Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Costanzo martire

Date rapide

Oggi: 12 dicembre

Ieri: 11 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La SICME Energy e Gas augura a tutti i lettori de Il Vescovado de Il Portico e di Ravello Notizie un Natale all'insegna della luce e del calore. Auguri da SICME!La pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOSMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineI super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizieCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficiale, augura a tutti i lettori un Sereno NataleTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniChiesaPapa Francesco: «Un politico non deve mai seminare odio e paura, ma speranza»

Frai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleLa dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMielePiù i professionisti del riscaldamento e della climatizzazione, la scelta infinitaParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoPellet a euro 5,00 fino al 30 novembre 2019D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i capolavori di dolcezza e genuinità artigianale del Maestro Pasticciere Sal De Riso

Chiesa

Papa Francesco: «Un politico non deve mai seminare odio e paura, ma speranza»

Scritto da (Redazione), lunedì 3 giugno 2019 17:26:08

Ultimo aggiornamento lunedì 3 giugno 2019 17:26:08

Papa Francesco torna dalla Romania e, dopo aver fatto uno storico «mea culpa» per le discriminazioni di cui anche la Chiesa si è macchiata nei confronti della popolazione Rom, sul volo di ritorno verso Roma esprime tutta la sua preoccupazione per il presente e il futuro del vecchio continente. Mentre sull'udienza che non avrebbe concesso al vicepremier Matteo Salvini spiega: «Nessuno del governo, eccetto il premier Conte, ha chiesto udienza (già avvenuta, ndr). Perché l'udienza la si deve chiedere alla Segreteria di Stato: il premier Conte l'ha chiesta ed è andata come da protocollo. È stata una bella udienza. Conte è un uomo intelligente, un professore, sa di che cosa parla. Dal vicepremier e da altri ministri non ho ricevuto richieste».

Santità, nella campagna elettorale per le recenti elezioni europee alcuni leader sovranisti, a cominciare dal vicepremier Matteo Salvini in Italia, hanno esibito simboli religiosi nei comizi: bacio del Rosario, affidamenti al cuore immacolato di Maria eccetera. Che impressione le ha fatto? Ed è vero che lei non vuole incontrare Salvini?

«Io non ho sentito che nessuno del governo, eccetto il premier, abbia chiesto udienza, nessuno. Per una udienza si deve parlare alla Segreteria di Stato. Il premier Conte l'ha chiesta ed è stata fatta come indica il protocollo. Una bella udienza, un'ora o più forse, un uomo intelligente, un professore. I vicepremier non li ho ricevuti, altri ministri neppure. Ho ricevuto il Presidente della Repubblica... Leggendo i giornali, non sono entrato in queste notizie, come ha fatto propaganda un partito o l'altro... E poi mi confesso ignorante, non capisco la politica italiana, è vero che devo studiare... Dire un'opinione sulla campagna elettorale di uno dei partiti non sarebbe molto prudente. Io prego perché gli italiani si uniscano e siano leali. Io sono italiano perché sono figlio di emigranti italiani, tutti i miei fratelli hanno la cittadinanza, io non ho voluto perché il vescovo deve essere della patria. C'è nella politica di tanti Paesi la malattia della corruzione, dappertutto. Ma domani non dite, "il Papa ha detto che la politica italiana è corrotta", no, è una malattia universale. Dobbiamo aiutare i politici a essere onesti, a non fare campagna con bandiere disoneste, la calunnia, la diffamazione, gli scandali o, come accade tante volte, seminando odio e paura: questo è terribile. Un politico mai, mai deve seminare odio e paura, soltanto speranza. Giusta, esigente, ma speranza: perché deve condurre il Paese lì».

Lei ha parlato di fraternità ma in Europa cresce il numero di quelli che preferiscono camminare da soli. Perché è così e cosa deve fare l'Europa per cambiare?

«Tutti siamo responsabili della Unione europea, tutti. La rotazione del presidente è simbolo della responsabilità che ognuno dei Paesi ha dell'Europa. Se l'Europa non guarda bene le sfide future, appassirà. A Strasburgo dissi che sta finendo di essere la mamma Europa e sta diventando la nonna Europa. Si è invecchiata, ha perso l'impulso a lavorare assieme. Qualcuno forse si domanderà: non sarà la fine di un sogno durato settanta anni? L'Europa ha bisogno di riprendere se stessa, superare le divisioni. Stiamo vedendo delle frontiere, e questo non fa bene. È vero che ognuno dei Paesi ha la sua cultura e deve custodirla, ma con la mistica del poliedro: si rispettano le culture di tutti, ma tutti uniti. Che l'Europa non si lasci vincere dal pessimismo o dalle ideologie, perché l'Europa è attaccata non con cannoni o bombe ma da ideologie che non sono europee, vengono da fuori. Pensiamo all'Europa divisa e belligerante del '14, del '33, del '39... Impariamo da questo, impariamo dalla storia, non cadiamo nello stesso buco».

Di Benedetto XVI aveva detto che è come avere un nonno in casa, continua a vederlo così?

«È vero, ora di più! Ogni volta che vado da lui a visitarlo lo sento così, gli prendo la mano, lo faccio parlare, parla poco, parla adagio ma con la stessa profondità di sempre. Il problema di Benedetto sono le ginocchia, non la testa. Ha una lucidità grande. Sentendo Benedetto sento questa tradizione della Chiesa che non è una cosa da museo ma è come le radici: ti danno il succo per crescere, e tu non diventerai come le radici, ma fiorirai e darai frutti, e i semi saranno le radici degli altri... Sull'Osservatore ho letto una frase di Mahler: la tradizione è la garanzia del futuro e non la custodia delle ceneri. Non è un museo, la tradizione, non custodisce le ceneri, non è la nostalgia delle ceneri».

Milioni di romeni sono emigrati. Che cosa dice a un genitore che lascia i propri figli per andare all'estero e assicurare loro una vita migliore?
«Mi fa pensare all'amore della famiglia, staccarsi non è una cosa bella, c'è sempre la nostalgia di ritrovarsi. Il distacco è sempre doloroso, farlo perché non manchi nulla alla famiglia è un atto di amore. Non se ne vanno per fare turismo, ma per necessità. Tante volte sono i risultati di una politica mondiale, della situazione mondiale dell'economia, dall'ordine mondiale finanziario. Ci sono imprese che chiudono per riaprire altrove e guadagnare di più, lasciando la gente per strada. Questa è ingiustizia mondiale, mancanza di solidarietà, una sofferenza...Nella società del consumismo, dell'avere di più e del guadagnare di più, tanta gente rimane sola. Il mio è un appello alla solidarietà mondiale».

Che cosa consiglia ai romeni, quali dovrebbero essere i rapporti tra minoranza cattolica e maggioranza ortodossa, tra etnie, nella società civile?

«Il rapporto della mano tesa, quando ci sono conflitti. Un Paese in sviluppo con alti tassi di nascita non può permettersi il lusso di avere nemici dentro. Sempre la mano tesa. Con l'ortodossia, l'ecumenismo non è arrivare alla fine della partita, si fa camminando insieme e pregando insieme. Nella storia abbiamo l'ecumenismo del sangue, quando uccidevano i cristiani senza chiedere se fossero cattolici o ortodossi, e c'è anche l'ecumenismo della testimonianza, del povero, lavorare insieme per aiutare gli ammalati, gli infermi, la gente al marine di un minimo di benessere. Mani tese, guardarsi meglio, non sparlare degli altri».

Nel primo giorno del viaggio, quando lei e il patriarca avete pregato ognuno per conto suo il Padre Nostro, è stato un momento bello ma anche un po' duro. Cosa pensava quando è rimasto in silenzio mentre il patriarca pregava in romeno?

«Farò una confidenza, non sono rimasto in silenzio. Io ho pregato il Padre Nostro in italiano durante la recita... La maggior parte della gente pregava sia romeno sia in latino. La gente va oltre noi capi. Noi capi dobbiamo fare degli equilibri diplomatici, ci sono abitudini e regole che è buono custodire perché le cose non si rovinino, ma il popolo prega assieme. Anche noi quando siamo da soli preghiamo insieme. I patriarchi sono aperti. E anche noi cattolici abbiamo gente chiusa che non vuole, dice che gli ortodossi sono scismatici, cose vecchie: gli ortodossi sono cristiani. Se ci sono gruppi cattolici un po' integralisti, dobbiamo pregare per loro».

Fonte: Repubblica

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l’informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Chiesa

"La Fedeltà di Dio": Incontro di Dicembre prepara al Mistero del Natale

È disponibile (scaricabile in allegato) il numero di Dicembre 2019 di "Incontro per una Chiesa Viva", periodico della Comunità ecclesiale di Ravello. L'articolo di prima pagina dal titolo: "La Fedeltà di Dio" propone un riflessione sul senso autentico del Natale, che proclama la fedeltà di Dio alla promessa...

Padre Enzo Fortunato: «Identità e apertura, la forza del presepe»

di padre Enzo Fortunato La stella cometa e il suo cielo, pastori, fornai, bambini, "tutti attorno alla grotta e ricolmi di gioia, senza più alcuna distanza tra l'evento che si compie e quanti diventano partecipi del mistero". È così che nasce la tradizione voluta da Francesco d'Assisi che a Greccio nel...

Papa Francesco: non venga mai meno la bella tradizione del presepe

"Il mirabile segno del presepe, così caro al popolo cristiano, suscita sempre stupore e meraviglia": inizia così la Lettera apostolica Admirabile signum sul significato e il valore del presepe, che Papa Francesco ha firmato questa domenica a Greccio. Il presepe, atto di evangelizzazione da riscoprire...

Ravello festeggia Santa Barbara, compatrona della Città

La comunità ecclesiale di Ravello celebra la memoria liturgica di Santa Barbara da Nicomedia, Vergine e Martire, compatrona della città. Una figura venerata per antica tradizione popolare e sempre presente nella storia religiosa di Ravello, come attestano le numerose testimonianze documentarie e artistiche....

Amalfi, Sant'Andrea 2019: «Abbiamo la Manna!»

«Abbiamo la Manna!» è l'attesa esclamazione riecheggiata ieri sera nella cripta del Duomo di Amalfi al termine della celebrazione dei primi Vespri Pontificali presieduti dall'arcivescovo Orazio Soricelli e dal parroco don Antonio Porpora. In occasione del tradizionale rito della raccolta dei piatti e...