Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 39 minuti fa SS. Simone e Giuda

Date rapide

Oggi: 28 ottobre

Ieri: 27 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieNell'aristocratica Ravello con Salvatore Quasimodo

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Nell'aristocratica Ravello con Salvatore Quasimodo

Scritto da Giuseppe Liuccio (redazione), giovedì 3 dicembre 2015 15:57:15

Ultimo aggiornamento lunedì 14 giugno 2021 07:38:36

di Giuseppe Liuccio

Ieri ho postato una mia poesia dedicata al Grande Poeta Salvatore Quasimodo. L'ho fatto sull'onda di un burrascoso tumulto interiore non appena ho appreso che all'asta Bolaffi di Torino era stata battuta e comprata, al prezzo di 100.000 euro, la medaglia del Nobel, messa sul mercato dal figlio Alessandro.

Io avevo già pubblicamente dissentito da questa decisione incomprensibile ed ingiustificata. Ed avevo motivato in una dichiarata sui media questo mio dissenso, che resta profondo e dettato dall'orgoglio di identità e di appartenenza, per un Grande, che mi fu Amico e Maestro. Ho aspettato fino all'ultimo che l'asta andasse deserta o che vi partecipasse il Comune di Modica o di Amalfi, rispettivamente città di nascita e di Morte del Poeta. Va dato atto all'onorevole Franceschini, Ministro dei Beni Culturali, di aver esercitato con autorevolezza e fino in fondo le sue funzioni e di aver bloccato la vendita del "bene" di caratura nazionale ad acquirenti stranieri. Ed infatti l'asta è stata vinta da un collezionista di Firenze. Io del poeta ho avuto il privilegio dell'eredità d'amore nella città capoluogo della Costa Divina, dove veniva spesso, su mio invito, e che amò molto e per la quale scrisse un "Elogio" che fu e resta una delle più belle pagine della letteratura del ‘900. Prometto che farò di tutto per portare quella preziosa e prestigiosa testimonianza ad Amalfi, dove il Poeta mi sorrise dolce e mi strinse per l'ultima volta la mano sempre più flebile nella evanescenza della morte in quel tragico 14 giugno del 1968, all'Hotel Cappuccini Convento. Io spero di vivere il tempo necessario per fare e vincere la battaglia di riportare ad Amalfi quella medaglia del Nobel. E' un atto d'amore e di cultura dovuto all'Amico e Maestro e alla Città, mio territorio dell'anima.

Per intanto qui di seguito pubblico il ricordo di una mia escursione a Ravello con il Poeta e che è tratto dal mio libro "Quasimodo Amalfitano" (Nicolodi Editore).

-----------------------------------------------------

Ci eravamo lasciati con l'impegno di una escursione a Ravello all'indomani.:partenza dai Cappuccini intorno alle 9,30. Scesi dalla mia casa di Via Maestra dei Villaggi, alle 9,00 e qualche minuto, nella convinzione di andarlo a prelevare nella hall dell'albergo. Me lo trovai nella curva del Cieco con l'entusiasmo di un ragazzo in partenza per la sua prima gita scolastica.

La strada da Castiglione a Ravello con l'alternarsi di mare e montagna, arditezze di costrutto e miracoli di brevi coltivi, gole burroni e rocce a catapulta e slarghi azzurri di infinito sul mare che giocava a nascondino con i terrazzamenti di vigneti e limoneti gli ricordava la sua Sicilia: la salita da Trapani ad Erice e, soprattutto, lo strapiombo aereo sul mare di Tindari " Tindari mite ti so/fra larghi colli pensili sull'acque...... Salgo vertici aerei precipizi,/assorto al vento dei pini/ e la brigata che lieve m'accompagna/s'allontana nell'aria/onda di suoni e amore.../

Ravello gli piacque moltissimo per quell'aristocratica eleganza che coglieva nei segni moreschi di palazzi e fontane, testimoni di un rapporto culturale, prima che politico ed economico, con l'islam. E ritornava ancora il ricordo di Sicilia, perché a Ravello coglieva lo spirito arabo, lo stesso della sua isola, naturalmente quello nobile dei califfi. E gi apparivano di fasto orientale i giardini, spiando dalle cancellate a captare fughe di pergolati di buganvillea, glicini e limoni e gerani, tanti gerani, quasi a pregustare delizie di frutteti da Eden ritrovato. Su sua richiesta gli narrai l'origine della città, nata dalla orgogliosa separazione dei nobili Amalfitani, che, per non subire l'onta dei "democratici" al potere si ritirarono in collina e vi investirono capitali e prestigio e vi edificarono chiese e conventi, ville e palazzi, orti sontuosi e giardini pensili sul mare. E, a sottolineare la loro aristocratica ribellione, chiamarono "Rebellum" la nuova città. E guardarono dall'alto in basso i "parvenus" della costa, schiavi del dio tarì, alle prese con traffici e commerci, con la fregola vorace del guadagno facile tipica dei bottegai."Di episodi del genere è piena la storia del Mezzogiorno d'Italia, e non solo - chiosò - Anche di quella moderna, purtroppo" Visitammo il duomo e si incantò alle formelle del portone di bronzo, ai marmi ricamati di altari e pergamo; carezzò la criniera di un leone a sostegno del pulpito, a Villa Rufolo colse con intensa partecipazione il genio di Wagner on quella trionfante scoperta murata su lapide: "Il magico giardino di Klingsor è trovato!" Lo lesse, lo memorizzò e lo ripetè con frequenza all'incanto di spettacolo di cielo e mare e fasto di vegetazione anche in gennaio. E ci sembrò che trillassero violini e rullassero tamburi a lacerare i silenzi... E la magia della musica sibilava tra bifore e colonne, tintinnava sui tralci dei vigneti, caracollava giù per i terrazzamenti degli agrumeti. Gli dissi che da quell'avamposto di paradiso era da brividi di piacere l'alba lattiginosa sul mare di corallo e lo spettacolo delle montagne dell'Avvocata e del Falerzio su Capodorso nel fuoco della luna di mezzanotte. "Possibilmente con una bella donna da amare" aggiunse, strizzandomi, malizioso, l'occhio, memore, forse, anche delle confidenze del giorno prima. E me lo ripetè dal salto/belvedere mozzafiato di Villa Cimbrone con la covata bianca delle case di Atrani allo sbocco del Dragone ed il campanile screziato della Maddalena in solitaria preghiera in volo sul mare.

liucciogiuseppe@gmail.com

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Quando Mons. Angelo Roncalli (futuro Papa Giovanni XXIII) inciampò sulla scalinata del Duomo di Amalfi

di Sigismondo Nastri Oggi ricorre in calendario San Giovanni XXIII, l'indimenticato pontefice che, unendo calore umano, buon umore e gentilezza al magistero dottrinale, conquistò l'affetto di tutto il mondo cattolico e l'ammirazione dei non cattolici. Pochi sanno di una presenza ad Amalfi, sia pure fugace,...

Alfredo, “il doge di Amalfi” partito per la Repubblica celeste

di Giuseppe Gargano Alfredo, "il doge di Amalfi", è partito per la Repubblica celeste, dove continuerà a reggere, col suo sorriso smagliante e le sue mani aperte al mondo mediterraneo, la pace e l'equilibrio tra gli Amalfitani d'ogni tempo. In quell'Eden dal cielo perennemente "azzurro Amalfi" è stato...

I nostri nonni: gli ultimi testimoni di un mondo antico che non c’è più

diDonato Sarno A tutti noi capita di avere contatti o di incontrare persone ultraottantenni, in salute più o meno buona: a seconda dei casi, può trattarsi di genitori, di parenti, di affini, di vicini, di amici e di semplici conoscenti. Non sempre però riflettiamo sul fatto che queste persone hanno un...

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...