Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa Maria SS. della neve

Date rapide

Oggi: 5 agosto

Ieri: 4 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Il Festival della Musica di Ravello - Il Programma del Ravello Festival 2021 EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieUn piccolo, dolce, ricordo

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiRavello Festival 2021 - il Festival della Musica di RavelloFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Un piccolo, dolce, ricordo

Scritto da Luigi Buonocore (redazione), venerdì 30 gennaio 2009 22:28:56

Ultimo aggiornamento martedì 9 febbraio 2021 18:27:09

di Luigi Buonocore

Il 15 gennaio sembrava una giornata come tante: la placida quotidianità di una Ravello invernale, sonnolenta, trascorreva tra lo stormire delle foglie e i lenti rintocchi delle campane quando, improvvisamente, Eleonora Gambardella, dopo una vita lunga e laboriosa, ha raggiunto la meta del suo pellegrinaggio terreno.

Donna generosa, materna, rotta al sacrificio, "Nora", operatrice attenta e solerte, dallo spiccato senso dell'ospitalità, apparteneva a quella generazione di ravellesi operosi, che hanno consentito la crescita turistica della nostra città.

La sua passione per la caffetteria nasce negli anni Trenta quando, appena tredicenne, la "piccola Nora" iniziò a muovere i primi passi nel "Bar Moka" del padre Gaetano, tra le tradizionali macchine del caffè a leva, che la giovanissima barista riusciva ad azionare solo grazie all'ausilio di una vecchia cassetta di birra Peroni, utilizzata, per l'occasione, a mo' di sgabello. Quella sarebbe stata la sua strada, percorsa con impegno e orgoglio: dopo anni di esperienza Eleonora rilevò il "Bar Moka" insieme al marito Luigi Buonocore che aveva affinato l'arte della pasticceria presso lo storico Quisisana di Capri. Nel contratto, con cui veniva sancito il passaggio di proprietà, come curiosa clausola, il padre Gaetano, però, si riservava "il diritto a due caffè al giorno, vita natural durante".

Da quel momento Nora e Luigi scrissero le pagine più dolci di una Ravello d'altri tempi. Nel laboratorio delle delizie venivano preparati babà, pasticciotti, brioche, zeppole, pastiere così come i sorbetti da passeggio e gelati che conoscevano punte di eccellenza nelle famose "cassate" con pan di spagna imbevuto di liquore, gianduia e crema cassata, preparate, con puntualità, in occasione della solennità di San Pantaleone. Probabilmente tra queste righe qualcuno sarà ancora capace di ritrovare un'emozione, una dolcezza, e forse di sentire "una tristezza non amara", per usare un gioco di parole.

Con grande spirito imprenditoriale "nonna Nora", pioniera di quella "ravellesità" laboriosa, però, non si fermava e nel 1961 inaugurava una seconda attività di somministrazione, a pochi passi dal Convento dei Frati Minori Conventuali: il "Bar San Francesco". Oltre alle grandi soddisfazioni familiari e lavorative la vita, però, avrebbe riservato al suo cuore di moglie e di madre cocenti spine, la perdita improvvisa del marito Luigi e del figlio Pippo, alcune a cielo aperto, altre, invece, chiuse nel suo animo e nel suo silenzio. "Siamo tentati di tacere e di pregare soltanto di fronte a una vita avversata da momenti tragici: muta nel suo dolore, Nora ha attinto la rassegnazione cristiana, rassegnazione che le ha fatto scoprire il senso e il calore della preghiera, in cui includeva i suoi cari".

Dopo la cessione del Bar Moka, negli anni della grande crescita economica di Ravello, Nora continuò la sua attività presso il Bar San Francesco, divenendo uno preciso riferimento per l'intero rione. Fermarsi da lei a prendere un caffè, o un té, rigorosamente preparato con le selezionate importate dall' Inghilterra, che riscuotevano l'unanime consenso dei turisti, diventava quasi un rito. Per tutti Nora aveva una parola, un consiglio, un sorriso. Quelle piccole attenzioni per clienti e amici, come il tradizionale pacchetto natalizio e pasquale, con i dolci tipici della tradizione, preparati ancora secondo la ricetta del caro Luigi, sono state coltivate fino a quando il peso degli anni lo hanno consentito.

Chi ha avuto la gioia di entrare in colloquio intimo con lei non può che ricordarne la serenità, la semplicità, la bontà d'animo che le permetteva di "andare oltre", di gioire per una nuova rosa sbocciata nel suo roseto, di assaporare appieno una luminosa giornata d'inverno nel Viale dell'Immenso dell'amata Villa Cimbrone durante la passeggiata pomeridiana. "Come corre una cerva assetata al torrente a lungo cercato, così a te la mia anima anela, o Dio, che sei sorgente di vita. Di quest'acqua ha sete il mio cuore, di una fonte gorgogliante in eterno; quando finirà la mia corsa e il tuo volto potrò contemplare?" . Questo il salmo è in grado riesce ad esprimere, nel modo più completo, i sentimenti di una donna che ha vissuto intensamente quel dono straordinario, la vita, senza dimenticare la vera meta del nostro pellegrinaggio terreno. "Pochi giorni fa mi sono trovato accanto a lei, nella sua stanza, seduta in poltrona, vigile e presente, presa dal suo hobby preferito (le parole crociate), che ha subito interrotto, per farmi notare, tra l'altro, che era contenta di posare lo sguardo, attraverso la finestra della sua stanza, sul busto marmoreo di Padrea Andrea", ha ricordato Padre Francesco Capobianco nell'omelia della messa esequiale. "Padre Andrea mi guarda. Fra non molto lo raggiungerò", diceva, mentre nel silenzio rotto dal rimembrare i tristi eventi, dal suo animo affiorava con serena umiltà la fiducia e l'abbandono filiale alla misericordia divina. Ora "nonna Nora" è tornata alla casa celeste, realtà ineffabile e misteriosa verso cui tutti siamo incamminati.

Nell'autentico "Viale dell' Immenso" ha ritrovato in pienezza il suo cuore di moglie, di madre, ma soprattutto di figlia, che si abbandona teneramente nella braccia del vero Padre. Da quella realtà sovrumana e divina oggi Nora avvolge tutti con il suo spirito.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Totò e Ravello: settant’anni fa il dono di una pergamena del 1512 [FOTO]

Il 2 agosto del 1951, settant'anni fa, il Principe Imperiale Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis di Bisanzio, universalmente conosciuto come Totò, raggiunse la sede dell'Archivio di Stato di Salerno in Piazza Abate Conforti. Ad attendere il Principe della risata, il direttore dell'Istituto, Leopoldo...

Amalfi, tra ricordi e nuove sfide: finalmente si ritorna a giocare a basket al “campo nel porto”

di Pietro Pinto* Giovedì 29 luglio per i giovani sportivi amalfitani e in particolar modo per i ragazzi e le ragazze del basket del CS Amalfitano, è stato un giorno memorabile. Ritornare a giocare al "campo nel porto" dopo 25 anni in cui è rimasto abbandonato è stato emozionante. Era il 1971 quando quello...

Testimonianze sul culto di Sant'Anna a Ravello

di Salvatore Amato Nel 1783, il monastero di Santa Chiara di Ravello otteneva da papa Pio VI, con l'intercessione del vescovo di Gaeta Carlo Pergamo, la concessione di un altare privilegiato quotidiano perpetuo per i defunti, da designare tra quelli esistenti nella chiesa monastica ad arbitrio dell'Ordinario...

Annunciate le 5 scoperte archeologiche del 2020 candidate alla 7ª edizione dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum e Archeo hanno inteso dare il giusto tributo alle scoperte archeologiche attraverso un Premio annuale assegnato in collaborazione con le testate internazionali media partner della Borsa: Antike Welt (Germania), Archäologie in Deutschland (Germania),...

La saggezza di un Popolo (49)

di Antonio Schiavo E' vero, cari lettori, questa rubrica manca da troppo tempo Vi spiego perché. Da anni conservavo nel portafogli una serie di foglietti sui quali appuntavo tutti i modi di dire, i proverbi e i termini che mi venivano segnalati o che percepivo durante le mie puntate a Ravello. Un bel...