Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 minuti fa S. Damiano Martire

Date rapide

Oggi: 26 settembre

Ieri: 25 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'Amalfi Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Hotel Panorama Maiori - Roof Terrace - Ristorante vista mare - Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi Ceramiche Casola Positano - Fratelli Casola nuova Factory a Ravello e Scala - Casola Ravello - Casola Scala Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa

Tu sei qui: SezioniStoria e StoriePietro 'e Lia l'irriducibile brigante di Scala

Piano di Zona S2: I gruppi genitori del Programma 'P.I.P.P.I.' in scuole di Cava de’Tirreni, Conca dei Marini e nel Duomo di Ravello

Ravello, perdita a condotta idrica in Via Trinità: centro storico senz'acqua

Ravello, uffici Auditorium per 100 euro al giorno a produzione “Gore”: l’interrogazione di Vuilleumier

“Racconti & Maree” a Praiano, 28 settembre tra giallo, noir e thriller

Testimonianze letterarie tardoantiche e altomedievali sul culto dei santi Cosma e Damiano

L'attività fisica salva la vita prevenendo un decesso su dodici

Ravello, un nuovo fonte battesimale per il Santuario dei Santi Cosma e Damiano [FOTO]

I calciatori del Costa d'Amalfi a "La Prova del Cuoco" testimonial di corretta alimentazione

"Condivide Et Impera", Rudy Bandiera a Salerno spiega come fare business attraverso le relazioni sul web

A Paestum il 26° Congresso Nazionale della Società Chimica Italiana

A Salerno medici, avvocati e magistrati a confronto su responsabilità professionale medici e strutture sanitarie dopo legge Gelli-Bianco

Libri. “Uomini. Viaggi. Ingredienti”, lo chef Rino de Feo si racconta a Luigi D’Alise

Giornata Turismo: Franceschini, il futuro è la sostenibilità

Ravello Concert Society: gli appuntamenti della settimana

Erri De Luca ospite a Sorrento per i 30 anni della libreria Tasso

Ravello, le nuove corse del servizio di trasporto pubblico interno [ORARI]

Dramma ad Amalfi, morta giovane madre

Ospedale Costa d’Amalfi riavrà Cardiologia e Radiologia h 24, le rassicurazioni di Andrea Reale  

L’infermiera cade e schiaccia bimbo di due mesi, dramma nel salernitano

Costa d'Amalfi, a Castel San Giorgio è ancora pareggio

Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Brigante se more

Pietro 'e Lia, l'irriducibile brigante di Scala

Scritto da (Redazione), domenica 9 novembre 2014 12:25:57

Ultimo aggiornamento mercoledì 12 novembre 2014 18:57:58

Il brigantaggio post risorgimentale iniziato nel 1860 storicamente si è concluso alla fine del 1865, anche se rigurgiti si ebbero fino al 1871. Giuseppe Miozzi, però, nel volume "I carabinieri nella repressione del brigantaggio - ed. Funghi-1923-Firenze", divide quel periodo in due parti: "[...] fino al 1863 il brigantaggio politico, quello di delinquenza ordinaria fino al 1870". Il brigantaggio successivo all'Unità d'Italia è considerato da alcuni storici come movimento di lotta sociale. La vendita dei terreni del demanio ai benestanti in parte del nord, unica risorsa dei contadini del sud, influì ad aggravare il malcontento dei meno abbienti. La delusione fu tanta per coloro che avevano riposto fiducia nell'impresa garibaldina di poter occupare le terre demaniali. Si creò una situazione di malcontento della gente del sud, sul quale pesava anche la crisi economica dello Stato Sabaudo. Il pagamento di nuove tasse, quasi triplicate, rispetto a quelle imposte dai Borboni, spinse i più violenti contadini a ribellarsi. La leva militare obbligatoria portò tanti a fuggire sui monti per sottrarsi all'obbligo di legge.

Tra i briganti dei Monti Lattari, Pietro Oliva, di Scala, fu il più irriducibile. Benché ferito cinque volte, resistette alla caccia fino al 1871.

Oliva era stato il più fedele caporale di Francesco Vuolo, il Vettichese, difendendolo nello scontro finale con i "dissidenti" Cesarano e Cuomo. Rimasto ferito gravemente, fu costretto a nascondersi nel suo paese natio, fidando sul silenzio e sull'omertà di parenti e amici.

Lo cercavano briganti e forze dell'ordine, ma lui zitto e rattrappito in un umido scantinato dove a regnare erano i sorci.

Appena guarito, però, accettò la sfida, formando una nuova banda insieme con Giovanni Guida e Giovanni Vuolo. Quest'ultimo era appena tornato dal domicilio coatto, ma non era della tempra del fratello e, infatti, tradì subito i compagni, conducendo i carabinieri fino al covo e aprendo per primo il fuoco. Oliva, che a Scala chiamavano Pietro ‘e Lia, riuscì a mettersi in salvo e durante la latitanza non se ne stette tranquillo, commettendo, anzi, un'impressionante serie di sequestri di persona, che stremarono i possidenti della Costiera amalfitana. Il 12 giugno 1866, però, i Carabinieri lo incastrarono sul Valico di Chiunzi credendo di potergli saldare il conto.

Ma il brigante confermò di avere sette vite, sfuggendo alla cattura nonostante una grave ferita al braccio. Anche nel giugno dell'anno successivo, inseguito e ferito da una pattuglia, riuscì a inoltrarsi nella boscaglia di Agerola e a non farsi prendere. In seguito ai delittuosi eventi si aggiunse, ai reparti stazionanti in ogni frazione, un altro dislocato sulla montagna, in località Santa Maria dei Monti.

Ormai, sui Lattari, le forze dell'ordine cercavano solo lui e, a metà dicembre, sembrò che potessero averlo di nuovo in pugno. La banda fu circondata, ma ad essere catturato fu solo Antonio Palermo, il fedele luogotenente di Oliva. Con una successiva retata finirono in manette quasi tutti i manutengoli e le donnine che salivano in montagna per sollevare il morale dei briganti, ma nessuno seppe (o volle) dare indicazioni utili alla cattura del capobanda. Lo smacco più grande Pietro 'e Lia lo inflisse ai suoi segugi in occasione delle nozze della sua primogenita. Fu un matrimonio eclatante. Lo sposo era un giovane commerciante di Gragnano, appartenente a una famiglia mai implicata con briganti e malavitosi e Oliva era così fiero che la sua bambina si imparentasse con gente di rango, che le donò la bella somma di 4225 lire in monete d'oro.

La polizia tentò di sequestrare il danaro, ma non ci fu niente da fare perché il giudice non concesse l'autorizzazione. Allora, ben sapendo che il capobanda per niente al mondo sarebbe mancato all'avvenimento, un nugolo di poliziotti in borghese sorvegliò il rito nuziale in chiesa mentre altri si mischiarono tra gli invitati del banchetto nella speranza di sorprendere il ricercato. Ma non riuscirono a individuarlo. O Pietro Oliva si era travestito alla perfezione oppure, cosa probabile, aveva fatto circolare un bel po' di soldi tra i poliziotti affinchè non disturbassero la festa della sua vita.

Braccato da centinaia di uomini in divisa, spiato dai confidenti della polizia, tallonato dai cacciatori di taglie, privato della sua druda, Raffaella Apuzzo, il latitante rifiutò di arrendersi, benché il nuovo prefetto Righetti gli facesse pervenire messaggi promettendo l'incolumità e pene più miti in caso di presentazione spontanea.

Il sindaco di Vico Equense, Don Cesare Aiello, fece sapere che avrebbe premiato con cinquemila lire chi avesse consegnato Oliva o fornito notizie per la sua cattura. L'appello cadde nel vuoto e nel settembre del 1870 il fuorilegge di Scala scatenò la sua grande controffensiva, sequestrando il vicepretore Francesco Saverio Liguori e facendo assassinare brutalmente il ricco possidente di Pogerola don Francesco Paolillo. Furono segnali forti. Dopo aver incassato seimila lire del riscatto del magistrato, Pietro Oliva decise di concedersi, finalmente, una pausa. Ricomparve in una fugace sparatoria con i carabinieri presso Casola e rimase ferito a una spalla.

Nonostante la debilitazione, anche stavolta riuscì a sottrarsi alla cattura, rifugiandosi nel suo paese, dove per giorni rimase nascosto sotto una grossa catasta di legna nel giardino di un suo parente. In marzo fu segnalato nei dintorni di Gragnano. Appariva stanco, sfiduciato e privo dell'abituale sicurezza e ai più intimi manifestò il desiderio di espatriare in America e ricominciare una vita pulita e più sicura. Ma una mano ignota gli sparò una fucilata alla schiena, uccidendolo prima che potesse realizzare il suo progetto.

Il corpo di Pietro 'e Lia fu recuperato sul monte della Lopa dal delegato di Gragnano, De Angelis, su indicazione del confidente Martino Naclerio. Questi, alla domanda dei poliziotti su chi avesse premuto il grilletto, si strinse nelle spalle. C'è chi raccontò che il capobanda Oliva fu assassinato dai suoi stessi seguaci. La fine del temibile brigante cancellò le apprensioni di un'intera popolazione, quando il cadavere di Oliva fu trasportato in piazza San Lazzaro, ad Agerola, e venne riconosciuto dai cittadini e dal sottoprefetto di Castellammare.

BANDE BRIGANTESCHE OPERANTI DOPO IL 1860:
Banda capeggiata da Giuseppe Mansi, amico di fra Diavolo.
Gruppo di Angelo Lauritano.
Banda di Antonio Cavallaro, 'o Cavallaro.
Banda di Gennaro Cretella, 'o Diavolillo.
Banda di Gennaro Patrucci, 'o Chiuppetiello.
Banda di Peppino Apuzzo, 'o Cascettone.
Banda di Francesco Vuolo, 'o Vettechese, originario di Vettica di Amalfi.
Banda di Pietro Oliva, Pietro 'e Lia.
Gruppo di Ferdinando Varone.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Testimonianze letterarie tardoantiche e altomedievali sul culto dei santi Cosma e Damiano

di Salvatore Amato Pochi giorni fa, improvvisamente, lasciava la vita terrena Gennaro Luongo, già ordinario di Agiografia presso l'Università Federico II di Napoli e poi direttore dell'Archivio Storico Diocesano del capoluogo partenopeo, che alla Città di Ravello ha lasciato autorevoli testimonianze...

Ucciso durante Seconda Guerra Mondiale, ritornano a Minori le spoglie del marinaio Salvatore Amatruda [FOTO]

È un giorno particolare, questo, per Minori. Dopo oltre settant'anni i resti mortali di Salvatore Alfonso Amatruda, marinaio cannoniere della Regia Marina impegnato sul fronte balcanico nel 1943 torneranno nel suo paese natale. Stamani il sindaco Andrea Reale a rappresentanza della città di Minori, col...

Nuove scoperte a Villa Rufolo, precisazioni e curiosità

di Alessio Amato* Negli ultimi anni abbiamo assistito a importanti cambiamenti storico-artistici su Palazzo Rufolo, una dimora dai forti tratti orientali, islamici, non per influenze commerciali bensì da motivazioni politiche. Un articolo che è oggetto di analisi da parte del Centro di Storia e Cultura...

Il culto dell'Addolorata a Torello

di Salvatore Amato Nel variegato panorama delle devozioni ravellesi, quella tributata all'Addolorata conobbe una crescente diffusione nel corso del XVIII secolo, come dimostrano le dedicazioni di cappelle e altari in diverse chiese del territorio. Alla metà del Settecento, un cappella dedicata alla Mater...

Scala 'esalta' il suo Crocifisso, tra fede e leggenda

di Alfonsina Amato La festività dell'Esaltazione della Croce che la Chiesa oggi celebra, ricorda il ritrovamento della Croce di Gesù da parte di Sant'Elena e avvenuto il 14 settembre del 320 d.C. La comunità scalese venera da molti secoli nella Cripta del Duomo di San Lorenzo il "Crocifisso", al quale...