Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Ubaldo vescovo di Gubbio

Date rapide

Oggi: 16 maggio

Ieri: 15 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

La Salernitana torna in Serie A - BENTORNATA

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureGambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieTramonti e le sue chiese: testimonianza di arte e fede

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air Bee

Storia e Storie

Tramonti e le sue chiese: testimonianza di arte e fede

Scritto da Annamaria Parlato (Redazione), domenica 10 marzo 2013 08:27:41

Ultimo aggiornamento domenica 10 marzo 2013 08:27:41

di Annamaria Parlato* - Tramonti paese montano della Costiera Amalfitana, il cui nome deriverebbe da intra montes cioè terra tra i monti, è situato in una delle verdi vallate dei Monti Lattari, accessibile dal mare o attraverso il Valico di Chiunzi. Con le sue tredici frazioni e i suoi castagneti, uliveti, vigneti, la sua origine, secondo lo storico Cerasuoli, è legata ai Picentini, che assieme agli Etruschi qui si rifugiarono attorno al 200 a.C. per sfuggire ai Romani.

La storia di Tramonti è legata a quella di Amalfi al tempo delle Repubbliche Marinare, alla quale forniva il pregiato legno per la costruzione delle imbarcazioni, utilizzate nei commerci. Difese Amalfi dal longobardo Arechi II e dall'ambizioso Sicardo, duca di Benevento, sino alla sua ascesa nell'839 d.C. La ricchezza del borgo si rispecchia ancor oggi nelle innumerevoli Chiese esistenti e nei numerosi edifici nobiliari.

Ma quando nel 1127 Amalfi incominciò a subire delle perdite in seguito all'invasione Normanna, anche Tramonti ne risentì, difendendo invano il territorio con la guarnigione del Castello di Montalto, che cadde insieme al Castello di Ravello. Polvica la sua frazione principale, centro amministrativo del territorio, ospita il bellissimo convento di San Francesco, fondato nel 1474 alle falde del Colle di Santa Maria. Fu fatto costruire da Matteo D'Angelo di Tramonti e nel corso dei secoli ha subito diverse trasformazioni. Si sviluppa essenzialmente su tre livelli e vanta un grande chiostro.

Gestito dai Francescani, inventori tra l'altro del famoso Concerto, un rosolio i cui ingredienti sono erbe e spezie, è tutt'oggi anche struttura ricettiva. La Chiesa presenta una sola navata e l'ingresso è dominato in alto da un settecentesco coro ligneo e da due sarcofagi posti di lato. Il sarcofago di destra racchiude le spoglie di Ambrogio Romano, vescovo di Minori nel 1509; quello di sinistra conserva le reliquie di Martino De Majo, vescovo di Bisaccia e Bisceglie tra il 1475-87. Lungo entrambi i lati della navata vi sono degli altarini ciascuno con nicchie, ospitanti statue di Santi.

Sull'altare maggiore vi è il trono marmoreo di San Francesco e gli affreschi che sono posti ai lati raffigurano San Giovanni da Capestrano e San Leonardo da Porto Maurizio. Il soffitto conserva decorazioni di Raffaele Severino, artista attivo a Caiazzo nel XIX secolo e del Bocchetti, con la Morte di Santa Chiara, l'Indulgenza della Porziuncola, la Morte di San Francesco. Nella frazione di Pucara merita di essere citata la Chiesa di Sant'Erasmo, forse il più antico insediamento tramontino, riaperta dopo un lungo lavoro di restauro durato circa tre anni.

A Sant'Erasmo che fu vescovo e martire, i cui devoti in Campania sono soprattutto i marinai, viene dedicata una festa ogni anno che si celebra il 2 giugno e la Chiesa risale al XV secolo. Sorge laddove anticamente vi era la Chiesa della confraternita di Santa Maria Maddalena, immersa tra terrazzamenti di agrumeti. Il portale in pietra è composta da due colonne scanalate e finemente lavorate, poggianti su basamenti a loro volta decorati e recanti in basso la data 1600. L'interno è a navata unica ma a croce latina. Una pala risalente al Cinquecento è collocata dietro l'altare maggiore, mentre delle importantissime tele attribuite a Luca Giordano non si ha più traccia. Se si scende al piano sottostante il salone vi è un locale un tempo adibito a sepolture dalla congrega.

Qui sono visibili le "cantarelle" o seditori, ovvero sedili scavati nel tufo su cui venivano deposti i defunti ad essiccare. La Chiesa viene aperta soprattutto durante le celebrazioni, ma coloro i quali fossero interessati a visitarla possono contattare direttamente il parroco. A Paterno Sant'Arcangelo, altra frazione di Tramonti, posta vicino Montalto dove sorgeva un Castello, a distinguersi è la Chiesa dell'Ascensione in stile romanico.

Questa Chiesa è divenuta parrocchia in seguito alla completa distruzione durante il sisma del 1980, della Chiesa di San Michele Arcangelo. Una scalinata in pietra introduce l'ingresso in Chiesa, sovrastata da un imponente campanile a pianta quadrangolare. La Chiesa è a volta a botte, risalente al IX-X secolo, presenta una sola navata con cappelle laterali. Il campanile invece si sviluppa su quattro piani, di cui il primo è scavato nella roccia, i due intermedi sono costituiti da monofore e bifore, l'ultimo a forma ottagonale culmina a piramide. La Chiesa dell'Ascensione è visitabile previo accordo telefonico.

Il patrimonio artistico e architettonico di Tramonti è vastissimo e questi sono solo alcuni degli esempi di come la Divina Costiera sia l'emblema e scrigno prezioso di una terra ricca di tradizioni, storia, beni culturali e prodotti enogastronomici conosciuti in tutto il Mondo.

*Storico dell'arte, Libero professionista del settore culturale, titolare di PAMART - Consulenza e Progettazione culturale

www.pamart.it

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Vittorio Benigno, un patriota ravellese nella lotta di liberazione nazionale

di Salvatore Amato A seguito dell'emanazione del Decreto-legge luogotenenziale del 21 agosto 1945, n. 518, vennero stabiliti criteri precisi per la concessione della qualifica di partigiano "caduto", "combattente", "invalido" o "mutilato" e di quella di "patriota" per tutti coloro che, tra il 1943 e...

Ricordi amalfitani: le arance di Mariettella

di Sigismondo Nastri Ricordo che ad Amalfi esistevano, insieme ai limoneti, degli splendidi aranceti. Uno, lungo ‘O muro rutto, nella Valle dei Mulini. Quando ero bambino, mio padre lo prese in fitto, per qualche tempo, insieme alla casa, posta alla confluenza tra la salita Resinola e la via per San...

Amalfi, il ricordo di Gaspare Di Lieto (e un po' di amarcord)

di Sigismondo Nastri Quando vivevo ad Amalfi, passando per la piazza del Duomo, non riuscivo a immaginare lo spazio retrostante la fontana del Popolo, dominata dalla statua di marmo dell'apostolo Andrea, senza che si intravedesse, all'ingresso del suo stracolmo negozio di ceramica, la figura pacioccona,...

Settant'anni fa l'arrivo delle spoglie di Andrea Mansi a Ravello

di Achielle Benigno Sono esattamente 70 anni che i resti del marinaio ravellese Andrea Mansi riposano nella sua amata città. Le spoglie del martire, trucidato sulle scale dell'Università di Napoli il 12 settembre 1943, ora sono collocate nel Sacrario dei Caduti della Città della Musica. Il corpo del...

Maradona si curava le caviglie ad Agerola. Quando il dottor Acampora lo portava in campagna da Zia Angelina

Maradona si recava ad Agerola, in gran segreto, per curarsi le caviglie. Il dottore Emilio Acampora, storico medico sociale del Napoli, scomparso quest'oggi all'età di 91 anni, portava il Pibe de oro, nella seconda metà degli anni Ottanta, nel suo paese natale, a casa di sua zia Angelina, in campagna,...