Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa SS. Simone e Giuda

Date rapide

Oggi: 28 ottobre

Ieri: 27 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: RubricheLe sfide perseAltro radicale o altro liberale?

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Le sfide perse

Altro radicale o altro liberale?

Scritto da (Redazione), mercoledì 9 gennaio 2019 13:02:32

Ultimo aggiornamento mercoledì 9 gennaio 2019 13:39:31

di Raffaele Ferraioli*

Il nuovo libro di Geppi Rippa, scritto a quattro mani con Luigi Oreste Rintallo - Guida Editore, reca un titolo per molti aspetti discutibile: "L'altro radicale, essere liberali senza aggettivi". Viene spontanea la domanda: come si può pensare di aggiungere aggettivo ad aggettivo? E' possibile ed è necessario per spiegare che esistono, ahinoi, vari modi di essere liberali, non tutti compatibili con l'essere radicali.

Gli spunti di riflessione offerti da questo libro restano interessantissimi. A prima vista sembra che Rippa voglia puntare all'autobiografia, al racconto della sua storia personale, ma presto si scopre che l'obiettivo vero sta nel riportare nel dibattito politico corrente temi di grande attualità, da tempo accantonati e quasi ripudiati. Fra i tanti, quello dei diritti civili e del liberalesimo senza aggettivi.

L'assenza di memoria storica, una risorsa preziosa ma ormai del tutto smarrita nella società "liquida" favorisce l'azione deleteria della rete e accentua il dominio dei "social networks" nella cattura del consenso. Ne deriva una superficialità ed un'inconsapevolezza diffuse quanto pericolose.

In passato era possibile assistere alla battaglia delle idee, alla competizione delle intelligenze, al confronto dialettico. Oggi siamo quotidianamente bombardati da un numero sempre crescente di messaggi, spesso stupidi e banali, a livello di puri e semplici slogan, di aforismi pescati qua e là col sistema del copia e incolla. Ne deriva un impoverimento del dibattito a dir poco sconcertante.

Diritti di libertà, diritti individuali puntualmente ignorati, trascurati, calpestati da un sistema consociativo destinato a produrre la degenerazione partitocratica de palesemente incapace di costruire l'alternanza. Non vi è dubbio che la partitocrazia e, al suo interno, il correntismo esasperato abbiano prodotto la proliferazione di quegli aggettivi ai quali Rippa si riferisce. Etichette posticce, spesso prive di significato, come ad esempio: moderato, popolare, progressista, ulivista, integralista, doroteo, basista e chi più ne ha più ne metta.

Rippa si dichiara liberale senza aggettivi, pur essendo radicale e pur avendo dovuto affrontare le difficoltà legate alla leadership carismatica ed egemonizzante di Marco Pannella.

Ma un liberale è di destra o di sinistra? Conservatore o progressista? Garantista o giustizialista? E, quel che più conta, capitalista o socialista? L'essenza stessa dell'essere di destra, secondo una formula piuttosto semplicistica, tipicamente italiana, è prediligere il libero mercato e bollare con il termine "assistenzialismo" qualsiasi forma di attenzione alle classi più deboli. Altrove dilagano formule che potremmo definire "populiste" e che delle tradizionali libertà liberali e liberiste hanno un concetto piuttosto particolare.

Rimanendo in Italia dobbiamo registrare, a seguito della scomparsa della cosiddetta "Seconda Repubblica", il paradosso di una destra che si fa paladina dei valori costituzionali (di una Costituzione nata dalla Resistenza antifascista) fino a trasformarsi in un "berlusconismo" mediatico, che ruota intorno all'apparato padronale e si nutre dei resti del doroteismo e del craxismo. L'obiettivo dichiarato di questo schieramento che si autodefinisce liberale è "fare" (nel senso di "fare affari").

Ne consegue che, soprattutto qui da noi, una destra civile non è mai esistita e l'essere liberale significa, purtroppo, fare politica senza partito. E' una vita che l'amico Geppi fa questo. Cerca di presentare questo modello di liberalesimo. Lo racconta, lo promuove e, soprattutto, lo pratica. Il suo impegno nel riaffermare i valori della vera liberaldemocrazia è entusiastico e, come tale, meritevole di grande considerazione.

*sindaco di Furore

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Le sfide perse

I «paesani» indolenti nemici dello sviluppo

di Raffaele Ferraioli* Franco Arminio, scrittore irpino di Bisaccia, è l'ideatore di una nuova scienza: la Paesologia. Le sue tesi, a prima vista un po' bizzarre, sono di un'attualità sconcertante e meritano un'attenta lettura e una profonda riflessione. In un articolo pubblicato di recente, sotto il...

L'ansia tradita dell'altrove

di Raffaele Ferraioli E' stata definita "Sindrome di Trude", in omaggio alla città invisibile di Italo Calvino, quella metamorfosi progressiva che, in nome della modernità, riduce la qualità urbana, erode il paesaggio rurale, fino ad assumere i connotati di uno sradicamento, di uno spaesamento di appiattimento...

Siamo una sola umanità in un unico pianeta

di Raffaele Ferraioli* Più passa il tempo più appare evidente una raccapricciante verità: la nostra è una libertà condizionata, limitata, controllata. Siamo in un regime di dittatura morbida, nascosta, ma terribilmente oppressiva. il guaio più grande è che non ne abbiamo coscienza, non ne siamo per niente...

La Conferenza dei Sindaci della Costiera Amalfitana pro viabilità in un documento del 1910

di Raffaele Ferraioli* Correva l'anno 1910 quando i sindaci della Costa d'Amalfi, riuniti in un comitato esecutivo procostiera (l'attuale Conferenza) redigevano il "promemoria" sotto riportato da inviare al Governo del Re. questo documento è di un'attualità sconcertante e sembra sia stato scritto ieri....

Il restyling del waterfront di Maiori

di Raffaele Ferraioli* Sono passati oltre venti anni dall'ottenimento del riconoscimento UNESCO alla Costa d'Amalfi quale "Paesaggio culturale" patrimonio mondiale dell'Umanità. Correva l'anno 1997 (appena due anni prima era arrivata la DOC dei vini!) e la Divina poteva fregiarsi del prestigioso "marchio"...