Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Pacifico da S. Severino

Date rapide

Oggi: 24 settembre

Ieri: 23 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di click

Tu sei qui: Flusso di CoscienzaCatullo e la sua lezione incompresa

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Flusso di Coscienza

Catullo, poesia, antica roma, latino, amore, letteratura

Catullo e la sua lezione incompresa

La lezione di vita che ci lascia in eredità Catullo ammonisce soprattutto noi giovani d'oggi, nella nostra mania di onnipotenza, che ci porta a credere di essere eterni, solo perché dotati di più strumenti, tecnologici e non, rispetto alle precedenti generazioni

Scritto da (PNo Editorial Board), lunedì 29 agosto 2022 17:34:13

Ultimo aggiornamento lunedì 29 agosto 2022 17:34:13

Di Lorenzo Imperato

"Catullo non lo abbiamo capito ", così il Professore Ettore Paratore, nel volume " Letteratura latina dell'età repubblicana e augustea " chiosava parlando del poeta veronese. Eppure, nessun autore, Cicerone escluso, è stato ed è studiato come Catullo, che, da sempre, suscita ammirazione nei filologi, compassione nei critici letterari, amore nei filosofi.

La sua produzione di fatti non ci è mai pervenuta secondo un ordine cronologico, ma il suo libellus di 116 carmi è stato ordinato per affinità di tematiche, seguendo un criterio di prevalenza metrico. Catullo più di altri autori è stato uomo del suo tempo, ha saputo cantare la realtà mutevole della società e quella sempiterna dell'uomo, nella sua dimensione introspettiva. È il filosofo della dimensione interiore ma al contempo è un autore che fa rumore, che non si adatta al concetto virgiliano di silenzio. Così, la sua produzione giovanile pullula di racconti, di critiche, di passioni, di intrecci amorosi, di ideali, come quella di altri poeti. A rendere, perciò, Catullo uno dei più grandi letterati nella storia della letteratura romana non è tanto la sua "vis" nell'esprimere idee e concetti (seconda certamente a quella di Orazio), né tantomeno la sua stupefacente eleganza nella lirica e la sua raffinatezza linguistica, (sempre seconda a quella di Callimaco, suo maestro ed ispiratore), ma la sua innata capacità di contraddirsi. Sì, perché Catullo, a differenza di ogni altro autore latino e non, nelle sue opere non mostrava mai un solo aspetto della realtà, ma ecco che, mentre decantava le bellezze del mondo, sprofondava in un vero e proprio baratro depressivo da cui elaborava pensieri a dir poco sconfortanti. In tutti e 116 i carmina racconta l'amore, partendo induttivamente dalle esperienze personali. Dapprima parla del suo amore per Lesbia, che pare quasi certo si chiamasse Clodia e che fosse una donna di facili costumi, a cui egli però affibbia il soprannome appunto di Lesbia, proprio in virtù della sua devozione a Saffo e del suo attaccamento alla cultura greca, che poneva al centro la bellezza delle donne. La storia d'amore travagliata che egli vive e racconta è ricca ed altalenante: ad una prima infatuazione, si alternano rimbrotti, proteste e l'onta di un amore non ricambiato. Proprio quest'ultima condizione provocherà una scossa interiore in Catullo che puntuale descrive nei suoi carmina questa magica illusione, le improvvise esplosioni di passione, i momenti di profonda nostalgia, gli istanti di erotismo e divertimento, i suoi pianti notturni... Pur parlandoci di sé, al termine di ogni componimento amoroso, Catullo sembra mettere in guardia ogni innamorato sulla vera natura dell'amore, bellissimo ma fugace, tenero ma duro, che fa ardere ma consuma. Egli, che a scuola ci viene presentato come un poeta libertino ed epicureo, alimenta in realtà un sogno di passione esclusiva, delicato come un fiore che dura in eterno: è il poeta della sacralità del matrimonio, dell'amore legittimo che vive nell'icona della famiglia, dell'integrità morale. È il poeta che più sente il bello ed il puro della vita e che soffre indiscutibilmente nel vedere il male trionfare.

Nella nostra quotidianità di persone che amano, quante volte vediamo i nostri sogni infranti, le nostre speranze andare in fumo e scontrarsi con la dura realtà di amori falsi, scelti per convenzione, di fidanzamenti officiati su Instagram, attraverso foto di baci finti, davanti a centinaia di like e di commenti stucchevoli. Eppure, Catullo ci aveva avvertiti e ci avverte ancora, nei suoi carmina, ove racconta appunto la triste realtà dell'amore, divenendo profeta dei tempi. Infine, nei "Carmina docta" (61-69), chiamati così per l'influenza del modello greco e per l'ossequio alla tecnica ellenistica, il "doctus", come amava definirlo il filologo Prof Ignazio Cazzaniga, ci mostra ancora il suo lato tenero di poeta sognatore, in cui riecheggiano epoche passate, ove non c'era la corruzione dei costumi e denuncia il declino della Roma pre-imperiale, ove ricorda l'amore giovanile con spirito dismesso, tipicamente alessandrino. Eppure, al contempo, invita ancora alla speranza, è ancora convinto che le passioni debbano essere vissute a fondo, che la vita sia un dono da godere a pieno, che disperazione e speranza per l'appunto, come ribadirà Seneca tempo dopo, non viaggiano mai separate! "Cosa bella e mortal passa e non dura", questa frase petrarchesca è la perfetta, involontaria sintesi della tranciante lezione di vita che ci lascia in eredità Catullo e che ammonisce soprattutto noi giovani d'oggi, nella nostra mania di onnipotenza, che ci porta a credere di essere eterni, solo perché dotati di più strumenti, tecnologici e non, rispetto alle precedenti generazioni.

Continuando la riflessione impietosa del professore Ettore Paratore, con cui ho aperto la mia ben più semplice ed umile chiosa, mi domando: " Quando capiremo davvero Catullo? Quando avremo il coraggio di comprendere che i veri ideali di amore fedele e sincero, di "santa amicizia ", di rispetto reciproco salveranno il mondo?" L'insegnamento di Catullo, che muore al giorno d'oggi tra un like ed una direct, tra un Tik Tok ed un Tweet, può essere riscoperto solo dai giovani, che ne sono i veri destinatari. Perché, come ci spiega Nietzsche: " La parola del passato è sempre simile a una sentenza di oracolo e noi non avremo ad intenderla fin quando non saremo gli intenditori del presente, i costruttori dell'avvenire".

(Foto di repertorio: Suzy Hazelwood)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 107214105

Flusso di Coscienza

«Non chiamate “borghi” le frazioni di Vietri», la dura invettiva del “Comitato vietrese per la Difesa dei Beni Comuni”

Il "Comitato vietrese per la Difesa dei Beni Comuni" condivide le critiche degli autori del pamphlet Contro i borghi, cioè contro quella che una recensione apparsa sul Corriere della Sera (DARIO DI VICO, "Ma poi i borghesi li rovinano", inserto La Lettura del 28 agosto 2022) definisce in modo appropriato...

Maiori, ex vicesindaco Ruggiero: «Che fine ha fatto la navetta del trasporto pubblico locale? »

L'ironia arguta e pungente non è nuova all'ex vicesindaco di Maiori Mario Ruggiero che, dalla sua bacheca di facebook, lancia un quesito che negli ultimi giorni molti cittadini di Maiori si sono posti. E' dai primi di agosto, infatti, che è stato improvvisamente sospeso il servizio di trasporto pubblico...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.