Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Gabriele dell'Addolorata

Date rapide

Oggi: 27 febbraio

Ieri: 26 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieSanta Caterina, il culto in Costa d'Amalfi

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Storia e Storie

Santa Caterina, il culto in Costa d'Amalfi

Scritto da (Redazione), venerdì 17 agosto 2012 13:52:22

Ultimo aggiornamento lunedì 25 novembre 2019 11:50:15

di Giuseppe Gargano

Il per diversa loca vagari attribuito da Gregorio Magno nella famosa lettera del 596 a Pimenius episcopus della civitas - castrum di Amalfi deve necessariamente essere inteso come il girovagare per affari mercantili anche da parte di esponenti ecclesiastici amalfitani; questo aspetto diventa ancor più rilevante se posto in relazione al De Amalfitanis qualiter peragantur del trattato di pace stipulato tra Beneventani e Napoletani nell'836.

D'altronde le successive fonti documentarie confermano questa tendenza, soprattutto nel riferirsi alla nave che trasportava merci in dotazione al monastero amalfitano dell'Athos o alla possibilità di costruire imbarcazioni da parte delle monache di S. Lorenzo nello scario occidentale di Amalfi, oppure ancora alle esenzioni fiscali riservate alla lyntra dell'episcopio minorese.

Nel corso del VII secolo, come afferma la tradizione agiografica locale, sarebbe apparso sulla spiaggia di Minori il sacello recante le sacre spoglie della martire Trofimena, destinata a diventare la prima protettrice dell'etnia amalfitana. Il nucleo di verità contenuto in questo leggendario racconto fornisce una chiara indicazione a riguardo della frequentazione di Patti e della costa settentrionale della Sicilia da parte di marinai minoresi sin da quel lontano secolo. Questa tesi sarebbe ulteriormente sostenuta dall'antica edificazione a Minori del complesso ecclesiastico di S. Lucia, altra martire siciliana come S. Trofimena.

La frequentazione amalfitana altomedievale della Sicilia è ancor maggiormente confermata dall'episodio del trafugamento del corpo di S. Bartolomeo Apostolo da Lipari (838), trasportato presso Sicardo a Benevento, nonché dalla fondazione di Malfa sull'isola eolica di Salina.

L'isola di Trinacria servì da trampolino di lancio degli Amalfitani per raggiungere le coste africane.
Così essi risultavano presenti, per motivi eminentemente commerciali, a Kairuan e ad al Madhia sin dal IX secolo, ad Alessandria e al Cairo in quello successivo; in queste due ultime città egiziane risiedevano allora stabilmente ben 200 amalfitani.

Verso la Sicilia si riversarono poi anche gli Scalesi: non è forse un caso se la chiesa principale di Malfa è dedicata proprio a S. Lorenzo. La nobiltà di Scala rivestì sull'isola importanti incarichi pubblici relativi ad attività giudiziarie, amministrative, fiscali e marinare in particolar modo sotto il regno di Federico II.

La proiezione amalfitana verso l'Africa fece giungere in patria, oltre alle laute e proficue merci e ai modelli artistici e culturali, anche particolari culti di santi. Le informazioni storico - documentarie medievali segnalano nel territorio amalfitano vari luoghi di culto riservati al padre del deserto Antonio Abate, ad Abbaciro e Giovanni, a Felicita e a Caterina.

Minoresi e Scalesi dovettero essere tra i primi Amalfitani a introdurre culti dall'Africa.

Così il casale di Villamena di Minori fu interessato dalle chiese di S. Felicita e S. Caterina d'Alessandria. Quest'ultima estendeva la propria denominazione al caseggiato in cui sorgeva, cioè il Vicus Ecclesiae Sanctae Catarinae.

Gli Scalesi realizzarono nel territorio della loro diocesi ben quattro chiese intitolate a S. Antonio Abate.

Di particolare rilevanza per la storia religiosa e l'architettura dell'area amalfitana risulta essere la chiesa di S. Caterina di Scala, la cui dedicataria fu elevata a compatrona della città. Il sacro tempio presenta un impianto di influsso bizantino attribuibile all'ultimo quarto dell'XI secolo, praticamente coevo alla definitiva costituzione della Civitas episcopalis Scalensis, avvenuta nel 1069. La chiesa sorge nella parte più interna del territorio urbano medievale, presso l'accesso urbico settentrionale, detto porta de Fiume. In passato all'esterno vi era un antistante portico. L'interno è impostato su sei colonne di marmo con singolari capitelli di spoglio.

La copertura è costituita da volte a crociera e nel mezzo della navata principale da una cupola, un tempo decorata all'esterno in pietra variopinta e sostenuta da colonnine di marmo effigiate da croci ottagone, sicuramente in memoria di Gerardo Sasso, fondatore dell'Ordine dei Cavalieri di S. Giovanni di Gerusalemme. L'illuminazione avveniva mediante numerose monofore. Senza dubbio l'edificio originario era decorato con mosaici o con affreschi.

Tuttora in esso è conservata una statua lignea policroma di S. Caterina d'Alessandria, databile al XVI secolo. Un tempo era lì custodito un braccio d'argento con una reliquia della santa. La contrada che si sviluppò intorno alla suddetta chiesa tra XI e XII secolo assunse la denominazione della santa alessandrina.

Intanto nei primissimi anni del XII secolo era presente un'altra chiesa intitolata a S. Caterina presso il castello di Sopramonte di Ravello, nella località attualmente chiamata Civita. Inoltre, una meravigliosa cromatica raffigurazione in stucco a rilievo della santa, coronata e appoggiata alla ruota del suo martirio, attribuibile al Trecento, è tuttora ben evidente in S. Giovanni del Toro.

L'associazione della santa alla ruota fece nascere l'idea della scelta della protezione per i mugnai. Di ciò rimane un chiaro segno nel Fiordo di Furore: lì sopravvive una cappella di età moderna riservata a S. Caterina e scavata nella roccia molto prossima al corso fluviale dello Schiatro, nonché ad alcuni mulini bassomedievali.
Le due città affrontate di Scala e di Ravello, appena separate dal torrente Dragone, si distinsero nel Medioevo per una differente specializzazione cultuale: più marcato fu l'influsso orientale e bizantino nella seconda, decisamente occidentale ed africano nella prima.

In tale ottica Scala dev'essere considerata il centro maggiormente interessato dalla venerazione per S. Caterina d'Alessandria; anzi essa fu proprio il nucleo propulsore per la diffusione di quel culto in area amalfitana.

Così gli Scalesi che si spostavano per interessi commerciali a vivere nella città di Amalfi, centro principale e capitale dell'omonimo ducato, trasferirono in essa le loro preferenze in materia di credo religioso. Ciò avvenne in particolare nel corso dell'età angioina.

Presso il muro settentrionale di Amalfi, che scendeva dalla contrada scalese di Pontone, era collocata, almeno sin dal 1391, la chiesa di S. Caterina extramoenia.

Quindi nel 1426 Filippo Bonello, nobile mercante scalese, i cui antenati avevano fatto fortuna in Puglia, fondò la chiesa di S. Caterina sul Monte de li Impisi, prominenza meridionale della collina che delimita da occidente il centro urbano di Amalfi, il cui toponimo derivava dall'esecuzione mediante impiccagione delle condanne a morte dei malfattori. La piccola chiesa era formata da un unico ambiente e da una cisterna.

Filippo Bonello era venuto ad abitare ad Amalfi in un fundacus domorum, una sorta di casa - azienda, acquistato, allo scorrere del secolo precedente, dalla ricca famiglia Brancia e collocato accanto alla chiesa parrocchiale di S. Maria Maggiore. Il nobile scalese, il cui emblema araldico la dice lunga circa la partecipazione dei membri del suo casato alla milizia angioina, volle così evidenziare il suo forte attaccamento alla venerazione di uno dei numi tutelari della sua città di origine, forse perché egli stesso proveniva dalla contrada di S. Caterina. La sua fondazione ecclesiastica amalfitana influenzò la toponomastica del luogo in cui sorgeva; infatti ancora oggi l'area retrostante il molo foraneo costruito tra il 1878 e il 1909 è detta " S. Caterina".

La chiesa fondata dal munifico patrizio di Scala fu purtroppo inesorabilmente distrutta da una frana negli anni '70 del XIX secolo, come ricorda lo storiografo Matteo Camera nelle sue "Memorie", <>.

Ancora a confine col territorio di Scala esistette, almeno dal XV sino al XVII secolo, la chiesa rupestre di S.Caterina de Ciro, che derivava il proprio attributo dalla vicina celebre Torre dello Ziro.

Cospicua fu la presenza del culto della santa di Alessandria d'Egitto nell'ambito della cattedrale di Amalfi, ancora una volta grazie all'influenza della stirpe dei Bonello.
Innanzittutto la navata meridionale fu detta Ala Sanctae Catherinae, per l'esistenza in quel luogo di un altare intitolato alla santa, situato presso una colonna ed eretto nel 1431 dal menzionato Filippo Bonello.

Nell'ala settentrionale di S. Giovanni Battista la cappella quattrocentesca di Paolo Gammardella possedeva un'icona che raffigurava S. Caterina in compagnia della Vergine e di S. Paolo.

Nella sezione orientale della nave dei Ss.Cosma e Damiano, primitiva cattedrale di Amalfi, poi detta "Chiesa del Crocifisso", sorgeva la cappella di S. Caterina, fondata ancora una volta da un Bonello, che recava l'onomastico di Risillo, come affermava un'iscrizione lapidaria del 1508 ivi esistente prima della trasformazione contro riformistica dell'intero tempio.

Questa cappella era ubicata precisamente retro portam Scholae eiusdem Civitatis, quindi attigua alle Schole Grammaticales o liberalium artium edificate dal cardinale Pietro Capuano proprio otto secoli fa, in concomitanza della traslazione del corpo dell'Apostolo Andrea da Costantinopoli ad Amalfi.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

L’incendio nella cripta del Duomo di Ravello del 22 febbraio 1882

di Salvatore Amato* Nel carteggio del fondo archivistico Prefettura - Opere Pie dell'Archivio di Stato di Salerno, che conserva documentazione, in specie di natura contabile, afferente agli istituti di assistenza e beneficenza insistenti nei comuni del territorio provinciale a partire dagli anni che...

Don Lorenzo Mansi: 49 anni fa moriva il Sindaco di Ravello. La proposta di intitolazione di una strada

di Silvano Polvani* Era il 16 febbraio del 1971 quando Lorenzo Mansi, don Lorenzo, cessò di vivere. "La salute di Don Lorenzo, come è descritto nella cronaca del volume 'Don Lorenzo Sindaco di Ravello' da tempo dava segnali di forte preoccupazione e sembrava volgere al peggio. Nonostante le sue condizioni...

Quando la speranza è tutto ciò che resta. Una commovente storia a lieto fine

di Mariarosaria Pisacane Quello tra medico e paziente è un rapporto complesso basato sostanzialmente sulla fiducia e sull'empatia che viene a instaurarsi. Gestire il difficile rapporto con un genitore sopraffatto dall'angoscia di ricevere notizie negative sullo stato di salute del proprio bambino, impone...

Tre anni fa ci lasciava Armando Di Palma. Giovedì Messa di suffragio

Sembra solo ieri, eppure sono già passati tre anni da quel triste lunedì di febbraio in cui il caro Armando lasciava la sua vita terrena. Giovedì 13 febbraio, alle 18:00, nella Basilica di Santa Trofimena a Minori sarà celebrata una Santa Messa di suffragio per il terzo anniversario dalla perdita del...

Padre Bonaventura Mansi, il ravellese che salvò Assisi dalle bombe

di Emiliano Amato Ravello guarda con occhio sempre attento al cuore della francescanità, perchè legata fedelmente alla figura di San Francesco d'Assisi che nel XIII secolo, pellegrino ad Amalfi sulla tomba dell'Apostolo Andrea ivi traslate da Costantinopoli nel 1208, si recò presso il rione Ponticeto...