Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Quinto martire

Date rapide

Oggi: 18 dicembre

Ieri: 17 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado
Direttore responsabile: Emiliano Amato

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Il Gelato a Maiori: Geljada gelateria artigianale in Costa d'Amalfi, il gelato a Maiori è Geljada, Yogurt e gelati artigianali, Lungomare di Maiori Costiera Amalfitana

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone I super mercati Netto di Maiori augurano a tutti i lettori de Il Vescovado Auguri di buon Natale e di Felice anno Nuovo. Consulta le nostre offerte natalizie Frai Form a Ravello il centro estetico del Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 di ultima generazione in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieMuse in Rosa: vita di donne ispiratrici e ispirate

Ravello, al monastero di Santa Chiara riecco il flauto di Pantaleone Sammarco

Automobilismo, Pietro Giordano di Tramonti campione italiano Formula Challenge 2017

Pietà per i morti, rispetto per i vivi

Il Natale di tutti

Rinascita Ravellese: Di Martino illustra azione amministrativa di primi 18 mesi, Vuilleumier abbandona auditorium

Le salme di Vittorio Emanuele III e della Regina Elena portate in gran segreto in Italia

Da Original Marines Maiori per Natale in omaggio i giochi educativi Clementoni

Tramonti modello d'innovazione per smaltimento rifiuti, premio SMAU all'eccellenza nella Pubblica Amministrazione

Il Costa d'Amalfi torna alla vittoria: battuto il Sant'Agnello

«Stemma comunale usato per attacco politico» Vuilleumier ammonisce sindaco Di Martino e difende sua amministrazione

Maiori, beautycenter Bellessere si rifà il look: domenica 17 la riapertura

Da Facchinetti a Fogli, svelati i big di Sanremo 2018

Vento forte: a Pontone colonnina si stacca da campanile della chiesa, paura tra i residenti [FOTO]

Mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

Gli rubarono il Doblò: anche dalla Costiera colletta per restituire il sorriso ad Erasmo Amato

“Il sogno di Walt Disney” al Maiori Music Festival Christmas

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

Premio letterario Ravello Tales 2017 alla scrittrice inglese Lara Phillips

Ritirava e poi rivendeva i biglietti non obliterati, nei guai autista della Sita

Amalfi, Grand Hotel Convento seleziona 13 figure professionali per stagione 2018

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Hotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera Amalfitana Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Ristorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955 Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Metti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOK Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore I Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by Connectivia Assogiornalisti Cava de' Tirreni - Costa d'Amalfi "Lucio Barone" Villa Minuta Scala Costa di Amalfi, Villa con piscina in Costiera Amalfitana Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Ristorante Incrocio Montegrappa, Pizzeria in centro a Bologna, Cucina tipica Emiliana Il Limone IGP Costa d'Amalfi Sapori mediterranei, enoteca, alimentari, Ravello, Costa di Amalfi Il Vangelo della Domenica. Ravello e le sue Chiese: Ravello, storia, matrimoni religiosi in Costiera Amalfitana, Religiosità in Costa d'Amalfi, Comunità Cristiana a Ravello Costa di Amalfi

Storia e Storie

Muse in Rosa: vita di donne ispiratrici e ispirate

Scritto da (Redazione), sabato 16 giugno 2012 08:21:19

Ultimo aggiornamento martedì 19 giugno 2012 15:55:49

di Virginia Guidi* - Fin dall'antichità l'impulso creativo è stato identificato con la figura femminile. Anche ai giorni nostri l'Arte è donna, è "l'amante fedele, sempre giovine, immortale; ecco la Fonte della gioia pura, vietata alle moltitudini, concessa agli eletti; ecco il prezioso alimento che fa l'uomo simile a un dio", per dirla alla D'Annunzio.
Le Muse, allegoria delle Arti, sono figure femminili che ispirano le menti dei mortali. Nell'arco del tempo, le donne, rimangono questo: l'impulso creatore. Ma oltre ad ispirazione, a modello del bello, cosa sono?

Molto poco rimane a noi di tutte le artiste che si sono succedute nei secoli, pochi nomi si evidenziano tra la sabbia della clessidra. Molto spesso, infatti, sono più noti i loro padri, i loro fratelli, i loro mariti e, invece, il genio femminile, magari più puro, più brillante, è caduto nel dimenticatoio.

Figlia d'arte del celebre compositore Giulio, Francesca Caccini (1587-1640), fu la prima donna a comporre un'opera teatrale. La sua carriera era perfettamente coerente con quella dei musicisti dell'epoca e lavorò alla corte dei Medici. Il suo nome, anzi il suo soprannome, Cecchina, era così famoso che fu tradotto in latino nel medaglione di marmo posto sulla sua effige nel Palazzo Rospigliosi di Pistoia. Il suo ricordo, che non è giunto all'orecchio della folla, è impresso invece nella sfera celeste: un cratere di Venere porta il suo nome.

Della sorella di Mozart, Maria Anna (1751 - 1829), grandemente stimata dall'illustre compositore, non ci è giunto nulla, eppure sappiamo, dalla corrispondenza intercorsa fra i due, della sua enorme sensibilità musicale e della sua abilità nello scrivere Lieder. Mozart, in una lettera dall'Italia del 7 luglio 1770, le scrisse:

"Sono stupefatto! Non sapevo fossi in grado di comporre in modo così grazioso. In una parola, il tuo Lied è bello. Ti prego, cerca di fare più spesso queste cose."

Ma il fardello gravoso delle gonne, dei corsetti e delle parrucche, che all'epoca pesavano più delle catene delle galere, ha cancellato il valore di Nannerl, come veniva chiamata, e sicuramente di molte altre.

Amantine Aurore Lucile Dupin (1804 - 1876) decide di gettare tutti i merletti e le crinoline per vestirsi da uomo e adottare il nome di George Sand. Lo pseudonimo maschile non era una novità per le scrittrici perché l'arte delle donne era considerata di qualità inferiore. Il peso del nome, e di tutto ciò che ad esso vi era legato, gravava su quei corpi deformati dai busti più di qualsiasi deformazione corporale imposta dalla società.

Fingendosi uomo si aprivano le porte di tutti quei luoghi, frementi di cultura, proibiti alle donne. George sceglie il proprio nome, il proprio destino, senza rinunciare al suo essere donna perché, in fin dei conti, "cosa v'è in un nome? Quella che noi chiamiamo rosa non perderebbe il suo profumo se avesse un altro nome."

Educate al bello, all'arte, dovevano conoscere le lingue, suonare, cantare, ricamare e una donna non era considerata bene educata se non padroneggiava tutto questo. Ma la loro educazione era scevra dall'essere uno stimolo, serviva solo a renderle belle come soprammobili, piacevoli come piccoli uccellini in una gabbia dorata.

Ma cosa succedeva quando il germe dell'Arte attecchiva nei loro animi? Quando da ispiratrici diventavano ispirate?

Lottavano. Lottavano per tenere fede alla promessa fatta a loro stesse, non più quella di essere Muse, ma quella di dar vita e forma al genio creativo.
Nel XX canto dell'Orlando furioso, Ariosto, dice: Le donne son venute in eccellenza/di ciascun'arte ove hanno posto cura;/e qualunque all'istorie abbia avvertenza,/ne sente ancor la fama non oscura./Se 'l mondo n'è gran tempo stato senza,/non però sempre il mal influsso dura;/e forse ascosi han lor debiti onori/l'invidia o il non saper degli scrittori.

E dove sono allora queste donne? Sono rimaste, ahimé, "figlie di", "madri di", "mogli di".

Hanno partecipato alla vita del loro tempo, hanno aperto salotti nei quali si sono incontrati i più grandi geni dei loro tempi e qualche volta sono riuscite ad essere geni a loro volta. Sono uscite dai ruoli che la società imponeva rompendo gli stereotipi di leziosità, debolezza e superficialità che erano stati imposti loro.

Sono diventate la mediazione grazie alla quale l'Arte diviene intellegibile ai mortali.

Non si sono accontentate di essere Muse e forse grazie a questo lo sono state ancora di più: l'uomo, abituato a ritrarre solo l'uccellino meccanico plasmato dalla società, ha potuto vedere l'infinito che si nascondeva in quei corpi, è rimasto folgorato dalla luce di quegl'intelletti.

In quel momento sì che la donna è divenuta simile ad una dea!

*cantante lirica e attrice

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Il Natale di tutti

di Antonio Schiavo Come al solito, come ogni anno: la mattina del 23 dicembre ci si accorgeva che mancavano ‘e pagliente (il muschio). Tutto era già a posto: papà , novello Luca Cupiello, aveva passato tutta la sera precedente ad aggiustare una serie di lampadine a pisellini che, ormai già piazzata in...

Pagine che raccontano il Natale (seconda puntata)

di Sigismondo Nastri Fu durante la seconda guerra mondiale che i tedeschi prima e gli alleati poi estesero l'uso dell'albero di Natale anche da noi. Ma i tedeschi l'avevano già esportato in Inghilterra a metà ottocento, con il corollario delle decorazioni da appendere ai rami: fiori di carta, mele, frutta...

Pagine che raccontano il Natale ad Amalfi (prima puntata)

di Sigismondo Nastri Vi ricordate le strofette che si cantavano una volta? Mò vene Natale e sto senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà'. Quanno è 'a notte ca sparano 'e botte me 'mpizzo 'o cappotto e vaco a vedé'. Oppure quest'altra: Mò vene Natale 'e renza 'e renza, 'o putecaro ce fa crerenza,...

"La ceramica sugli scogli", la storia cancellata di Max e Flora Melamerson nel libro di Antonio Forcellino

di Paolo Spirito Una vicenda straordinaria e completamente rimossa, una delle pagine più buie della storia e di contro la grandezza dei suoi protagonisti. Antonio Forcellino, architetto, scrittore, restauratore, grande esperto del Rinascimento-ha lavorato al restauro di opere come il Mosè di Michelangelo,...

Luce e realismo nella pittura napoletana dell’Ottocento

di Paolo Spirito Ci sono due appunti nel taccuino di Giuseppe De Nittis, pubblicato nel 1894 a Parigi col titolo di "Notes e Souvenirs" e poi in Italia nel 1964 come "Taccuino 1870/1884", che meglio di qualunque altra espressione riassumono, attraverso la viva voce del pittore, la consapevolezza acquisita...