Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 26 minuti fa S. Massimiliano K.

Date rapide

Oggi: 14 agosto

Ieri: 13 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Gambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureRavello Festival 2020Terra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieRegata interbancaria

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Connectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzatePasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Storia e Storie

Regata interbancaria

una storiella semi-seria

Scritto da Alberto Quintiliani (admin), mercoledì 6 marzo 2013 17:11:55

Ultimo aggiornamento giovedì 7 marzo 2013 07:50:21

di Alberto Quintiliani*- Un giorno l'A.B.I (Associazione Bancaria Italiana ) nell'intento di stringere rapporti di collaborazione e di apprendere le nuove tecniche di governo delle associate adottate dall'analoga struttura bancaria dell'Uganda- considerata ai vertici mondiali nell'organizzazione del sistema bancario - organizzò una regata competitiva, su appositi scafi con equipaggio di 11 membri. La gara si sarebbe svolta sulle acque del lago di Garda, con la partecipazione di selezionati dipendenti delle più importanti Banche italiane, ad eccezione delle "provinciali" Banche Cooperative, non ritenute all'altezza.
In vista della competizione entrambe le squadre praticarono un lungo e impegnativo allenamento, per raggiungere la migliore preparazione. La composizione della squadra italiana era naturalmente assistita dalle organizzazioni sindacali, con il compito di vigilare affinché le mansioni dell'equipaggio fossero correlate ai gradi e ai ruoli ricoperti nella banca di appartenenza.
Il grande giorno della competizione finalmente arrivò.
Inaspettatamente, e contro le previsioni della vigilia, l'Uganda vinse agevolmente la gara, con largo margine.
Dopo il deludente esito della competizione l'ABI e le Banche tutte, si sentirono umiliate per l'imprevista sconfitta che, a giudizio dell'ABI, aveva inferto un duro colpo sia al suo prestigio e sia a quello dell'intero sistema bancario italiano.
Riunioni interbancarie subito convocate, sotto la presidenza dell'ABI, deliberarono all'unanimità che era assolutamente necessario trovare la ragione della mortificante sconfitta. Venne deliberato di costituire immediatamente un apposito Gruppo di lavoro con l'obiettivo di effettuare una attenta "due diligence" per investigare sul deludente risultato, ricercare la cause della sconfitta ed individuare le migliori soluzioni per la gara di rivincita. Nella ricerca furono stanziati notevoli mezzi, data la posta in palio che impattava direttamente sulla credibilità del settore bancario italiano.
Il Gruppo di lavoro - dopo aver analizzato la gara nei dettagli: passaggio alla moviola dello svolgimento, analisi del vento, delle correnti, validità delle attrezzature ecc. - concluse che il problema era in larga parte attribuibile all'organizzazione e probabilmente aveva come concausa il fatto che la squadra dell'Uganda era composta da dieci rematori ed un timoniere, mentre la squadra targata ABI era composta da 6 rematori, 4 assistenti rematori ed un timoniere.
La Presidenza dell'ABI interpellò immediatamente una Società di consulenza per studiare la futura struttura ottimale della squadra, predisponendo allo scopo un sostanzioso budget.
Dopo una miriade di studi, proiezioni, analisi sociologiche, psicologiche, tecniche di allenamento, terapie di gruppo, di amalgama, di motivazione, di autostima, di prospettive di carriera e sistema premiante, la Società di consulenza concluse che i ruoli dell'equipaggio italiano erano confusi e non razionalmente individuati, per cui occorreva ridisegnare, ottimizzandola, la "filiera" operativa della squadra.
A seguito dell'acuta ed illuminante, seppur costosa, analisi tecnica della società di consulenza, l'ABI, per prevenire un'altra - considerata tuttavia assai improbabile - sconfitta nella successiva rivincita con l'Uganda, decise di mutare profondamente la struttura e le gerarchie della squadra. Dopo complessi negoziati con le organizzazioni sindacali fu deciso di adottare una nuova formazione, con la puntuale e rigida esplicitazione dei ruoli operativi, così come suggerito dalla società di consulenza:
1 dirigente - capo equipaggio - responsabile dell'intero complesso e dell'unico obiettivo: la vittoria. Questo ruolo fu ritenuto strategico e fattore critico di successo per l'ABI.
1 coordinatore equipaggio, con il compito di seguire la direzione (e le mutazioni) del vento, della corrente, della più razionale rotta e seguire naturalmente le mosse degli avversari per adottare le opportune contromosse.
Il reparto rematori fu portato a complessive 8 unità, di cui 2 avevano la qualifica di direttori del reparto, con il compito prioritario di seguire rispettivamente il lato destro e sinistro dell'imbarcazione, "fare squadra" (che sapeva tanto di moderno), spronare l'equipaggio, scandire i ritmi di pagaia, correggere gli eventuali scostamenti dalla linea di rotta giudicata ottimale e amplificare gli ordini provenienti dalla catena di comando. Prima della gara, a supporto dei 6 elementi direttamente addetti ai remi, fu deciso di affidare ad un apposito team di esperti di psicologia il compito di sostenere ciascun rematore, di esaltarne l'autostima e dare a ciascuno una maggiore spinta psicologica per lavorare in maniera razionale in sinergia con il "gruppo" e moltiplicare l'impegno per raggiungere l'agognata - e a questo punto pressoché certa - vittoria. Rimaneva invariata la presenza del timoniere prelevato dalla categoria dei quadri, in considerazione della delicatezza del suo compito.
Fiduciosi nel certo beneficio che sarebbe derivato dall'immane ristrutturazione organizzativa operata, sotto la regia dell' l'ABI e della conseguente razionale "lubrificazione" della filiera operativa, tutti si accinsero a seguire la gara sicuri questa volta nella svolta positiva della competizione, con una certa vittoria di adeguate dimensioni e pronti subito dopo a dare finalmente inizio ai festeggiamenti programmati per l'evento vittorioso.
Tuttavia, del tutto inaspettatamente, anche questa volta, tra la disperazione generale, l'Uganda vinse agevolmente la competizione, ancora con maggior distacco rispetto alla sfida precedente.
L'ABI, a seguito della beffa subita, della perdita di credibilità e di autorevolezza "suggerì'" immediatamente alle banche che avevano fornito il "team" di imbarcazione, il licenziamento per scarso rendimento dei 6 rematori e per "par condicio" - e con la stessa motivazione - la retrocessione nel grado del timoniere. Con il necessario "piglio manageriale" dismise immediatamente l'imbarcazione e le relative sofisticate dotazioni , cancellò dal budget i previsti investimenti per gli equipaggiamenti, per i nuovi materiali e bloccò la progettazione del nuovo scafo, adducendo tuttavia come motivazione ufficiale: esigenze di "spending review".
Ritenne infine giusto - e di esempio per tutti come stimolo per il seguimento delle direttive aziendali - di impegnare le banche ad erogare un sostanzioso premio di rendimento al dirigente capo, al coordinatore equipaggio ed ai 2 direttori del reparto rematori per l'impegno profuso nella competizione, nella quale avevano messo in gioco tutta la loro esperienza, know how ed impegno, valori questi non ricambiati adeguatamente dal comportamento dei 6 rematori e del timoniere, individuati come gli unici responsabili della mortificante sconfitta, con il loro comportamento negligente, nonostante i mezzi e la perfetta organizzazione messa a disposizione.
In questa storiella semiseria, naturalmente inventata, si trovano tuttavia diversi elementi di contatto con una realtà presente in numerose e variegate organizzazioni, ovviamente banche comprese.

La morale finale di questa storiella, secondo la classica filosofia napoletana, potrebbe essere:
- " o cane mozzeca semp' o stracciato"
- " o pesce fete d'a capa"

*ex Dirigente Centrale MPS

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il grande cuore della Costiera Amalfitana: Antonio realizza il suo desiderio [FOTO]

Un piccolo gesto dal grande valore. E' una storia di umana solidarietà quella che vi raccontiamo oggi dalla Costiera Amalfitana. Antonio, ragazzo di 13 anni, si trova in vacanza con la sua famiglia a Maiori, presso un noto albergo del centro. Antonio presenta malformazioni dalla nascita dovute a una...

Il vero miracolo del 27 luglio

di Antonio Schiavo È l'ora della prima messa. La chiesa è addobbata a festa: lunghi drappeggi rossi coi bordi d'oro avvolgono la navata centrale, su su fino all'altare maggiore. Fuori due scoiattoli in pantaloni corti e cinturone si arrampicano su una scala lunga e poi sui rami dei pini perché c'è sempre...

In diretta dalla luna

di Candeloro Rebuffat* Se mi avessero chiesto se avessi voluto assistere all'inizio oppure in data odierna alla cosiddetta conquista dello spazio avrei scelto senz'altro la prima opzione. Nella scena osservata il 20 luglio del 1969 ad un immaginario cannocchiale al contrario, "La conquista della luna"...

Francis Nevile Reid: il busto del Principe Bambino nella sua collezione a Villa Rufolo

di Antonio Ferrara Il 12 luglio 1892 moriva, all'eta di 66 anni, sir Francis Nevile Reid. La morte del signore di Villa Rufolo dovette essere accolta con sincera commozione da parte della popolazione. Il necrologio pubblicato sul Times il successivo 21 luglio ne sottolineava le doti umane e sociali,...

Quando a Torella dei Lombardi Ennio Morricone ricordò Sergio Leone

di Lorenzo Bellofatto Torella dei Lombardi, Piazza Europa. L'altura che avvolge il Castello Candriano, terrazza della verde Irpinia, traversata a valle dalle acque del fiume Fredane, è il luogo dei natali a Vincenzo Leone, padre del grande regista Sergio Leone. Il promontorio, adagiato sulle ruvide colline...