Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 39 minuti fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieQuarant’anni fa con Giorgio Amendola a Ravello

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Quarant’anni fa con Giorgio Amendola a Ravello

Scritto da (Redazione), giovedì 27 agosto 2015 12:43:59

Ultimo aggiornamento venerdì 28 agosto 2015 18:58:36

di Bruno Mansi*

Ho tra le mani la foto dell'incontro con Giorgio Amendola di quarant'anni fa (circa) a Ravello. Non avevo più rivisto questa foto da allora.

Da quando Bonaventura Vuilleumier, segretario della sezione PC di Ravello, l'aveva fatta stampare, incorniciare (un piccolo ristello bianco con un righetto rosso) e data a tutti i compagni.

Me ne aveva riparlato qualche tempo fa Alfonso Marsico, dopo averla vista, nella sede del patronato dove Giovanna Amato presta la sua assistenza.

Incuriosito ho chiesto a Luigi (mio figlio), discreto custode del mio passato, di trovarmela.

Nel rivederla, una serie di sensazioni (anche contrastanti) mi hanno assalito. Nell'immediato, come un senso di vertigine, di spaesamento. Poi di forte commozione. Tre dei mie compagnie, con me nella foto (Bonaventura Vuilleumier, Edwin Palumbo e Ciccio Panico) ai quali sono stato legato da sincero affetto e non ci sono più.

E ancora, emozioni. In questa foto sono molto giovane, poco più che ventenne. Quarant'anni e più sono passati. Anni importanti, sia rispetto al passato, sia per quello che resta. E ancora un po' di nostalgia, un po' di rimpianti, qualche rimorso; ma questa è un'altra storia.

Eravamo molti compagni quel mattino all'ingresso di Villa Rufolo ad attendere l'arrivo di Giorgio Amendola. Giorni prima, dal partito, ci avevano avvertiti della sua visita. E anche del suo piacere di incontrare i compagni. Allora si usava così. Altri tempi, un'altra era geologica, come ha giustamente constatato su queste pagine Antonio Schiavo. Ed eravamo anche molto emozionati. Giorgio Amendola era un eroe della Resistenza e un mito per i comunisti. Era un mito anche per me, giovane comunista, da poco approdato al partito, da quel "movimento" che veniva identificato "degli ex sessantottini".

Amendola arrivò con la moglie Germain a bordo di una vecchia auto del partito, guidata da un compagno che li aveva in "custodia". Ci furono le presentazioni: Bonaventura presentò i compagni, Amendola ci presentò la moglie, che era anche una brava pittrice.

Rimase molto sorpresa quando le dissi che conoscevo la sua pittura. Forse le sembrò abbastanza strano che un giovane comunista di in un piccolo paese la conoscesse oltre che come moglie di Giorgio Amendola anche per il suo lavoro.

Ricordo che questo mi gratificò molto.

Amendola ci chiese di pazientare il tempo di una visita con Germain a Villa Rufolo.

Nell'attesa si erano formati piccoli gruppi di persone incuriosite, ed erano arrivati anche i fratelli Gino e Paolo Causo (senior), notoriamente di destra. Si fermarono un po' distanti da noi, all'epoca la differenza destra-sinistra era molto forte e sentita.

Al ritorno di Amendola si intrattennero qualche minuto a salutarlo con cordialità. Affidata la moglie all'accompagnatore, ci raggiunse. Visto il nostro disagio, ci spiegò che conosceva i fratelli Caruso da quando, ragazzo, veniva in vacanza a Ravello con la famiglia. Sapeva che fossero di destra e comunque bisognava portare rispetto per gli avversari.

Passammo molto tempo con Amendola. Ascoltò molti compagni, si informò sulla situazione politica di Ravello, sul lavoro della sezione e ci spronò ad impegnarci al massimo per il partito e il suo sviluppo.

All'ora di pranzo lo riaccompagnammo da Germain, ci lasciò abbracciando tutti i compagni. Ho incontrato Amendola qualche anno dopo, a Salerno, a un congresso del partito che lui presiedeva e al quale io ero delegato. Era già molto malato, ma continuava con tenacia il suo impegno politico. Quando alla fine dei lavori, con l'allora segretario della federazione, Paolo Necchia, andai a salutarlo, fui contento di constatare che si ricordava sia di me che del mio paese. Morirà sul "campo" pochi anni dopo, senza mai smettere la lotta. Dopo poche ore lo seguirà anche la moglie Germain. Oltre che un'altra era, caro Antonio, erano anche altri uomini e, naturalmente, altre donne, non solo nella mia parte politica. Donne e uomini che facevano dell'appartenenza politica una "scelta di vita" e che rimanevano in campo fino alla fine. Oggi non è più così e i risultati si vedono. E non è certo un bel vedere.

*Anima del Partito Comunista a Ravello negli anno '70

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...