Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Beatrice vergine

Date rapide

Oggi: 18 gennaio

Ieri: 17 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieTurismo religioso in Costa d’Amalfi: la storia della traslazione delle reliquie di Sant’Andrea

Salerno: Caffè Trucillo riparte dall’Accademia

Porto di Salerno, conclusa la fase di sperimentazione: si all’uscita delle navi anche di notte

OneMorePack, al via il concorso di creative packaging design

Unisa, 18 gennaio convegno di studi "Cittadinanza, cittadinanze e nuovi status"

Al Turistico di Minori si rilascia la patente europea per computer. Corsi aperti anche ad esterni

A Tramonti la festa di San Sebastiano, protettore dei Vigili Urbani

Da Comune di Ravello contributi a sostegno dell'agricoltura, 27 gennaio incontro con operatori

Ravello-Costa d’Amalfi mancata capitale della cultura: cosa non ha funzionato?

Il mondo dell'arte dice addio a Cosimo Budetta

2018 Anno europeo del patrimonio culturale, Centro Universitario di Ravello ancora protagonista

Costa d'Amalfi, cercasi autista per NCC

Amalfi, struttura extralberghiera cerca addetta alle pulizie

Minori, 28 gennaio nuova replica del Proscenio con “Natale in Casa Cupiello”

“Non è tutto merito della cioccolata” di Pietro Ravallese e “Note di Cucina Salernitana” di Alfonso Sarno allo Yachting Club di Salerno

Disservizi segnale Rai, sindaco Andrea Reale incontra dirigenti Ministero Sviluppo Economico

Marina d’Arechi, cresce sui mercati internazionali l’interesse per il nuovo porto turistico di Salerno

Salerno, un nuovo indirizzo di studio all'Istituto Nautico: “Pesca Commerciale e Produzioni ittiche”

Causò incendio in cui morì la madre, condannato 53enne di Tramonti

Ambiente. Sorrento, consegnata una videocamera subacquea alla Guardia di Finanza

“Capitale della cultura” si diventa. Senza prevaricazioni né gelosie

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

Turismo religioso in Costa d’Amalfi: la storia della traslazione delle reliquie di Sant’Andrea

Scritto da (ilvescovado), domenica 7 maggio 2017 14:54:02

Ultimo aggiornamento domenica 7 maggio 2017 14:54:02

Di Giuseppe Liuccio

L'8 maggio Amalfi celebra la Festa per la traslazione delle reliquie del suo Patrono San'Andrea, avvenute proprio l'8 maggio del 1208 per l'impegno e la determinazione del Cardinale Pietro Capuano, uno dei più illustri figli, che ha onorato la città nel corso della sua prestigiosa storia millenaria. Per ricordare l'evento pubblico qui di seguito una parte significativa della mia Lettera postuma al Cardinale, tratta dal mio romanzo epistolare "Terre d'Amore. Cilento e Costa d'Amalfi" (Delta Edizioni), con il quale vinsi l'XI edizione del premio internazionale Francesco De Sanctis.

Eminenza Reverendissima,

Nelle tue peregrinazioni per il mondo, dove ti portavano i tanti e delicati impegni di missioni importanti e delicate non dimenticasti mai la tua Amalfi. Ne è una prova tangibile la vicenda legata al ritrovamento ed alla traslazione delle Sacre Reliquie del Santo Patrono Andrea. Trovandoti a Costantinopoli sapesti da alcuni sacerdoti amalfitani che nella locale basilica dei Santi Apostoli era custodito il corpo del nostro Santo. Te ne impossessasti, lo conservasti in un luogo segreto, ordinasti a tuo zio Matteo, Arcivescovo di Amalfi, di costruire, a tue spese, la cripta del Duomo e l'8 maggio del 1208, nel corso di una cerimonia solenne, da Conca dei Marini, dove avevi fatto sosta, si snodò un corteo di sette navi tutte addobbate a festa, con al seguito una processione di numerose altre navi e barche... Dalla spiaggia di Amalfi portasti a spalla la sacra urna insieme a tuo zio Matteo e ai vescovi suffraganei fino alla cripta. Fu festa per tutto il Ducato con la città in una apoteosi di canti, luci, fiori ed osanna di giubilo.

Ma, accanto a questa che di sicuro è la tua impresa più memorabile per gli Amalfitani, mi sembra doveroso sottolineare almeno altre tre opere, frutto della tua munificenza, per lo sviluppo civile e culturale della tua Amalfi. Il 20 ottobre del 1208 fondasti una scuola gratuita dove potessero studiare i giovani di Amalfi ed Atrani, sia chierici che laici "ubi scolares Amalfie ed Atrani volentese studere sine pretio"; nel 1212 fondasti l'Abbazia dei Frati Cistercensi, sulla collina del "Falconcello", detta S.Pietro de Toczulo, la cui chiesa fu dichiarata Cappella Palatina da Federico II. Quale e quanta importanza abbia recitato nella storia della città, prima come centro di devozione e di culto San Pietro della Canonica e poi come centro di accoglienza turistica di livello internazionale con il nome di "Albergo dei Cappuccini" è nel vissuto storico e nella memoria di tutti gli Amalfitani; nel 1213 facesti costruire un ospedale con una chiesa annessa che dedicasti a Santa Maria della Misericordia ed affidasti alla cura dei Frati Crociferi. Ma non trascurasti neppur le opere che potevano essere di grande sviluppo per la vita civile e le attività economiche della città. Così, per salvare la tua Amalfi dai danni delle non infrequenti mareggiate facesti costruire un porto nel luogo chiamato S. Caterina.

Ti spegnesti il 30 agosto del 1217 di ritorno da Viterbo, sede allora della Curia Romana. Il tuo corpo riposa nella Chiesa di Santa Maria di Aracoeli a Roma, dove io mi sono recato diverse volte in pellegrinaggio d'amore e di cultura.

Amalfi ti ricorda come uno dei suoi figli più illustri con un busto in bronzo nell'atrio della Cattedrale e con questa lapide: «Al CardinalePietro Capuano - patrizio munifico - diplomatico illustre - che il tramonto delle patrie grandezze - illuminò - con lo splendore del suo nome - e delle sue opere - Amalfi - rievocando le anticheglorie - dopo sette secoli - l'8 maggio1908».

Ci sarebbe molto da dire e da riflettere, in un confronto tra la tua età e la nostra, sulla tutela e salvaguardia dell'ambiente, della regimentazione delle acque, di una politica efficiente per la sanità, sulla tutela e valorizzazione della risorsa mare, sulla diffusione della cultura e la edificazione e difesa di chiese, conventi e monumenti civili e religiosi, ecc. Ma me ne astengo. Una cosa, però, mi sento di dovere e poter dire: mi piacerebbe che Amalfi amasse e valorizzasse di più la sua storia e stimolasse i giovani a riscoprire ed esaltare il proprio vissuto storico, partendo anche dall'insegnamento della toponomastica, anche per onorare degnamente il tuo nome. E non a caso gli Amalfitani anche del recente passato, riconoscenti per l'impegno da te profuso nei vari campi per la valorizzazione del territorio, ti hanno intitolata una strada importante, una specie di aorta che pompa vita nel cuore antico della città. Sale, ferita ardita a divincolare l'abbraccio delle case dallo slargo arioso di via Lorenzo d'Amalfi, per conquistare la valle che fu feconda di industrie e di mestieri. Nei giorni di libeccio vi salgono, a volte, folate umidicce di iodio e sale, mentre in quelli di tramontana vi scendono, sibilando, gli aromi dei Lattari che fanno da quinta in lontananza e si aprono a cordigliera di difesa, man mano che l'orizzonte si dilata, al di là dei tetti rossi delle case a sbalzo a fuga verso Pontone e Scala che incombono minacciose di grazia ardita e di bellezza, già dal Largo dello Spirito Santo. A ben pensare e a saper leggere, ogni metro di questa strada racconta una pagina di storia della città. Di qui la necessità, lo ripeto ancora, di conoscere ed esaltare la toponomastica. D'altronde, è bene anche ricordare e sottolineare che una comunità che non conosce e non ama il proprio passato non ha futuro. Soprattutto se basa le sue fortune economiche sul turismo.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...