Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Alfonso Maria de' Liguori

Date rapide

Oggi: 1 agosto

Ieri: 31 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Il Festival della Musica di Ravello - Il Programma del Ravello Festival 2021 EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniChiesaL’Arcidiocesi di Amalfi-Cava si appresta a celebrare il processo per dichiarare “venerabile” Mons. Ercolano Marini

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiRavello Festival 2021 - il Festival della Musica di RavelloFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Chiesa

L’Arcidiocesi di Amalfi-Cava si appresta a celebrare il processo per dichiarare “venerabile” Mons. Ercolano Marini

Scritto da (redazione), domenica 28 febbraio 2021 10:44:24

Ultimo aggiornamento domenica 28 febbraio 2021 10:44:24

Un altro importante tassello è stato aggiunto alla realizzazione del sogno di vedere sugli altari l'arcivescovo di Amalfi monsignor Ercolano Marini, nato dall'iniziativa congiunta del Centro di Solidarietà, del Parroco di Amalfi e dei Sindaci di Matelica e di Amalfi.

La Congregazione delle Cause dei Santi, a firma del Card. Marcello Semeraro, ha dato il suo assenso perché si iniziasse in Amalfi "l'inquisitio" per dichiarare la santità della sua vita, come accertata dalla "fama di santità" ancora viva nelle popolazioni della Arcidiocesi.

Ora tutto è pronto per l'inizio del processo, la cui data deve essere fissata dal nostro arcivescovo.

Sul "Nulla Osta" della Santa Sede non si avevano dubbi, perché negli archivi vaticani certamente ci saranno tracce della sua operosità, perché, come si legge nel diario di don Bricchi, un sacerdote di Matelica, con cui Egli amava passeggiare e confabulare, "era diventato così caro al Papa Benedetto XV, così come era stato caro a Pio X".

Era stato caro a Pio X, che lo nominò Vescovo alla giovane età di 38 anni e fu caro a Benedetto XV, che ebbe per lui particolari attestazioni di stima. Lo dichiarò anche il Cardinale Pompili, il Vicario di Roma, che di lui scrisse : "con singolare modestia e quasi nel silenzio ha saputo intrecciarsi una preziosa corona di meriti, che, oltre la benedizione di Dio, gli ha procurato la stima e la benevolenza del Santo Padre".

Dopo appena due mesi dal suo ingresso in Amalfi, nel Natale del 1915, durante la guerra europea, aveva invitato "tutti i fanciulli della Diocesi alla Santa Comu­nione nel giorno del Santo Natale, affinchè al coro degli Angioli del Cielo, annunzianti la pace, si unisse il coro degli angioli della terra, che ne implori il desiderato ritorno".

Presentò al Santo Padre questo proposito ed Egli, come si legge negli Atti della Santa Sede di quell'anno, non solo incoraggiò l'iniziativa, ma "espresse anche il desiderio che essa fosse raccolta dall'Episcopato".

Non furono queste parole di circostanza, perché mesi dopo, nel luglio del 1916, con Lettera Pontificia ordinò "a tutti i Vescovi di Europa di promuovere e di dare la maggiore solennità possibile alla Comunione generale dei fanciulli nella domenica del 30 luglio" di quell'anno.

Ma c'è ancora di più, perché, sempre Don Bricchi ha lasciato scritto nel suo diario che Benedetto XV gli aveva personalmente proposto di elevarlo alla sede di Genova. Egli era genovese e sapeva molto bene come Genova lo stimava "per il molto apostolato" ivi da lui profuso, tanto che il "Cittadino di Genova" del 27 marzo 1913, lanciando alla città la proposta di aiutare Monsignor Marini nella ricostruzione della Cripta di san Benedetto in Norcia, così scriveva: "Il nome di S.E. Mons. Ercolano Marini, Vescovo di Norcia, è indissolubilmente congiunto da una catena di affetto a quello dei genovesi, mentre ad esso il cuore dei genovesi è pur legato da vincoli di maggiore riconoscenza".

Era di casa nel Vaticano, tanto che con Benedetto XV ci furono tre udienze private a lui concesse. Del resto, basta leggere la circolare con cui annunciò la sua morte, per rendersi conto come sapeva ben destreggiarsi nel Palazzo Apostolico per stare nella sua agonia vicino all'illustre infermo.

La stima per la sua opera continuò anche nei successori di Benedetto XV: Pio X e Pio XII. A Questi presentò le dimissioni dalla nostra Diocesi col desiderio di ritirarsi in un monastero benedettino. Lo fece nell'udienza privata del 17 luglio 1945: «Padre santo — Gli dissi — dopo quasi mezzo secolo di governo pastorale imploro che mi dispensiate dal peso della Diocesi. Datemi la libertà, per cui nell' austerità e nel silenzio di un Monastero Benedettino possa chiudere i miei giorni nella pace di Dio». Sorpreso a questi accenti, il Santo Padre si raccoglieva come in cerca di lume dall' alto; poi, benevolmente annuendo alla mia supplica, mi diceva in plaudente ammirazione: «Il suo proposito di ritirarsi in un Monastero Benedettino è bello, veramente bello!». Così raccontò Egli stesso nell'Omelia di commiato da Amalfi.

Ora sta a noi continuare a pregare perchè la Vergine Santa ottenga dal suo Figlio Gesù un segno che confermi la sua santità. E' ciò che desideriamo e non tarderà a venire, se riusciamo a meritarlo.

>Leggi anche:

Amalfi, Mons. Ercolano Marini verso proclamazione a Venerabile Servo di Dio

Settant'anni fa moriva Mons. Ercolano Marini

L'alluvione del 26 marzo 1924 che provocò distruzione e morte a Vettica di Amalfi

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Chiesa

1° agosto, Scala festeggia Sant'Alfonso Maria de' Liguori [PROGRAMMA]

Scala festeggia Sant'Alfonso Maria de' Liguori compatrono della città più antica della Costa d'Amalfi. Proprio a Scala, il 9 novembre 1732 Sant'Alfonso Maria de Liguori (1696-1787) fondò l'Ordine dei Redentoristi. Il dottore della Chiesa rimase per molti nella cittadina costiera dove, attraverso la preghiera...

Furore: un Santo e due statue, fra storia e leggenda

di Raffaele Ferraioli* Sono tornate in questi giorni, perfettamente restaurate, nelle loro antiche dimore le due statue di Santo Jaco di Furore. Quella in cartapesta, policroma, risalente al 1700, è stata rimessa a nuovo per iniziativa del Comitato Parrocchiale ricollocata nella navata sinistra della...

Ravello, si rinnova prodigio del Sangue di San Pantaleone: liquefazione è «evidente» [FOTO]

di Emiliano Amato Anche in quest'anno horribilis, segnato dall'emergenza pandemica, a Ravello l'atteso fenomeno del miracolo della liquefazione del sangue di San Pantaleone, patrono di Ravello e protettore dei medici, si è manifestato, in una forma palese. Oggi, nel giorno che ne ricorda il martirio...

Ravello, nel segno della protezione di Pantaleone da Nicomedia: dai tamponi ai vaccini in prima linea nella lotta al Covid

San Pantaleone è il protettore dei medici. Da diversi anni Ravello, nei giorni che anticipano le celebrazioni del suo Santo patrono, dedica uno spazio di preghiera e riflessione riservati all aclasse medica del territorio. "Nel segno della protezione di Pantaleone da Nicomedia: dai tamponi ai vaccini...

Scala abbraccia Don Peppino Imperato: stasera Santa Messa in Duomo

Questa sera la comunità parrochiale di Scala abbraccia il parroco emerito, Mons. Giuseppe Imperato,che per oltre un quarto di secolo ha svolto con zelo l'attività pastorale nella città cara a Sant'Alfonso Maria de' Liguori. Alle 19.00, nel Duomo di San Lorenzo, Don Peppino celebrerà una Santa Messa Solenne,...