Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Adelaide vergine

Date rapide

Oggi: 16 dicembre

Ieri: 15 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieRavello 4 aprile 1912: Consiglio comunale dice no all'annessione di Castiglione ad Atrani

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Ravello, 4 aprile 1912: Consiglio comunale dice no all'annessione di Castiglione ad Atrani

Scritto da (Redazione), mercoledì 4 aprile 2012 09:47:24

Ultimo aggiornamento giovedì 13 aprile 2017 23:28:37

di Salvatore Sorrentino* - Nel 1912, un gruppo di venti cittadini chiese al Consiglio Provinciale, allora competente in materia, la segregazione (cioè il distacco) della frazione Castiglione da Ravello e la conseguente sua aggregazione (cioè annessione) al territorio del comune di Atrani.

Non era la prima volta che si tentava questa operazione.

Già il 25 novembre 1862, or sono 150 anni, il Consiglio Comunale di Ravello aveva dovuto, una prima volta, respingere la pretesa di segregazione, che allora si chiedeva nientemeno che per la lontananza dall'abitato di Ravello per la somministrazione dei Sacramenti.

La mancata fortuna del 1862 aveva comunque scoraggiato solo per poco gli Atranesi, i quali, nel 1875, tornarono alla riscossa, lagnandosi non solo della lontananza del servizio religioso, ma altresì della insufficienza dei servizi civili e scolastici!

Non ostante tutti i pretesti, gli ini¬ziatori scoprivano il loro gioco quando scrivevano, nella istanza di segregazione «... emergere la necessità (per gli Atranesi) di allargare il territorio,...e restringere... quello di Ravello, nello interesse dei sottoscritti».

Con la deliberazione consiliare di Ravello, del 16 maggio 1875, accettata dalle Superiori Autorità, fu di nuovo messa a dormire la pretesa.

Si giunge, così, al tentativo di un secolo fa esatto.

Il Consiglio Comunale di Ravello, infatti, il 4 aprile 1912, si oppone alla richiesta di questi venti cittadini, adducendo, innanzitutto, che il Comune di Ravello ha indispensabile bisogno della frazione, perdendo la quale mancherebbe di qualsiasi sbocco sul mare. La marina di Castiglione è l'unico lembo di mare che appartiene a Ravello.

«Senza il mare - rileva il Consiglio Comunale di Ravello, nella tornata del 4 aprile 1912 - sarebbe disconosciuta la ragione geografica e la voce della fama che richiama a Ravello, da ogni parte del mondo civile, gli amatori entusiasti del panorama, che a Castiglione più deliziosamente sorride».

L'Amministrazione Comunale di Ravello diede incarico all'avvocato Giuseppe Fragola, professore dì dritto amministrativo nella Regia Università di Napoli, di perorare i diritti del Comune.

Questi, nella seduta del 20 novembre 1912, apportò all'«On. Consiglio Provinciale» di Salerno mille altri motivi perché Castiglione restasse a Ravello.

Per sola curiosità, cito i motivi principali addotti dal prof. Fragola a sostegno della richiesta dei Ravellesi, ignorando volutamente quelli di carattere strettamente giuridico, che poco interessano il lettore.

- «... i firmatarii sono soltanto venti, cioè meno della metà ... » del numero minimo occorrente, che, in quel momento, era di sessantun elettori.

- «... e, di questi venti, due, il dott. Vincenzo Stucchi e il signor Chieffi Angelo, non sono né proprietarii, né elettori di Ravello!!».

- «Né la domanda è procedibile, fino a che talune firme non sieno autenticate da Notaio, come prescrive l'art. 47 citato del Regolamento».

- «E vi sono poi firme di parecchi individui da tempo emigrati all'estero !! ».

- «Altro motivo di improponibilità della istanza è nel fatto che ai richiedenti manca la qualità essenziale per poter domandare la segregazione della pretesa frazione; e cioè l'essere ivi residenti. Invece, con certificato del Sindaco, l'uffiziale competente, e in virtù del registro di popola¬zione di Ravello, si dimostra che dei 20 richiedenti, 12 non sono residenti in Ravello, e lo sono invece in Atrani». Il distacco può essere richiesto solo dai residenti in una frazione.

- «Nella specie non solo non vi è una separazione naturale della pretesa frazione; non solo non vi è un aggregato sociale autonomo, né vi è un patrimonio, né qualsiasi altro elemento distintivo di gruppo».

- «Lo sfasciamento del nucleo fondamentale della vita politica odierna, il Comune, non può essere determinato da capriccio o da desiderio imperialistico comunale. Una frazione non si stacca da un comune e si aggrega ad un altro, sol per allargare il territorio di questo, come Atrani pretende. Occorrono necessità sociali, bisogni collettivi sentiti e non raggiunti, e che meglio si raggiungerebbero in diverso aggruppamento: tutta roba che gl'istanti si sono dimenticati di dimostrare, e seriamente».

- «Il vero è che Castiglione non ha veruna sincera necessità di aggregarsi ad Atrani; ciò non è suggerito né da ragioni topografiche, né sociali, né economiche».

- «Il vero è che questa della separazione di Castiglione ha soltanto per movente la cupidigia di accrescimento territoriale di Atrani. E sono gli Atranesi proprietari di beni in Ravello che mantengono viva questa agitazione artifiziosa e Atranesi sono fra gli iniziatori due individui, Proto Francesco e Gambardella Giovanni, consiglieri comunali di Atrani».

«CONCLUSIONE»

- «Si ha fiducia che l'on. Consiglio Provinciale vorrà dichiarare improcedibile o rigettata la istanza di segregazione suddetta».

Addì 20 novembre 1912

Avv. Giuseppe Fragola
Professore di diritto amministrativo
nella R. Università di Napoli

*ex sindaco di Ravello

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...

"Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa”, gli antichi detti amalfitani legati alla festa patronale

di Sigismondo Nastri La festa patronale del 30 novembre ad Amalfi apre la porta al cambio di stagione. Infatti, un vecchio proverbio insegna: "Sant'Andrea, 'a neva 'mporéa". Cioè (come lo interpreto io): "Sant'Andrea, la neve in grembo". Sarà vero? Questa espressione, 'mporéa, è tipicamente amalfitana....