Ultimo aggiornamento 21 minuti fa S. Bonaventura vesc.

Date rapide

Oggi: 15 luglio

Ieri: 14 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: PoliticaPrivatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Politica

Poste Italiane, privatizzazione, Franco Mari

Privatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo

«Poste Italiane non è un’azienda qualsiasi - ha ricordato il parlamentare salernitano a Giorgetti - è, insieme al sistema sanitario, al sistema scolastico e al trasporto pubblico, una fondamentale infrastruttura sociale del nostro Paese. L’ufficio postale, infatti, è una presenza dello Stato anche in piccole frazioni dove non c’è la caserma dei carabinieri o l’ufficio decentrato del Comune»

Inserito da (PNo Editorial Board), giovedì 1 febbraio 2024 13:43:30

Poste Italiane ancora nel mirino del deputato di Alleanza Verdi e Sinistra (AVS), Franco Mari.

Dopo ben due interpellanze, in Commissione Lavoro, per convincere il Governo ad includere quello dei portalettere tra i lavori usuranti, ora l'attenzione del parlamentare salernitano si concentra sull'annunciata privatizzazione della società, di cui lo Stato detiene quasi il 65% delle azioni.

Nel question time alla Camera, il ministro dell'Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, ha risposto a Mari confermando, di fatto, tutte le preoccupazioni espresse nell'interrogazione.

Stando a quanto dichiarato dal titolare del Mef, «se pure la quota pubblica dovesse andare sotto il 50%, cosa ormai certa, ciò non pregiudicherà il controllo dello Stato sulla società».

«Non è così», ha replicato al Ministro il deputato, secondo il quale «siamo evidentemente di fronte ad una vera e propria svendita, con rischi concreti per l'occupazione. Sono infatti ben 120mila i dipendenti di Poste Italiane e, proprio in queste ore, tutte le organizzazioni sindacali di categoria hanno lanciato una mobilitazione e iniziative di lotta per fermare la privatizzazione».

«Poste Italiane non è un'azienda qualsiasi - ha ricordato il parlamentare salernitano a Giorgetti - è, insieme al sistema sanitario, al sistema scolastico e al trasporto pubblico, una fondamentale infrastruttura sociale del nostro Paese. L'ufficio postale, infatti, è una presenza dello Stato anche in piccole frazioni dove non c'è la caserma dei carabinieri o l'ufficio decentrato del Comune. E la raccolta dei piccoli risparmi degli italiani viene fatta fisicamente negli uffici postali. C'è bisogno di fiducia per portare i soldi a qualcuno. E se quel qualcuno non è più lo Stato è facile che si riduca anche la fiducia. È una scelta miope - ha ribadito il deputato di Alleanza Verdi e Sinistra - perché la dismissione del 20% di Poste potrebbe forse generare un incasso di 2,7 miliardi di euro, ma significherebbe perdere circa 260 milioni di euro annui di dividendi, con una perdita evidente e senza alcun vantaggio per la riduzione del debito pubblico. Ed è anche una scelta debole perché subalterna all'Europa, dove la premier Meloni aveva detto che non avrebbe fatto accordi al ribasso, battendo se necessario i pugni sul tavolo nell'interesse nazionale. Invece queste svendite sono proprio l'effetto del ripristino del Patto di Stabilità, accettato anche dall'Italia senza colpo ferire. E proprio per provare a evitare probabili sanzioni si avvia un piano di privatizzazioni che prevede la cessione di quote di Eni, Poste Italiane e persino Ferrovie dello Stato».

«Cos'altro possiamo aspettarci - ha chiesto Mari al ministro dell'Economia e delle Finanze - da una riduzione della presenza pubblica in società che operano in settori strategici come Enav, Enel, Eni e Leonardo, se non una ulteriore difficoltà per la nostra economia, anche a stare dentro la crisi delle maggiori economie europee. In pratica si smontano settori strategici, dopo aver già ceduto la rete telefonica, con la svendita di Tim a Kkr, e quella autostradale».

Mari, infine, ha accusato il Governo di affrontare le spese dello Stato «usando sempre i soliti strumenti. La fiscalità generale, sempre più iniqua grazie a condoni e flat tax; il debito pubblico, tanto pagheranno sempre i soliti noti, cioè i lavoratori dipendenti; la vendita del patrimonio pubblico, come in questo caso, sebbene abbia sempre prodotto risultati pessimi per l'occupazione e per la qualità dei servizi. Anche questo Governo, insomma, perfettamente in linea con i precedenti, si rifiuta di guardare all'unica possibilità che abbiamo, cioè la tassazione della ricchezza, il recupero dell'evasione fiscale e il ritorno degli extraprofitti nelle tasche delle famiglie che hanno pagato in questi anni più del dovuto, soprattutto per le forniture energetiche».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Privatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo<br />&copy; Massimiliano D'Uva Privatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo © Massimiliano D'Uva

rank: 104218105

Politica

Campania. Ferrante (Mit): «Con firma accordo parte rinascita Bagnoli»

"Il Governo ha messo da subito il risanamento di Bagnoli in cima alle sue priorità, con l'obiettivo di restituire ai cittadini dopo oltre 30 anni un'area strategica per tutto il territorio. La firma del Protocollo di intesa, che vale 1,2 miliardi di euro, non è un punto di arrivo ma di partenza: da qui...

Atrani, Sindaco invia nota all'ANCI: «Troppi silenzi e criticità nella programmazione dei finanziamenti regionali mettono a rischio la sicurezza dei cittadini»

Anche Atrani tra i Comuni assenti alla riunione Anci Campania presieduta dal sindaco di Caserta, lo scorso 9 luglio. L'assemblea era stata convocata per discutere dei Fondi di coesione gestiti dal Ministro Fitto con il governatore della Regione, Vincenzo De Luca. Un'assenza giustificata da impegni improrogabili...

Fondi di Sviluppo e Coesione: è scontro aperto tra De Luca e Fitto

La tensione tra il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Raffaele Fitto, sui Fondi di Sviluppo e Coesione, si intensifica. In un recente intervento, Fitto ha dichiarato che, in assenza dei presupposti per un accordo con la Regione...

Fondi Sviluppo e Coesione, De Luca: «Ho chiesto aiuto al Presidente della Repubblica per averli»

«Ho investito nella questione dei Fondi di Coesione bloccati il presidente della Repubblica, vedremo se nelle prossime ore ci sarà qualche evoluzione. Mi è stato comunque comunicato un suo intervento per lo sblocco dei Fondi. Se non avremo risposta, dovremo lottare. Noi abbiamo accettato tutto, mi aspetto...

Mozzarella di Bufala Campana, approvato alla Camera ordine del giorno che prevede maggiore tutela e controllo del latte

È stato approvato questo pomeriggio, 12 luglio, alla Camera dei Deputati un importante ordine del giorno presentato dagli onorevoli Cerreto, primo firmatario, Cangiano, Mattia e Ruspandini. Nella premessa, tra l'altro, si legge che l'art. 4 della legge 11 agosto 2014, n. 1161 prevede che la produzione...