Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa Maria SS. della neve

Date rapide

Oggi: 5 agosto

Ieri: 4 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Il Festival della Musica di Ravello - Il Programma del Ravello Festival 2021 EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: RubrichePersonaggiIn ricordo di Mino Infante

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiRavello Festival 2021 - il Festival della Musica di RavelloFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Personaggi

In ricordo di Mino Infante

Scritto da (redazione), martedì 27 aprile 2021 10:27:29

Ultimo aggiornamento martedì 27 aprile 2021 10:27:29

di Giovanni Maria di Lieto

Il mio vuole essere un ricordo personale, un'affettuosa testimonianza dell'impegno pubblico e sociale di Mino Infante (scomparso il 9 aprile 2021). Nello stesso tempo, un ricordo anche di un tempo vissuto che ancora oggi mi appassiona. La memoria scorre a ritroso agli anni 70 e 80. Questo è un periodo in cui la vita politica e il pensiero politico dei miei genitori Stefania Venturini e Giannino di Lieto si intreccia molto con il pensiero politico di Mino. Mia madre Stefania era nata politicamente con le battaglie libertarie per il divorzio e l'aborto, poi era entrata a pieno titolo nel Partito Socialista. E' stata molto vicina alle posizioni della cd. Sinistra socialista di Claudio Signorile, pur rimanendo estremamente attenta al riformismo di ispirazione autonomista del Segretario del PSI Bettino Craxi.

Mio padre Giannino è stato per una vita intera un appassionato assertore dell'Unità dei partiti della Sinistra ideale (comunisti e socialisti). Più un comunista "atipico" che un socialista. Non un "Pcista", come lui amava affermare compiaciuto, marcando un distacco da un monolite culturale ed ideologico che era estraneo alla sua personalità e alle sue convinzioni.

Mia madre nei primi anni 70 entra a fare parte, diventando Segretario della Sezione di Minori, del Partito Socialista Italiano (il mio ricordo va anche ai compagni, fondatori della Sezione locale, Francesco Fraulo, Costantino Amatruda, Mario Citarella).

Mino aveva radici comuniste, di un comunismo però aperto al dialogo con i socialisti. Forse gli derivava anche dalla sua militanza nel Sindacato, nella CGIL, dove comunisti e socialisti erano assieme a condurre le loro battaglie sociali nel comune interesse dei lavoratori. Per esemplificare, forse si sentiva più vicino alle posizioni politiche di mio padre che non a quelle di mia madre. Mio padre è stato un intellettuale, però del tutto "inadatto" ad una partecipazione attiva alla vita politica (per non parlare di quella amministrativa).

In questo, Mino ha avuto un percorso di impegno nella vita politica ed amministrativa vicino e parallelo con quello di mia madre Stefania. Seppure da posizioni comuniste, più vicine a Luciano Lama che non a Enrico Berlinguer, per intenderci. Credo che inizialmente non fosse iscritto alla sezione di Minori del PCI poi, dopo dialoghi assidui con mio padre nella nostra abitazione di Marmorata di Ravello, aveva deciso di prendere la "tessera" del Partito. Ricordo la sua partecipazione alla Sezione locale, spesso caratterizzata (e lo dico con il sorriso) da posizioni in contrasto con quelle di un altro comunista "storico", Tittino Fasano. Devo dire che, nonostante i dissidi sulla linea politica, credo che Mino e Tittino si volessero bene e che quell'essere spesso distanti nella vita politica locale non fosse in contrasto con la loro condivisione di un ideale a favore di una società più giusta che doveva tutelare le classi deboli, i lavoratori e non il capitale, considerato frutto di non-lavoro e di rendita da affari.

Cultura del partito, delle sezioni e del dibattito interno, della discussione e della partecipazione popolare. Per citare Gramsci, vivere significava partecipare e non essere indifferenti a quello che succedeva. Ci si chiamava "Compagni", per identificare tutti quelli che condividevano l'Idea di "Sinistra" (l'Alternativa di Sinistra), ci si dava "del tu" e scomparivano le differenze di classe. Altri tempi.

Il mio primo forte ricordo va alla Lista Rinascita del 1975 (PSI - PCI uniti) alle elezioni comunali di Minori, di cui spesso parlo nei miei scritti.

Mino era un componente della lista. Mia madre era la capolista (il candidato Sindaco si direbbe oggi). L'idea era quella di superare quei personalismi - qualunquismi che caratterizzavano la competizione locale, alla ricerca della Politica nuova. Il simbolo della lista, che era stato disegnato dal pittore Mario Carotenuto (Movimento di popolo con bandiera), era stato censurato dalla Federazione del PCI salernitano, perché la punta della bandiera "puntava" a destra (mio padre rimase sbigottito, ma in questo vi trovò conferma a quel suo dichiararsi convintamente non "Pcista"). Mino pure rimase deluso e nelle discussioni di politica con mio padre un sorriso e considerazioni amare prevalevano.

Non dimentico la piazza Umberto di Minori piena, l'entusiasmo, i fiori, il disco de El pueblo unido (cantato dal gruppo cileno degli Inti-Illimani), che "apriva" ogni comizio di Rinascita, quella tensione positiva di un "discorso" Nuovo che si tentava di proporre alla collettività. Un passato che non ritorna. In Cile, in quegli anni, il colpo di stato dei militari aveva portato all'uccisione del Presidente Salvador Allende, che era un grande Socialista. Nell'aria si respirava una tensione positiva al cambiamento che dava una spinta alla partecipazione alla politica, che era voglia di cambiamento e non solo competizione amministrativa locale per la guida del Comune. Le elezioni comunali del 1975 andarono male e credo che ancora oggi quella sfida al superamento dei personalismi trasversali non sia stata definitivamente superata (il personalismo è sempre una forma di qualunquismo).

Poi ci furono le elezioni nazionali del 1976. Mia madre Stefania fu candidata al Parlamento nazionale nel 1976 nella lista del PSI. Comizi entusiasti in tutto il vasto collegio elettorale salernitano (con Enrico Quaranta, Antonio Landolfi e tanti altri autorevoli compagni di partito). Mino partecipò attivamente a questa campagna elettorale, perché da compagno di sinistra non sentiva la separazione di essere comunista. C'era cioè quella partecipazione attiva del "militante" di sinistra che superava gli steccati di Partito. Per una società che si auspicava contro il conservatorismo e le incrostazioni di potere, a favore del merito e della giustizia sociale.

Qui, da posizioni diverse ci si ritrovava, socialisti, comunisti, sinistra radicale. Ricordo una contestazione ad un comizio nella piazza di Minori di un esponente della Democrazia Cristiana del tempo. Furono portati in caserma per un controllo, fra gli altri, Mino e Frank Cimini, che sarebbe poi diventato negli anni a venire un giornalista stimato. Lo stesso Frank, che Mino portò a casa dei miei genitori a Marmorata di Ravello, dopo il funerale del padre di Frank. Forse l'appartenenza ideologica significava anche un'amicizia profonda e una condivisione delle vicende della vita. Ma forse sarò un nostalgico. Io ero un appassionato craxiano (lo confesso) e Mino spesso mi provocava divertendosi, dandomi del socialista riformista e non rivoluzionario (la parola rivoluzione, ai tempi, significava aspirazione ad un profondo cambiamento della società, le riforme erano considerate quasi da blandi socialdemocratici).

Quello che voglio dire è che c'è un "vissuto" in ciascuno di noi che riaffiora, la nostra storia personale, familiare.

Dicevo che Mino, con mia madre, sono stati impegnati attivamente nella "battaglia" politica locale e provinciale. Un altro segmento furono le successive elezioni comunali a Minori. Nel 1980 e nel 1985 mia madre è stata Vice - Sindaco socialista al Comune di Minori (fino al 1988). Con la scelta del simbolo di partito ad individuare i componenti socialisti nelle liste comunali del 1980 e del 1985 (liste frutto di una alleanza elettorale), scelta che ancor oggi può considerarsi "rivoluzionaria", cioè non praticata. Mino entra in quella lista (che aveva Angelo Amorino Sindaco) alle elezioni del 1985, da "Indipendente". E' stato più volte Assessore (dal 1985 al 1990), penso sia stato Assessore all'Urbanistica dal 1995 al 1999. Ha portato avanti negli anni con fatica ed impegno quel Piano regolatore generale che mia madre Stefania a partire dal 1982 (con l'adozione del PRG) aveva fortemente voluto come scelta urbanistica pianificatoria. Ed altre opere pubbliche di rilevo (l'opera pubblica è nel Dna delle politiche della Sinistra).

Una politica - quella di Mino - fatta di impegno quotidiano, generosa, non cattiva, dal volto umano, fatta di disponibilità alla gente, senza che l'attenzione alle persone diventasse mai calcolato scambio di consenso. Condivido pienamente aver qualificato Mino come "Amico del popolo" (la definizione è di Gaspare Apicella).

Una politica fatta non di esposti e denunce, pur praticate al tempo da taluni all'interno del paese, che erano del tutto estranei alla nostra cultura garantista e a quella di Mino. Si è sempre pensato che non vi dovesse essere una via giustizialista al consenso, che il consenso dovesse essere espresso dal popolo (condividere o non condividere il voto popolare è altra questione). Questo è un principio di democrazia che dovrebbe essere applicato a qualsiasi forma di competizione elettorale.

Ricordo Mino commosso ai funerali dei miei genitori.

C'eravamo negli ultimi tempi persi di vista, quelle volte che ci incontravamo per strada qui a Minori, io lo salutavo affettuosamente, chiamandolo "Compagno Infante" e lui sorrideva, in quel sorriso affettuoso c'era in tutti e due il ricordo di un tempo vissuto e forse rimpianto.

Una delle ultime volte che abbiamo avuto modo di scambiare qualche riflessione sulla politica, io argomentavo sul voto a favore del sì al referendum confermativo sulla riforma costituzionale voluta da Matteo Renzi nel 2016. Mino, che restava un comunista "storico", era contro il sì al referendum, ma soprattutto era profondamente contrario a Renzi. Ed io mi divertivo, compiaciuto della provocazione andata a buon fine. In questo Mino, ne sono certo, avrebbe avuto dalla sua parte anche il "compagno" Tittino (sono certo che se ne sarebbero andati insieme, protestando contro di me, qualificandomi ancora oggi come un socialista craxiano).

"Compagno" Infante, ti abbiamo voluto bene.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Personaggi

Bryan Adams sbarca a Capri per gli ultimi scatti del Calendario Pirelli

di Emiliano Amato C'è anche Bryan Adams nel novero dei vip sbarcati a Capri. Rispetto ai suoi colleghi personaggi del jet set internazionale in vacanza da queste parti, il rocker canadese è impegnato per lavoro nelle vesti di fotografo per la realizzazione del Calendario Pirelli. Dopo Los Angeles, gli...

Amalfi, c’è lo yacht di David Beckham in rada: arriva la Guardia Finanza

I figli dell'ex calciatore David Beckham sono finiti nei guai durante la loro vacanza ad Amalfi. Kruz e Harper, 16 e 10 anni, sono stati visti sfrecciare a bordo di due jet ski (le classiche moto d'acqua) attorno al loro yacht nella acque della Divina, attirando l'attenzione di una motovedetta della...

Samuel L. Jackson ritorna in Costa d'Amalfi: per la star hollywoodiana relax in yacht al largo di Amalfi

Samuel L. Jackson è ormai un habitué della Costiera Amalfitana. L'amatissimo attore americano ha pubblicato alcune ore fa dei video sulla sua pagina Instagram che confermano la sua presenza a bordo di un lussuoso yacht nelle acque della Divina, più precisamente al largo di Amalfi. Alcuni giorni fa, Jackson...

Emily Ratajkowski torna in Costiera Amalfitana. Vacanza tra Praiano e Positano con passeggino e biberon [FOTO]

Emily Ratajkowski è tornata in Costa d'Amalfi. La supermodella e attrice statunitense, sempre legata alla "Divina", alcune ore fa ha pubblicato una foto su Instagram che la ritrae con alle spalle l'iconico abitato di Positano. Poi, in compagnia del marito, l'attore statunitense Sebastian Bear-McClard,...

Ravello, Sally Quinn alla Rondinaia ricorda Gore Vidal. E sull'America: «Paese diviso, Biden prova a ricucire» [FOTO]

Sally Quinn è una storica giornalista americana. È stata una firma del Washington Post, editorialista, commentatrice televisiva e soprattutto una insider di Washington, considerata una delle leggendarie protagoniste della vita mondana della capitale. Ha fondato il sito web "On Faith" del Washington Post,...