Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 45 minuti fa S. Tommaso apostolo

Date rapide

Oggi: 3 luglio

Ieri: 2 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storicheMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air Bee

Tu sei qui: SezioniCronacaAntonio Scurati su CorSera: «Incuria e illegalità, così la mia Costiera frana sotto i piedi»

Granato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Cronaca

Antonio Scurati su CorSera: «Incuria e illegalità, così la mia Costiera frana sotto i piedi»

Lo scrittore: «Incontriamo il doloroso paradosso di una terra meravigliosa nella quale il cemento vale 10 mila euro al metro quadrato e un ettaro di limoneto non vale più niente. L’attuale deterioramento è figlio dell’uomo»

Scritto da (redazionelda), sabato 28 agosto 2021 10:06:10

Ultimo aggiornamento sabato 28 agosto 2021 10:13:23

Proponiamo ai nostri lettori la riflessione dello scrittore Antonio Scurati, cittadino onorario di Ravello, pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, sabato 28 agosto, dopo la bomba d’acqua che giovedì scorso ha provocato crolli di macere a secco a Ravello. Un articolo in cui il Premio Strega 2019 regala un'analisi lucida e realistica della condizione della Costa d'Amalfi - che ben conosce - in relazione al fenomeno del rischio idrogeologico e dell'incuria del territorio che segue altri suoi articoli sulla tematica, l’ultimo il 7 febbraio scorso dopo la frana di Amalfi. «Incontriamo il doloroso paradosso di una terra meravigliosa nella quale il cemento vale 10 mila euro al metro quadrato e un ettaro di limoneto non vale più niente. L’attuale deterioramento è figlio dell’uomo» scrive Scurati.

Antonio Scurati: «Incuria e illegalità, così la mia Costiera frana sotto i piedi»

Vi è mai capitato che la terra vi sia franata sotto i piedi? A me è toccato l’altroieri. Una frana ha squarciato un piccolo lembo di mondo giusto sotto la mia casa a Torello, frazione di Ravello, in uno degli angoli più belli dell’intero Mediterraneo. È una strana sensazione. La spaventosa bellezza dello sfregio catastrofico all’incantevole paesaggio ha la capacità di rivelarlo nuovamente agli occhi che lo osservano attoniti, al tempo stesso sollevati per essere scampati al disastro e angosciati per le sue conseguenze. Te ne stai lì inebetito, come se vedessi per la prima volta quello scenario noto fin dall’infanzia. Alzi lo sguardo sul piccolo, pittoresco borgo antico, sui terrazzamenti strappati dal sapiente lavoro umano al fianco scosceso della montagna, sul meraviglioso mare del mito, e, ammaliato, ti chiedi: chi ha costruito tutto questo? Poi fissi lo sguardo sulla voragine di fango, detriti e radici snudate, punti gli occhi sulla ferita e, sgomento, ti chiedi: chi ha distrutto tutto questo?

 

Entrambi gli interrogativi sono assolutamente pertinenti. La bellezza della Costiera Amalfitana, in ciò simile all’Italia tutta, non appartiene alla natura ma alla cultura. È figlia dell’incontro tra una natura superba e la cultura umana che nei secoli l’ha addomesticata, lavorata, resa abitale per la nostra specie. Cultura rurale, cultura architettonica, cultura marinara, cultura artigiana di mani laboriose e sapienti, di vite dure, anonime, ispirate e feconde. Anche l’attuale deterioramento di tanta bellezza è figlio dell’uomo, del tramonto storico di quelle culture, del dramma di generazioni che cambiano mani, aspirazioni, di tradizioni morenti.

Quella che ha squarciato la terra sotto i miei piedi è stata una piccola frana, non ha causato nessuna vittima (per fortuna e per caso), la strada rotabile sottostante è stata sgombrata in poche ore. Eppure, in Costiera Amalfitana, come nel resto d’Italia, calamità non-naturali di questo tipo si contano a centinaia negli ultimi anni, a migliaia. Se vogliamo essere degni delle generazioni che hanno costruito questa bellezza ma, soprattutto, delle generazioni a venire alle quali dovremmo lasciarla in eredità, dobbiamo guardare nel piccolo abisso di questa orrida terra smossa e chiederci che cosa possiamo fare per essa, che cosa non abbiamo fatto e non stiamo facendo. Qui come altrove, il disastro si produce all’incrocio tra cause globali e locali, epocali e accidentali. In cima alla scala delle criticità vi sono i fenomeni meteorologici parossistici dovuti al cambiamento climatico (una pioggia torrentizia giovedì ha battuto la costa per tre ore consecutive).

Non appena, però, scendiamo di qualche gradino su quella scala, incontriamo la nostra responsabilità diretta, il nostro raggio d’azione immediato, incontriamo noi stessi. Incontriamo innanzitutto l’incuria di una rete fognaria notoriamente insufficiente, a tratti addirittura priva di tubature, nella quale confluiscono acque scure e acque chiare, nella quale sono stati convogliati troppi scarichi di troppi hotel a cinque stelle. Poi incontriamo l’abbandono. Quest’anno i magnifici limoni della costa d’Amalfi (lo «sfusato» amalfitano) sono stati pagati ai coltivatori 60 centesimi al chilo (nel supermercato sotto casa mia a Milano si vendono a 4,50 euro). Cosa c’entra? C’entra eccome perché questo significa la fine della lemonicultura come attività redditizia. Significa il dilagante abbandono della terra agricola, il degrado degli orti-giardino a roveti infestati dai topi, il progressivo crollo dei gloriosi muretti a secco che per secoli hanno consolidato il terreno e garantito l’ottimale deflusso delle acque (il fondo agricolo dove si è prodotta la frana, già di proprietà di un locale monastero, è stato totalmente abbandonato per più di mezzo secolo). Infine incontriamo l’illegalità, l’illecito sistematico, la complicità attiva e passiva di chi dovrebbe combatterlo. Incontriamo il cemento che divora la terra agricola, l’abusivismo edilizio endemico che grida vendetta sotto gli occhi di tutti, quasi sempre impunito (solo di recente i carabinieri di Amalfi e la procura di Salerno — sia resa lode a loro — hanno dato segno di volerlo combattere, affiancando finalmente la tenace ma spesso impotente attività di sorveglianza della sovrintendenza). Incontriamo il doloroso paradosso di una terra meravigliosa nella quale il cemento vale 10 mila euro al metro quadrato e un ettaro di limoneto non vale più niente.

 

Voglio credere (sperare?) che oramai un concetto fondamentale sia chiaro: la tutela del paesaggio non è solo nell’interesse di pochi idealisti nostalgici ed estetizzanti ma nell’interesse vitale di tutti. L’economia turistica di questi luoghi (non solo quella agricola, oramai morente), la salute, la sopravvivenza, il benessere dei loro abitanti (residenti o avventizi) dipendono da esso. Il passato non ritorna, la civiltà contadina non ritorna, le schiene spezzate che hanno trasportato a spalle per generazione ceste colme di limoni su queste scalinate ripide e assolate non possono e non devono tornare. La costa d’Amalfi, come l’Italia tutta, esiste solo nel tempo, nel divenire della storia. È nel divenire — diceva Eraclito — che le cose si riposano. Tutela del paesaggio non può significare cristallizzazione. Deve significare, invece, cittadinanza attiva, tensione appassionata, militanza di tutti coloro i quali vogliono e possono contribuire al futuro virtuoso di questa nostra terra meravigliosa. Siamo in tanti, qui e in ogni angolo del mondo. Non ci lasciamo scoraggiare. Non ci lasciamo sopraffare.

>Leggi anche:

Scurati sul CorSera: «Frana Amalfi, la fatalità non abita qui»

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 100432102

Cronaca

Maiori. Principio d'incendio a Capo d'Orso

Durante le prime ore del mattino, verso le 3:30, un principio di incendio si è verificato a Maiori, lungo la statale Amalfitana, in località Capo d'Orso. Pronto l'intervento dei Vigili del Fuoco del locale distaccamento di Maiori che, circa un'ora dopo sono riusciti ad evitare che le fiamme si propagassero...

Rogo di rifiuti nella spiaggia di Crapolla, Parco Marino Protetto Punta Campanella annuncia potenziamento controlli

Ieri mattina è stato ritrovato un piccolo rogo di rifiuti nei pressi della spiaggia di Crapolla, a Massa Lubrense. Un gesto grave e incivile, appena due giorni dopo la pulizia effettuata dall'Area Marina Protetta Punta Campanella e da Terra delle Sirene, in occasione della Festa di San Pietro. «Sicuramente...

Intervento Anas a Praiano: strada aperta a senso unico alternato

Al Km 23+850 sulla Statale Amalfitana, nel tratto di pertinenza del Comune di Praiano, è intervenuta l'ANAS per verificare le condizioni del manto stradale, interessato da un improvviso cedimento (leggi qui il nostro articolo) proprio alla vigilia del primo week end di luglio. Dopo aver effettuato le...

Si barrica in casa e accende il gas mentre la compagna dorme, uomo arrestato nella notte a Tramonti

Un uomo è stato arrestato, a Tramonti, con l'accusa di tentato omicidio. La scorsa notte, non è chiaro per quale motivo, S. G., classe '66, si è barricato in casa e ha acceso il gas. Con lui convive la compagna, una donna del napoletano, che si è svegliata - forse per il caldo - e, tutta intorpidita,...

Cede una parte d'asfalto a Praiano, si attende intervento dell'Anas / FOTO

Una piccola parte dell'asfalto sulla careggiata è ceduta poco fa, intorno alle 19. Il cedimento si è verificato sulla Statale Amalfitana, nel tratto di pertinenza del Comune di Praiano, all'altezza dell'Hotel Onda Verde, al Km 23. Con tutta probabilità la causa del cedimento è da imputare ad un'infiltrazione...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.