Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Agnese vergine

Date rapide

Oggi: 21 gennaio

Ieri: 20 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieRegata interbancaria

Costa d'Amalfi, nuova sconfitta; al "San Martino" passa il Castel San Giorgio [FOTO]

Costa d'Amalfi, tesserato il difensore Gabriele Pommella

Amalfi, aperta consultazione per aggiornamento Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione

Truffe, il monito dei Carabinieri agli anziani: «Diffidare da richieste di danaro contante»

Truffe agli anziani, Carabinieri di Amalfi e Battipaglia arrestano due pregiudicati napoletani

Elezioni 4 marzo, "Potere al Popolo" incontra i cittadini della Costa d’Amalfi

Principato di Monaco e Costa d'Amalfi più vicini con un prestigioso progetto culturale

Food Network: Paul Hollywood con Gennaro Contaldo tra Napoli e la Costiera Amalfitana

Fondazione Ravello, sabato 20 nuovo Consiglio d'Indirizzo

Al "Ruggi" di Salerno la terapia per il trattamento della SLA

Il cellulare torna in classe: ecco le 10 regole della Fedeli

Da Ministero Salute nuovo richiamo colatura di alici. Ipotesi istamina

"Pompei per tutti": 10 febbraio accessibilità dei siti archeologici

Truffa a un’anziana di Maiori: fermato a Tramonti con 2mila euro imbroglione napoletano

Tramonti: al via i lavori di completamento della rete fognaria col miglioramento dell’impianto di depurazione

A Cetara un corso intensivo di lingua inglese per gli operatori turistici

Sorrento, 21 gennaio tornano le passeggiate ecologiche

SMS e messaggi Whatsapp sono prove documentali

Arriva WhatsApp business, ecco cosa si può fare con la nuova applicazione per le aziende

Sorrento. Veicoli elettrici: ordinanza per gli orari di carico e scarico merci

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi

Storia e Storie

Regata interbancaria

una storiella semi-seria

Scritto da Alberto Quintiliani (admin), mercoledì 6 marzo 2013 17:11:55

Ultimo aggiornamento giovedì 7 marzo 2013 07:50:21

di Alberto Quintiliani*- Un giorno l'A.B.I (Associazione Bancaria Italiana ) nell'intento di stringere rapporti di collaborazione e di apprendere le nuove tecniche di governo delle associate adottate dall'analoga struttura bancaria dell'Uganda- considerata ai vertici mondiali nell'organizzazione del sistema bancario - organizzò una regata competitiva, su appositi scafi con equipaggio di 11 membri. La gara si sarebbe svolta sulle acque del lago di Garda, con la partecipazione di selezionati dipendenti delle più importanti Banche italiane, ad eccezione delle "provinciali" Banche Cooperative, non ritenute all'altezza.
In vista della competizione entrambe le squadre praticarono un lungo e impegnativo allenamento, per raggiungere la migliore preparazione. La composizione della squadra italiana era naturalmente assistita dalle organizzazioni sindacali, con il compito di vigilare affinché le mansioni dell'equipaggio fossero correlate ai gradi e ai ruoli ricoperti nella banca di appartenenza.
Il grande giorno della competizione finalmente arrivò.
Inaspettatamente, e contro le previsioni della vigilia, l'Uganda vinse agevolmente la gara, con largo margine.
Dopo il deludente esito della competizione l'ABI e le Banche tutte, si sentirono umiliate per l'imprevista sconfitta che, a giudizio dell'ABI, aveva inferto un duro colpo sia al suo prestigio e sia a quello dell'intero sistema bancario italiano.
Riunioni interbancarie subito convocate, sotto la presidenza dell'ABI, deliberarono all'unanimità che era assolutamente necessario trovare la ragione della mortificante sconfitta. Venne deliberato di costituire immediatamente un apposito Gruppo di lavoro con l'obiettivo di effettuare una attenta "due diligence" per investigare sul deludente risultato, ricercare la cause della sconfitta ed individuare le migliori soluzioni per la gara di rivincita. Nella ricerca furono stanziati notevoli mezzi, data la posta in palio che impattava direttamente sulla credibilità del settore bancario italiano.
Il Gruppo di lavoro - dopo aver analizzato la gara nei dettagli: passaggio alla moviola dello svolgimento, analisi del vento, delle correnti, validità delle attrezzature ecc. - concluse che il problema era in larga parte attribuibile all'organizzazione e probabilmente aveva come concausa il fatto che la squadra dell'Uganda era composta da dieci rematori ed un timoniere, mentre la squadra targata ABI era composta da 6 rematori, 4 assistenti rematori ed un timoniere.
La Presidenza dell'ABI interpellò immediatamente una Società di consulenza per studiare la futura struttura ottimale della squadra, predisponendo allo scopo un sostanzioso budget.
Dopo una miriade di studi, proiezioni, analisi sociologiche, psicologiche, tecniche di allenamento, terapie di gruppo, di amalgama, di motivazione, di autostima, di prospettive di carriera e sistema premiante, la Società di consulenza concluse che i ruoli dell'equipaggio italiano erano confusi e non razionalmente individuati, per cui occorreva ridisegnare, ottimizzandola, la "filiera" operativa della squadra.
A seguito dell'acuta ed illuminante, seppur costosa, analisi tecnica della società di consulenza, l'ABI, per prevenire un'altra - considerata tuttavia assai improbabile - sconfitta nella successiva rivincita con l'Uganda, decise di mutare profondamente la struttura e le gerarchie della squadra. Dopo complessi negoziati con le organizzazioni sindacali fu deciso di adottare una nuova formazione, con la puntuale e rigida esplicitazione dei ruoli operativi, così come suggerito dalla società di consulenza:
1 dirigente - capo equipaggio - responsabile dell'intero complesso e dell'unico obiettivo: la vittoria. Questo ruolo fu ritenuto strategico e fattore critico di successo per l'ABI.
1 coordinatore equipaggio, con il compito di seguire la direzione (e le mutazioni) del vento, della corrente, della più razionale rotta e seguire naturalmente le mosse degli avversari per adottare le opportune contromosse.
Il reparto rematori fu portato a complessive 8 unità, di cui 2 avevano la qualifica di direttori del reparto, con il compito prioritario di seguire rispettivamente il lato destro e sinistro dell'imbarcazione, "fare squadra" (che sapeva tanto di moderno), spronare l'equipaggio, scandire i ritmi di pagaia, correggere gli eventuali scostamenti dalla linea di rotta giudicata ottimale e amplificare gli ordini provenienti dalla catena di comando. Prima della gara, a supporto dei 6 elementi direttamente addetti ai remi, fu deciso di affidare ad un apposito team di esperti di psicologia il compito di sostenere ciascun rematore, di esaltarne l'autostima e dare a ciascuno una maggiore spinta psicologica per lavorare in maniera razionale in sinergia con il "gruppo" e moltiplicare l'impegno per raggiungere l'agognata - e a questo punto pressoché certa - vittoria. Rimaneva invariata la presenza del timoniere prelevato dalla categoria dei quadri, in considerazione della delicatezza del suo compito.
Fiduciosi nel certo beneficio che sarebbe derivato dall'immane ristrutturazione organizzativa operata, sotto la regia dell' l'ABI e della conseguente razionale "lubrificazione" della filiera operativa, tutti si accinsero a seguire la gara sicuri questa volta nella svolta positiva della competizione, con una certa vittoria di adeguate dimensioni e pronti subito dopo a dare finalmente inizio ai festeggiamenti programmati per l'evento vittorioso.
Tuttavia, del tutto inaspettatamente, anche questa volta, tra la disperazione generale, l'Uganda vinse agevolmente la competizione, ancora con maggior distacco rispetto alla sfida precedente.
L'ABI, a seguito della beffa subita, della perdita di credibilità e di autorevolezza "suggerì'" immediatamente alle banche che avevano fornito il "team" di imbarcazione, il licenziamento per scarso rendimento dei 6 rematori e per "par condicio" - e con la stessa motivazione - la retrocessione nel grado del timoniere. Con il necessario "piglio manageriale" dismise immediatamente l'imbarcazione e le relative sofisticate dotazioni , cancellò dal budget i previsti investimenti per gli equipaggiamenti, per i nuovi materiali e bloccò la progettazione del nuovo scafo, adducendo tuttavia come motivazione ufficiale: esigenze di "spending review".
Ritenne infine giusto - e di esempio per tutti come stimolo per il seguimento delle direttive aziendali - di impegnare le banche ad erogare un sostanzioso premio di rendimento al dirigente capo, al coordinatore equipaggio ed ai 2 direttori del reparto rematori per l'impegno profuso nella competizione, nella quale avevano messo in gioco tutta la loro esperienza, know how ed impegno, valori questi non ricambiati adeguatamente dal comportamento dei 6 rematori e del timoniere, individuati come gli unici responsabili della mortificante sconfitta, con il loro comportamento negligente, nonostante i mezzi e la perfetta organizzazione messa a disposizione.
In questa storiella semiseria, naturalmente inventata, si trovano tuttavia diversi elementi di contatto con una realtà presente in numerose e variegate organizzazioni, ovviamente banche comprese.

La morale finale di questa storiella, secondo la classica filosofia napoletana, potrebbe essere:
- " o cane mozzeca semp' o stracciato"
- " o pesce fete d'a capa"

*ex Dirigente Centrale MPS

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

La Costituzione compie 70 anni, in vigore dal 1° gennaio 1948

La nostra Carta Costituzionale compie settant'anni. Firmata il 27 dicembre del 1947, dopo 18 mesi di lavoro dell'Assemblea Costituente, dall'allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, in una sala di Palazzo Giustiniani è entrata in vigore il primo gennaio del 1948 con i suoi 139 articoli...

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...