Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 minuti fa S. Eusebio vescovo

Date rapide

Oggi: 12 agosto

Ieri: 11 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureRavello Festival 2020Terra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniAttualitàL'Auditorium di Ravello rischia di fare la fine del ponte Morandi

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Connectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzatePasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Attualità

L'allarme

L'Auditorium di Ravello rischia di fare la fine del ponte Morandi

Scritto da (Redazione), mercoledì 29 gennaio 2020 08:45:41

Ultimo aggiornamento mercoledì 29 gennaio 2020 12:59:40

di Domenico De Masi

Dieci anni fa, il 29 gennaio 2010, il governatore della Regione Campania Antonio Bassolino inaugurò l'Auditorium Oscar Niemeyer. Per tre giorni consecutivi 5.000 persone si avvicendarono per assistere a una fitta serie di eventi: concerti di Salvatore Accardo, del San Carlo, di Lucio Dalla, di Nicola Alesini; una serata di danza classica; tre grandi mostre sulle opere di Niemeyer; altrettanti dibattiti sul rapporto tra turismo e beni culturali; una parformance di Oliviero Toscani; un film tridimensionale per i bambini; la presentazione di un volume che illustrava tutta la fase progettuale e costruttiva dell'auditorium; una cena offerta dai 23 chef stellati della regione. Il tutto fu finanziato con 500mila euro dalla Regione, che fornì un prezioso supporto organizzativo coordinato da Antonio Oddati.

Nel mio intento il convergere di tanti eventi in un breve arco di tempo, oltre a sottolineare l'importanza del capolavoro architettonico di cui Ravello si dotava, doveva dimostrare due cose: 1) che l'Auditoriun non è un contenitore destinato esclusivamente alla musica ma un centro polifunzionale capace di ospitare - al riparo dalle inclemenze climatiche - concerti, convegni, conferenze, assemblee, film, mostre, campionati di scherma e di danza classica, e tante altre cose ancora; 2) che Ravello, grazie all'Auditorium, può essere un paese attrattivo d'inverno come d'estate, superando l'atavica stagionalità e valorizzando per dodici mesi quella straordinaria dotazione di alberghi e strutture ricettive che ora resta inutilizzata per tutto il periodo invernale. In cuor mio speravo che durante quei tre giorni dell'inaugurazione piovesse e facesse freddo per dimostrare a tutti quale irresistibile richiamo può esercitare Ravello anche in pessime situazioni climatiche se, alla bellezza dei luoghi, struggenti anche d'inverno, aggiunge la forza seduttiva degli eventi culturali.

La mia insistenza sulla de-stagionalizzazione è dovuta alla semplice constatazione sociologica che il deserto invernale in cui cade Ravello costringe i giovani a emigrare, per cui un numero purtroppo alto di genitori ravellesi si ritrova a trascorrere la vecchiaia in solitudine, mentre i figli svolgono, lontano dalla propria terra, quei lavori che, valorizzando anche i mesi invernali, potrebbero essere creati a Ravello.

 

Dopo l'inaugurazione furono svolte due ricerche di mercato. Una, a titolo gratuito, con i giovani che frequentavano la "Scuola di management culturale"; l'altra, pagata dal Comune e commissionata a Federculture. Entrambe dimostrarono, dati alla mano, che l'Auditorium rappresenta un efficace volano economico consentendo a Ravello di diventare ciò che al Nord è Cernobbio e al Sud è Taormina: un centro che, all'attrazione di eventi musicali e culturali, può finalmente unire quella di congressi medico-scientifici, meeting sportivi, convention aziendali, associative, politiche e sindacali.

Sarebbe stata sufficiente una convention aziendale alla settimana per dare lavoro fisso a una quindicina di giovani e rilanciare l'occupazione invernale degli alberghi, delle strutture extra-alberghiere e del commercio locale. Si consideri che in Italia si tengono circa 10.000 convention all'anno e che Ravello potrebbe diventare anche un prestigioso "convention bureau" per la promozione territoriale, capace di offrire tutto il supporto pubblico-privato necessario nelle diverse fasi dell'organizzazione e della gestione di eventi.

 

Dunque l'Auditorium, lungi dall'essere un peso finanziario per il Comune, poteva diventare un motore economico sia per il Comune che per l'intera comunità.

Ma per fare cultura ci vuole cultura e per fare management ci vogliono i manager. Perciò creai la "Scuola di management culturale" nella quale si iniziò a formare un gruppo di giovani ravellesi che avrebbero saputo gestire l'Auditorium e il suo indotto con professionalità e profitto. Negli anni successivi la Scuola è stata chiusa, il progetto di valorizzazione dell'Auditorium è stato accantonato, l'edificio è stato abbandonato a se stesso.

 

Si può ben capire che un piccolo Comune non abbia le risorse finanziarie e professionali per avviare un'impresa come quella relativa all'Auditorium. Perciò il 3 settembre 2009, in qualità di presidente della Fondazione Ravello, firmai una dichiarazione di intenti, controfirmata dall'allora sindaco Paolo Imperato e dal Governatore della Regione Antonio Bassolino. In essa il Comune si impegnava ad affidare la gestione dell'Auditorium alla Fondazione e la Regione si impegnava a contribuire all'inaugurazione e all'avviamento dell'Auditorium con 2 milioni di euro.

Un mese dopo, il 2 ottobre 2009, la dichiarazione di intenti fu trasformata in comodato d'uso firmato dal Sindaco e dal sottoscritto, in presenza di Bassolino. Con esso la Fondazione si incaricava di manutenere e gestire l'Auditorium e di pagare al Comune 150.000 euro l'anno. Il Comune avrebbe potuto utilizzare l'Auditorium gratuitamente tutte le volte che ne avesse fatto richiesta. Ma, poco dopo, il Comune si rimangiò unilateralmente il comodato che il sindaco aveva firmato. Ed ecco il risultato: in questi dieci anni il Comune ha perso 1,5 milioni di euro; dei 2 milioni assicurati dalla Regione per l'inaugurazione e l'avviamento dell'Auditorium, 500.000 furono spesi per l'inaugurazione e 1,5 milioni rimasero alla Regione. In sintesi, sono stati buttati via 3 milioni di euro.

 

Immagino che il Comune rinunziò a vantaggi così evidenti nella presunzione di manutenere e gestire autonomamente l'Auditorium. L'esito di questa politica è sotto gli occhi di tutti: la mancanza decennale di manutenzione ha ridotto l'edificio in pessime condizioni, con grave danno per l'immagine di Ravello; il festival invernale che avevo in progetto non è stato realizzato; ogni anno la mancata destagionalizzazione lascia inutilizzato per molti mesi un patrimonio alberghiero e commerciale di immenso valore; il deserto invernale induce i giovani all'emigrazione.

Ma, proprio per supplire alle lacune amministrative, era stata creata la Fondazione Ravello che ha come compito statutario quello di valorizzare i beni culturali ravellesi. Purtroppo, come spesso succede nel nostro Mezzogiorno, quelle che dovrebbero essere due forze, invece di sommarsi si sottraggono. Sta di fatto che neppure la Fondazione, benché abbondantemente finanziata dalla Regione, sia riuscita a ottenere dal Comune la gestione dell'Auditorium per manutenerlo, usarlo e valorizzarlo.

 

In sintesi: quello che poteva essere il fiore all'occhiello della Ravello postindustriale, affiancandosi agli altri capolavori architettonici ereditati dai secoli passati, è diventato un visibile monumento al deficit di cultura e di imprenditorialità. Ora l'Auditorium rischia di fare la fine del ponte Morandi, a meno che San Pantaleone non faccia un miracolo.

>Leggi anche:

Ravello, auditorium "Oscar Niemeyer" in stato di abbandono.DeMasi: «È una macchina progettata non per costare ma per guadagnare»

Ravello, l'Auditorium è un fallimento e il gestore moroso non paga nemmeno 1100 euro al mese!

Ravello, esposto anonimo fa scattare controlli a tappeto di Finanza, Vigili del Fuoco e Asl all'Auditorium: chiusa la buvette

Ravello, Auditorium senza guardiania e progetti futuri. Nicola Amato interroga il Sindaco

Ravello, gestione Auditorium Niemeyer deludente. Minoranza denuncia presunte inottemperanze

Ravello, flop Cinema all'Auditorium: soltanto due spettatori nel primo week-end di programmazione

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Viabilità: è di nuovo inferno in Costa d'Amalfi [FOTO]

Torna l'inferno traffico in Costiera nei giorni più caldi dell'anno. Lunghe colonne d'auto e bus, si sono formate anche oggi, all'ora di punta, sul nastro d'asfalto tra Castiglione di Ravello e Amalfi. Complice l'emergenza Covid che lasciava presagire una sostanziale diminuzione dei veicoli, specie bus...

Macere Costa d'Amalfi: snellimento procedure e riduzione spese tecniche per ripristino

Il rifacimento delle macere crollate all'interno dei fondi agricoli della Costa d'Amalfi rientrano ufficialmente nell'elenco degli interventi privi di rilevanza (nei riguardi della Pubblica Incolumità della Regione Campania), ottenendo di fatto un'importante semplificazione tecnica e amministrativa....

Galleria Minori e depuratore Maiori: progetti faraonici inutili e dannosi

di Donato Bella Galleria Maiori-Minori (Comuni citati in ordine alfabetico, non di importanza) e depuratore comprensoriale nel Demanio di Maiori. Due progetti "faraonici" contro i quali si è costituito un comitato che, in poco tempo, sta raccogliendo centinaia di adesioni. C'è una tesi che circola in...

Costa d'Amalfi, quasi ultimata messa in sicurezza dei costoni a Punta Giobbe e Lido di Praia

La Provincia di Salerno annuncia che sta per concludere due lavori molto importanti di messa in sicurezza in Costiera Amalfitana su due costoni di roccia a rischio, in particolare sulla SP 366 Agerolina a Conca dei Marini, località Punta Giobbe, e sulla SP 154 fra Furore e Praiano, in località Lido di...

The Happiness Experiment, boom di adesioni per la tappa in Costa d'Amalfi [VIDEO]

Più che un semplice casting, un esperimento sociale rivolto a persone determinate e decise a realizzare le proprie ambizioni nei più svariati campi: dal mondo dello spettacolo al campo artistico, dall'ambito culturale a quello sportivo, da quello economico a quello sociale. The Happiness Experiment,...