Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa Conv. di S. Paolo apost.

Date rapide

Oggi: 25 gennaio

Ieri: 24 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaLa pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniCronacaAmalfi, un anno fa il dramma di Vincenzo: bus turistici sempre più padroni e predoni. Ancora nessun provvedimento anticaos per la Costiera

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NatalePalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Cronaca

Amalfi, un anno fa il dramma di Vincenzo: bus turistici sempre più padroni e predoni. Ancora nessun provvedimento anticaos per la Costiera

Scritto da (Redazione), giovedì 11 luglio 2019 09:05:58

Ultimo aggiornamento venerdì 12 luglio 2019 07:49:21

di Emiliano Amato

Undici luglio 2018, un anno fa. Ad Amalfi un ragazzo di soli 17 anni viene schiacciato contro una ringhiera della Statale 163 da un bus turistico. La vita di Vincenzo è rimasta appesa al filo della speranza per circa due mesi nel reparto di rianimazione dell'Ospedale "Ruggi d'Aragona" di Salerno. Tutta la comunità costiera aveva seguito con il fiato sospeso, tra incontri di preghiera e una mobilitazione mai vista prima di allora per la raccolta del sangue necessario per i vari interventi, il decorso clinico di Vincenzo, che immediatamente era diventato figlio, fratello, nipote, amico di ogni cittadino della Costa d'Amalfi.

Vincenzo alla fine ce l'ha fatta, grazie alla sua grandissima forza, la stessa, eroica, dei suoi genitori, all'affetto incommensurabile degli amici! È rientrato da qualche settimana dall'ultimo, delicato intervento chirurgico in Germania e in questi giorni sta studiando per recuperare l'anno scolastico perso. Ma soprattutto si sta preparando per tornare a vivere una vita normale e a cancellare quell'incubo. Lo farà.

Tirato un sospiro di sollievo, tutti, a partire dalle istituzioni, avevano convenuto che era giunto il momento di dare una stretta al problema della viabilità in Costa d'Amalfi, di porre un freno a quel numero esorbitante di bus e di auto che durante la bella stagione invade ed attanaglia la Divina, con la memoria che andò anche a quel maledetto4 maggio del 2000 quando, quasi nello stesso punto, un bus turistico schiacciò e uccise la madre atranese Pina Elefante. Una tragedia cora viva nel ricordo di tanti.

Così, già nell' autunno scorso, i Sindaci della Costiera si erano messi al lavoro per trovare intese ed equilibri, sotto la regia della Prefettura di Salerno. Sono seguiti, durante tutto l'inverno, mesi di intenso lavoro, riunioni fiume, incontri istituzionali, tavoli tecnici che puntualmente si concludevano con la firma di due accordi politici cui aderivano tutti i primi cittadini (ad esclusione di quelli di Maiori e Minori), l'Anas, la Regione e la Provincia. Il 23 maggio sembrava fatta: i sindaci avevano finalmente trovato la quadra, il giusto compromesso tra i mille piccoli interessi individuali riconducibili alle aziende locali e l'interesse pubblico individuato nel diritto alla salute e alla mobilità, nella tutela dei luoghi considerati di altissimo pregio storico, artistico, ambientale e paesaggistico, dichiarati Patrimonio Universale dell'umanità tutelato dall'Unesco. E a reclamare la tutela degli interessi pubblici, a suggellarne la sacralità, una petizione di quasi 10mila firme raccolte da alcune associazioni presenti sul territorio e consegnata nelle mani del Prefetto di Salerno.

A rendere operative le decisioni dei primi cittadini doveva essere un'ordinanza dell'Anas che, sulla scorta di criteri geometrici elaborati attraverso uno studio tecnico della strada statale, avrebbe dovuto imporre un inderogabile divieto di transito per tutti i bus di lunghezza superiore ai 10,36 metri, e un senso unico di marcia per quelli di lunghezza compresa tra i 6 e i 10,36 metri. Ma la novità assoluta era che a tali regole avrebbero dovuto uniformarsi e sottostare anche le società di trasporto pubblico locale autorizzato, quelle, per intenderci, che inondano la nostra Costiera ogni giorno con centinaia di torpedoni con la scusa iperbolica di fornire un servizio ai cittadini in supporto alla Sita, ma che di fatto nessuno di noi utilizza per i costi esorbitanti che vengono praticati, e che viceversa giungono qui con l'unico scopo di rimpinguare i propri bilanci societari depredando il nostro territorio, violentando la nostra terra, rendendo invivibili le nostre città.

A questa ordinanza generale dell'Anas, avrebbero fatto seguito singole ordinanze comunali che dovevano recepire gli accordi dei sindaci siglati nel mese di maggio. Ebbene ad oggi, a quasi due mesi dalla firma dei primi cittadini, di fatto nulla è avvenuto: l'Anas non ha emesso alcun provvedimento e, conseguentemente, neppure i Comuni, dopo aver posto in essere un fitto giro di consultazioni con i soggetti maggiormente rappresentativi degli interessi coinvolti, consultazioni prodromiche all'adozione degli agognati e tanto attesi provvedimenti, hanno poi attuato nulla. Non solo nessun provvedimento restrittivo per i bus è stato adottato, ma la Regione Campania continua a rilasciare altre autorizzazioni di TPL! È proprio degli ultimi giorni la notizia dell'attivazione di corse di Italo sulla tratta Salerno-Amalfi e di nuovi collegamenti tra la Costa d'Amalfi e Pompei! Insomma oltre il danno, la beffa: sembra che tra le istituzioni si sia instaurato un vero e proprio corto circuito. Tutto a danno del territorio.

Intanto tutto tace nella più imbarazzante indifferenza istituzionale. La Strada Statale continua ad essere scenario apocalittico di lamiere in coda, con buona pace di tutti, ma soprattutto con il compiacimento di quattro società del napoletano e della penisola sorrentina.

E i cittadini? E quelle diecimila persone che intanto attendevano di vivere una stagione più serena, meno caotica o semplicemente all'insegna di quella che dovrebbe essere soltanto la normalità? La maggioranza silenziosa che crede e ripone fiducia nelle istituzioni? Ebbene, a quanto pare quella parte di società anche quest'anno dovrà continuare a soffrire, ostaggio in casa propria dei soliti prepotenti che nessuno riesce a controllare, a fermarne l'avanzata in questa sorta di saccheggio delle risorse di questa terra che è ogni giorno di più terra di conquista.

Ma allora ci si chiede, cui prodest? Quali interessi indecifrabili sono sottesi a questa problematica? Perché la politica fa fatica a contrastare questi fenomeni che sono sotto gli occhi di tutti, e che finiranno per distruggere le bellezze che tutto il mondo ci invidia?

Un barlume di speranza c'è, ancicipatoci dal Prefetto di Salerno Francesco Russo, incontrato domenica sera a Scala: la tanto attesa ordinanza potrebbe essere emanata a giorni, pare il 19 luglio.

Mentre attoniti continuiamo a cercare le risposte, oggi ricordiamo con rabbia ed amarezza quella maledetta giornata di un anno fa in cui è stata sfiorata una immane tragedia, continuando a pregare i nostri santi protettori affinché illuminino le menti intorpidite di chi decide le nostre sorti.

>Leggi anche:

Gioia a Ravello per il ritorno di Vincenzo: «Ho provato una forte emozione, dopo tanto tempo sono felice» [FOTO-VIDEO]

Buon compleanno Vincenzo. E perdonaci

Grave incidente ad Amalfi: giovane pedone stretto da un bus contro ringhiera

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Ragazza morta all'Università di Salerno: il cordoglio del Rettore Loia

«Vogliamo osservare silenzio, per rispetto della famiglia e di Daniela. Esordisce così Vincenzo Loia, Rettore dell'Università di Salerno, sulla morte della 30enne di Centola, ex studentessa, precipitata questa mattina, intorno alle 11:00, dall'ultimo piano del parcheggio multipiano dell'Ateneo. «La sentiamo...

Tragedia all'Università di Salerno, studentessa precipita da parcheggio multipiano

Ancora una tragedia all'Università degli studi di Salerno. Per cause ancora da accertare, una studentessa universitaria è precipitata nel vuoto dall'ultimo piano del parcheggio multipiano dell'Ateneo. A riportare la notizia è Zerottonove.it. La tragedia si è consumata intorno alle 11. Coloro che hanno...

Ravello, licenziamento Amalfitano: undienza rinviata al 12 febbraio

Si riaggiornerà al 12 febbraio prossimo l'udienza relativa alla destituzione dell'ex direttore di Villa Rufolo Secondo Amalfitano, licenziato il 7 novembre scorso dal commissario straordinario Mauro Felicori successivamente al venir meno del rapporto fiduciario con la governance della Fondazione. Amalfitano...

Controlli dei Carabinieri in Costiera Amalfitana, resta alta la guardia

Posti di controllo, perquisizioni e presenza sul territorio: i Carabinieri della Compagnia di Amalfi, anche in questi giorni di gennaio, effettuano mirati servizi volti a contrastare le illegalità e le violazioni del codice della strada. Nella giornata di ieri il Capitano Umberto D'Angelantonio ha messo...

Furgone a fuoco al Valico di Chiunzi, paura per un operaio [FOTO]

Un veicolo è andato a fuoco poco prima delle 11:15 sulla Strada Provinciale 2 nei pressi del Valico di Chiunzi. Il conducente del furgone, un Fiat Scudo, adibito al trasporto di cartongesso, in marcia in direzione Corbara, si è accorto che dal vano motore cominciavano a fuoriuscire le fiemme. Immediatamente...