dei Beni Culturali, connettendo i codici del Terzo Settore e Codice degli appalti. Dai Colloqui di Ravello la sollecitazione di una connessione diretta tra progettazione e gestione dei progetti culturali.

E' emersa, infatti, anche la necessità di allargare gli spazi di autonomia delle istituzioni culturali pubbliche per favorire sperimentazioni di partenariato pubblico-privato, auspicando il riconoscimento delle imprese culturali e creative. In quest'ottica partner naturale si rivelerebbe l'Università attraverso la ricerca e la formazione, con il trasferimento nella società delle conoscenze accumulate.

La convinzione dei panelist di Ravello è che il partenariato generi conseguenze di valore sociale che necessita di valutazione. In questa prospettiva si inseriscono i risultati del secondo panel "La valutazione delle performance economiche e sociali dell'offerta culturale" coordinato dall'ambasciatore Francesco Caruso.

L'individuazione di un sistema di valutazione si presenta complesso sia per la pronunciata eterogeneità dell'offerta culturale, sia per l'ampia difformità dei contesti economici, sociali e territoriali. Questo sistema deve tener conto della recente normativa di luglio relativa al terzo settore che affianca quella tradizionale dell'esame delle performance organizzative.

Una prima indicazione emersa riguarda i criteri e i principi per creare questo sistema di valutazione.

La valutazione deve seguire un processo strategico con obiettivi chiari e misurabili, qualitativi e quantitativi.

Una condivisa necessità è rappresentata dall'istituzionalizzazione di un laboratorio di analisi che determini linee programmatiche e dove si eserciti una governance negoziale tra la politica e l'istanza territoriale rappresentata da chi offre cultura.

L'esame della valutazione non può prescindere - altro punto centrale della discussione - da elementi ostativi che costituiscono intralcio burocratico, rallentando l'espressione culturale.

Molto si è discusso sui criteri della valutazione: il numero degli ingressi in un luogo della cultura non può esprimere l'intero valore prodotto dall'offerta culturale. E' richiesta una capacità di valutazione qualitativa legata alla partecipazione all'esperienza culturale dei cittadini.

Tra le linee che hanno ispirato il dibattito ha assunto importanza le recenti norme sull'autonomia dei musei e sul tentativo di omogeneizzazione degli obiettivi strategici tradizionalmente regolati per legge fin dal 2009.

L'inclusione sociale attuata dall'offerta culturale come valore. Sono emerse unanimi, positive, indicazioni sull'inclusione sociale di categorie di cittadini nazionali che per età o disponibilità finanziaria non hanno mai usufruito dell'offerta culturale, cosi come gli stranieri immigrati, nonché di fette di emarginazione quali disabili o popolazione carceraria (fattori positivi di questa offerta culturale con notevole impatto sociale).

Tra i punti in evidenza la correlazione tra l'offerta di cultura e l'impatto sociale, tra valutazione e connessione con il territorio.

La valutazione necessita di competenze specialistiche sollecitando una capacity building attraverso la formazione di operatori specializzati in relazione alle necessità territoriali.

Ad esempio i siti del patrimonio culturale italiano iscritti nella lista Unesco hanno un'attrazione internazionale evidente e la valutazione politica di chi redige le strategie di intervento così come degli attori deve tenerne conto.

«Stimolare la conoscenza del territorio e del suo patrimonio materiale e immateriale per far crescere la consapevolezza e la responsabilità dei cittadini rendendoli protagonisti dello sviluppo a base culturale». Ne è convinto Alfonso Andria, presidente del Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali di Ravello che ha aggiunto: «È necessario perciò che tra comparti dello Stato ci sia maggiore e migliore comunicazione: per esempio tra il mondo dell'Istruzione e quello della tutela, gestione e promozione dei beni e delle attività culturali. Centrale resta, dunque, il tema della formazione perché si possa costruire un pezzo di futuro».

 

Il professor Giampaolo D'Andrea, consigliere del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini, intervenuto in sua rappresentanza ha dichiarato: «L'ulteriore rafforzamento del partenariato pubblico-privato e di quello interistituzionale dovrà rappresentare una priorità delle politiche pubbliche dei prossimi anni, attraverso ulteriori benefici fiscali e snellimenti procedurali. Sulla base della positiva esperienza finalmente avviata in diversi territori, bisognerà provare a realizzare un salto di qualità nelle diverse azioni al fine di andare oltre l'episodicità per consolidare una prospettiva di progetti organici di concorso coordinato allo sviluppo territoriale».

«Dai Colloqui di Ravello sono emersi grandi spunti per le Raccomandazioni di Ravello Lab che puntano a favorire innovative formula di partenariato pubblico-privato e ad impegnare le organizzazioni culturali a mettere a punto metodi di valutazione efficace - ha dichiarato il presidente di Federculture Andrea Cancellato -. A tal fine sarebbe opportuno attuare le norme sulle imprese culturali e creative, allargare il perimetro di beneficio dell'Art Bonus a tutti i soggetti e alle attività culturali e infine incentivare il consumo culturale sviluppando iniziative che defiscalizzino le spese».

 

A chiudere i lavori nel primo pomeriggio di oggi il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. «Cultura e crescita sono due aspetti determinanti» ha detto.

Boccia da Ravello lancia un monito per il Paese, da Sud a Nord, esplicato nelle sue "5 C": cultura, coesione, collaborazione, contaminazione e corresponsabilità, punti indispensabili per la crescita e lo sviluppo, che necessitano di «passione per il lavoro e amore per il Paese».

 

«Bisogna passare dalla stagione del conflitto a quella della collaborazione, della competitività nell'interesse del Paese per il recupero del senso dello spirito di comunità» ha chiosato il presidente Boccia.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Cultura, Eventi & Spettacoli

Maiori, 26 gennaio appuntamento con "La Corrida"

Chi non ha mai visto almeno una puntata de "La Corrida - Dilettanti allo sbaraglio", il talent show ideato negli anni ‘70 dai fratelli Corrado e Riccardo Mantoni e andato in onda su Canale 5 - seppur con svariate pause - fino al 2011? Proprio a questo programma si ispira l'evento "La Corrida", previsto...

Conte, Manfredi e Sassoli ad Assisi: 24 gennaio si presenta manifesto contro crisi climatica

Saranno il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, il Ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, eil Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, a partecipare alla presentazionedel Manifesto di Assisi. L'evento si terrà venerdì 24 gennaio alle 9.30, nel Salone Papale...

Sant'Antonio Abate protettore dei ceramisti: a Vietri si rinnova la tradizone

Si rinnova l'appuntamento con Sant'Antuono a Vietri sul Mare. Venerdì 17 gennaio ricco programma di appuntamenti con la festa del fuoco e la festa dei ceramisti, promosso dall'amministrazione comunale. Si inizia alle 17,30 con la benedizione del fuoco, in via XXV Luglio; alle 18,00 le performance dei...

Renato Zero torna in Campania: sabato e domenica doppio live al PalaSele di Eboli

Si riaccendono sabato prossimo, 18 gennaio, le luci sul palcoscenico del PalaSele di Eboli con il ritorno di Renato Zero: l'artista italiano più rivoluzionario di sempre torna a stupire "la sua gente" con un nuovo tour che si fermerà al PalaSele (unica tappa in Campania) il 18 e 19 gennaio 2020. Sarà...

I libri di Vito Pinto e Alfonso Bottone nella Torre di Cetara

Ricominciano da Cetara nel 2020 gli appuntamenti con i salotti letterari promossi dalla 14esima edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo. Venerdì 17 gennaio la Torre Vicereale di Cetara, con il patrocinio del Comune e della Pro Loco dell'antico borgo di pescatori, ospita...