Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Giuseppe sposo di M.V.

Date rapide

Oggi: 19 marzo

Ieri: 18 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaOmicidio di Ravello, per Cassazione la partecipazione della Di Pino non fu "minima"

La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Cronaca

Omicidio di Ravello, per Cassazione la partecipazione della Di Pino non fu "minima"

Scritto da (Redazione), sabato 22 dicembre 2018 08:53:45

Ultimo aggiornamento sabato 22 dicembre 2018 09:18:44

Si è celebrata ieri mattina, dinnanzi alla prima sezione penale della Corte Suprema di Cassazione, l'udienza finale del processo contro Vincenza Di Pino accusata, in concorso con Giuseppe Lima, dell'omicidio di Patrizia Attruia, avvenuto a Ravello nel marzo del 2015.

Gli ermellini hanno deciso l'annullamento della sentenza della Corte di Assise di appello di Salerno nella parte in cui è stata riconosciuta, alla Di Pino, la minima partecipazione al fatto. Trasmessi tutti gli atti alla Corte di Assise di Appello di Salerno, bisognerà attendere il deposito delle motivazioni, con ogni probabilità per l'inizio del mese gennaio.

Per i primi mesi del 2019 la fissazione dell'udienza in Corte di Assise di Appello di Salerno e la decisione sul punto.

Per questa udienza i legale della Di Pino, Marcello Giani si è affidato alla collaborazione scientifica del professor Gaspare Dalia della cattedra di Procedura Penale dell'Università degli Studi di Salerno.

I temi sottoposti all'attenzione del Supremo Collegio si sono sostanzialmente concentrati sulla regolarità delle indagini che ad avviso della difesa ne avrebbero viziato i risultati. Particolare attenzione è stata posta alle conclusioni della consulenza tecnica del Pubblico Ministero affidata ai dottori Zotti, Mirabella e Pecoraro che già nella parte iniziale del processo furono sottoposti ad un durissimo attacco della difesa che rilevò gravi anomalie nella ricostruzione effettuata dai consulenti tecnici sulla base di una perizia affidata a cattedratici dell'Università di Tor Vergata. I periti, infatti, stabilirono che le ricostruzioni presuntivamente farmacologiche erano assolutamente inesatte al punto che la pubblica accusa fu letteralmente costretta a ridimensionare l'accusa.

Enza Di Pino, che inizialmente si era autoaccusata dell'omicidio, in primo grado condannata a 23 anni di reclusione (su una richiesta iniziale della Pubblica accusa sostenuta dalla dottoressa Cristina Giusti di condanna all'ergastolo) ridotta, in appello, a 9 anni di reclusione ed ammessa agli arresti domiciliari per la minima partecipazione al fatto. Il processo partì con l'accusa pesantissima di omicidio volontario premeditato con la Di Pino rea di aver somministrato alla vittima tranquillanti per poterla ucciderla senza difficoltà. Impianti accusatori ridimensionati nelle due fasi del giudizio dal lavoro instancabile del tema del legale dell'avvocato Marcello Giani, già assistito dall'avvocato Forlani.

A uccidere Patrizia non fu Enza. Da sola non avrebbe potuto eliminare la sua "antagonista". A condannare da subito la povera donna, purtroppo, le sue stesse dichiarazioni rese la sera del 27 marzo quando si autoaccusò del delitto, per poi ritrattare, qualche settimana dopo, in un interrogatorio effettuato in carcere, nel quale riconobbe di essere stata costretta da Giuseppe Lima ad autoaccusarsi sotto minaccia. Altro che corpo ritrovato per caso dopo due giorni all'interno della cassapanca! Quel tempo fu necessario al Lima per esercitare terrorismo psicologico sulla povera Enza - tipica sindrome di Stoccolma - . Patrizia venne uccisa nella serata del 25 marzo al suo ritorno dal bar sotto casa. Aveva sorpreso il suo compagno, Peppe, a letto con Enza (i tre vivevano nella stessa abitazione da diversi mesi) e ne scaturì un momento di follia che portò a una violenta colluttazione e alla successiva morte della scafatese. Ma non per mano della Di Pino. Non fu lei a sferrare il colpo mortale alla sua antagonista in amore. Per il Lima, che inizialmente fu soltanto accusato di occultamento di cadavere rimanendo in libertà per quasi due anni, il concorso in omicidio prima e ora l'accusa, pesantissima, di aver assassinato la sua donna.

Condannato, lo scorso 21 maggio, a diciotto anni di reclusione, perché ritenuto responsabile - in concorso - dell'omicidio "volontario aggravato".

La povera Enza, che ha già scontato tre anni di carcere, ha avuto l'unica colpa di aver ospitato in casa propria, all'inizio dell'inverno 2014, quella coppia di amici che viveva di stenti in una baracca poco distante. Definita una "spietata e cinica calcolatrice" (si leggeva nelle carte processuali), quando in realtà è ed è stata soltanto un'ingenua, figlia adottiva vissuta per gran parte della sua vita con la sola madre tra i cani e la terra, in un'abitazione fatiscente. Una donna che a cinquant'anni non possedeva una significativa cultura e non conosceva ancora il mondo (non sapeva cosa fosse un cubetto di ghiaccio sic!).

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Perde conoscenza e batte la testa, emorragia cerebrale per 80enne di Positano

Ha perso conoscenza e ha battuto la testa l'80enne di Positano che questo pomeriggio è stato trasportato in ambulanza al Pronto Soccorso del Costa d'Amalfi. Giunto a Castiglione in codice rosso, l'uomo è stato intubato con la tac che ha evidenziato un'emorragia cerebrale. Stabilizzato mediane la somministrazione...

Ciclomotori rubati a Tramonti, scoperti e denunciati 17enne e 18enne [FOTO]

Sarebbero responsabili dei furti di due ciclomotori denunciati il mese scorso tra Maiori e Tramonti e per questo sono stati denunciati a piede libero. nella serata di ieri i Carabinieri di Maiori, in collaborazione con i colleghi di Tramonti e la Polizia Locale, hanno notificato i provvedimenti a due...

Dolori allo stomaco e scopre di avere un infarto: salvato 54enne di Amalfi

Si è svegliato lamentando forti dolori allo stomaco l'uomo di Amalfi che questa mattina ha telefonato al 118. Giunto in ambulanza al Pronto Soccorso del presidio ospedaliero della Costa d'Amalfi, il 54enne amalfitano è stato sottoposto a un'ecografia cardiaca che ha svelato un infarto in corso. Stabilizzato...

Si sente male a Positano, turista austriaco colpito da ictus. In eliamulanza a Salerno

Preoccupazione per le condizioni di un turista straniero di stanza a Positano per il quale nel primo pomeriggio è stato richiesto l'intervento dell'ambulanza. L'uomo, 64enne di nazionalità austriaco, ha perso immediatamente conoscenza. Soccorso da personale del 118, è stata portato d'urgenza al presidio...

Atrani: ubriaco tenta di sfuggire ai Carabinieri, s'infortuna e finisce in ospedale. Già fermato al Carnevale di Maiori

(ANTEPRIMA) Intervento dei Carabinieri questa sera ad Atrani per la presenza in piazza di un ubriaco molesto, protagonista di alcuni danneggiamenti. All'arrivo dei Militari, intorno alle 19, l'uomo, un 46enne del posto, si è dato alla fuga verso la parte alta del paese, facendo perdere le proprie tracce....