Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Gennaro vescovo

Date rapide

Oggi: 19 settembre

Ieri: 18 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieRavello: il monumento in memoria del Re Umberto I

Sulle Onde del Mediterraneo - Amalfi - Piazza Municipio - Capodanno Bizantino - Valentina Stella 27 settembreLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiCentro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloDivin Baguette Maiori Costiera AmalfitanaHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaPABA Srl pellet al prezzo più basso, offerta pellet per stufe, stufe a pelletRavello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Storia e Storie

Ravello: il monumento in memoria del Re Umberto I

Scritto da Salvatore Amato (Redazione), domenica 9 marzo 2014 10:26:59

Ultimo aggiornamento domenica 21 febbraio 2016 21:40:10

di Salvatore Amato - Il 29 luglio 1900, a Monza, moriva assassinato il Re d'Italia Umberto I.

Come avvenne in molte municipalità italiane, anche nel Comune di Ravello fu avanzata la proposta di dedicare un monumento alla memoria del defunto sovrano.

Nel corso del Consiglio Comunale del 16 dicembre 1900, presieduto dal consigliere anziano, notaio Giuseppe Mansi, con la presenza dei consiglieri Bonaventura Fraulo, Raffaele Conte, il chirurgo Biagio De Cesare, Luigi Sorrentino, Andrea Amalfitano, Luigi Mansi, Bonaventura Pisacane, Francesco Gambardella, il dottor Angelo Ruocco,Tommaso Amato, Francesco Schiavo, Carlo Filippo De Iuliis e Nicola Mansi, fu presentata la domanda di alcuni giovani "pieni di buona volontà", che avevano costituito una commissione allo scopo di far erigere un monumento in pietra vulcanica in memoria del re.

La Commissione, composta da Ignazio Fraulo di Bonaventura, Nicola Mansi di Francesco, Luigi Cicalese di Lieto e Vincenzo Mari, dopo aver ottenuta l'approvazione consiliare, fu incaricata di raccogliere una somma sufficiente per l'erezione del monumento, da collocarsi nel Largo Vescovado, e di vigilare sull'esecuzione dell'opera.

La promessa di contributo dell'Amministrazione Comunale fu di 25 lire, mentre quello personale dei Consiglieri e del Segretario Comunale Gerardo Mansi ammontava a 54 lire.

Prima della sua realizzazione trascorsero almeno quattro anni. Il 18 febbraio 1904, la Giunta municipale, allora presieduta dal Sindaco Luigi Cicalese di Lieto, con l'assistenza degli Assessori Nicola Mansi e Alessio Mansi, approvava finalmente la spesa di 25 lire per "l'erezione del monumento al Largo Vescovado per il compianto re Umberto I".

La spesa fu liquidata con mandato del 4 marzo successivo in favore dell'insegnante elementare Vincenzo Mari, probabilmente rappresentante della commissione istituita nel 1900.

La colonna spezzata, simbolo della tragica fine del Capo dello Stato, rimase al Largo Vescovado fino al 1929, quando l'avvio dell'organica trasformazione in "Piazza" e la realizzazione delle condutture per il costruendo acquedotto, con conseguente rifacimento del lastricato, ne decretarono il trasferimento in uno spazio contiguo a Piazza Fontana.

Oltre che per i motivi di necessità pratica testé citati, la delibera del Commissario Prefettizio Giuseppe Leonetti del 29 aprile 1929 evidenziava, nei termini seguenti, che l'opera male si armonizzava con le emergenze architettoniche circostanti: "...in tale ricordo (monumento) non ricorre alcun pregio artistico e che anzi esso per i caratteri del suo stile, per la modernità della sua fattura e quindi per la scarsissima sua espressione è in evidente contrasto con la solennità dell'antico artistico tempio in cospetto del quale esso si erge". Così, "raccolto l'unanime consenso di cittadini, di artisti e di autorità per la destinazione di tale ricordo in luogo per esso più adatto ma meno eccentrico", ne stabiliva lo spostamento.

Il luogo individuato fu, come già detto, un terreno contiguo alla Piazza Fontana, prospiciente sul mare, di proprietà del Comune e di Anna Romano, maritata Bonadies.

Ottenuto il nulla osta da parte della Regia Soprintendenza all'Arte Medioevale e Moderna della Campania per la rimozione della colonna, il Commissario Prefettizio Leonetti, con nota del 20 giugno 1929, propose alla titolare dell'area individuata l'acquisto di una parte della sua proprietà per il prezzo di 1200 lire, obbligandosi anche a recintare il suolo acquistato con una ringhiera in ferro, a sistemare l'accesso al resto della proprietà, nonché a ricostruire il locale destinato a ricovero di polli.

Nel gennaio del 1930 si diede esecuzione all'acquisto del suolo e dopo qualche mese si procedette al trasferimento del monumento nella sede che ancora oggi lo ospita (foto a sinistra di Andrea Gallucci), perché - come recitava il testo della delibera del Consiglio Comunale del 16 dicembre 1900 - "Ravello, che ricorda nell'istoria gloriosi precedenti antichi, deve andar superba di lasciare ai posteri sì preziosa memoria".

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Costiera e Montiera Amalfitana: marinai di montagna e contadini di mare

Di Giuseppe Liuccio Qualche giorno fa ho dedicato un ricordo di profonda e cocente nostalgia ad una mia recente vacanza a Ravello, esaltandone la ruralità ed ho anticipato che avrei dedicato una serie di riflessioni alla bellezza ed alle potenzialità inespresse della ruralità di tutte le zone dell'Alta...

La magia dei fuochi di Torello, uno spettacolo unico e irrinunciabile [VIDEO]

Tutto pronto - o quasi - a Ravello per lo spettacolo pirotecnico-scenografico di Torello in programma domenica 16 settembre, alle 21,00, a conclusione dei festeggiamenti in onore della Madonna Addolorata. Da circa un ventennio l'appuntamento richiama a Ravello curiosi e affezionati provenienti da tutto...

Geografia delle emozioni, “Viaggio nell’Alta Costiera”: la ruralità della nobile Ravello

di Giuseppe Liuccio E' possibile ipotizzare un viaggio sull'onda delle emozioni, della ruralità dei paesi della Costa d'Amalfi? Ci provo. Un tentativo del genere lo feci già due decenni fa o giù di lì con un articolo indovinato, certamente nel titolo, "La Montiera", in cui ipotizzai che il futuro dello...

Quel concerto di Claudio Lolli a Ravello a metà degli anni ’70

di Bruno Mansi Il 17 agosto di quest'anno è morto a Bologna Claudio Lolli. Aveva 68 anni. Dopo la camera ardente al Comune di Bologna (Città dalla quale non si era mai staccato) lunedi 20 si sono tenuti i funerali. Mentre scrivo questo mio ricordo penso che molti di coloro che lo leggeranno non sappiano...

La cagnolina ritrovata sul ciglio della strada a Ravello, ora è in cerca di una famiglia

Era stata abbandonata sul ciglio della strada e il suo destino sembrava ormai segnato. Disidratata e impaurita, la piccola cagnolina Lucylle, alla vista dei suoi soccorritori si è rifugiata in una scarpata, rendendo difficoltoso il suo recupero. A salvare la cagnolina due professionisti dell'agronocerino...