Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Emilio martire

Date rapide

Oggi: 28 maggio

Ieri: 27 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi Coast Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieUn’opera d’arte è solo bella o è qualcosa di più?

Governo, Conte rinuncia. Mattarella e il no a Savona: « In gioco l'Italia nell'euro»

Conte in bilico, l'ira di Salvini. Colle: «Irrigidimento dei partiti»

Amalfi Coast ultratrail: i minoresi Giovanni e Giuliano Ruocco sul podio

“Kryptòs: bellezza e mistero”: fino al 24 giugno una mostra d’arte nella cripta di Santa Maria a Gradillo

Mino Raiola torna in Costiera Amalfitana: super agente in vacanza nella "sua" Minori [FOTO]

“Amalfi città in fiore”: al via il concorso per rendere il centro più accogliente

Tramonti, auto intrappolata nel fango. Rischi su strada di Campinola [FOTO]

I Pensionati della Costa d'Amalfi si danno appuntamento a Scala

Quando lo sport è fautore di sani principi: Tramonti intitola lo stadio comunale a Franco Amato [FOTO e VIDEO]

Isola Felice, 11 ottobre processo d’appello per alcuni degli imputati

Maiori: incidente all’altezza della Badia, centauro in ospedale [FOTO]

Conca dei Marini: Pino Corrias “incanta” al Premio Com&Te

Piaccia o no, una maggioranza in Parlamento s’è formata

USA, Franco Nuschese per la ricerca contro l’AIDS porta Dionne Warwick all’Istituto di Baltimora [FOTO]

Vietri: 1° giugno Vito Pinto protagonista alla Congrega Letteraria con “Irene Kowaliska – 1939”

Sub colto da malore ad Amalfi, trasferito in ospedale

"Amalfi romantica": Emiliano Russo espone le sue fotografie ad Azov, in Russia

Relax ad Amalfi per Paolo Bonolis tra Caravella e Santa Caterina

Restringimento sull'A2 Autostrada del Mediterraneo: disagi tra Fratte e Salerno centro

Gina Lollobrigida "raggirata": sequestrati beni riconducibili al manager

Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Storia e Storie

Un’opera d’arte è solo bella o è qualcosa di più?

Scritto da Annamaria Parlato (Redazione), sabato 26 gennaio 2013 09:47:56

Ultimo aggiornamento sabato 26 gennaio 2013 09:47:56

di Annamaria Parlato* - L'identità vedere=conoscere=amare=gioire, espressa da S.Tommaso nella Summa Theologica,è da riferirsi a quell'idea di Bellezza che con Platone viene introdotta energicamente all'interno della speculazione estetica ed artistica. Prima di Platone, già Pericle e gli Istoras di cui parla Eraclito, cercarono e amarono la Bellezza, che nel pensiero platonico è collocata all'apice del mondo delle Idee, nel suo triplice valore di Bellezza, Verità e Bene. Essa è un'idea pura e incorruttibile, eterna e più esaltante delle altre, tanto che «il solo contemplarla è sufficiente perché la vita meriti di esser vissuta». Aristotele, discepolo di Platone, concepisce il Bello come una idealità metafisica che nell"armonia" si manifesta all'uomo e causa la felicità; ed ancora a ne parlano, nelle loro dissertazioni filosofiche, Pitagora e Zenone, fino a quando quell'ideale di Bellezza, che ha dato vita all'età classica, sinonimo di armonia, ordine, perfezione, dall'Ellade giunge a Roma.

Vitruvio e Cicerone interpretano la Bellezza come armonia, il primo la identifica come "symmetria", "dispositio" ed "eurythmia", il secondo chiarisce che nell'uomo questa "eurythmia" e "symmetria" si coniuga nella virtù. Plotino successivamente, nella sua scuola insegna che la Bellezza si identifica con il Bene, ovvero con Dio, a cui l'uomo si avvicina amandola. Poiché la bellezza risplende in tutte le cose che sono più vicine alla perfezione che è in Dio, l'uomo, contemplando il Bello nella natura e nell'arte, si eleva e ritorna con malinconica nostalgia a Dio.

Durante il Cristianesimo l'idea del Bello inizia il suo processo di interiorizzazione fino ad esplicarsi nella Patristica e nella Scolastica. S.Agostino definisce l'idea del Bello come «partium congruentia» (Civ. XXII), in quanto armonia che l'uomo vede fuori di se e che si identifica con Dio che è il Vero, Perfezione e Bellezza; per S.Tommaso il Bello, pur distinguendosi dal Bene, si identifica in esso, costituendo quel fine tanto desiderato che è la visione. Nella filosofia medievale Il Bello, non solo fisico, ma anche spirituale, assume un'ascendenza divina. Durante l'umanesimo la bellezza è naturale armonia, classicità, che pone al centro l'uomo vitruviano. Ciò è ravvisabile nelle opere di Donatello, Masaccio, Mantegna, Antonello da Messina, e, di Botticelli che attraverso le teorie neoplatoniche e la poesia, giunge alla visione angelica.

Con il Rinascimento perdura ancora il classicismo che sfocia nel momento più alto della nostra cultura, con i tre massimi rappresentanti dell'arte italiana: Raffaello, Michelangelo e Leonardo.

La Controriforma, conclusosi il Concilio di Trento, vede il trionfo del naturalismo espresso in tre percorsi: quello della magia, della filosofia naturale e della scienza. La visione scientifica della natura porterà alla luce il problema dell'arte quale "mimesis", tanto dibattuto tra idealisti e naturalisti, dal quale si asterrà l'arte di Velasquez, Rembrandt e soprattutto di Caravaggio. L'inquietudine manieristica e il trionfo del Barocco fanno risplendere il Bello che assiste al nascere della scienza di Galilei, dell'empirismo di Bacone, del razionalismo di Cartesio e all'insorgere dell' "esprit de finesse" di Pascal.

L'illuminismo, esaltando la ragione, è contrario alla tradizione e alla metafisica, e, il Bello con l'Arcadia ritrova nella musicalità lirica della natura la sua pienezza. Nel 1750 nasce l'Aestetica di Baumgarter che conia l'estetica quale filosofia dell'arte. Winkelmann più tardi, giungendo a Roma caratterizza la bellezza quale "nobile semplicità, quieta grandezza".

Finalmente con Kant si osserva che "il bello commuove ed esalta ed il sublime alletta e rapisce".

Fichte, Hegel e Shelling nel Romanticismo e nell'Idealismo, con le loro teorie riportano il Bello nell'infinito, prevalendo il sentimento sulla ragione. Constable e Turner aprono la stagione dell'arte moderna, in un susseguirsi di correnti artistiche quali l'impressionismo, il simbolismo per cui il bello "si rivela alle anime belle", l'art nouveau, i Fauves, il Die Brücke, il cubismo, il dadaismo fino al Der blaue Reiter di Kandinsky e Klee, i quali affermano il primo, che lo sprituale è la non razionalità, il secondo che l'invisibile è visibile. Da qui prende il via il neo-idealismo di Croce e Gentile che riportano all'infinito il finito, rivisitando e correggendo la dialettica di Hegel. Il secondo dopoguerra vede l'avanzata delle avanguardie: op-art, pop-art, minimal-art, trash-art che celebrano lo scempio della natura e la morte del Bello che viene a perdere di senso in termini dissoluzione della forma, del colore e di linguaggio.

Il Bello, a prescindere dalla trattazione filosofica che ha avuto durante i secoli e che si è storicizzata nell'Estetica, significa principalmente ciò che suscita un piacere estetico e che induce, attraverso la contemplazione visiva, ad un senso di armonia e di perfezione. Se questo processo viene riferito all'arte e ai suoi manufatti artistici, bisognerebbe innanzitutto porsi la domanda:«Sappiamo vedere un'opera d'arte mentre ci avviciniamo ad essa?». Spesso nel vedere l'opera d'arte siamo portati a valutarla in modo alquanto empirico e superficiale, in quanto la nostra educazione artistica, basata sulla contemplazione del vero, è insufficiente alla comprensione dell'opera d'arte, poiché l'arte non è il riflesso della nostra quotidiana sensibilità ma è una nuova realtà creata dall'artista. L'unico metodo attraverso il quale è possibile insegnare a vedere e a godere un'opera d'arte, è il rendere familiari al profano gli elementi figurativi, che sono il solo mezzo lecito all'artista per tradurre in atto la sua fantasia: linea, forma, colore, tono, luci ed ombre, chiaroscuro, sfumato e via dicendo. La conoscenza degli elementi del linguaggio figurativo, ci fa guardare le opere di scultura, di pittura e di architettura nei loro elementi stilistici, fuori dei quali non è possibile trovare elementi di riferimento per il giudizio e il godimento.

Lo spettatore impara a vedere e guardare secondo il modo in cui l'artista elabora. Il vedere è essenziale sia all'artista sia al lettore dell'opera d'arte; dipingere o scolpire l'oggetto che si vede, non significa solo vedere fuori la natura, ma anche vedere dentro lo spirito. Lo spettatore vede ciò che sa, ritrova quello che ha già vissuto.

La conoscenza si compone della somma più alta di corrispondenze fra ciò che si sa e ciò che si vede. Conoscere è l'esperienza primaria, quella che impone allo spettatore di arginare i limiti dell'immagine per farla sua; riconoscere è trovare in altre immagini le caratteristiche dell'immagine che si è osservata per prima.

Per conoscere le immagini è necessario che esse vengano interrogate, come se fossero "persone", in modo da poterne cogliere e intenderne le risposte. L'incapacità di comunicare e dialogare con le immagini, ne compromette l'interpretazione, e ne pregiudica la contemplazione. A mano a mano che si procede nell'interpretazione delle cose e si raggiunge la contemplazione, l'amore per le cose diventa amore per la natura, e il rispetto per le cose, diventa pietas che accompagna il senso del sacro e del divino che procura gioia ed estasi nell'osservatore. Curiosità attenta e timida discrezione, accesa simpatia e devota reverenza, amore e pietas rappresentano il processo evolutivo per l'interpretazione dell'opera d'arte sino alla serena contemplazione del Bello.

* Storico dell'arte, Libero professionista del settore culturale, titolare di PAMART - Consulenza e Progettazione culturale

www.pamart.it

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Cafoni al mare, il ritorno

di Miriam Bella Vivere di turismo impone, che ci piaccia o meno, una certa predisposizione all'ospitalità. Per chi come me ha il privilegio di risiedere in Costiera Amalfitana, è giunto il momento dell'anno in cui è necessario fare i conti con un aspetto in particolare della questione. Uno fra quelli...

I mille anni di San Giovanni del Toro, la chiesa dei patrizi ravellesi (1018-2018)

di Salvatore Amato Nel 2018, anno in cui ricorrono i duecento anni dalla soppressione della Diocesi, i centenari dell'elevazione a Basilica Minore dell'ex Cattedrale e della morte di fra Antonio Mansi, celebre figura del francescanesimo del primo Novecento, Ravello avrà la straordinaria opportunità di...

Il Campione e le miss

Di Antonio Schiavo Correva, mai verbo fu più appropriato, l'anno 1978, nel bel mezzo di un mese di maggio tipicamente ravellese. Un cielo pennellato di azzurro intenso, graffiato appena appena da qualche cirro all'orizzonte che improvvisamente si trasformava in cumulone nero e ci scaricava addosso secchiate...

9 maggio 1978: quarant’anni fa l’omicidio di Aldo Moro

Di Sigismondo Nastri Sono trascorsi quarant'anni dalla barbara uccisione di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse. Ma rimane sempre vivo in me il ricordo del grande statista, che avevo avuto l'onore di conoscere in occasione di una sua venuta ad Amalfi, accolto dall'onorevole Francesco Amodio (del quale...

Graziano Giordano, in pista a 69 anni con la Ritmo Abarth di trent'anni fa guadagna il podio alla "Coppa Primavera" [FOTO]

Certi amori non tramontano mai. Lo sa bene Graziano Giordano, patron del ristorante Valico di Chiunzi con la passione per l'automobilismo, trasmessa al figlio Pietro, pluripremiato pilota e presidente della scuderia "Tramonti Corse". A 69 anni (ne compirà 70 il prossimo 2 luglio) Graziano, tra i protagonisti...