Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 21 minuti fa S. Corrado vescovo

Date rapide

Oggi: 26 novembre

Ieri: 25 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaIl Panettone artigianale della Pasticceria Gambardella, da oggi a portata di click. Gambardella, Minori, Costiera AmalfitanaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniAttualitàLa Costiera che crolla, distrutta da vincoli assurdi

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Attualità

La Costiera che crolla, distrutta da vincoli assurdi

Scritto da (Redazione), venerdì 3 gennaio 2020 10:13:50

Ultimo aggiornamento venerdì 3 gennaio 2020 10:13:50

di Pierluigi Califano*

 

"Cient nunn'è nient acceretter ‘u ciuccio" (che tradotto significa questo: a furia di minimizzare i sintomi della malattia l'asino ammalato morì). Così esordiva mio nonno quando voleva commentare una situazione in cui, davanti ad un problema, la superficialità la faceva da padrona. Ed è quello che direbbe ahimè oggi per descrivere l'attuale situazione in Costiera Amalfitana. Sono decenni che il nostro sistema territoriale è al collasso e oggi, come ieri, sento solo dire "nunn' è nient"! Tutto è iniziato circa trent'anni fa: nel 1987 viene emanata una legge Regionale (la 35/87 denominata "PUT") che mirava alla salvaguardia paesaggistica di tutti i comuni costieri. Un piano innovativo al tempo che salvò la Costiera da cementificazione certa negli anni del boom economico. Nel frattempo la vocazione turistica della Divina diventava predominante nello scenario internazionale rendendo ad alta redditività gli immobili turistici della fascia costiera a scapito dei terreni collinari sempre più abbandonati perché improduttivi anche a causa di una sempre meno redditività del limone sul mercato globale. E qui cominciano i primi "nunn' è nient".

Siamo ai primi anni del 2000 e porzioni sempre più vaste di territorio agricolo sono coltivate ormai soltanto dagli ultimi contadini settantenni che solo per amore della propria terra, ereditata dai padri, coltivano e gestiscono i terrazzamenti. Già in questo periodo si levano i primi timidi appelli da parte di molti studiosi: il sistema terrazzato della costiera è al collasso, senza una politica di tutela e gestione tra poco si arriverà al punto di non ritorno. Appelli che vengono soffocati dal più incisivo e marcato "nunn' è nient"....quello che con il silenzio di istituzioni e politici minimizzava il problema dicendo più di una volta: la costiera è un presepe e come tale va preservato....in fondo cosa ci manca? Da allora la corsa verso il baratro è stata inarrestabile. Anno dopo anno sulla costiera è stato un aumentare di "nunn' è nient". Questa volta concretizzatisi in una marea di divieti, prescrizioni, vincoli, limiti. Il traffico paralizza la costiera? Nunn' è niet...tanto "i pulman e le macchine portano soldi".

Di secondaria importanza che la gente muoia perché non riesce ad arrivare in ospedale o che la vivibilità dei residenti risulti ormai sempre più ridotta... La costiera ha un piano urbanistico (PUT) obsoleto? Nunn' è niet...invece di aggiornarlo limitiamo quanto più possibile gli interventi sul costruito e non ci poniamo più il problema. Questo, e lo dico senza timore di smentita, è la mentalità applicata dalla Soprintendenza di Salerno, dall'autorità di bacino e da tutti gli enti regionali che hanno dovere di "salvaguardare" il nostro territorio...da oltre quindici anni. Inutili i nostri appelli. Noi tecnici siamo visti come i cementificatori, come i pirati che vogliono distruggere il territorio deturpandolo. Noi invece siamo l'ultimo avamposto di una società che vuole vivere in questo territorio ma che per farlo deve averne la possibilità solo grazie ad un sistema di regole certe ed applicabili per tutti gli attori del sistema. E allora siamo noi a lanciare un appello a De Masi, Scurati e Padre Enzo: usate le vostre capacità per gettare ponti tra chi vive e lavora in costiera e chi la gestisce e "dovrebbe" tutelarla. L'appello fatelo alla Soprintendenza che blocca qualunque tipo di intervento anche di recupero o ripristino dei terrazzamenti nascondendosi dietro la finta volontà della "tutela e difesa del paesaggio". Dimenticando che il paesaggio della costiera deve la sua bellezza all'armonia tra costruito e paesaggio naturale. Bloccare il costruito significa influenzarne negativamente anche il patrimonio paesaggistico naturale.

L'appello fatelo ai politici e tecnici regionali, provinciali, comunali che privi di una visione d'insieme condannano la costiera all'isolamento ed all'abbandono. L'appello fatelo agli ambientalisti che fingono di voler tutelare il paesaggio ma nella realtà vogliono salvaguardare solo "la cartolina" senza salvaguardare il sistema che ha generato quella "cartolina". L'appello fatelo alla regione per modificare ed aggiornare il PUT con strumenti di gestione urbana già esistenti e per non far crollare la costiera tutta distrutta da vincoli assurdi, interpretazioni legislative sempre più limitative e una burocrazia egemonica e paralizzante. Usiamo le nostre forze e capacità per unire tutti questi attori intorno ad un tavolo, davanti ad un progetto concreto da condividere. Questo è quello che vorrei leggere nel vostro prossimo articolo. Non dite anche voi "nunn' è nient" ...la costiera ormai è al collasso e non potete, non possiamo, più far finta di non vedere.

 

*ingegnere, presidente APCA (Associazione Professionisti Costiera Amalfitana)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Emergenza Covid, a Maiori montate le tende dell'Esercito al Porto turistico [VIDEO]

Sono quasi ultimate le operazioni di montaggio delle tre tende militari allestite al porto turistico di Maiori dove da domani, martedì 24 novembre, si insedierà l'Unità Speciale di Continuità Assistenziale (USCA) dell'Esercito Italiano. «Da domani sarà attiva l'USCA dell'Esercito Italiano con tre medici...

Emergenza Covid: il realismo e la speranza

di Antonio Schiavo Ho letto con attenzione l'articolo di Antonio Scurati su Il Corriere della Sera. Come al solito il suo scrivere è netto, puntuale, accattivante e sa cogliere l'essenza delle questioni incardinandole in descrizioni di paesaggio e contesto che lasciano il lettore senza parole. Non sono...

Antonio Scurati su CorSera: «Restiamo lucidi nel nostro inverno più difficile»

Riprendiamo la riflessione dello scrittore Antonio Scurati, cittadino onorario di Ravello, pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, venerdì 20 novembre. «Ci attende un secondo inverno di resistenza. Affrontiamolo con fermezza, serietà, senza malanimo. Proprio ora che i vaccini ci offrono una ragionevole...

Le continue scorrettezze di Positano News: quel copia e incolla disgustoso che non fa bene al giornalismo

di Emiliano Amato È da tempo che lamentiamo continue scorrettezze da parte di Positano News che non esita ad appropriarsi dei contenuti pubblicati dal Vescovado. Tante volte abbiamo preferito soprassedere, abbiamo fatto passare la notizia scopiazzata, ma stavolta la misura è colma e lesiva del nostro...

Dieci anni fa l’iscrizione della Dieta Mediterranea nella Lista UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale

di Alfonso Andria* Oggi, 16 novembre 2020, ricorre il decennale dell'iscrizione della Dieta Mediterranea nella Lista UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità. Il riconoscimento fu attribuito durante la seduta del Comitato Mondiale UNESCO a Nairobi (Kenya) il 16 novembre 2010.Durante il...