Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Sebastiano martire

Date rapide

Oggi: 20 gennaio

Ieri: 19 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniAttualitàLa Costiera Amalfitana che crolla. L'APCA alle istituzioni: «Fate presto!»

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Attualità

La Costiera Amalfitana che crolla. L'APCA alle istituzioni: «Fate presto!»

Scritto da (redazione), venerdì 18 dicembre 2020 13:21:18

Ultimo aggiornamento venerdì 18 dicembre 2020 16:56:32

L'APCA (Associazione Professionisti Costiera Amalfitana) interviene dopo il crollo di parte del vecchio stabile di Minori avvenuto lunedì scorso. Il sodalizio presieduto dall'ingegnere Pierluigi Califano lancia l'allarme imputando le cause dell'abbandono del territorio a "una politica miope e disomogenea" e alla burocrazia. Segue testo integrale a firma di tutti consiglieri APCA.

"FATE PRESTO: per salvare chi è ancora vivo, per aiutare chi non ha più nulla"

Questo il titolo del Mattino a tre giorni dal terremoto che il 23 novembre 1980 sconvolse l'intera Campania portando morte e distruzione e che cambiò per sempre la vita di intere popolazioni modificandone il volto in maniera permanente e spesso in maniera "anonima" affidandosi completamente a scatole di cemento armato senza alcuna identità.
Poco meno di un mese fa abbiamo ricordato i quarant'anni di questo terribile avvenimento che per pura casualità avviene a circa un mese di distanza da un altro triste anniversario qui in costiera: l'alluvione che tra il 20 ed il 22 dicembre dello scorso anno provocò in costiera il crollo di numerosi terrazzamenti e la paralisi della viabilità che portò all'isolamento i comuni costieri per mesi.
Scene di distruzioni simili a quelle viste per il terremoto dell'ottanta si videro in costiera: interi versanti sfigurati, costruzioni millenarie distrutte e perdute irrimediabilmente
Perché, vi starete chiedendo, siamo qui ad accostare anniversari che molti potrebbero vedere così diversi fra loro?
Perché a riportare questi anniversari al tempo presente è uno degli ultimi articoli del Mattino del 14 dicembre che titola "Paura in Costiera Amalfitana: crolla una vecchia cartiera a Minori".
Ed allora, conoscendo entrambi questi anniversari e dandogli valore io avrei intitolato l'articolo del Mattino in questo modo: FATE PRESTO: la costiera amalfitana crolla ancora! Vittima di una politica miope e disomogenea.
Perché purtroppo la causa di questo terremoto che da decenni sta interessando la costiera e la sta distruggendo non e' una causa naturale ma ha un nome unico: BUROCRAZIA.
Tra i principali imputati vi è :
• L'ormai obsoleto Piano Urbanistico Territoriale nato nel 1987 (ma concepito quasi 10 anni prima!) e che da allora ancora vige in costiera inalterato nato dall'idea antiquata che la tutela del paesaggio si ottiene vietando qualunque tipo di intervento antropico!
• L'Autorità di Bacino, nell'illuminata esigenza di salvaguardare la vita umana, di fatto vieta ogni forma di recupero in aree ad elevato rischio, eppur esiste già una norma "ad hoc" per l'industria balneare. Ben venga il Progetto Pilota a Minori in Costiera Amalfitana per mitigare il rischio idrogeologico, ma deve essere l'occasione per evolvere in una normativa non di divieti ma volta alla convivenza con il rischio idrogeologico.
• La Soprintendenza di Salerno, chiusa negli ultimi anni in una sempre più accesa caccia alle streghe nella sempre più ferrea negazione di qualunque tipo di intervento edilizio bloccando di fatto la tutela del paesaggio ed agevolando (esasperando) esclusivamente la politica dell'abuso.
Vi è stata e vi è una ultradecennale non curanza da parte della classe politica, delle nostre origini e della nostra storia, che va dall'agricoltura all'industria, con la non concreta valorizzazione dei terrazzamenti e degli edifici protoindustrali che risalgono al medievo.
Ecco dunque elencate le concause che generano l'abbandono e il naturale crollo delle antiche cartiere tipo quella di alcuni giorni fa a Minori: un gioiello di architettura industriale andato in parte perduto per sempre!
La vocazione originaria delle "Cartiere", tranne qualche caso sporadico e di nicchia, ormai non più economicamente sostenibile. L'attuale piano normativo di fatto rende impossibile, tra l'altro, qualunque tipo di cambio di destinazione d'uso degli immobili vincolandoli per sempre alla loro destinazione originaria. Ed allora gli edifici protoindustriali, in quest'epoca obsoleti ed antieconomici, ma con architetture eleganti e armoniose, fissati nel paesaggio come punto di riferimento dei viaggiatori del GRAN TOUR, sono inesorabilmente destinati a crollare condannati da un sistema che finge di tutelarli!
Perché non si può recuperare, come si fa in tutto il mondo, trasformando un gioiello del passato in un contenitore per le esigenze presenti? La tutela è nell'abbandono o nel recupero dei beni architettonici? Non si potrebbero mettere a "sistema" gli insediamenti in disuso in un progetto di insieme e farlo "vivere" rendendolo economicamente sostenibile?
Queste le domande che come associazione poniamo ad ogni livello istituzionale da anni rimanendo inascoltati.
Ed allora ancora una volta gridiamo "FATE PRESTO".
Lo gridiamo ai politici locali, che persi nei loro campanilismi non sono capaci di unirsi per chiedere una norma speciale sul governo del territorio e far si che la Costiera Amalfitana sia ancor più un'isola felice.
Il treno è in corsa, l'occasione potrebbe essere risolvere le criticità emerse con il primo studio del piano di gestione del Sito UNESCO, ed elevare L'Ente gestore, di respiro Europeo, unico referente per l'area, eliminando così mille vincoli e rendo attuative le proposte emerse.
La nostra Storia ce lo impone. La Costiera Amalfitana quale centro culturale del Mediterraneo, esige rispetto ed evoluzione di ampio respiro. Si cerchi con le prossime risorse Europee di Ottenere il meglio per risolvere ataviche problematiche.
Si facciano concorsi internazionali di idee e progettazione e non Bandi riduttivi calati dall'alto senza una logica unitaria, da chi di fatto non vive e non conosce appieno il territorio.
Lo gridiamo alle associazioni di tutela del paesaggio come Italia Nostra, il FAI ed altre che non vogliamo ritenere complici di questa politica della "tutela da cartolina" ma che vogliamo coinvolgere in prima linea nella tutela della costiera così come definita dall'Unesco " è frutto di un paesaggio che nasce dal perfetto equilibrio tra paesaggio antropizzato e paesaggio naturale".
Ed allora FATE PRESTO, tutti nessuno escluso.
Perché non vorremo fra dieci anni ricordare quest'anniversario piangendo il crollo di un intero sistema costiero e non solo di una cartiera...

I consiglieri dell'A.P.C.A.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Erchie d’inverno: il fascino e l’abbandono nelle foto di Armando Montella

Un atto di denuncia in cui l'ammirazione verso la bellezza e la potenza della natura si mescolano all'indignazione. Attraverso una carrellata di dieci scatti il fotografo per passione Armando Montella mostra le luci e le ombre di Erchie, l'incantevole borgo affacciato sul mare della Costiera amalfitana...

Meteo, weekend 16-17 gennaio con freddo e gelo. Neve anche a bassa quota

Si profila un weekend, quello del 16-17 gennaio, particolarmente freddo su tutta l'Italia. L'arrivo di gelide correnti da Nord-Est determinerà un drastico calo termico, con temperature sotto le medie stagionali soprattutto al Centro-Sud. Sabato sarà una giornata molto fredda anche per l'effetto di forti...

Da Agerola ad Erchie, l’ultima transumanza in Costa d’Amalfi al tempo del coronavirus

Dai freddi monti di Agerola alle più miti temperature del caratteristico borgo di Erchie per svernare. Non è una scelta di tipo turistico ma l'ultima transumanza ancora in vita in Costiera Amalfitana. Due volte l'anno, di notte, percorrendo la strada Statale 163 Amalfitana, Giovanni, Franchina e i loro...

Comitato “Tuteliamo la Costiera Amalfitana”: «Comune Maiori nega gli atti sul depuratore»

«Mentre il sindaco di Maiori nega gli atti, anzi, dice di non esserne in possesso, il sindaco di Minori procede con i lavori preliminari al depuratore nel Demanio». Il comitato ambientalista "Tuteliamo la Costiera Amalfitana" riaccende i riflettori sul discusso progetto di realizzazione del nuovo impianto...

Emergenza Covid a Ravello, Farmacia Cannavale dona al Comune 300 mascherine FFP2 e 5 saturimetri

A Ravello, colpita dall'emergenza epidemiologica, non si ferma la gara di solidarietà. Dopo le donazioni di mascherine e dispositivi della Farmacia Russo, la dottoressa Aurora Cannavale, titolare dell'omonima farmacia di Casapesenna, ha donato al Comune di Ravello 300 dispositivi FFP2 e 5 saturimetri....