Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Pietro d'Alcantara

Date rapide

Oggi: 19 ottobre

Ieri: 18 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: RubricheEchi e favilleCosta d’Amalfi, la mamma-ostetrica che partorisce in casa: «Ho seguito l'istinto secondo natura»

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Echi e faville

Costa d’Amalfi, la mamma-ostetrica che partorisce in casa: «Ho seguito l'istinto secondo natura»

Adriana Di Lieto, di professione ostetrica, ha sempre creduto nel parto naturale

Scritto da (redazione), mercoledì 17 marzo 2021 16:43:58

Ultimo aggiornamento mercoledì 17 marzo 2021 17:04:56

di Emiliano Amato

Alessandro è venuto alla luce mercoledì 10 marzo scorso a Praiano. Pesa 3650 grammi e sta bene, come sua madre. Erano oltre trent'anni che nel grazioso centro della Costiera Amalfitana non si partoriva in casa. Pratica che un tempo era la norma, e per la quale esisteva la figura della levatrice, sostituita dall'ostetrica. Oggi la consuetudine è partorire in clinica o in ospedale.

Mamma Adriana, di professione ostetrica, ha sempre creduto nel parto naturale.

 

«Io e mio marito Gennaro quando abbiamo scoperto di aspettare il nostro terzo bambino non abbiamo avuto dubbi, sarebbe nato a casa nostra, accolto nel calore e nell'intimità della sua casa» ci confida Adriana Di Lieto, 33 anni. A una settimana esatta dal parto, ci ha concesso un' intervistata.

Da cosa scaturisce questa scelta?

«Abbiamo scelto un parto in casa per una serie di motivi: innanzitutto, essendo ostetrica e credendo fermamente nelle incredibili potenzialità innate che ha una donna nel partorire naturalmente, sentivo il bisogno di vivere questa esperienza di profonda connessione con il mio corpo e con la natura».

La tua professione di ostetrica ti ha senza dubbio "aiutata" a fare tutto da te.

«Dico sempre alle future mamme che partecipano ai miei incontri di preparazione al parto che tutte noi sappiamo partorire e che è un evento magico ed estremamente potente se vissuto con naturalità, abbandonando la paura!

La mia gravidanza è sempre stata a basso rischio, fisiologica, sono stata accompagnata da un ginecologo per le ecografie e da una collega ostetrica nei 9 mesi di gestazione. Entrambi si sono accertati che la mia gravidanza fosse a basso rischio ostetrico, parametro fondamentale per un parto in casa».

La decisione di partorire in casa è legata anche all'emergenza sanitaria in atto?

«Un'altra motivazione che ci ha spinti è stata la pandemia globale che purtroppo non accenna a finire. Non avevo paura di contrarre il virus ma di essere privata dei miei diritti di donna e partoriente, cosa che leggo e vedo ampiamente in questi mesi.

Non a caso molti ospedali campani, se non tutti, non aderiscono alle linee guida e di indirizzo nazionali e internazionali in tema di assistenza alla nascita appropriata e rispettosa dei diritti di madri e bambini, al fine di garantire, anche durante la pandemia una serie i diritti: il diritto delle donne di avere accanto, durante il parto ed il travaglio, una persona di propria scelta; il diritto di madre e bambino a non essere separati dopo la nascita; il diritto al sostegno dell'allattamento anche in presenza di positività al Covid-19*.

Un'altra motivazione è che abbiamo altri due bambini e volevamo trasmettere la naturalità della nascita, senza doverli lasciare per giorni».

 

Ora ci racconti l'arrivo di Alessandro?

 

«Mercoledì mattina sono iniziate le contrazioni, sopportabili e gestibili verso le 6 per poi regolarizzarsi intorno alle 8, quando sveglio Gennaro e i bambini e avverto i nonni che sarebbero venuti a prendere i piccoli di lì a poco.

Chiamo la mia ostetrica per avvertirla che erano iniziate le contrazioni e lei subito ci risponde che non sarebbe arrivata in tempo perché impegnata in un altro parto a Napoli. Io e Gennaro ci siamo guardati e consapevolmente abbiamo deciso di restare comunque a casa.

Abbiamo gonfiato la piscina da parto affianco al nostro letto e cominciato a riempirla con acqua calda, acceso la musica e avvertito due mie amiche che sono arrivate poi nel giro di un'ora.

Quando le onde (mi piace chiamare così le contrazioni) sono diventate più intense ho sentito il bisogno di entrare in acqua (Gennaro ha controllato costantemente la temperatura con il termometro) e dopo aver avvertito la rottura del sacco ho iniziato ad accompagnare lentamente Alessandro verso la vita. Alle 11:22 l'ho sollevato con le mie mani, con papà Gennaro che non ci ha mai lasciati soli. Alessandro è nato sano e sta bene».

 

Puoi descrivere le sensazioni che hai provato?

 

«Mi sono completamente affidata al mio corpo, seguendo l'istinto e assecondandolo in ogni movimento sotto l'effetto delle onde!

Ce l'avevo fatta ed era stato potente e sorprendente come lo avevo sempre sognato!

Sono uscita dalla vasca aiutata dalle mie amiche Noemi e Martina (che ringrazio di cuore), per aspettare che naturalmente si staccasse la placenta, senza tagliare il cordone, per regalare ad Alessandro tutte le cellule staminali ed il sangue presenti nella sua placenta.

Intanto abbiamo praticato il "pelle a pelle" (la sua pelle nuda contro la mia) utile per colonizzarlo di batteri che serviranno a sviluppare il suo sistema immunitario, prima con me e poi col papà.

La placenta si è staccata naturalmente dopo 75 minuti dal parto. E' stato il papà a tagliare il cordone dopo cinque ore dalla nascita.

La placenta è stata seppellita nel nostro giardino sotto un albero di pesche come simbolo di protezione per Alessandro e per tutti noi».

 

La tua è senza dubbio una scelta controcorrente rispetto alla consuetudine nel nostro paese.

«Ho deciso di raccontare la nostra storia non perché straordinaria ma, al contrario, per dimostrare che ho fatto qualcosa di normale. Quando rispettiamo la natura è difficile che qualcosa di strano accada, ma quando andiamo ad invadere la natura in qualsiasi modo andiamo a creare un disequilibrio. E la fisica ci insegna che a ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.

L'Italia è il paese più medicalizzato al mondo per quanto riguarda l'evento nascita e con conseguente aumento delle patologie materne e outcome neonatali.

Il mio invito alle donne è ritornate all'istinto, ritornare a credere nelle innate capacità "mammiferine" e non lasciarsi trascinare nella medicalizzazione e nel patologico quando non è necessario. Bisogna informarsi e formarsi, facendo scelte consapevoli. Tutte noi possiamo e dobbiamo riappropriarci della naturalità del parto e della maternità!».

* https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/pdf/rapporto-covid-19-45-2020.pdf

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-gravidanza-parto-allattamento-materiali-di-comunicazione

 

LAMENTIAMO DA TEMPO UNA COPIA SPUDORATA DEI NOSTRI ARTICOLI DA PARTE DEI NOTI PROFESSIONISTI DELLE FAKE NEWS E CI VEDIAMO COSTRETTI A DIFENDERE IL NOSTRO LAVORO.

Se leggi questa notizia altrove senza citazione della fonte sai che è stata copiata dal Vescovado.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Echi e faville

Ravello, fiori d'arancio per Alessio e Rossella

RAVELLO - Hanno pronunciato ieri il proprio "sì" Alessio Giuliano e Rossella Ruocco. Nella meravigliosa cornice della chiesa millenaria di San Giovanni del Toro, a celebrare il rito matrimoniale don Raffaele Ferrigno. Visibilmente commossi i genitori degli sposi, Andrea con Lina e Claudio con Gerardina....

Ravello dà il benvenuto a Daniel Cirella. Auguri ad Angelo e Lucia

Ravello dà il benvenuto a Daniel Cirella, nato alle 22.00 di ieri, giovedì 14 ottobre, alla clinica Sanatrix di Napoli. Il piccolo pesa 2900 grammi e sta bene come sua madre Lucia Cioffi, per la felicità di papà Angelo. Ad aspettarlo a casa i fratellini Christian e Gabriel che non vedono l'ora di conoscerlo...

Fiocco azzurro a Scala: è nato Vincenzo Staiano

Fiocco azzurro a Scala dove questo pomeriggio la cicogna ha portato un bel fagottino. Vincenzo Staiano è nato alle 12:59 alla Clinica San Leonardo di Castellammare di Stabia. Il primogenito di Raffaele Staiano e Rita Scalesìa di Furore pesa 3350 grammi e sta bene, come sua madre, per la gioia dei neo...

Ravello, gioia in casa Di Palma: è nata Azzurra!

Il colore del cielo terso che improvvisamente si fa strada tra le nuvole a rischiarare una giornata d'autunno che regala un'emozione. Oggi, lunedì 11 ottobre, Ravello dà il benvenuto ad Azzurra Di Palma. La piccola, figlia di Salvatore Di Palma e Giusy Civale è venuta alla luce questo mattina, alle 11.40...

Tramonti, fiocco azzurro in casa Ruocco: benvenuto Giovanni Pio

Tramonti dà il benvenuto a Giovanni Pio Ruocco, nato domenica scorsa. Il piccolo da pochi giorni è giunto a casa, a Capitignano, dalla clinica Malzoni di Avellino, per l'emozione dei neogenitori, Katia Ferrara e Luigi Rocco, di nonni e zii. Anche Il Vescovado si associa alla gioia della famiglia Ruocco.