Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 47 minuti fa S. Paolino vescovo

Date rapide

Oggi: 22 giugno

Ieri: 21 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieOmaggio alla Città di Scala, Patria del Beato Gerardo Sasso

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaCon il Cuore. Dona alle mense francescane e aiuta i poveri in questo periodo di grande difficoltà

Storia e Storie

Omaggio alla Città di Scala, Patria del Beato Gerardo Sasso

Scritto da (Redazione), domenica 10 giugno 2012 16:07:20

Ultimo aggiornamento lunedì 3 agosto 2020 17:09:26

di Claudio Marciano di Scala* - "La storia di questa antichissima Terra e della sua singolare Comunità trova le proprie ragioni fondanti in quelle radici cristiane che hanno fatto grande la storia dell'Europa e a chi la ripercorra anche solo fugacemente, offre la fedele presenza di un valore fondamentale, quello della libertà, divenuto radicato modo di pensare e di vivere dei suoi abitanti".

Ed è proprio da questa tradizione di libertà, che caratterizza questo popolo e le sue istituzioni, che emerge e ne consegue la centralità della persona con la sua responsabilità etica, sociale, politica che rende ognuno e tutti protagonisti della propria vita e della storia.

Da qui Scala trae il segreto della sua vitalità,la forza dei suoi ordinamenti e soprattutto la freschezza di quelle prerogative, che la rendono ammirata anche innanzi alle più grandi nazioni: il desiderio sincero e tenace di libertà e di giustizia valori irrinunciabili da cui si promanano i diritti fondamentali personali e sociali e che vengono proprio qui in questo luogo dalle Autorità riconosciuti, confermati, difesi e promossi.

Dunque la libertà, principio fondamentale di coscienza e di vita per cui l'uomo non può mai essere ridotto a nessuna struttura bio-fisiologica o a nessun intreccio di carattere socio-politico: l'uomo è saldamente radicato sulla terra ma le sue radici sono altrove, nel cuore segreto e potente del Mistero divino: perché come amava ripetere Pascal: "L'uomo supera infinitamente l'uomo".

Rendo grazie a Dio perché questo popolo e le sue istituzioni hanno saputo mantenersi fedeli a questa eredità tramandata dai nostri padri ma ancor prima acquisita da chi, originario proprio di questa Terra-Gerardo Sasso-giusto interprete della volontà divina ha realizzato il sommo disegno nella pietà e nella carità stigmatizzandolo nella "Tuitio Fidei e nell'"Obsequium Pauperum" cosicché la vostra storia, rappresenta un avvenimento assolutamente singolare nella storia di tutti i tempi fino a quella moderna e contemporanea.

Mentre nella vita e nella società europea, sulla presunzione di salvare la soggettività umana e la sua libertà di antagonismo alla dimensione del Trascendente e alla tradizione cristiana, andava dilagando proprio la negazione dell'uomo e dei suoi diritti, e su queste folli ideologie si andavano costruendo i grandi sistemi totalitari in cui l'uomo veniva cinicamente sacrificato al culto del totalitarismo statale,Voi,detentori di quell'inestimabile patrimonio tramandatovi,avete vissuto e difeso,seppure con spirito di indubbio sacrificio, la libertà vostra e di tutti facendone motivo di cristiana missione con virtuosa esemplarità.

La modernità,dunque, sembra aver concluso la sua vicenda secolare consegnando l'uomo a forme inedite,e purtroppo quotidianamente subite, da manipolazione, fisica, psicologica, intellettuale e morale.

Anziché celebrare, come pretendeva la retorica laicistica dall'illuminismo in poi, il trionfo del potere dell'uomo, si è celebrato invece tragicamente il potere sull'uomo.
E proprio a tale proposito sulla grande questione delle istituzioni, cioè del potere, c'è indubbiamente, nella storia della cultura e della società moderna, un'immagine, una nozione di potere che si è collegata con quella di dominio.

È un dominio esercitato in nome di visioni ideologiche e scientifiche, di interessi economici, addirittura di presupposizioni di carattere etico e razziale. In questa accezione, che ha caratterizzato statisticamente la maggior parte delle situazioni sociali dell'Europa moderna e contemporanea, il potere non ha limiti!

Il potere si diffonde e si impone secondo la legge della violenza e questo ha significato - lo sappiamo bene in questo momento di revisione dei due secoli che hanno preceduto questi tempi - un enorme, disperante, devastante attacco alla vita della persona, ai suoi diritti, alla giustizia e alla libertà della società. Eppure, questo è il potere che si è imposto fin quasi ai nostri giorni.

C'è però un'altra accezione, nella quale si rispecchia la tradizione della nostra Terra: il potere non è un dominio che non conosce confini, il potere è un servizio! Lo stesso servizio voluto concepito e realizzato dal nostro Padre Gerardo diventato caratteristica fondante della nostra realtà territoriale non solo ma anche oggetto di nostra missionari età "Servizio" è una parola grande - introdotta per la prima volta nella cultura universale dell'insegnamento evangelico - che ha saputo diffondersi e coniugarsi anche con altre accezioni, integrando differenti apporti.

Il potere non è l'espressione di un'ideologia o di una classe dominante, il potere serve il popolo, serve la persona, ne custodisce accanitamente i suoi diritti, condivide e si fa carico delle difficoltà e dei problemi, stabilisce criteri di giudizio e di pacificazione. Non è qualche cosa di rigorosamente meccanico che si impone, ma un servizio attivo, positivo, perché il popolo viva, perché la società respiri di quel respiro profondo e ineludibile che è la libertà!

La Nostra responsabilità è accettare questa sfida assumendo in modo rinnovato la nostra identità di popolo in missione e vivendo la missione, cioè la testimonianza di Cristo a tutti gli uomini, come movimento stesso della nostra auto-realizzazione.

La presenza del popolo cristiano come popolo che vive la missione, genera nella vita dell'intera società un movimento positivo: la Chiesa chiede a tutte le realtà religiose, laiche, culturali e sociali di essere presenti nella vita sociale in modo creativo e coerentemente con la propria identità. Così la società diventa una realtà viva, organica, vivace, diversificata e lo Stato può vivere in maniera assolutamente irrinunciabile quel servizio alla vita sociale che è la caratteristica fondamentale del suo compito: promuovere il bene comune.

In quest'ora, così decisiva per le sorti della intera umanità, il compito che ci viene indicato con chiarezza è contribuire con la presenza della nostra vita alla ricchezza della società e collaborare con lo Stato, in modo assolutamente rispettoso delle sue intangibili competenze, perché la sana laicità della società venga servita da uno Stato desideroso di promuovere sempre più efficacemente il bene comune.

Così il grande valore della libertà, che nella immagine stessa del Beato Gerardo fonde in maniera unica la dimensione religiosa e quella sociale, è chiamata ad acquistare nell'ora presente una nuova, inedita, singolarissima attualizzazione.
Questa nuova evangelizzazione da Lui indefessamente proclamata e testimoniata mille anni orsono, ha svolto ieri come oggi sotto i nostri occhi il quotidiano, talora debolissimo ma sempre reale, dialogo tra Cristo e il cuore dell'uomo.

Per tutto ciò torno a ringraziare Lei Signor Sindaco Tutti e Ognuno,come ho fatto già più volte, della fraterna amicizia,piena di affezione e di sensibilità con cui sono stato accolto e sono continuamente accolto.

Dio sa come, nonostante la sofferta lontananza,io mi consideri una cosa sola con questa Terra e con questo Popolo. È per la Verità e per la Bellezza del Credo, proprio di questo stesso Popolo che io dedico e adopero, in modo lieto, la mia attenzione,le mie energie,seppure modeste, che non hanno altro affetto se non che questa Gente viva e cresca nella consapevolezza di Sé e, soprattutto, viva quell'impeto missionario senza il quale ogni cosa ma soprattutto il mistero di Cristo e le certezze tutte che da esso derivano diventano estranee all'uomo di questo tempo, sfidato ogni giorno dalla potenza consumistica.

Porterò sempre nel cuore questa mia Terra la cui tradizione è così profonda e così piena di Pietà,di Cultura e di Bellezza naturale e artistica,offrendola in preghiera a Colui che ne è stato l'Artefice perchè con il Suo Amore Onnipotente la renda eterna.

*Cavaliere del Sovrano Ordine di Malta

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

“Il sole nel piatto”: così Quasimodo definì il soufflé al limone della Caravella di Amalfi [VIDEO]

"Il sole nel piatto". Così Salvatore Quasimodo definì il soufflé al limone del ristorante La Caravella a cui non rinunciava durante le sue sortite amalfitane. Il dolce, una nuvola spumosa bianco panna, come tutte le ricette di successo è nato da un errore. Oggi è un pezzo di storia della gastronomia...

Fu morte Quasimodo a determinare esigenza di un presidio ospedaliero per la Costa d’Amalfi

di Sigismondo Nastri "Ognuno sta solo sul cuor della terra / trafitto da un raggio di sole: / ed è subito sera". E' la poesia che dà titolo alla raccolta omonima di Salvatore Quasimodo, edita nel 1942. In pochi versi il poeta riassume i momenti che caratterizzano il percorso umano: la solitudine, in...

14 giugno 1968: ad Amalfi l’ultimo respiro di Salvatore Quasimodo. La morte in paradiso

Amalfi, 14 giugno 1968. L'ultimo giorno di Salvatore Quasimodo. Il premio Nobel per la letteratura era stato invitato nell'antica Repubblica Marinara per presiedere la giuria del premio nazionale di poesia, organizzato da Giuseppe Liuccio, presidente dalla locale Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo,...

Monacelli e Verginelle: così la Costiera Amalfitana celebra Sant'Antonio

di Gabriele Cavaliere Sant'Antonio è un santo molto caro agli abitanti della Costiera, viene festeggiato a: Amalfi, nella chiesa omonima; Tramonti, nella chiesa di San Bartolomeo Apostolo a Novella; a Ravello, nella chiesa del Convento di San Francesco; Montepertuso (Positano): Marina del Cantone e a...

2 giugno 1946, il "voto" delle monache di Ravello

di Salvatore Amato «2 giugno 1946. Giorno in cui milioni di italiani si sono recati, nel nuovo clima di democrazia e libertà, alle urne ad assegnare il proprio voto. E le suore di clausura anche questa volta hanno adempiuto questo sacro santo dovere». Sono le parole con cui la cronaca monastica inizia...