Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 minuti fa S. Frumenzio vescovo

Date rapide

Oggi: 27 ottobre

Ieri: 26 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: SezioniAttualitàDante "personal trainer": ci insegna a pensare con la nostra testa, a difendere il valore supremo della libertà

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Attualità

Dantedì, l'Italia celebra il Sommo poeta

Dante "personal trainer": ci insegna a pensare con la nostra testa, a difendere il valore supremo della libertà

Rappresenta le nostre radici culturali più profonde. Per questo va amato, studiato, ricordato, celebrato

Scritto da (redazione), mercoledì 24 marzo 2021 21:50:23

Ultimo aggiornamento giovedì 25 marzo 2021 19:05:16

di Novella Nicodemi*

 

"Ma perché dobbiamo studiare Dante prof??" Quante volte nella mia esperienza di docente mi sono sentita rivolgere la stessa spiazzante e disarmante domanda! Dante è il nostro Shakespeare, con la differenza che i giovani anglosassoni sono ben lieti di mandare a memoria e declamare interi passi delle opere del beneamato William. Che siano orientati verso un mestiere o che abbiano deciso di intraprendere studi universitari conta ben poco. Fa parte della loro identità e ne vanno fieri. Da noi la conoscenza puntuale dei versi del Ghibellinfuggiasco è stata spesso confinata nei Licei, in primis nel Liceo classico fuori dal quale diventava quasi inutile promuoverne lo studio. Retaggio culturale che fortunatamente in questi ultimi anni sta scomparendo a vantaggio di una sempre più capillare attenzione al Sommo poeta. Per quello che riesce a dare a tutti noi italiani (e al mondo intero) in termini di arricchimento culturale, valoriale, linguistico e spirituale.

Il viaggio di Dante, ancora vivo, nel mondo delle anime è una fictio, una finzione letteraria in cui chi legge stringe un patto narrativo con chi scrive. Noi lettori accettiamo appunto di credere che nel mondo dei morti, accompagnato da Virgilio e poi da Beatrice, il Nostro incontri cani a tre teste, arpie, alberi da cui fuoriescono sangue e parole, fiamme biforcute che avvolgono anime di peccatori, demoni, angeli, e Lucifero in persona... E prima che il solito buontempone avanzi il sospetto che l'Alighieri, prima di avere tali visioni, fosse stato rifornito di roba buona da qualche pusher, affermo che no, non si era fumato niente: la sua droga era la sua passione per la Giustizia e per la Letteratura. "Caron dimonio, con occhi di bragia', il traghettatore delle anime, (come poi altri) cerca di impedire questo viaggio fatale, ma Virgilio lo liquida con un secco e perentorio "Vuolsi così colà dove si puote/ ciò che si vuole, e più non dimandare": è Dio che lo ha voluto e consentito, affinché sia da exemplum per l'intera umanità. Sono le forti passioni, quelle viscerali, a scatenare in modo naturale l'adrenalina della fantasia. Passioni devastanti come la storia d'amore tra Francesca da Rimini e suo cognato Paolo (uccisi dal marito di lei Gianciotto Malatesta) che porta alla dannazione eterna tutti e tre i protagonisti: un sentimento vissuto come forza invincibile e irrinunciabile se davvero "Amor ch'a nullo amato amar perdona". Per la serie: se io amo una persona, lei non può non corrispondermi. E la discussione letterario-filosofica che si innesta su questo assunto è nutrimento vitale per degli adolescenti. Finché si parla di amore, non sarà difficile suscitare il loro interesse. Ma poi c'è la questione della religione. Non è semplice far capire che nel Medioevo la vita di ogni uomo era permeata completamente dalla dimensione religiosa, così come oggi la vita di un uomo del ventunesimo secolo è permeata dalla tecnologia. Parlare di papi e imperatori era comune come oggi parlare di Putin, Trump, Biden, Papa Francesco e di tutti i potenti del mondo. Contestualizzare la Comedìa in una prospettiva storica e storicistica è la prima operazione da fare. Nel Medioevo Papa e Imperatore avevano ognuno i propri followers (parallelo ardito ma efficace) e anche nella stessa città i dissidi tra le fazioni erano violentissimi. Un po' come tra le tifoserie in un derby allo stadio. E Dante sarà vittima proprio delle violentissime lotte civili che dilaniavano Firenze in cui, a partire dal 1301, si erano impadroniti del potere i guelfi neri, capeggiati da Corso Donati. Questi ultimi saranno i principali responsabili, oltre al Papa Bonifacio VIII, dell'accusa di baratteria che arrivò come una mannaia sulla testa del poeta che era stato inviato a Roma come ambasciatore. Da questa infamante accusa di corruzione nell'esercizio delle cariche pubbliche Dante non intese discolparsi. Condanna: il rogo. Questa la causa del dolorosissimo esilio. Lasciare Firenze, casa, affetti, luoghi del cuore e dell'anima. Per sempre. Senza portare nulla con sé se non il proprio cervello, la memoria, la capacità linguistica e immaginativa. Tanto bastò per creare un poema di cento canti.

"Cioè volete dire che se non lo avessero esiliato non avrebbe mai scritto la Commedia e noi non la dovremmo studiare oggi? Infami, due volte infami questi guelfi neri, prof!!" Di fronte a questa osservazione, che si origina da un moto di autentica e genuina rabbia, lascio abitualmente scorrere le sane risate come il fluido più propizio per l'apprendimento.

In una Firenze dove dilaga la corruzione politica e dei costumi, in una ‘serva Italia' (che il Nostro impara a conoscere da vicino nello straziante pellegrinaggio di corte in corte) "di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta/non donna di provincie ma bordello", la gente di Chiesa "che dovrebbe esser devota" - ma nella curia papale "Cristo tutto dì si merca" - ha un posto assicurato all'Inferno mentre i due soli, i due campioni della fede, San Francesco e San Domenico risplendono in Paradiso. L'ingiusta sorte del Sommo poeta è richiamata per analogia dall'imperatore Giustiniano nel canto VI del Paradiso quando parla di Romeo da Villanova, che amministrò rettamente la corte di Berengario IV di Provenza, ma suscitò l'invidia dei provenzali e, invece di ricevere gratitudine, fu immeritatamente calunniato. Di qui il suo esilio: partì povero e vetusto, costretto a mendicare la sua vita ‘a frusto a frusto', ma con animo fiero e dignitoso.

Lo stesso fece Dante, come leggiamo nei versi tra i più commoventi del poema: le parole dell' antenato Cacciaguida che gli presagisce l'esilio (ovviamente si tratta di una falsa profezia perché Dante narratore ha già subito l'esilio che Dante personaggio deve ancora affrontare) la cui prima e amara conseguenza sarà lasciare "ogne cosa /diletta più caramente".

"Tu proverai sì come sa di sale/ lo pane altrui, e come è duro calle/ lo scendere e ‘l salir per l'altrui scale" gli dice Cacciaguida... E così sarà, fin quando il Sommo arriverà alla corte dei Da Polenta a Ravenna e qui morirà il 14 settembre del 1321. Settecento anni fa.

Dante con la Comedià ci insegna a vivere ma anche e soprattutto a morire con dignità. La dignità di chi aveva idee precise, certezze non scalfibili, monolitiche, e la forza di quelle idee lo sosteneva e sostentava proprio nel periodo più difficile. Ci mostra anche la straordinaria forza delle parole che quelle idee veicolano, la capacità linguistica duttile e malleabile che si presta a trattare qualsiasi argomento, dallo stile basso a quello elegiaco al tragico. Impareggiabile la maestria del Divin poeta da cui non si può che pescare, attingere, trovando tesori incommensurabili... Ci insegna a esercitare la memoria, perché "non fa scienza, sanza lo ritenere, avere inteso". Uno dei concetti più ostici per i miei studenti. Perché fare la fatica di imparare a memoria? Tanto poi, tempo una settimana, non si ricorda più nulla. E' proprio questo il punto. Se memoria deve essere, deve essere esclusivamente a lungo termine.Cultura non è ciò che semplicemente si capisce, ma è quello che si trattiene dentro la testa e il cuore per sempre.Come un tesoro prezioso da custodire. Dante l'ho sempre visto, tra gli altri aspetti, come un coach, un personal trainer. Ti insegna a farti tetragono, a resistere ai colpi della fortuna. Ti fa capire che la parola è davvero poetica nel senso etimologico del verbo greco poieo: crea, costruisce dei mondi, altrettanto reali rispetto a quello in cui viviamo, che ci sopravvivranno. Ci ammonisce che da un momento all'altro potremmo perdere tutto ciò che abbiamo di più caro: ma quello che c'è nella nostra testa e nella nostra anima non lo perderemo mai. Ci fa scoprire che la letteratura ci può far vivere tante vite parallele. Ci invita a pensare con la nostra testa, a non piegarci mai, a mantenerci saldi sulle nostre posizioni, se le riteniamo giuste, a difendere il valore supremo della libertà. "Fatti non foste a viver come bruti/ ma per seguire virtute e canoscenza" è il cuore del discorso che Ulisse fa ai suoi compagni per incitarli a seguirlo in una impresa impossibile oltre le colonne d'Ercole. La sete di conoscenza, il desiderio, la curiosità di sapere spingono Ulisse a voler superare i limiti dell'essere umano. A esercitare un diritto alla libertà che da subito si rivela autodistruttivo ma che appare insopprimibile: il ‘folle volo' verso l'ignoto è trascinante ben più del canto delle Sirene. Conoscenza è libertà.

"Libertà va cercando ch'è sì cara/ come sa chi per lei vita rifiuta": così Virgilio esorta Catone l'Uticense a non impedire il viaggio di Dante. Un distico che si stampa nel nostro DNA. Libertà di esprimere le proprie opinioni e di non sottostare, anche sacrificando la propria vita, ad alcuna dittatura, ma anche libertà spirituale dal peccato. Cosa poi si intenda per peccato, va ricondotto all'epoca storica di riferimento. Un autore medievale è medievale e basta, non può essere modernizzato. E' semplicemente universale, senza tempo. Per capirlo a fondo dobbiamo calarci in un'epoca in cui ancora si pensava che la Terra fosse al centro dell'Universo. Dante incarna il pensiero filosofico occidentale: l'individuo, il valore sacro della persona. E di tutto ciò che ci rende umani. Rappresenta le nostre radici culturali più profonde. Per questo e altre mille ragioni va amato, studiato, ricordato, celebrato.

*docente in Italiano e Storia presso il Liceo "De Filippis-Galdi", indirizzo Economico Sociale, di Cava de' Tirreni

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Gli edifici storici e l'efficienza energetica: pregiudizi e nuove visioni

Nell'ambito del "Green Deal", l'Unione Europea sta cercando da tempo di migliorare l'efficienza energetica degli edifici in Europa attraverso diverse azioni. Nella primavera del 2021, ad esempio, è stato avviato il "Nuovo Bauhaus europeo", che invita i cittadini dell'UE a sviluppare "forme di convivenza...

Al Liceo di Amalfi arriva la 'Tampon box'. L'idea delle studentesse accolta con entusiasmo

Anche il liceo "Marini-Gioia" di Amalfi ha adottato la "Tampon box", il distributore di assorbenti autogestito installato nei due bagni femminili. L'idea che si basa sul "Prendine uno se ne hai bisogno, lasciane uno se puoi" è stata lanciata dalle studentesse del liceo candidate al rinnovo della rappresentanza...

“Io non rischio”, 24 ottobre la campagna di Protezione Civile online de “I Colibrì”

Anche quest'anno, la Pubblica Assistenza "I Colibrì" Costa d'Amalfi parteciperà alla campagna nazionale "Io Non Rischio". L'appuntamento è per domenica 24 ottobre, a partire dalle 9.00, sulla pagina Facebook "Io Non Rischio Tramonti". La campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione...

Angelo Amato confermato presidente del Consorzio di Tutela Limone Costa d'Amalfi IGP

Angelo Amato confermato alla guida del Consorzio del Consorzio di Tutela Limone Costa d'Amalfi IGP. Ieri sera, al Palazzo Mezzacapo di Maiori, l'assemblea ordinaria dei soci (271 tra produttori, trasformatori e confezionatori) chiamata al rinnovo delle cariche statutarie, ha rieletto Amato all'unanimità....

Atrani, tuffo negli anni '50 per le riprese di Ripley [FOTO]

di Emiliano Amato Ciak! Si gira! Il caratteristico borgo di Atrani, in Costiera Amalfitana, torna indietro nel tempo. Esattamente agli anni Cinquanta, in cui è ambientata la storia al centro della serie televisiva americana Ripley. Dagli inizi di ottobre le attività turistiche, principalmente bar, ristoranti...