Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Agnese da Montepulciano

Date rapide

Oggi: 20 aprile

Ieri: 19 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Sal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: ChiesaLa spiritualità della Settimana Santa in dodici parole

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Chiesa

Settimana Santa, Pasqua, Chiesa

La spiritualità della Settimana Santa in dodici parole

Riceviamo e pubblichiamo un articolo sulla spiritualità della Settimana Santa redatto dall'accolito di Maiori Salvatore Cascetta

Inserito da (PNo Editorial Board), lunedì 18 marzo 2024 13:27:44

Di Salvatore Cascetta*

 

La Liturgia è piena di misteri in questo tempo nel quale la Chiesa celebra gli anniversari di meravigliosi avvenimenti.

Tre obiettivi sono da tenere in considerazione specialmente durante la Quaresima: la Passione del Redentore, di cui abbiamo avvertito l'avvicinarsi di settimana in settimana; la preparazione dei Catecumeni al Battesimo, che sarà conferito la notte di Pasqua; e la riconciliazione dei Penitenti. Ogni giorno che passa si sentono sempre più vive queste tre grandi preoccupazioni della Chiesa. Nell'attesa di quest'ora, la santa Chiesa manifesta i suoi dolorosi presentimenti velando anticipatamente l'immagine del divino Crocifisso. La stessa Croce s'è resa invisibile ai fedeli, scomparendo dietro un velo. Non si vedranno più le immagini dei Santi, perché è giusto che il Servo si nasconda, quando si eclissa la gloria del Signore. I sacri canoni della Liturgia insegnano che l'austera usanza di velare la Croce nel tempo di Passione significa l'umiliazione del Redentore, che fu costretto a nascondersi per non essere lapidato dai Giudei, come leggeremo nel Vangelo della Domenica di Passione. La Chiesa applica tale prescrizione fin dai Vespri del sabato, e con tale severità, che negli anni in cui la festa dell'Annunciazione cade nella settimana di Passione, l'immagine di Maria, Madre di Dio, rimane coperta, sebbene sia il giorno in cui l'Angelo la saluta piena di grazia e benedetta fra tutte le donne.

Il cielo della santa Chiesa si fa sempre più cupo; come scrive Dom Guéranger in una sua celebre opera: "non bastano più al suo dolore le tinte severe di cui s'era rivestita durante le quattro passate settimane. Ella sa che gli uomini cercano Gesù e hanno deciso la sua morte; non passeranno dodici giorni e i suoi nemici gli metteranno addosso le loro mani sacrileghe. Lo seguirà sul monte Calvario per raccoglierne l'ultimo suo anelito, e farà porre sul suo corpo esanime la pietra del sepolcro. Non ci dobbiamo quindi meravigliare, se invita i suoi figli, durante questa quindicina, a contemplare colui che forma oggetto di tutti i suoi affetti e di tutte le sue tristezze".

Meditiamo brevemente ora su alcune parole che possono esserci di aiuto per vivere la Grande Settimana, aiutati dagli scritti di Dom Guéranger nella sua grande opera dal titolo "L'anno Liturgico". In dodici parole di riferimento ho tentato di riassumere seppur non in maniera esaustiva ciò che la Settimana Santa rappresenta per i Cristiani è come essa dovrebbe essere vissuta nell'ambito della spiritualità di ciascun credente.

 

1)Amore.

 

Non le lacrime, o una sterile compassione ci domanda la nostra Madre; ma che approfittiamo degl'insegnamenti che derivano dagli avvenimenti della grande Settimana. Essa ci ricorda ciò che il Salvatore disse, salendo il Calvario, alle donne di Gerusalemme che osavano piangerlo al cospetto dei carnefici: "Non piangete sopra di me, ma su di voi stesse e sui vostri figli" (Lc 23,28). Non che egli rifiutasse il tributo delle loro lacrime, di cui anzi era commosso; ma fu l'amore che sentiva per loro a suggerirgli quelle parole, soprattutto perché voleva vederle ben comprese della grandezza di ciò che si stava adempiendo, nel momento in cui la giustizia di Dio si manifestava così inesorabile verso il peccato.

 

2)Penitenza.

 

Fin dalle precedenti settimane la Chiesa iniziò la conversione del peccatore; ora la vuole perfezionare. Non ci mostra più un Cristo che digiuna e che prega sul monte, ma la Vittima universale che s'immola per la salvezza del mondo. È scoccata l'ora in cui la potenza delle tenebre s'approfitterà del momento che egli le ha concesso; e il più orrendo dei delitti sarà consumato. Fra qualche giorno il Figlio di Dio sarà dato in potere dei peccatori, che lo uccideranno. Non occorre più che la Chiesa esorti i suoi figli alla penitenza, perché sanno benissimo quale espiazione abbia imposto il peccato; essa è tutta presa dai sentimenti che le ispira la fine d'un Dio sulla terra, ed esprimendo nella liturgia, ci è di guida a quelli che dobbiamo concepire in noi.

 

3)Dolore.

 

Il carattere principale delle preghiere e dei riti della Grande Settimana consiste nel profondo dolore di vedere il Giusto conculcato dai suoi nemici fino alla morte, e nella più energica indignazione contro il popolo deicida. David e i Profeti forniranno di solito la base dei testi liturgici. Quanto più il Cristo rivela di sua bocca le angosce della sua anima, tanto più si moltiplicheranno le imprecazioni contro i suoi carnefici. Il castigo della nazione giudaica è descritto in tutto il suo orrore, ed in ciascuno degli ultimi tre giorni ascolteremo il pianto di Geremia sulle rovine dell'infedele città.

 

4)Conversione.

 

Prepariamoci dunque a queste forti impressioni troppo spesso ignorate dalla pietà superficiale del nostro tempo. Ricordiamo con quale amore e bontà il Figlio di Dio si diede agli uomini, visse la loro vita, "passò sulla terra facendo del bene" (At 10,38); e vediamo ora questa vita tutta tenerezza, condiscendenza ed umiltà, finire con un infame supplizio sul patibolo degli schiavi. Consideriamo da un lato la perversità del popolo peccatore che, in mancanza dei delitti, imputa a colpa i benefici del Redentore, e consuma la più nera ingratitudine con l'effusione d'un sangue innocente e divino; e dall'altro contempliamo il Giusto per eccellenza in preda a tutte le amarezze, con l'anima "triste fino alla morte" (Mt 26,38), con la maledizione che pesa su di lui, mentre beve questo calice fino alla feccia, nonostante la sua umile implorazione; il Cielo che rimane inflessibile alle sue preghiere ed ai suoi dolori; e ascoltiamo il suo grido: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" (Mt 27,46). È questo ciò che commuove la santa Chiesa, è questo che ella ci offre a contemplare; perché sa che, se saremo compenetrati di quella scena, i legami che avevamo col peccato si scioglieranno da sé, e ci sarà impossibile rimanere ancora complici di tali misfatti. Magari potessimo arrivare anche a quella pace tanto desiderata dei nostri giorni!

 

5)Timore.

 

Purtroppo, la Chiesa sa anche la durezza del cuore umano, e come esso ha bisogno di timore per decidersi una buona volta ad emendare la propria vita: ecco perché non ci risparmia nessuna delle imprecazioni che i Profeti mettono in bocca al Messia contro i nemici. Tali anatemi sono altrettante profezie che s'avverarono alla lettera, ma stanno anche ad ammonirci che pure il cristiano li deve temere, se persiste, secondo l'energica espressione di san Paolo, "a crocifiggere Gesù Cristo" (Ebr 6,6). Ricordi allora le parole del medesimo Apostolo: "Quanto più acerbi supplizi pensate voi che si meriti che avrà calpestato il Figlio di Dio, ed avrà tenuto come profano il sangue del testamento col quale è stato santificato, ed avrà fatto oltraggio allo spirito della grazia? Ben sappiamo chi sia colui che ha detto: A me la vendetta! Io darò la retribuzione! - ed ancora: Il Signore giudicherà il suo popolo. È cosa terribile cadere nelle mani del Dio vivente" (Ebr 10,29-31).

 

6)Orrore del peccato.

 

Infatti, niente di più spaventoso, perché nei giorni in cui siamo "egli non ha risparmiato nemmeno il proprio Figlio" (Rm 8,32), dandoci con tale imperscrutabile rigore la misura di ciò che dovremmo attenderci da lui, se trovasse ancora in noi il peccato, che lo costrinse ad essere così inesorabile verso il suo diletto Figliolo "oggetto di tutte le sue compiacenze" (Mt 3,17). Queste considerazioni sulla giustizia verso la più innocente e la più augusta di tutte le vittime, e sul castigo dei Giudei impenitenti, distruggeranno in noi l'effetto al peccato e matureranno quel salutare timore sul quale poggeranno, come sopra un'incrollabile base, una ferma speranza e un sincero amore.

 

7)Virtù del Sangue Divino.

 

Accostiamoci dunque con confidenza a glorificare il sangue liberatore che apre al peccatore le porte del cielo, ed il cui valore infinito basterebbe a riscattare milioni di mondi più colpevoli del nostro. Siamo prossimi all'anniversario del giorno in cui esso fu versato; passarono molti secoli da quando scese a bagnare le membra trafitte del nostro Salvatore, e, scorrendo giù giù dall'alto della croce, inzuppò questa terra ingrata: ma la sua potenza è sempre la stessa.

 

8)Rispetto e confidenza verso il Sangue Divino.

 

Veniamo dunque ad "attingere alle fonti del Salvatore" (Is 12,3); e le nostre anime torneranno piene di vita, tutte pure e splendenti di celeste bellezza; non rimarrà in essa la minima traccia delle passate sozzure; ed il Padre ci amerà con lo stesso amore con cui ama il Figlio suo. Non fu forse per ritrovare noi, ch'eravamo perduti, che lasciò morire il Figlio della sua tenerezza? Noi eravamo divenuti preda di Satana per i peccati; ed ecco che tutto ad un tratto egli ci strappa dalle sue mani e ci restituisce la libertà. Dio però non usò la forza per sottrarci dal rapitore: allora come siamo diventati nuovamente liberi? Ascoltiamo l'Apostolo: "Siete stati comprati a caro prezzo" (1Cor 6,20). E qual è questo prezzo? Ce lo spiega il Principe degli Apostoli: "Non mediante cose corruttibili come l'oro e l'argento, siete stati riscattati, ma col prezioso sangue di Cristo, dell'Agnello immacolato e senza macchia" (1Pt 1,18-19). Messo questo sangue divino sulla bilancia della giustizia celeste, l'ha fatta pendere a nostro favore: tanto sorpassava il peso delle nostre iniquità! La forza di questo sangue è riuscita ad abbattere le porte dell'inferno, ha rotto le nostre catene, e "ricomposta la pace fra il cielo e la terra" (Col 1,20), Raccogliamo dunque sopra di noi questo sangue prezioso; laviamo in esso tutte le nostre piaghe, e segnamocene la fronte come d'un sigillo indelebile e difensore, affinché nel giorno dell'ira siamo risparmiati dalla spada vendicatrice.

 

9)Venerazione della Croce.

 

Insieme al sangue dell'Agnello che toglie i peccati, la santa Chiesa ci raccomanda di venerare anche la Croce, come l'altare sul quale è immolata la Vittima. Due volte nel corso dell'anno, nella festa dell'Esaltazione, ci sarà mostrato questo sacro legno per ricevere i nostri onori, come il trofeo della vittoria del Figlio di Dio; però in questo momento ci parla solo dei suoi dolori, presentandola come un oggetto di umiliazione e d'ignominia. Aveva detto il Signore nell'antica alleanza: "Maledetto chi pende dal legno" (Dt 21,23), e l'Agnello che ci salva si degnò affrontare questa maledizione; ma, per ciò stesso, come ci è caro il legno una volta infame! È divenuto lo strumento della nostra salvezza, il pegno dell'amore del Figlio di Dio per noi. Per questo la Chiesa, in nostro nome, gli dedicherà ogni giorno i più affettuosi omaggi; e noi uniremo alle sue le nostre adorazioni. La riconoscenza verso il Sangue che ci ha riscattati, una tenera venerazione verso la santa Croce, saranno dunque, durante questi quindici giorni, i sentimenti che occuperanno particolarmente i nostri cuori.

 

10)Amore per Cristo.

 

Ma che faremo proprio per l'Agnello, per colui che ci dà il suo sangue ed abbraccia con tanto amore la croce della nostra liberazione? Non è forse giusto che ci attacchiamo ai suoi passi e, più fedeli degli Apostoli al momento della sua Passione, lo seguiamo giorno per giorno, ora per ora, nella Via dolorosa? Gli terremo fedele compagnia, in questi giorni in cui s'è ridotto a nascondersi agli sguardi dei suoi nemici; invidieremo la sorte di quelle poche famiglie devote che l'accolgono fra le loro pareti, esponendosi con la coraggiosa ospitalità a tutta la rabbia dei Giudei; compatiremo gli affanni della più tenera delle madri; penetreremo col pensiero nel Sinedrio, dove si macchina la congiura contro la vita del Giusto. Ad un tratto l'orizzonte sembrerà illuminarsi un istante, ed ascolteremo il grido dell'Osanna risuonare per le strade e per le piazze di Gerusalemme. Tale inatteso trionfo del Figlio di David, le palme, le voci innocenti dei fanciulli, daranno tregua per un istante ai nostri presentimenti. Il nostro amore s'unirà al tributo d'omaggio reso al Re d'Israele che visita con una tale dolcezza la figlia di Sion, affinché sia adempiuto l'oracolo profetico; ma queste gioie avranno poca durata, e ricadremo subito nella tristezza!

 

11)Fedeltà.

 

Ecco quello che ci resta: un corpo contuso e senza vita, e delle membra insanguinate e irrigidite dal freddo della morte.

 

È questo il Messia che con tanta allegrezza avevamo salutato quando venne in questo mondo? Non è bastato a lui, Figlio dell'Eterno, "annientarsi fino a prendere forma di schiavo" (Fil 2,7); questa nascita nella carne era solo il principio del suo sacrificio; e il suo amore lo doveva spingere fino alla morte, ed alla morte di croce. Sapeva che non avrebbe ottenuto il nostro amore, se non a prezzo d'una immolazione così generosa; ed il suo cuore non si è rifiutato. "Amiamo dunque Dio, dice san Giovanni, perché egli per il primo ci ha amati" (1Gv 4,19). È la meta che si propone la Chiesa in questi solenni anniversari. Dopo avere abbattuta la superbia ed ogni resistenza con lo spettacolo della divina giustizia, sprona il nostro cuore ad amare finalmente colui che s'è offerto in vece nostra a subirne i duri colpi. Guai a noi, se questa grande settimana non apportasse alle nostre anime un giusto ritorno verso colui che aveva tutti i diritti d'abbominarci, e che invece ci ha amati più di se stesso! Diciamo dunque con l'Apostolo: "La carità di Cristo ci stringe, persuasi come siamo ch'egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono non vivano già per loro stessi, ma per colui ch'è morto e risuscitato per essi" (2Cor 5,14-15). Tale fedeltà dobbiamo a chi fu nostra vittima, e che fino all'ultimo istante, invece di maledirci, non cessò mai d'implorare ed ottenere per noi misericordia. Un giorno riapparirà sulle nubi del cielo e "gli uomini vedranno, dice il Profeta, chi hanno trafitto" (Zc 12,10). Possiamo anche noi essere fra coloro, ai quali la vista delle cicatrici delle sue piaghe ispirò confidenza, avendo riparato col loro amore ogni reato di cui s'erano resi colpevoli verso il divino Agnello!

 

12)Confidenza.

 

Speriamo dalla misericordia di Dio che i santi giorni che celebreremo a breve, producano in noi quella felice trasformazione che ci permetta, quando suonerà l'ora del giudizio in questo mondo, di sostenere senza tremare lo sguardo di colui che sarà calpestato dai piedi dei peccatori. La morte del Redentore sconvolge tutta la natura: il sole meridiano s'oscura, la terra trema dalle fondamenta, le rocce si spaccano: che ne siano scossi anche i nostri cuori, e dall'indifferenza passino al timore, dal timore alla speranza, infine dalla speranza all'amore; affinché dopo essere discesi col nostro liberatore negli abissi della tristezza, meritiamo di risalire con lui alla luce, irradiati dagli splendori della sua Risurrezione che, recandoci il pegno d'una vita nuova, non potranno più estinguersi in noi.

 

Con questi sentimenti dell'autore che faccio anche miei rinnovo a tutti i lettori gli auguri di Buona e Santa Pasqua!

 

*accolito licenziato in Scienze Religiose.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

La passione di Cristo<br />&copy; Foto da Pexels La passione di Cristo © Foto da Pexels

rank: 101919107

Chiesa

Scala festeggia Santa Maria dei Monti: 25 aprile l’inaugurazione della panchina gigante

Il 25 aprile, a Scala, è la Festa di Santa Maria dei Monti, la cui effige sacra si trova a Punta Campanaro, a 1050 metri sul livello del mare. Il pianoro di Santa Maria dei Monti, tanto caro a Sant'Alfonso, da più di trent'anni vuol essere la testimonianza reale dell'inizio dell'attività dei Missionari...

Agerola, la statua di Sant'Antonio Abate da Papa Francesco per la benedizione: emozione e fede in Piazza San Pietro

Mercoledì 17 aprile, una nutrita schiera di fedeli di Agerola, guidata dal sindaco Tommaso Naclerio e dal parroco don Giuseppe Milo, sono stati accolti in Piazza San Pietro da Papa Francesco per la benedizione dell'antico simulacro del Santo Patrono, Sant'Antonio Abate, e del nuovo Toson e croce realizzato...

Amalfi festeggia il 50° Anniversario dell'arrivo della Reliquia di San Biagio

Il 18 aprile ricorre il 50° Anniversario dell'arrivo della Reliquia di San Biagio ad Amalfi. La comunità amalfitana, infatti, è da molti anni particolarmente legata al culto di S. Biagio e, cinquanta anni or sono, grazie a particolari sollecitazioni, l'Arcivescovo di allora Mons. Alfredo Vozzi accolse...

Un nuovo servizio docce e lavanderia per la Caritas: il contributo dell'Azione Cattolica Amalfi-Cava de' Tirreni

Nel clima di solidarietà e generosità che ha caratterizzato il Mese della Pace 2024, l'Azione Cattolica dell'Arcidiocesi di Amalfi - Cava de' Tirreni ha compiuto un gesto significativo donando 300 euro alla Caritas Diocesana. Questo contributo ha consentito l'acquisto di attrezzature fondamentali per...

Maiori, occorre una base processionale per San Nicola: l'appello ai fedeli a contribuire

Dalla storica Chiesetta di San Nicola, situata in via Casale dei Cicerali a Maiori, un appello alla comunità locale: contribuire all'acquisto di una nuova base processionale per accogliere degnamente la statua del Santo durante la celebrazione del 6 dicembre. Recentemente, la Cappella ha subito un importante...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.