Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Lorenzo da Brindisi

Date rapide

Oggi: 21 luglio

Ieri: 20 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Ravello Festival 2018 #Ravello18 laltrolato, l'altro lato, barcatering, events, cocktail bar, wine selection, champagne, spirits corner, bottle hunting, bar in villa, eventi esclusivi, catering cocktail Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello tutto il piacere dei grandi eventi in Costa d'Amalfi Geljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a Maiori Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi Supermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casa Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StoriePietro 'e Lia l'irriducibile brigante di Scala

Tramonti, frontale tra due auto a Polvica [FOTO]

Amalfi Coast Music & Arts Festival: a Maiori concerti stasera e domani

Amalfi, si teme per sigilli ai 4 lidi prima del riesame

Climatizzazione: l'inverter che ti cambia l'estate

Scala modello per i piccoli comuni italiani. Sabato 21 a TG1 Dialogo

Società Cooperativa "La Fonte" ricerca educatori e ausiliari per la prima infanzia

Costiera Amalfitana, scoperta grossa piantagione di cannabis. Carabinieri distruggono 150 piante [FOTO]

Cetara, 22 luglio cerimonia di consegna dei Premi costadamalfilibri 2018

Scala, 23 luglio "Open Day" al Micronido

Notte del jazz Ecm: al Ravello Festival doppio set con Theo Bleckmann, Stefano Battaglia e Michele Rabbia

Pasquale Petrolo di "Lillo & Greg" in Costiera: tappa di gusto da Sal De Riso [FOTO e VIDEO]

Fulvio Mormile entra in Consiglio provinciale, Costiera torna a Palazzo Sant'Agostino

Per la tennista Maria Sharapova vacanze a Positano dopo il forfait al Wta di San Josè

Benevento, condannato per pedofilia: esce dal carcere e viene ucciso

Atterraggio d'emergenza a Londra per un aereo British Airways proveniente da Napoli

"Il popolo dei mezzogiorni uniti e l’Europa di Maastricht": 21 luglio a Scala il libro di Angelo Calemme

Per Barbara Amato laurea in Psicologia Cognitiva, nella tesi il concetto di "lavoro emotivo" all’hotel “Le Sirenuse”

Scontro tra scooter a Marmorata: 28enne americano si rompe tibia e perone [FOTO]

"Tramonto dei suoni", 20 luglio concerto dell'orchestra Maiori Music Festival

Esodo estivo, tornano gli autovelox sulle autostrade

Ravello Festival 2018, cultura, lifestyle, musica in Costiera Amalfitana Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Centro estetico FRAI FORM del dottor Franco Lanzieri in Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello Divin Baguette Maiori Costiera Amalfitana Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad Amalfi D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco Lanzieri Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Il Limone IGP Costa d'Amalfi

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Storia e Storie

Brigante se more

Pietro 'e Lia, l'irriducibile brigante di Scala

Scritto da (Redazione), domenica 9 novembre 2014 12:25:57

Ultimo aggiornamento domenica 3 dicembre 2017 12:24:11

Il brigantaggio post risorgimentale iniziato nel 1860 storicamente si è concluso alla fine del 1865, anche se rigurgiti si ebbero fino al 1871. Giuseppe Miozzi, però, nel volume "I carabinieri nella repressione del brigantaggio - ed. Funghi-1923-Firenze", divide quel periodo in due parti: "[...] fino al 1863 il brigantaggio politico, quello di delinquenza ordinaria fino al 1870". Il brigantaggio successivo all'Unità d'Italia è considerato da alcuni storici come movimento di lotta sociale. La vendita dei terreni del demanio ai benestanti in parte del nord, unica risorsa dei contadini del sud, influì ad aggravare il malcontento dei meno abbienti. La delusione fu tanta per coloro che avevano riposto fiducia nell'impresa garibaldina di poter occupare le terre demaniali. Si creò una situazione di malcontento della gente del sud, sul quale pesava anche la crisi economica dello Stato Sabaudo. Il pagamento di nuove tasse, quasi triplicate, rispetto a quelle imposte dai Borboni, spinse i più violenti contadini a ribellarsi. La leva militare obbligatoria portò tanti a fuggire sui monti per sottrarsi all'obbligo di legge.

Tra i briganti dei Monti Lattari, Pietro Oliva, di Scala, fu il più irriducibile. Benché ferito cinque volte, resistette alla caccia fino al 1871.

Oliva era stato il più fedele caporale di Francesco Vuolo, il Vettichese, difendendolo nello scontro finale con i "dissidenti" Cesarano e Cuomo. Rimasto ferito gravemente, fu costretto a nascondersi nel suo paese natio, fidando sul silenzio e sull'omertà di parenti e amici.

Lo cercavano briganti e forze dell'ordine, ma lui zitto e rattrappito in un umido scantinato dove a regnare erano i sorci.

Appena guarito, però, accettò la sfida, formando una nuova banda insieme con Giovanni Guida e Giovanni Vuolo. Quest'ultimo era appena tornato dal domicilio coatto, ma non era della tempra del fratello e, infatti, tradì subito i compagni, conducendo i carabinieri fino al covo e aprendo per primo il fuoco. Oliva, che a Scala chiamavano Pietro ‘e Lia, riuscì a mettersi in salvo e durante la latitanza non se ne stette tranquillo, commettendo, anzi, un'impressionante serie di sequestri di persona, che stremarono i possidenti della Costiera amalfitana. Il 12 giugno 1866, però, i Carabinieri lo incastrarono sul Valico di Chiunzi credendo di potergli saldare il conto.

Ma il brigante confermò di avere sette vite, sfuggendo alla cattura nonostante una grave ferita al braccio. Anche nel giugno dell'anno successivo, inseguito e ferito da una pattuglia, riuscì a inoltrarsi nella boscaglia di Agerola e a non farsi prendere. In seguito ai delittuosi eventi si aggiunse, ai reparti stazionanti in ogni frazione, un altro dislocato sulla montagna, in località Santa Maria dei Monti.

Ormai, sui Lattari, le forze dell'ordine cercavano solo lui e, a metà dicembre, sembrò che potessero averlo di nuovo in pugno. La banda fu circondata, ma ad essere catturato fu solo Antonio Palermo, il fedele luogotenente di Oliva. Con una successiva retata finirono in manette quasi tutti i manutengoli e le donnine che salivano in montagna per sollevare il morale dei briganti, ma nessuno seppe (o volle) dare indicazioni utili alla cattura del capobanda. Lo smacco più grande Pietro 'e Lia lo inflisse ai suoi segugi in occasione delle nozze della sua primogenita. Fu un matrimonio eclatante. Lo sposo era un giovane commerciante di Gragnano, appartenente a una famiglia mai implicata con briganti e malavitosi e Oliva era così fiero che la sua bambina si imparentasse con gente di rango, che le donò la bella somma di 4225 lire in monete d'oro.

La polizia tentò di sequestrare il danaro, ma non ci fu niente da fare perché il giudice non concesse l'autorizzazione. Allora, ben sapendo che il capobanda per niente al mondo sarebbe mancato all'avvenimento, un nugolo di poliziotti in borghese sorvegliò il rito nuziale in chiesa mentre altri si mischiarono tra gli invitati del banchetto nella speranza di sorprendere il ricercato. Ma non riuscirono a individuarlo. O Pietro Oliva si era travestito alla perfezione oppure, cosa probabile, aveva fatto circolare un bel po' di soldi tra i poliziotti affinchè non disturbassero la festa della sua vita.

Braccato da centinaia di uomini in divisa, spiato dai confidenti della polizia, tallonato dai cacciatori di taglie, privato della sua druda, Raffaella Apuzzo, il latitante rifiutò di arrendersi, benché il nuovo prefetto Righetti gli facesse pervenire messaggi promettendo l'incolumità e pene più miti in caso di presentazione spontanea.

Il sindaco di Vico Equense, Don Cesare Aiello, fece sapere che avrebbe premiato con cinquemila lire chi avesse consegnato Oliva o fornito notizie per la sua cattura. L'appello cadde nel vuoto e nel settembre del 1870 il fuorilegge di Scala scatenò la sua grande controffensiva, sequestrando il vicepretore Francesco Saverio Liguori e facendo assassinare brutalmente il ricco possidente di Pogerola don Francesco Paolillo. Furono segnali forti. Dopo aver incassato seimila lire del riscatto del magistrato, Pietro Oliva decise di concedersi, finalmente, una pausa. Ricomparve in una fugace sparatoria con i carabinieri presso Casola e rimase ferito a una spalla.

Nonostante la debilitazione, anche stavolta riuscì a sottrarsi alla cattura, rifugiandosi nel suo paese, dove per giorni rimase nascosto sotto una grossa catasta di legna nel giardino di un suo parente. In marzo fu segnalato nei dintorni di Gragnano. Appariva stanco, sfiduciato e privo dell'abituale sicurezza e ai più intimi manifestò il desiderio di espatriare in America e ricominciare una vita pulita e più sicura. Ma una mano ignota gli sparò una fucilata alla schiena, uccidendolo prima che potesse realizzare il suo progetto.

Il corpo di Pietro 'e Lia fu recuperato sul monte della Lopa dal delegato di Gragnano, De Angelis, su indicazione del confidente Martino Naclerio. Questi, alla domanda dei poliziotti su chi avesse premuto il grilletto, si strinse nelle spalle. C'è chi raccontò che il capobanda Oliva fu assassinato dai suoi stessi seguaci. La fine del temibile brigante cancellò le apprensioni di un'intera popolazione, quando il cadavere di Oliva fu trasportato in piazza San Lazzaro, ad Agerola, e venne riconosciuto dai cittadini e dal sottoprefetto di Castellammare.

BANDE BRIGANTESCHE OPERANTI DOPO IL 1860:
Banda capeggiata da Giuseppe Mansi, amico di fra Diavolo.
Gruppo di Angelo Lauritano.
Banda di Antonio Cavallaro, 'o Cavallaro.
Banda di Gennaro Cretella, 'o Diavolillo.
Banda di Gennaro Patrucci, 'o Chiuppetiello.
Banda di Peppino Apuzzo, 'o Cascettone.
Banda di Francesco Vuolo, 'o Vettechese, originario di Vettica di Amalfi.
Banda di Pietro Oliva, Pietro 'e Lia.
Gruppo di Ferdinando Varone.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Le bombe su Amalfi e quelle 11 vittime nella notte del 18 luglio 1943

"Nella notte del 18 luglio 1943, verso mezzanotte, la campana del Duomo cominciò a battere i lenti e sinistri rintocchi dell'allarme. Durante il bombardamento di Salerno, un aereo americano sganciò su Amalfi (piazza Flavio Gioia e in Via Mansone, fin quasi alla scala del Duomo) cinque bombe che provocarono...

La Saggezza di un Popolo (39): "Addò e fatto ‘state fai pure vierno"

di Antonio Schiavo Sorry my yankee Director. Adesso con il nostro Direttore, che si divide tra l'Annunziata e Central Park, bisogna conoscere l'inglese per scrivergli e per scusarsi del ritardo con cui, nonostante la buona volontà, facciamo passi in avanti nel cammino a ritroso nella memoria collettiva...

Addio a Ottavio Amato, pioniere dello scautismo ad Amalfi

di Sigismondo Nastri Nella tranquillità della sua casa, in una calda giornata di sole, circondato dagli affetti familiari, ha concluso il suo cammino terreno Ottavio Amato. Amico dai tempi lontani dell'infanzia, come lo erano i suoi fratelli, in particolare Angelo, che fece un po' da chioccia a me e...

Cronaca da quelle macerie nel cuore di Maiori [VIDEO]

di Sigismondo Nastri Il Vescovado ha ricordato una terribile vicenda di trent'anni fa: il crollo di un'ala del palazzo D'Amato, al corso Reginna di Maiori, che provocò sei vittime innocenti tra gli abitanti dello storico edificio, uno dei più belli della cittadina. Vi rimasero uccisi anche i due malfattori...

Maiori, trent'anni fa il crollo del palazzo che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...