Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieNell'aristocratica Ravello con Salvatore Quasimodo

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Nell'aristocratica Ravello con Salvatore Quasimodo

Scritto da Giuseppe Liuccio (Redazione), giovedì 3 dicembre 2015 15:57:15

Ultimo aggiornamento lunedì 20 agosto 2018 20:35:30

di Giuseppe Liuccio

Ieri ho postato una mia poesia dedicata al Grande Poeta Salvatore Quasimodo. L'ho fatto sull'onda di un burrascoso tumulto interiore non appena ho appreso che all'asta Bolaffi di Torino era stata battuta e comprata, al prezzo di 100.000 euro, la medaglia del Nobel, messa sul mercato dal figlio Alessandro.

Io avevo già pubblicamente dissentito da questa decisione incomprensibile ed ingiustificata. Ed avevo motivato in una dichiarata sui media questo mio dissenso, che resta profondo e dettato dall'orgoglio di identità e di appartenenza, per un Grande, che mi fu Amico e Maestro. Ho aspettato fino all'ultimo che l'asta andasse deserta o che vi partecipasse il Comune di Modica o di Amalfi, rispettivamente città di nascita e di Morte del Poeta. Va dato atto all'onorevole Franceschini, Ministro dei Beni Culturali, di aver esercitato con autorevolezza e fino in fondo le sue funzioni e di aver bloccato la vendita del "bene" di caratura nazionale ad acquirenti stranieri. Ed infatti l'asta è stata vinta da un collezionista di Firenze. Io del poeta ho avuto il privilegio dell'eredità d'amore nella città capoluogo della Costa Divina, dove veniva spesso, su mio invito, e che amò molto e per la quale scrisse un "Elogio" che fu e resta una delle più belle pagine della letteratura del ‘900. Prometto che farò di tutto per portare quella preziosa e prestigiosa testimonianza ad Amalfi, dove il Poeta mi sorrise dolce e mi strinse per l'ultima volta la mano sempre più flebile nella evanescenza della morte in quel tragico 14 giugno del 1968, all'Hotel Cappuccini Convento. Io spero di vivere il tempo necessario per fare e vincere la battaglia di riportare ad Amalfi quella medaglia del Nobel. E' un atto d'amore e di cultura dovuto all'Amico e Maestro e alla Città, mio territorio dell'anima.

Per intanto qui di seguito pubblico il ricordo di una mia escursione a Ravello con il Poeta e che è tratto dal mio libro "Quasimodo Amalfitano" (Nicolodi Editore).

-----------------------------------------------------

Ci eravamo lasciati con l'impegno di una escursione a Ravello all'indomani.:partenza dai Cappuccini intorno alle 9,30. Scesi dalla mia casa di Via Maestra dei Villaggi, alle 9,00 e qualche minuto, nella convinzione di andarlo a prelevare nella hall dell'albergo. Me lo trovai nella curva del Cieco con l'entusiasmo di un ragazzo in partenza per la sua prima gita scolastica.

La strada da Castiglione a Ravello con l'alternarsi di mare e montagna, arditezze di costrutto e miracoli di brevi coltivi, gole burroni e rocce a catapulta e slarghi azzurri di infinito sul mare che giocava a nascondino con i terrazzamenti di vigneti e limoneti gli ricordava la sua Sicilia: la salita da Trapani ad Erice e, soprattutto, lo strapiombo aereo sul mare di Tindari " Tindari mite ti so/fra larghi colli pensili sull'acque...... Salgo vertici aerei precipizi,/assorto al vento dei pini/ e la brigata che lieve m'accompagna/s'allontana nell'aria/onda di suoni e amore.../

Ravello gli piacque moltissimo per quell'aristocratica eleganza che coglieva nei segni moreschi di palazzi e fontane, testimoni di un rapporto culturale, prima che politico ed economico, con l'islam. E ritornava ancora il ricordo di Sicilia, perché a Ravello coglieva lo spirito arabo, lo stesso della sua isola, naturalmente quello nobile dei califfi. E gi apparivano di fasto orientale i giardini, spiando dalle cancellate a captare fughe di pergolati di buganvillea, glicini e limoni e gerani, tanti gerani, quasi a pregustare delizie di frutteti da Eden ritrovato. Su sua richiesta gli narrai l'origine della città, nata dalla orgogliosa separazione dei nobili Amalfitani, che, per non subire l'onta dei "democratici" al potere si ritirarono in collina e vi investirono capitali e prestigio e vi edificarono chiese e conventi, ville e palazzi, orti sontuosi e giardini pensili sul mare. E, a sottolineare la loro aristocratica ribellione, chiamarono "Rebellum" la nuova città. E guardarono dall'alto in basso i "parvenus" della costa, schiavi del dio tarì, alle prese con traffici e commerci, con la fregola vorace del guadagno facile tipica dei bottegai."Di episodi del genere è piena la storia del Mezzogiorno d'Italia, e non solo - chiosò - Anche di quella moderna, purtroppo" Visitammo il duomo e si incantò alle formelle del portone di bronzo, ai marmi ricamati di altari e pergamo; carezzò la criniera di un leone a sostegno del pulpito, a Villa Rufolo colse con intensa partecipazione il genio di Wagner on quella trionfante scoperta murata su lapide: "Il magico giardino di Klingsor è trovato!" Lo lesse, lo memorizzò e lo ripetè con frequenza all'incanto di spettacolo di cielo e mare e fasto di vegetazione anche in gennaio. E ci sembrò che trillassero violini e rullassero tamburi a lacerare i silenzi... E la magia della musica sibilava tra bifore e colonne, tintinnava sui tralci dei vigneti, caracollava giù per i terrazzamenti degli agrumeti. Gli dissi che da quell'avamposto di paradiso era da brividi di piacere l'alba lattiginosa sul mare di corallo e lo spettacolo delle montagne dell'Avvocata e del Falerzio su Capodorso nel fuoco della luna di mezzanotte. "Possibilmente con una bella donna da amare" aggiunse, strizzandomi, malizioso, l'occhio, memore, forse, anche delle confidenze del giorno prima. E me lo ripetè dal salto/belvedere mozzafiato di Villa Cimbrone con la covata bianca delle case di Atrani allo sbocco del Dragone ed il campanile screziato della Maddalena in solitaria preghiera in volo sul mare.

liucciogiuseppe@gmail.com

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

"‘O buono o fai fesso, ma ‘o fesso nun o fai maje capace": la saggezza di un popolo (43)

di Antonio Schiavo Se l'Accademia della Crusca, la più alta e prestigiosa istituzione nazionale a tutela dell'italiano, comprese tutte le sue evoluzioni susseguitesi negli anni, ritiene di dover pubblicare il "Vocabolario del Dialetto Napoletano" di Emanuele Rocco (4 volumi), vuol dire che questo dialetto...

Raffaella La Crociera, la bambina malata che prima di morire aiutò gli alluvionati con le sue poesie

di Patrizia Reso Quando si parla di storia, ci sono infiniti risvolti che non conosciamo; è solo per un caso fortuito a volte o per una ricerca accurata se ne veniamo a conoscenza. Questo vale anche per la storia della nostra città. Tutti sappiamo della disastrosa alluvione che colpì il salernitano nel...

Da Erchie ad Agerola in una notte d’estate, l’ultima transumanza in Costiera Amalfitana [FOTO]

di Emiliano Amato Una pratica ancestrale che ancora resiste all'economia turistica e si ripete in Costiera Amalfitana. Un evento unico sulla strada principale della Divina, con 300 tra capre e pecore che riscendono la collina sopra il villaggio di Erchie per iniziare la loro migrazione verso Agerola....

L'estate amalfitana all'inizio del Novecento

di Sigismondo Nastri La stagione balneare in Costiera amalfitana, all'inizio del Novecento, scorreva tra"chiasso, rumore, flirts", più o meno come avviene oggi. Nonostante ciò, rilevava Cesare Afeltra sul Piccolo del 19 agosto 1921,"Amalfi resta il luogo che accorda tutti i riposi e tutti i conforti"....

Maiori, 27 giugno 1988: l'assurda esplosione che spezzò sei vite innocenti [VIDEO]

Era il 27 giugno 1988 quando un boato terrificante svegliò Maiori. Un palazzo sul corso Reginna era crollato, spaccandosi letteralmente in due, provocando sei vittime. Sono passati esattamente trent'anni da quella tragedia, ma il ricordo è ancora vivo in chi vi assistette. Erano le 3 del mattino circa...